IOTA
IOTA
MIOTA

IOTA

MIOTA è il token ufficiale della piattaforma IOTA e criptovaluta omonima finalizzata a garantire l'elaborazione istantanea delle transazioni machine-to-machine tra i dispositivi Internet of Things (IoT), il tutto con una migliore scalabilità e nessuna tariffa.

Capitalizzazione di mercato Volume 24h Supply circolante Supply massima
$678,492,887 $1238369346 2779530283.0 MIOTA 2779530283.0 MIOTA
cos'è iota IoT?

 

Che cos'è IOTA?

Lanciata a giugno 2016, la piattaforma IOTA svela il suo scopo principale nel nome stesso, essendo l'abbreviazione di "Applicazione di Internet of Things". In breve, l'Internet of Things (IoT) è il concetto che prevede l'estensione della connettività Internet per includere tutti i dispositivi fisici all'interno di un singolo ecosistema. Come tale, si trova al centro di molti concetti hi-tech come case intelligenti e città intelligenti che dispongono di dispositivi connessi in grado di scambiare dati allo scopo di realizzare sinergie operative.

Supportato dal token MIOTA, il compito principale della piattaforma IOTA è consentire transazioni istantanee e senza alcun costo tra i dispositivi che fanno parte della rete IoT, indipendentemente dalla sua estensione. Inoltre, IOTA offre un immutabile monitoraggio della cronologia dei dati e una condivisione delle risorse informatiche, con il progetto di estendere poi il suo ruolo per diventare il livello di pagamento e integrità dei dati di città intelligenti, reti energetiche, infrastrutture, industria finanziaria, ecc.

La piattaforma IOTA non si basa sulla tecnologia blockchain in virtù della sua rimozione di blocchi, contabilità centrale e miners che sarebbero altrimenti necessari per eseguirla. Invece di una blockchain, IOTA si affida alla propria soluzione di registro distribuito chiamata Tangle, che dovrebbe superare le carenze della blockchain legate all'aumento delle commissioni di transazione e alla scalabilità dell'elaborazione. La piattaforma è emersa come lavoro congiunto di Sergey Ivancheglo, David Sontesbo, Serguei Popov e Dominik Schiener.

 

Cosa sta cercando di realizzare?

Nonostante siano in gran parte focalizzati sull'Internet of Things, gli sviluppatori IOTA sperano di vedere la loro piattaforma allineata con alcuni degli obiettivi più ampi dell'attuale generazione di tecnologie crypto:

  • L'Internet of Things è una tecnologia emergente il cui abbinamento con criptovalute, come IOTA, dovrebbe offrire vantaggi all'economia globale. Effettuare transazioni machine-to-machine (M2M) sulla piattaforma IOTA, che sono sia automatiche che più efficienti, dovrebbe aiutare con l'adozione della tecnologia Internet of Things che è già una forza da non sottovalutare su scala globale. Con più di 26 miliardi di dispositivi IoT in uso nel 2019, il loro uso quotidiano diventa più evidente se si pensa ai vari sensori e telecamere che vengono ora utilizzati per tenere traccia delle condizioni nelle strutture produttive e agricole, lungo le linee di trasporto, strade e ponti, nonché nei negozi e nelle case. IOTA è progettata per aiutare questi dispositivi a condividere le loro risorse in modo più efficiente, ottimizzando così la loro allocazione.
  • Il nuovo modello di transazione IOTA viene fornito con una promessa di transazioni gratuite e veloci incentrate sui micropagamenti, tutte funzionanti come base per la futura economia "basata su macchine". Teoricamente, il sistema Tangle di IOTA consente di supportare transazioni più veloci e più numerose. Tuttavia, se questi dovessero comportare l'addebito obbligatorio delle commissioni di transazione, ciò potrebbe portare alla situazione in cui ai dispositivi della rete Internet of Things sarebbe spesso richiesto di pagare una commissione superiore all'importo del valore che viene trasferito. Per contrastare questo, IOTA elimina del tutto i pagamenti delle commissioni. Sulla base di ciò, IOTA può promettere che alcuni micropagamenti, ad esempio quelli relativi alle bollette dell'acqua e dell'elettricità, possono essere pagati istantaneamente dai singoli dispositivi, senza fare affidamento su modelli di abbonamento annuali o intermediari. In questo modo, sia i singoli utenti che i dispositivi pagherebbero solo per ciò che effettivamente consumano invece di concentrarsi su quando hanno bisogno di queste risorse.
  • Con il suo sistema di transazione, IOTA promette di risolvere il problema della scalabilità e della sicurezza, che sono spesso il flagello di vari sistemi basati su blockchain. La potenza di calcolo della rete IOTA è progettata in modo tale da aumentare man mano che un maggior numero di dispositivi che diventa parte del suo ecosistema. Tutti i dispositivi collegati come parti della rete IoT richiedono il supporto per le dozzine di transazioni che eseguono a brevi intervalli, poiché sono tenuti ad acquistare elementi come utilità, larghezza di banda o spazio di archiviazione ogni volta che sono necessarie queste risorse. A supporto di ciò, le catene transazionali IOTA sono interconnesse in modo che più transazioni avvengano su di essa, più la rete dovrebbe diventare attrezzata per gestire il loro numero crescente. Inoltre, la costante connettività Internet non è un requisito per partecipare alla rete IOTA, che dovrebbe promuovere risparmi sui costi dell'elettricità o di Internet. L'enorme quantità di verifiche reciproche in corso sul Tangle dovrebbe proteggere IOTA da doppia spesa e altri problemi di sicurezza.
iota miota usecase

 

Come funziona Tangle?

