11 apr 2021 · 21 min read

Uno sguardo più da vicino sull'impatto ambientale del mining di Bitcoin

Christopher Bendiksen, Head of Research presso CoinShares, grande digital asset manager europeo.
____

Bitcoin BTC mining vantaggi

Fonte: Adobe/Photocreo Bednarek

  • Bitcoin (BTC) è un sistema di regolamento come FedWire, non un aggregatore di pagamenti come Visa
  • Utilizza l'energia per svolgere tale funzione indipendentemente dalle autorità centrali
  • La produzione globale di energia continua a fare affidamento sui combustibili fossili
  • Tuttavia, l'estrazione di criptovalute è mobile e globale: cerca costantemente l'elettricità più economica disponibile, spesso fonti rinnovabili bloccate
  • Il mining di bitcoin ha un ruolo sostanziale, sia nel presente che nel futuro, nell'eliminazione degli sprechi e nel bilanciamento del carico dei sistemi di alimentazione basati su energie rinnovabili intermittenti

Siamo ufficialmente tornati al nostro momento preferito del ciclo di mercato. Il tempo in cui nuove schiere di giornalisti - chiaramente infastidite dal fatto che BTC, non importa quante volte sia stato dichiarato morto, si rifiuti ancora di morire - si trovano costrette a parlare della loro tecnologia meno preferita e più confusa.

E sono molto turbati dalle loro scoperte.

Ma nella vita, molte cose in realtà non sono ciò che sembrano a prima vista. Questa è una di quelle cose. In effetti, non solo non è quello che sembra. È l'esatto contrario.

Spenderò il resto di questo articolo per spiegare questa curiosa circostanza. È un po ' come un viaggio, ma divertente e interessante, che offre il potenziale di momenti di vero "aha!". Non è troppo difficile arrivare a fondo, ma per farlo è richiesta una sintesi di conoscenza e contesto che è piuttosto raro da osservare in natura, per così dire. Cercherò di raccogliere tutte queste necessità in un unico pezzo: ecco il piano:

In primo luogo, dobbiamo stabilire alcune basi contestuali. Questo è un passaggio fondamentale, perché la mancanza di chiarezza su cosa sia e cosa non sia Bitcoin, ha il potenziale per confondere un'intera analisi successiva. È un po 'come guardare un razzo su una piattaforma di lancio e scambiarlo per un grattacielo. Lo considereresti brutto, inutile e orribilmente fuori luogo. Visto in quella luce, sembrerebbe stupido. Ma non appena venissi a sapere che la cosa è destinata a volare nello spazio, tutto avrebbe immediatamente molto più senso.

Successivamente, dobbiamo comprendere il ruolo dell'elettricità nel sistema di regolamento dei Bitcoin. L'elettricità ha un costo e, quindi, dobbiamo assicurarci di capire cosa dà BTC in cambio di questa spesa. Chi sono le persone che stanno effettivamente pagando per questa elettricità e perché sono disposte a farlo? Queste sono domande importanti.

Poi bisogna considerare che il concetto di perdita è soggettivo. Mentre personalmente penso che l'energia diretta dalla nostra società nel seguire e trasmettere la vita dei Kardashian sia uno spreco completo e totale, altri non sono d'accordo e le loro scelte non sono affari miei. Abbiamo scelto di vivere in una società in cui le persone sono libere di fare le proprie scelte e ci sono buone ragioni per questo.

Ti mostrerò quindi come il concetto di Bitcoin come minaccia per un futuro rinnovabile veda effettivamente le cose esattamente sottosopra. Lungi dall'essere un ostacolo per un futuro decarbonizzato, il mining di Bitcoin può svolgere un ruolo inestimabile come elemento costitutivo di un tale sistema. In realtà è un'opportunità incredibile per noi aumentare la quota di generazione rinnovabile intermittente delle nostre reti elettriche, senza rovinare l'economia.

Infine, sostengo che mentre ridurre la nostra impronta di carbonio sia una buona idea, ridurre il nostro consumo di energia non lo è. Il consumo di energia è la chiave della nostra prosperità e della nostra progressione sulla scala Kardashev. È nel nostro interesse consumare più energia non meno.

