07 ott 2021 · 4 min read

Talebani non hanno ancora dichiarato le criptovalute legali

Fonte: Adobe/westwildwest

In mezzo alla crescente incertezza sotto il regime dei talebani, gli exchange di criptovalute locali in Afghanistan stanno cercando di mantenere un basso profilo rimuovendo i banner e interagendo in modo più conservativo.

I combattenti talebani hanno preso il controllo di Kabul, la capitale dell'Afghanistan, il 15 agosto, mettendo rapidamente fine a quasi 20 anni di coalizione guidata dagli Stati Uniti in soli dieci giorni. Ora, mentre si preparano a implementare un nuovo governo, i timori di censura e restrizioni tornano in vita.

Durante il primo periodo del governo talebano, che si è esteso dal 1996 al 2001, il movimento islamico ha proibito alcune forme di tecnologia di consumo, che, all'epoca, era in gran parte limitata alla musica, alla televisione e al cinema.

Inoltre, anche questa volta, secondo quanto riportato, i talebani hanno vietato alle donne di avere telefoni con fotocamera in alcune province periferiche dell'Afghanistan. Sebbene la veridicità della notizia non sia ancora emersa, ha già reso le persone sospettose di ciò che sta per accadere.

Tra questi, anche i commercianti di criptovalute locali hanno deciso di andare sul sicuro. Inoltre, operano di persona: per acquistare o vendere criptovalute, un cliente deve partecipare di persona e attendere che tutte le transazioni vengano elaborate. L'operazione avviene in contanti e non richiede la divulgazione da parte di nessuna delle parti coinvolte.

La maggior parte di tali exchange in Afghanistan supporta importanti criptoasset come bitcoin (BTC) ed ethereum (ETH). Tuttavia, per evitare la volatilità, alcuni hanno limitato le loro operazioni a stablecoin come Tether (USDT).

E ora, la maggior parte di tali exchange ha rimosso i propri poster e interagisce con grande cautela. Accettano a malapena nuovi clienti e tendono a ignorare i messaggi quando vengono contattati tramite piattaforme di social media.

"Temo in gran parte i combattenti talebani. Sono molto sospettosi di cose che non capiscono e a volte agiscono prima di consultare i loro leader", ha detto a Cryptonews.com Abdul, proprietario di un exchange di criptovalute a Herat. "Se si presentano qui e mi chiedono cosa faccio, temo di non riuscire a convincerli".

I talebani potrebbero adottare le criptovalute

Ma prima devono capirlo.

"Loro [i talebani] non si sono occupati di criptovalute finora, e non mi aspetto che lo facciano presto", secondo quanto Sayed, CEO e fondatore di un exchange di criptovalute a Kabul, ha detto a Cryptonews.com.

"Le Crypto dovrebbero essere la loro ultima preoccupazione. C'è la Daesh [ISIS], la Resistenza [NRF] e una crisi economica in deterioramento. Questi problemi hanno maggiore importanza".

Tuttavia, l'amministratore delegato sarebbe preoccupato se i talebani considerassero le criptovalute come Haram (non conformi alla legge della sharia). "Molti studiosi musulmani hanno presentato il loro punto di vista [Fatwa] sulla questione delle criptovalute, dichiarando che è Halal. Ma i talebani potrebbero rifiutarsi di accettare tali prospettive", ha detto.

Nella teologia islamica sono commerciabili solo oggetti con valore intrinseco. Se uno studioso crede che le criptovalute abbiano valore in sé e per sé e non siano solo valute immaginarie senza casi d'uso, le dichiarerebbe Halal.

Le criptovalute decentralizzate hanno un valore intrinseco perché forniscono un'utilità: consentono ai dati e al valore di fluire senza autorizzazione e senza confini. Tuttavia, per capirlo davvero, gli studiosi devono dare un'occhiata da vicino a come funziona la tecnologia alla base, la blockchain.

Sayed stima che se i talebani studiassero le criptovalute e comprendessero i loro benefici, non proibirebbero alle persone di usarle.

"Per le persone isolate dell'Afghanistan, le criptovalute forniscono un mezzo per interagire con il mondo", ha affermato.

Crypto: pro e contro i talebani

L'Afghanistan ha uno dei tassi più elevati di adozione di criptovalute, secondo la società di analisi blockchain con sede negli Stati Uniti Chainalysis. Nel suo Global Crypto Adoption Index 2021, ha classificato l'Afghanistan al 20° posto su 154 paesi in termini di adozione di criptovalute.

Nel frattempo, mentre gli afghani adottano criptoasset per far fronte a una crisi finanziaria sempre più profonda, il mondo occidentale stima che i talebani utilizzeranno questi asset virtuali nel tentativo di eludere le sanzioni. Il Wall Street Journal ha riportato a settembre:

"Se i talebani adottassero la criptovaluta come parte di una politica economica nazionale, potrebbero aiutare gli sforzi per eludere alcune sanzioni occidentali e altre leve contro i nuovi governanti del paese, affermano alcuni ex funzionari ed esperti di sicurezza statunitensi".

Tuttavia, alla fine di agosto, Charles Hoskinson, fondatore di Cardano (ADA), ha affermato che l'adozione delle criptovalute è pronta a prendere slancio in Afghanistan, in particolare per colmare il divario di privacy che può facilmente mettere in pericolo la vita delle persone. Hoskinson ha affermato che anche i talebani possono sfruttare l'apertura delle criptovalute.

"Sono convinto che le criptovalute giocheranno un ruolo più importante in Afghanistan questa volta, nella guerra pro e contro le forze talebane", ha detto Hoskinson.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Scopri di più:
- Criptovalute e bitcoin: danno speranza in Afghanistan
- How Code to Inspire Uses Crypto in Afghanistan

- Belarus Chemicals Giant Explores ‘Making Payments in Crypto’ as Sanctions Bite
- Attori sanzionati usano le cripto per eludere le restrizioni