03 gen 2022 · 9 min read

Tendenze 2022 della regolamentazione crypto

crypto
Fonte: Adobe/ako photography
  • Mercati più piccoli con un'amministrazione più leggera potrebbero aprire la strada in termini di regolamentazione delle criptovalute.
  • Si stima che emergerà un approccio standardizzato alla regolamentazione crypto.
  • La finanza tradizionale insisterà sulla parità di condizioni in termini di regolamentazione.
  • Una transazione che coinvolge smart contract on-chain spesso non si adatta ai concetti legali di base.
  • Inoltre, aspettati di vedere dibattiti interessanti sugli NFT.

 

Il 2021 è stato l'anno in cui si è parlato della regolamentazione delle criptovalute, ma è probabile che il 2022 sia l'anno in cui si trasformeranno le parole in azioni. Perché se non altro, il 2021 ha dimostrato che probabilmente le criptovalute non se ne andranno, cosa che ha sicuramente costretto più di un legislatore a sedersi e prendere atto.

Analogamente al 2021, il 2022 porterà probabilmente un mix di approcci verso le criptovalute, con alcune nazioni che avranno una visione molto favorevole (come visto con El Salvador) e altre che avranno una linea molto più dura (come visto con la Cina).Tuttavia, gli operatori del settore che parlano con Cryptonews.com stimano che gran parte del regolamento imposto il prossimo anno sarà sempre più positivo per il settore, poiché sempre più governi e agenzie ufficiali ne apprezzeranno la portata e gli aspetti più positivi.

Allo stesso tempo, i dati del settore affermano che i regolatori inizieranno a cercare di regolamentare aree specifiche dell'industria delle criptovalute nel 2022, con stablecoin, token non fungibili (NFT) e finanza decentralizzata (DeFi) come focus particolari per molti. Alcune persone all'interno delle criptovalute potrebbero essere inorridite dalla prospettiva di una maggiore regolamentazione, l'introduzione di garanzie per i consumatori potrebbe in definitiva essere un netto positivo per il settore.

Previsioni 2021 sulla regolamentazione crypto vs. realtà

Nel novembre 2020, gli operatori del settore avevano previsto che il 2021 avrebbe portato un approccio frammentario all'introduzione di nuove normative sulle criptovalute. Questo è in gran parte il caso, dato che la maggior parte delle nazioni sviluppate sembra ancora discutere e consultare potenziali regole, con paesi come Ucraina, Cuba ed El Salvador che rappresentano l'eccezione piuttosto che la norma.

Una cosa che i commentatori hanno sbagliato è che hanno suggerito che gli Stati Uniti introdurranno una legislazione completa sulle criptovalute nel 2021. Mentre alcuni stati hanno introdotto le proprie leggi in tutto lo stato, il governo federale ha continuato a distrarsi e a indugiare con poco da dimostrare.

Movimenti verso un trattamento più favorevole delle criptovalute

Parlando con Cryptonews.com, il CEO di DappRadar Skirmantas Januškas, suggerisce che è probabile che il 2022 continui a ospitare un mix di approcci normativi divergenti in diverse parti del mondo. Per lui, ciò deriva in gran parte dal fatto che le criptovalute sono spesso guidate da una governance e una domanda dal basso verso l'alto.

“Nei paesi in cui il modello economico sottostante è debole, o l'inflazione è paralizzante, o l'accesso a un mercato globale è limitato, questa domanda dal basso tende ad essere maggiore. I governi, comprensibilmente, stanno reagendo in modi diversi, ed è qui che entrano in gioco la politica e persino la geopolitica", ha affermato.

Ian Taylor stima inoltre che continuerà a emergere una netta differenza negli approcci normativi nel 2022, con il direttore esecutivo di CryptoUK che metterà il principale divario tra est e ovest.

Inoltre ha detto a Cryptonews.com che "l'Occidente non sta vietando le criptovalute dove hanno visto un divieto più aggressivo di determinate attività e partecipanti al mercato", suggerendo che diverse posizioni normative possono derivare dai diversi usi dei crypto asset che vediamo in diverse parti del mondo.

Inoltre ha affermato che “Bitcoin (BTC), ad esempio, è ampiamente utilizzato come investimento o asset class speculativa in Occidente. Considerando che in Asia e in altre nazioni in via di sviluppo il caso d'uso è più allineato a uno strumento di pagamento, specialmente per le rimesse".

In termini di quali nazioni attueranno effettivamente la nuova legislazione sulle criptovalute nel 2022, Skirmantas Januškas suggerisce che saranno gli stati più piccoli a voler ottenere un vantaggio nell'attirare attività economiche legate alle criptovalute.

"Sembra che saranno i mercati più piccoli con un'amministrazione più leggera a fare da apripista in termini di regolamentazione delle criptovalute. Forse questo potrebbe alla fine portare un nuovo equilibrio di potere, e forse no", ha detto.

Alcuni paesi potrebbero mantenere un approccio restrittivo nei confronti delle criptovalute, mentre gli osservatori stimano che la tendenza generale sarà verso una maggiore accettazione delle criptovalute, anche se ciò comporta l'imposizione di qualche tipo di salvaguardia.

Jan Stockhausen, Chief Legal Architect di Etherisc, ha affermato che "nel caso della tecnologia blockchain, sono fiducioso che i regolatori apprezzeranno presto che la certezza tecnologica che gli smart contract su blockchain garantiscono, può ottenere risultati equivalenti in termini di protezione dei consumatori e prevenzione delle frodi come può il rispetto della regolamentazione - a volte persino rendere misure di conformità non necessarie. Bisognerà vedere se ciò accadrà o meno già nel 2022, ma gli operatori del settore stanno lavorando duramente per educare i regolatori sulle opportunità offerte dalla tecnologia blockchain".

Questa è in gran parte l'opinione di Alexander Filatov, CEO e co-fondatore di TON Labs.

“Mentre l'adozione di blockchain e criptovalute continua, credo che emergerà un approccio standardizzato alla regolamentazione delle criptovalute: probabilmente sotto forma di un quadro decentralizzato. All'interno di questo, credo che vedremo un grande valore nella vera decentralizzazione e nella mancanza di controllo da parte di singole o poche parti", ha detto a Cryptonews.com.

Evoluzione della complessità del settore crypto

In termini di aree specifiche del settore che saranno regolamentate, le stablecoin riceveranno attenzione in varie parti del mondo, con gli Stati Uniti, l'UE e il Regno Unito in particolare che attualmente stanno lavorando sulla regolamentazione delle stablecoin.

Secondo Ian Taylor, la maggior parte delle giurisdizioni è già abbastanza avanzata per quanto riguarda la definizione delle politiche, con il 2022 che probabilmente vedrà numerose leggi effettivamente approvate sulle stablecoin (oltre alle criptovalute in generale).

“La consultazione del Regno Unito (vedi la nostra risposta qui) si è conclusa a marzo. In effetti, gli emittenti delle stablecoin nel Regno Unito saranno trattati come istituzioni di moneta elettronica", ha affermato.

Nell'UE, il regolamento sui mercati dei crypto asset (MiCA) introdurrà un trattamento simile nel Regno Unito. Tuttavia, Taylor spiega che ci saranno alcune sottili differenze.

Inoltre ha affermato che "le monete stabili algoritmiche (MakerDAO) saranno soggette a requisiti specifici in MiCA, come l'obbligo per l'emittente di utilizzare un custode regolamentato", ha osservato, aggiungendo che ciò non sarà fattibile con il modello MakerDao, poiché gli smart contract vengono utilizzati per custodire ethereum (ETH) presentato come garanzia.

Taylor osserva inoltre che, negli Stati Uniti, i regolatori e i funzionari hanno parlato molto riguardo alle stablecoin, con il President's Working Group on Financial Markets che ha ripetutamente affermato quest'anno che hanno bisogno di una maggiore supervisione.

Guardando oltre le stablecoin, la DeFi è un'altra area che riceverà l'attenzione dei regolatori in varie parti del mondo.