Come potresti già sospettare, in realtà c'è molta più profondità in questo problema di quanto la notizia media ti abbia portato a credere. E se applicata al quadro generale, quella profondità potrebbe causare un significativo cambiamento di prospettiva. Quindi approfondiamo.

BTC è un sistema di regolamento, non un aggregatore di pagamenti

Cominciando dall'inizio. Cos'è Bitcoin [1] e cosa non è?

Bitcoin è un sistema di regolamento come FedWire, non è un aggregatore di pagamenti come Visa. Vedo costantemente paragonato Bitcoin rispetto a Visa, MasterCard o PayPal, e questa è la principale fonte di atrocità matematiche per cui il costo totale dell'elettricità di BTC viene diviso per le sue transazioni e quindi confrontato con qualcosa che non è. Il consumo di energia per transazione di regolamento è una metrica senza senso con cui giudicare l'uso di energia di Bitcoin.

Proprio come le circa 800.000 transazioni giornaliere FedWire non sono una buona misura dell'importo totale delle transazioni giornaliere in dollari (USD), le circa 325.000 transazioni giornaliere di BTC non sono una buona misura della quantità totale transazioni di bitcoin giornaliere (BTC/XBT). La maggior parte delle transazioni bitcoin non sono visibili. Si svolgono all'interno dei sistemi di aggregazione dei pagamenti degli exchange, su Lightning network, e sì, anche all'interno di aggregatori reali come PayPal, Square o MasterCard. Solo periodicamente vengono regolati sulla blockchain di Bitcoin come transazioni visibili.

Soluzioni come questa vengono chiamate stratificazione di rete. Questo è un approccio collaudato per separare le transazioni al dettaglio casuali da transazioni di regolamento più pesanti ed è esattamente come facciamo già nei sistemi monetari e di pagamento fiat. In un tale sistema, il livello di base, come FedWire (o Bitcoin), funge solo da arbitro finale delle transazioni di regolamento, tutto il resto, e questa è la stragrande maggioranza di tutte le transazioni, avviene in livelli di aggregazione dei pagamenti più alti, che spesso sono sistemi interamente diversi.

In altre parole, Bitcoin non è un concorrente di Visa, MasterCard o Paypal. Bitcoin è un sistema monetario indipendente di cui gli aggregatori possono avvalersi.

Presentare il consumo di elettricità di Bitcoin in termini di numero giornaliero di transazioni di regolamento è una falsa pista.

L'elettricità come fonte oggettiva di tempo

Va bene, ma perché è necessaria tutta questa elettricità?

Come probabilmente già saprai, Bitcoin aggiunge nuove transazioni al suo ledger ogni dieci minuti circa. Questi lotti di aggiunte al record della transazione sono chiamati blocchi e formano una catena in continua espansione contenente l'intera cronologia delle transazioni di Bitcoin. L'accordo a livello di rete su questa singola cronologia delle transazioni condivise è ciò che consente l'esistenza di un sistema monetario decentralizzato. Senza di essa, abbiamo bisogno di un'autorità centrale per decidere quali transazioni sono avvenute in quale ordine.

L'elettricità entra in scena durante il processo di aggiunta del blocco. Raramente lo sentirai spiegato in questo modo, ma Bitcoin utilizza l'elettricità per uno scopo relativamente semplice: dimostrare, sulla base di una metrica oggettiva indipendente dal sistema stesso, in un modo che chiunque possa verificare da solo, che un certo periodo di tempo è passato tra un nuovo blocco e il suo predecessore. Come fatto divertente, considera che il creatore di Bitcoin non ha mai usato la parola blockchain. L'ha chiamato Timechain.

Questo modello di accordo decentralizzato è così rivoluzionario nel campo dell'informatica che prende il nome dal creatore di Bitcoin. Si chiama Nakamoto Consensus e la tecnica utilizzata per ottenerlo si chiama Proof-of-Work. In questo processo, l'elettricità fa il lavoro effettivo, e la prova è la presentazione di una rara funzione di hash in uscita che avrebbe potuto essere trovata solo da supposizioni ripetitive, dimostrando l'input di lavoro.

Per coloro che ricordano la fisica delle scuole superiori, il lavoro è un concetto dipendente dal tempo. Se il lavoro è stato fatto, il tempo deve essere passato. Attraverso questa relazione fondamentale, la Proof-of-Work consente alla rete Bitcoin di cooperare su un orologio decentralizzato, che è ciò che consente ai suoi partecipanti altrimenti non coordinati di concordare una cronologia condivisa delle transazioni.