Invece di fare affidamento su blocchi e catene trovati con l'architettura blockchain standard, la visione unica di IOTA sull'elaborazione delle transazioni si basa sul fatto che queste vengano trasmesse in streaming e "intrecciate" come parte del suo sistema di creazione del consenso Tangle. Funziona nel modo seguente:

  • Invece di una blockchain globale, IOTA utilizza la metodologia di verifica nota come Grafico Aciclico Diretto (Directed Acyclic Graph, DAG) o Tangle. Sulla base di esso, le transazioni M2M sulla piattaforma IOTA si basano su un nuovo modello di verifica in cui la transazione inviata dipende dalla verifica di altre due transazioni precedenti.
  • Le transazioni sono emesse da nodi e memorizzate nel libro mastro chiamato grafico Tangle. I grafici sono costituiti dai collegamenti creati con una nuova transazione che approva due transazioni precedenti.
  • Per ogni istanza di approvazione, il verificatore deve collegare le transazioni in questione nella Tangle mesh generale. Ciò significa che il consenso viene raggiunto sulla base di una rete di verifiche. Nel tempo, ogni transazione sarà collegata sia alle transazioni che verifica sia alle transazioni future che lo verificheranno.
  • Anche se non esiste un collegamento diretto tra due transazioni, la transazione A può approvare indirettamente la transazione B se esiste almeno un percorso diretto che conduce da A a B.
  • Le transazioni di genesi sono approvate direttamente o indirettamente da tutte le altre transazioni. Quando viene creato un Tangle (groviglio), c'è un indirizzo con riferimento all'indirizzo con token rilevanti che vengono creati come parte della transazione di genesi. Questi vengono inviati ad altri indirizzi di genesi. Sulla base di questo, IOTA vuole sbarazzarsi della necessità di creare nuovi token in futuro, eliminando la dipendenza dal mining dalla sua modalità operativa.
  • Tutto ciò che è richiesto per la partecipazione alla rete IOTA è che un utente esegua una quantità simbolica di computazione per verificare due transazioni precedenti. La loro ricompensa è la verifica futura delle proprie transazioni come parte di una convalida basata sulle transazioni in entrata.

 

Il progetto è finanziariamente sostenibile?

Considerando l'esclusivo sistema di elaborazione delle transazioni senza costi (i cui soli costi sono quelli relativi all'elettricità), esiste una domanda legittima su come rendere il progetto IOTA autosostenibile nel lungo periodo.

Per cominciare, la piattaforma IOTA funziona con un protocollo open source omonimo che ha principalmente il compito di garantire l'elaborazione delle transazioni e il trasferimento dei dati in modo sicuro e altamente decentralizzato. Essendo di natura aperta, il protocollo IOTA viene talvolta descritto dagli sviluppatori come un equivalente dell'Hyper-Text Transfer Protocol (HTTP) per i sistemi informativi distribuiti e collaborativi nel cuore di Internet moderno.

Ciò ha consentito agli sviluppatori IOTA di affermare che il loro protocollo non ha un modello di profitto intrinseco, ma che funziona piuttosto come un insieme di regole per la condivisione di informazioni comuni e il trasferimento di valore. Lo sviluppo del protocollo è stato affidato alla Fondazione IOTA, che ha il compito di promuoverne l'adozione e di gestire lo sviluppo futuro. Essendo un'impresa senza scopo di lucro, il progetto IOTA ha dovuto fare affidamento sulla comunità IOTA e le sue donazioni di token. Poiché l'offerta MIOTA rimarrà fissa, il progetto continuerà a essere finanziato facendo affidamento sull'aumento del valore dei token nel tempo, nonché su potenziali sovvenzioni e contributi di aziende e privati.

miota iota IoT

 

Disponibilità e partenariati MIOTA

Considerando che IOTA è progettato per servire dispositivi di diversi produttori in base alla progettazione, non c'è da meravigliarsi se il progetto è importante per la costruzione di partnership. Dopo aver ricevuto elogi da sostenitori di Deutsche Bank nel 2017, il team IOTA è anche riuscito a segnare una partnership strategica con il gigante dell'elettronica giapponese Fujitsu nel 2018. La partnership prevede lo sviluppo di IOTA come mezzo di archiviazione dati, con particolare attenzione alla sua immutabilità, fiducia e sicurezza dei dati lungo tutta la catena di fornitura.

Nel 2019, IOTA è entrato nella partnership con l'ennesimo player globale, Jaguar Land Rover, nell'ambito dello sforzo congiunto per testare un servizio che consentirà ai conducenti di guadagnare gettoni ed effettuare pagamenti in movimento. I conducenti saranno in grado di guadagnare crediti consentendo alle loro auto di segnalare automaticamente i dati sulle condizioni stradali, come la congestione del traffico o le posizioni delle buche, ai fornitori di servizi di navigazione o alle autorità locali del traffico. Come ricompensa, i conducenti potranno utilizzare i token guadagnati per pagare caffè, pedaggi, tariffe di parcheggio o addebito di veicoli elettrici.

A maggio 2019, la capitalizzazione di mercato del token era pari a 823 milioni di USD, in calo rispetto al suo valore di picco storico di 14 miliardi di USD, raggiunto all'inizio del 2018. L'offerta totale di token è limitata a 2,5 miliardi di unità.

I token MIOTA acquisiti possono essere archiviati nel portafoglio IOTA che è raccomandato dagli sviluppatori stessi, ma anche il portafoglio Trinity rimane un'altra opzione popolare.

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT