07 aprile 2021 · 2 min read

Per almeno 10 Exchange cripto sudcoreani la "Sopravvivenza non è garantita"

È quasi certo che altri exchange di criptovalute sudcoreani si piegheranno nei mesi a venire, hanno stabilito i regolatori e gli addetti ai lavori del settore, con solo cinque mesi rimasti prima che alcune delle misure di controllo più dure al mondo entrino in vigore.

Fonte: Adobe/Cavan

Secondo Fn News, fonti normative che hanno familiarità con la questione ritengono che "almeno 10 exchange" siano sull'orlo della chiusura e che la loro "sopravvivenza non possa essere garantita" dopo aver mancato di soddisfare i requisiti bancari reali.

Dopo che il mese scorso è stata promulgata la prima legislazione cripto-specifica del paese, gli exchange hanno ora un periodo di grazia fino al 24 settembre per ottenere contratti bancari, mettere in atto protocolli antiriciclaggio (AML), ottenere le credenziali del sistema di gestione della sicurezza delle informazioni (ISMS) e preparare la documentazione che dimostri di disporre di una rete adeguata di risorse umane. Anche la condivisione del registro degli ordini con partner internazionali potrebbe diventare impossibile. Coloro che non riescono a soddisfare tutti i requisiti devono chiudere o affrontare un procedimento penale e un possibile tempo in carcere.

Un certo numero di exchange, comprese le piattaforme di trading di grandi nomi come Binance e OKEx, si sono già arresi. OKEx Korea cesserà il trading il 07 Aprile. A unirsi a loro c'è l'ultima vittima, Allbit, un exchange decentralizzato lanciato nel 2018. L'operatore di quest'ultimo Ozys è stato citato per aver dichiarato che le nuove normative renderebbero impossibile continuare a fare affari.

L'ente di regolamentazione che è stato incaricato di controllare gli exchange, la Financial Intelligence Unit (FIU), ha ripetuto avvertimenti di chiusure future, affermando che c'era una possibilità che alcuni operatori economici [cripto] possano vedere chiudere la loro attività senza riferire "il fatto ai loro clienti. La FIU ha esortato gli investitori a trasferire i propri fondi lontano da tali piattaforme se fossero preoccupati di possibili chiusure.

E lo stesso media ha citato un fornitore nazionale di soluzioni antiriciclaggio affermando che le banche erano troppo conservatrici e "difensive" con le loro offerte di servizi bancari per cedere i clienti - nonostante un massiccio aumento nella creazione di nuovi conti presso la neobank K- Bank, che ha recentemente collaborato con la piattaforma Upbit leader di mercato.

BNK Busan Bank ha indicato di essere entusiasta di lavorare con gli exchange cripto. Ma questo sviluppo può avvantaggiare solo un piccolo numero di giocatori benestanti che sperano di unirsi ai "quattro grandi" exchange, le uniche piattaforme di trading che attualmente soddisfano tutti i nuovi requisiti - vale a dire Upbit, Bithumb, Coinone e Korbit.

Un numero selezionato di tali giocatori, come GOPAX, Hanbitco e Cashierest, hanno già ottenuto la certificazione ISMS e ora stanno correndo per trovare soluzioni bancarie prima che scada il tempo.

Ma per alcuni investitori, potrebbe già essere troppo tardi, visti i rapporti del mese scorso di investitori arrabbiati che si sono presentati agli uffici per chiedere la loro criptovaluta, per trovare invece le porte chiuse e le luci spente. Alcuni dicono di non aver avuto successo con le richieste di prelievo di fondi risalenti a gennaio.

___
Per saperne di più:
- Kimchi Premium ‘Returns’ as South Korean Youth ‘Rushes’ to Bitcoin
- Upbit Operator May Follow Coinbase with Nasdaq IPO Bid – Analysts
- Mitsubishi, Banking & Telecom Giants Invest USD 62M in DeCurret
- Updated FATF Crypto Guidelines Still ‘Predicated on Centralized Control’
- Crypto Exchanges Might Be Getting Around 100K New Users Per Day - Analyst
- Binance Investigated by CFTC in US - Report
- Crypto Exchanges to Spend 2021 Focusing on DeFi, UX, and New Services