Finché è trascorso abbastanza tempo dall'ultimo blocco, come dimostrato dal lavoro di input, è possibile aggiungere un nuovo blocco alla catena (purché non infranga alcuna regola Bitcoin). La considerazione da parte di tutti i partecipanti della catena con il lavoro più accumulato come catena corretta e concordata è una regola di consenso fondamentale di Bitcoin.

Questa è già una svolta incredibile, ma c'è anche di più:

Il costo dell'elettricità previene la contraffazione

L'utilizzo della Proof-of-Work come orologio decentralizzato genera anche un eccellente effetto collaterale. Rende la contraffazione e la manomissione dei documenti estremamente costose. Scrivere una storia fraudolenta è costoso quanto scriverne una vera, e quindi per creare una timechain disonesta, un attore malintenzionato deve spendere più energia per il compito rispetto all'intera rete onesta messa insieme.

In questo contesto, un altro modo di pensare all'uso complessivo dell'elettricità di Bitcoin è questo: quando senti frasi come "Bitcoin usa tanta elettricità quanto la Norvegia'', ciò significa in pratica che se quei fastidiosi cospiratori norvegesi volessero stare insieme e pasticciare con il record delle transazioni di Bitcoin, anche se radunassero l'intera fornitura di elettricità del paese, non avrebbero assolutamente alcuna possibilità di farcela. [3]

Ora, questo è in realtà un eufemismo, ma per un sistema monetario globale, liberamente disponibile e politicamente indipendente, la capacità di resistere ad attaccanti di dimensioni nazionali è una caratteristica incredibile e ovviamente necessaria, non un bug che deve essere risolto.

Ti fa pensare..

L'uso dell'elettricità abilita proprietà monetarie altrimenti non disponibili

E con questo, siamo effettivamente al punto cruciale di questa discussione. L'intero "dibattito" sull'uso dell'energia da parte di Bitcoin si basa fondamentalmente sul fatto che si riconosca o meno la necessità di un sistema monetario politicamente indipendente come alternativa volontaria e liberamente disponibile ai soldi del governo autorizzati e spesso apertamente utilizzati come arma.

Se la tua risposta è no, nessun argomento basterebbe a convincerti che Bitcoin è qualcosa di diverso da uno spreco completo, sia che consumi un GWh all'anno o un milione. Tuttavia, in tal caso non dovrebbe esserci nemmeno nulla di cui preoccuparsi: se Bitcoin non serve a nulla ed è una bolla, allora sicuramente nessuno sarà disposto a pagare i costi dell'elettricità nel tempo e morirà, portandosi dietro i suoi consumi. Problema risolto, no?

Se invece la risposta è sì, la storia è ben diversa. Perché in cambio del suo consumo di elettricità, Bitcoin fornisce una serie di proprietà monetarie uniche ai suoi utenti, proprietà che non possono essere replicate da denaro politicamente dipendente né da denaro di merci fisiche.

Questo è ciò per cui i suoi utenti pagano e tutti pensano che ne valga la pena.

Considera che:

  1. Bitcoin è senza autorizzazione, il che significa che nessuno può impedire a nessuno di usarlo, indipendentemente dal potere politico che esercitano.
  2. Il bitcoin è decisamente scarso e le nuove monete possono essere create solo al prezzo di mercato o vicino a esso, il che significa che nessuno può gonfiare i tuoi fondi, indipendentemente dall'università da cui vengono.
  3. Una volta che si ha in mano bitcoin, l'unico modo per impedire a qualcuno di spendere le proprie monete è acquistare più elettricità dell'intero sistema combinato, con l'unico scopo di fermarli (parlando di sprechi ...), il che significa che i suoi utenti hanno la libertà assoluta di scambiare letteralmente con chiunque altro nel mondo intero.
  4. Chiunque può controllare l'intera cronologia delle transazioni del sistema con un computer da 200 USD, eliminando la necessità di fidarsi di governi, istituzioni o chiunque altro quando si effettuano transazioni monetarie.

Potrei andare avanti, ma a questo punto dovrebbe essere chiaro che l'utilità di un tale sistema è enorme, il mercato globale dei suoi servizi è enorme e l'energia necessaria per gestirlo è il costo necessario per ottenere queste proprietà.