Ian Taylor ha affermato che "parlando specificamente per il Regno Unito, siamo consapevoli che la Financial Conduct Authority sta esaminando l'integrità del mercato e la sorveglianza del mercato sui prodotti che producono rendimenti e punta su exchange centralizzati".

Per lui e per il settore delle criptovalute del Regno Unito, la speranza è che tale regolamentazione incentrata sulla DeFi si limiti a garantire una protezione dei consumatori proporzionata e non una restrizione assoluta.

Inoltre ha aggiunto che “per quanto riguarda la DeFi, la maggior parte degli utenti sono utenti di criptovalute esperti e ben informati. Tuttavia, crediamo che l'industria possa fare di più per quanto riguarda la protezione dei consumatori, come una migliore divulgazione dei rischi, prezzi trasparenti, audit di codici/smart contract, ecc.".

Jan Stockhausen afferma inoltre che la DeFi potrebbe ricevere molta attenzione normativa nei prossimi due anni, in particolare se continua la sua "crescita esponenziale" (aiutata in parte dall'inflazione) e fa pressione sui governi.

"Le istituzioni finanziarie tradizionali potrebbero iniziare a sentirsi sfidate e insisteranno su condizioni di parità in termini di regolamentazione [...] La sfida fondamentale con cui i legislatori dovranno lottare per un po' di tempo è che una transazione che coinvolge smart contract on-chain spesso non rientra nei concetti legali alla base delle leggi e dei regolamenti esistenti", ha affermato.

Stockhausen afferma che i regolatori continueranno a lottare con queste domande per un po' di tempo, anche perché i modelli di business e le tecnologie continuano a evolversi rapidamente nel settore. Pertanto, il prossimo anno potremmo assistere a un flusso costante di nuove normative piuttosto che a un assalto.

Un'altra area che riceverà attenzione il prossimo anno sono, ovviamente, sono i token non fungibili, che ora rappresentano un'industria da miliardi di dollari che, come con la DeFi, sta diventando troppo grande per essere ignorata.

“Mi aspetto di assistere a dibattiti interessanti sul fatto che gli NFT siano titoli azionari, se il trading di articoli NFT nel gioco a basso costo debba essere tassabile, se il reddito derivante dai giochi play-to-earn possa essere considerato reddito. I giochi blockchain play-to-earn e le opportunità di GameFi rappresentano attualmente la metà dell'utilizzo di dapp e in alcuni casi, come nelle Filippine, il loro contributo al PIL pro capite è a un livello in cui questi dibattiti stanno già iniziando ", ha affermato Skirmantas Januskas.

Questo dimostra solo che l'industria crypto non è qualcosa che può essere coperto in modo ordinato e completo da alcuni atti legislativi. Dato che trascende regolarmente i limiti dei tradizionali concetti finanziari e legali, potrebbe volerci ancora del tempo prima che i legislatori elaborino completamente leggi o regolamenti che forniscano la chiarezza che l'industria si aspetta da diversi anni.

In altre parole, è probabile che il 2022 porti nuovi regolamenti e leggi, ma ma non aspettatevi che i problemi normativi della criptovaluta vengano risolti nei prossimi 12 mesi.
____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_____
Per saperne di più:
- 2022: Tendenze degli investimenti e del trading nelle crypto
- Crypto Adoption in 2022: What to Expect?
- BCE integra le stablecoin nel nuovo quadro di supervisione
- Hillary Clinton Argues Crypto Could Destabilize Nations, Currencies

- NFT: ci sarà più chiarezza sul piano normativo?
- Major Swedish Power Company Defends Bitcoin Mining as Regulators Propose Ban

- Bitcoin e finanza tradizionale - due pesi due misure
- "La FATF vuole uccidere la DeFi con nuove linee guida vaghe"

- Ci saranno ancora divieti come quello della Cina?
- Australia: 12 raccomandazioni sulla regolamentazione crypto

- Le criptovalute resistono al controllo dei Regolatori
- DeFi: la regolamentazione è in arrivo