Valore e spreco

Ora, parliamo un po 'degli sprechi. Il punto generale di questa sezione dovrebbe già essere chiaro dalla precedente, ma per chiarezza lo spiegherò chiaramente: lo spreco, proprio come il valore, è soggettivo.

Alcune persone apprezzano il mascara, altri apprezzano il cibo spazzatura, altri apprezzano guardare i Kardashian, altri ancora apprezzano volare in luoghi esotici per le loro vacanze, e altri ancora apprezzano andare negli stadi a guardare uomini adulti in spandex che fingono di combattere. Mi capita di appartenere solo a uno di quei gruppi, ma è un il mondo là fuori è grande e chi sono io per dirti cosa fare della tua vita.

Ma indovina un po ', tutte le cose di cui sopra richiedono energia. Quale, quindi, supererà la nostra soglia di spreco rispetto al valore? Quali dovremmo suggerire moralmente riprovevoli sulla base del loro spreco?

In nessun altro posto nella nostra società applichiamo un controllo simile alla legittimità morale dell'uso di energia. Né nel consumo privato né nella produzione di beni o servizi. Questo è vero anche se molti altri usi globali dell'energia sono chiaramente molto meno "necessari" o "moralmente difendibili" di Bitcoin. E c'è una buona ragione per questo.

Cerca di portare la premessa alla sua necessaria conseguenza. Se questo deve essere un approccio per ridurre la nostra impronta di carbonio, dove tracciamo esattamente la linea? Chi decide? E quanto ci vorrà prima che ti ritrovi assalito per strada e messo contro il muro per qualche indicibile crimine consumistico?

In effetti, forse coloro che si sentono giustamente indignati per [qualunque prodotto o servizio] e considerano che un altro male consumista debba essere combattuto moralmente, dovrebbero riflettere a lungo sugli effetti del denaro deflazionistico globale sul consumismo insensato guidato dal credito e sui suoi dannosi effetti sull'ambiente.

Ti fa pensare...

Alla fine della giornata, chiamare Bitcoin uno spreco richiede una delle due cose: non capire la funzione del mining in quanto si riferisce alle proprietà fornite da Bitcoin; non riconoscere affatto l'utilità di Bitcoin; oppure, riconoscere un valore, ma considerarlo insufficiente per giustificare il costo. Gli ultimi due equivalgono a un netto rifiuto della possibilità che gli altri possano valutare qualcosa di diverso da te, o la convinzione che i tuoi giudizi di valore siano in qualche modo più importanti dei loro.

Non è nemmeno possibile argomentare contro tali posizioni. Si basano o su una mancanza di comprensione che deve essere prima rettificata, o su disaccordi fondamentali sulla libertà e libertà individuali. Il primo dovrà prendersi lentamente cura di se stesso mentre la conoscenza a livello di protocollo di Bitcoin continuerà a crescere tra la popolazione, ma il secondo rappresenta un problema molto più profondo e qualcosa che ogni individuo ha la responsabilità di considerare prima di sostenere la soppressione della libertà altrui o l'emarginazione delle loro scelte volontarie.

Quello che d'altra parte è abbastanza facile da capire, è il perché questo è un problema emotivo in primo luogo.

Esternalità

È qui che le persone tendono a rimanere bloccate. Praticamente tutti concordano sul fatto che l'inquinamento da carbonio è un problema serio e la paura di causare danni significativi alla capacità della nostra specie di sostenersi entro i confini del nostro pianeta è motivo di preoccupazione in molte persone. Essendo un sistema altamente trasparente, è quindi relativamente facile dare uno sguardo a livello superficiale a Bitcoin, calcolare il suo consumo di energia, rendersi conto che è significativo e quindi temere il suo impatto ambientale.

Il problema con questo tipo di approccio, tuttavia, è che tende a confondere la produzione di elettricità sporca con il consumo di elettricità agnostico, trascurando contemporaneamente e necessariamente ogni utilità. Dalle persone che applicano questo approccio, ci viene detto che Bitcoin genera quantità assurde di esternalità attraverso le emissioni di CO2. Ebbene, sì e no.

"Sì", in quanto l'elettricità utilizzata da Bitcoin è la stessa dell'elettricità che alimenta tutto il resto del mondo, e quella produzione è purtroppo ancora dominata dai combustibili fossili, che generano esternalità negative.

"No", in quanto, a differenza di quasi tutti gli altri settori, il mining di Bitcoin è estremamente competitivo, ma ancora più importante, mobile e quindi tende a raggrupparsi attorno alle fonti di energia indesiderate (ovvero più economiche) del mondo. Queste fonti sono in gran parte composte da energie rinnovabili bloccate o altrimenti sottoutilizzate, in particolare l'energia idroelettrica. E sebbene il suo uso di energia rinnovabile non sia in alcun modo esclusivo, è ancora da qualche parte tra il doppio e il quadruplo della media globale residenziale, commerciale e industriale. Quindi, mentre Bitcoin potrebbe utilizzare la stessa quantità di elettricità dei Paesi Bassi, la sua impronta di carbonio comparativa sarebbe compresa tra la metà e un quarto.

L'altra cosa fondamentale da capire è che Bitcoin è verde come un'auto elettrica. Niente di Bitcoin richiede emissioni. Userà qualsiasi tipo di energia con cui decidi di nutrirlo. Se il mondo diventa verde, così fa Bitcoin.

Ciò che i detrattori stanno effettivamente facendo allora, è vestire il nostro problema di inquinamento da carbonio con un costume da Bitcoin, gridare parolacce e picchiarlo con un bastone. Questa non è una strategia efficace per ridurre le nostre emissioni, ed è un capro espiatorio completamente inutile. Escludendo un ritorno alle ere tecnologiche pre-elettricità o la riduzione in altro modo del nostro tenore di vita, l'unica strategia che può raggiungere tale scopo è costruire più generazioni rinnovabili.

Piuttosto che denigrare Bitcoin come un rappresentante archetipico del nostro problema di inquinamento da carbonio, dovremmo davvero prestare maggiore attenzione qui perché, a quanto pare, l'estrazione di Bitcoin può effettivamente essere un elemento fondamentale in un futuro in cui si riduce al minimo l'uso del carbonio. Dovremmo essere assolutamente stupidi per perdere questa opportunità.

Bitcoin + energie rinnovabili = vero

Chiunque abbia fatto i compiti a casa per quanto riguarda i problemi posti dalle reti con un'elevata penetrazione di energie rinnovabili intermittenti, come il solare e l'eolico, sarà profondamente consapevole dei problemi che soffrono sia dal punto di vista della sovrapproduzione che della sottoproduzione.

La sottoproduzione e la necessità comune della generazione alimentata da combustibili fossili è qualcosa che praticamente tutti capiscono perché rappresenta la situazione standard in quasi ogni luogo sulla Terra. In tali aree, abbiamo bisogno di una capacità in standby delle centrali elettriche a combustibili fossili per intervenire quando la generazione rinnovabile e il consumo di energia avvengono su orari diversi. Questo è tutt'altro che ideale e fa aumentare il costo dell'elettricità.

Ciò che è meno comunemente compreso, però, è il problema della sovrapproduzione di energie rinnovabili.

Non possiamo decidere quando il vento o le nuvole si manifestano, quindi non possiamo mai abbinare il modello di generazione eolica e solare al nostro consumo di energia. Ciò significa che se vogliamo fare affidamento principalmente, o per lo meno, in modo significativo su tale generazione, dobbiamo costruire una capacità sufficiente affinché il livello più basso di produzione intermittente di energie rinnovabili sia pari o superiore al nostro picco di domanda. Ciò significa che la maggior parte delle volte produciamo elettricità in modo superiore alle nostre esigenze. A meno che non riusciamo a trovare un acquirente per questa elettricità, ma un sistema simile semplicemente non sarebbe economicamente sostenibile.

In quello che è ormai il segreto peggio custodito del settore, il mining di Bitcoin offre in realtà un'incredibile opportunità per ottimizzare le griglie ad alto contenuto di energie rinnovabili.

I miner, essendo estremamente mobili e flessibili, possono agire come sistemi di risposta alla domanda. Possono proprio andare a braccetto con la risorsa rinnovabile (anche spostandosi con le stagioni) in questione - evitando la necessità di rinforzare eccessivamente le reti - e consumare dinamicamente energia in eccesso ogni volta che viene prodotta più di quanto il mercato non minerario abbia bisogno (il che significa che i prezzi sono bassi) . Ciò consente la monetizzazione immediata dell'energia che altrimenti andrebbe sprecata, riducendo i costi complessivi dell'elettricità. In altre parole, può agire come una batteria monetaria.

Al contrario, ogni volta che la produzione di elettricità è bassa rispetto alle esigenze del mercato non minerario (il che significa che i prezzi sono alti), è possibile contrattare i minatori affinchè chiudano, dirigendo l'elettricità verso altre fonti di domanda (che sono anche generalmente disposte a pagare di più). Ciò garantisce l'affidabilità per un'infrastruttura critica quando la produzione è tesa o la domanda è insolitamente alta.

I miner stanno già eseguendo questo compito nel mercato elettrico dell'ERCOT del Texas e altri sono in fase di pianificazione. Ci si può solo chiedere se la recente tensione della rete texana avrebbe potuto essere alleviata se la capacità di produzione di potenza di picco fosse stata stata più alta, un obiettivo che è molto più economicamente fattibile in presenza di una grande capacità di risposta alla domanda.

Una dinamica simile si sta verificando dall'altra parte del mondo, in Cina. Negli ultimi 20 anni, la Cina ha costruito la più grande capacità di generazione di energia idroelettrica al mondo. Gran parte di questa capacità è concentrata nelle province montuose del sud-ovest del Sichuan e dello Yunnan, che ricevono sia i deflussi fluviali dal vasto altopiano tibetano, sia piogge abbondanti ma stagionali.

Questa costruzione è stata pesantemente alimentata dai sussidi statali che mirano a rendere la Cina la principale fonderia di alluminio al mondo. Questo obiettivo è stato raggiunto, e altri ancora, lasciando alcune province cinesi con enormi sovraccapacità nella loro generazione idroelettrica. La riduzione dell'energia idroelettrica è andata particolarmente male durante la stagione delle piogge, quando le dighe hanno flussi che possono produrre a livelli più volte superiori rispetto alla stagione secca.

I miner traggono vantaggio da questo stato di cose spostando intere operazioni di mining dentro e fuori queste province in linea con la stagione delle piogge. Durante questi periodi, i miner prendono l'energia altrimenti sprecata dalle mani delle dighe che producono in eccesso, migliorando la loro economia e proteggendo Bitcoin. Quando la stagione secca colpisce e i prezzi dell'elettricità aumentano, riprendono le loro operazioni e le trasferiscono in altre province dove i prezzi sono più bassi (durante la stagione secca, la politica cinese dei sussidi statali alle centrali a carbone spesso rende tali fonti l'alternativa più economica).

Nel frattempo, i miner stanno attivamente riducendo le emissioni dei giacimenti petroliferi

La capacità di Bitcoin di essere estratto letteralmente ovunque nel mondo in cui esiste una connessione Internet ha stimolato l'emergere di un altro affascinante sottoinsieme del settore. I produttori di petrolio hanno capito che il mining offre l'opportunità di monetizzare il loro gas secco indesiderato, sul posto. Ciò evita la combustione e, in misura incredibilmente ampia, anche lo sfiato diretto del metano nell'atmosfera, provocando una riduzione delle emissioni nocive e dei prezzi energetici più bassi.

Il gas naturale secco, o metano, è circa 40 volte più potente come gas serra rispetto alla CO2. Ciò significa che ogni piede cubo di metano che viene bruciato in CO2 anziché fuoriuscire direttamente nell'atmosfera ha un grande impatto negativo netto sull'effetto serra.

Ciò che è importante capire in questo contesto è che anche quando il metano viene bruciato, la combustione è spesso inefficiente a causa degli effetti del vento sulla torre di combustione. In condizioni ventose, più della metà del metano può fuoriuscire direttamente nell'atmosfera, ma quando il gas viene bruciato nell'ambiente controllato dei motori, viene rilasciato poco metano o nulla.

Le grandi compagnie petrolifere e del gas internazionali si stanno rendendo conto di questa opportunità. Un buon esempio è l'investimento dello scorso anno in Crusoe Energy da parte del colosso energetico norvegese Equinor, famoso per il suo focus ESG a lungo termine, e anche gli annunci più recenti del grande russo Gazprom Neft che stanno riducendo i loro sprechi in comnbustione monetizzando il gas direttamente attraverso l'estrazione di Bitcoin.

È a beneficio dell'umanità consumare più energia, non meno

Ogni singolo cambiamento di fase nello sviluppo umano ha richiesto più energia destinata ai miglioramenti tecnologici rispetto alla sua fase precedente. Consumare e incanalare energia in un lavoro utile è il fondamento stesso della civiltà moderna. Certo, un cavallo utilizza molta meno energia di un'auto, ma nessuno sano di mente sosterrebbe che abbandoniamo la tecnologia delle automobili per ridurre le nostre emissioni. Le automobili migliorano notevolmente il nostro tenore di vita e liberano tempo umano per altri lavori utili. La soluzione è ovviamente quella di garantire che quante più auto possibili siano elettriche, come Bitcoin, e rendere la generazione green.

Il nostro problema come civiltà non è la quantità di energia che consumiamo. Consumare molta energia è una buona cosa e ci eleva sempre più in alto nella scala Kardashev del progresso tecnologico. Il nostro problema è il modo in cui lo produciamo. Questo dovrebbe essere palesemente ovvio per qualsiasi pensatore orientato all'economia.

Condannare Bitcoin per lo spreco di energia non è altro che un giudizio di valore soggettivo, ed è un'opinione che dovrei essere molto interessato a vedere espressa di fronte a milioni di persone che usano Bitcoin come zattera di salvataggio monetario nelle loro battaglie in corso per i diritti umani fondamentali, la libertà economica, la libertà politica e la democrazia.

Il punto generale che stiamo facendo qui è che c'è molto di più su questo argomento di quanto potresti aver pensato inizialmente. Non solo il mining per definizione non è uno spreco per le persone che lo apprezzano, forse per ragioni che potresti non conoscere o apprezzare appieno, ma quando guardi un po 'più a fondo nel modo in cui funziona effettivamente questo settore, emergono incredibili opportunità e diventa chiaro che Bitcoin è in nessun modo il peccatore climatico che potresti essere stato portato a credere che fosse.

Per le dimensioni del suo fabbisogno energetico, le emissioni della produzione di energia da cui attinge sono relativamente piccole - tra la metà e un quarto della norma globale. Nel frattempo, il mining sta riducendo le emissioni globali di metano, un fatto che tende ad essere convenientemente dimenticato dai detrattori.

Se speriamo di riuscire effettivamente a risolvere il nostro problema di sostenibilità, siamo meglio serviti investendo più pesantemente nelle energie rinnovabili, non condannando coloro che la usano per risolvere i loro problemi. L'estrazione di bitcoin ha il potenziale per svolgere un ruolo importante in questa trasformazione risolvendo uno dei più grandi problemi in sospeso in un'architettura di rete rinnovabile. A meno che non siamo tutti disposti a dedicare un po 'più di tempo e impegno ad analizzare questo problema in modo approfondito, rischiamo di perdere un'opportunità incredibile e sensibile al tempo.

Sarebbe uno spreco.
______________

[1] Questo è Bitcoin in maiuscolo, il protocollo, la rete e il sistema monetario. Da non confondere con bitcoin minuscolo (BTC / XBT), l'asset nativo di Bitcoin.
[2] Le transazioni Bitcoin possono avere più output, quindi le transazioni totali non sono una misura perfetta delle transazioni di regolamento totali. Una banca o un istituto finanziario può ad esempio utilizzare una singola transazione Bitcoin per pagare centinaia o addirittura migliaia di clienti.
[3] E questo non tiene nemmeno conto dei problemi che avrebbero dovuto risolvere nel mettere le mani su più hardware dell'intera rete onesta di miner, il che impone un costo aggiuntivo significativo.
_____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

 

Maggiori informazioni:
- Proof-of-Disagreement: Bitcoin's Work vs. Ethereum's Planned Staking
- This Is How Satoshi Nakamoto Defended Bitcoin Mining & Converted A Skeptic
- Ethereum Moves Ahead With Plans for Earlier Transition to Proof-of-Stake
- Bitcoin Mining in 2021: Growth, Consolidation, Renewables, and Regulation
- Bitcoin Miners Buy Oversupplied Energy, Turn To Renewables - Nic Carter