29 agosto 2021 · 6 min read

Criptovalute e bitcoin: danno speranza in Afghanistan

Mentre il bagno di sangue in Afghanistan continua quasi senza sosta dopo la caduta di Kabul, i sostenitori delle criptovalute sia all'interno che all'esterno del paese stanno iniziando a chiedersi se token come bitcoin (BTC) potrebbero rappresentare una speranza e aiutarli a combattere contro il governo violento e oppressivo dei talebani.

Criptovalute in Afghanistan

Fonte: AdobeStock/Bojanikus

Il mondo ha guardato con orrore nelle ultime settimane mentre gli eventi si svolgevano con brutale alacrità. Ma tra i racconti di tragedie umane e guai ci sono barlumi di speranza che i token digitali decentralizzati possano diventare uno strumento per coloro che combattono contro i talebani.

La CNBC ha riportato la storia di Farhan Hotak, un trader di criptovalute afghano di 22 anni con un "portafoglio di criptovalute" ospitato sull'exchange Binance.

Sebbene i media abbia riferito che il "portafoglio cripto di Hotak non lo aiuterà a mettere la cena sul suo tavolo stasera", tuttavia gli fornisce "la tranquillità che una parte della sua ricchezza sia salvaguardata dall'instabilità economica".

Inoltre, hanno osservato gli autori del rapporto, le criptovalute "offrono anche maggiori promesse lungo la strada", sotto forma di "accesso all'economia globale dall'interno dell'Afghanistan" e "certe protezioni contro l'inflazione a spirale".

I dati di Google Trends mostrano che le ricerche di termini come "criptovaluta", "bitcoin" e "Binance" sono aumentate in vari punti durante l'estate. Questo è vero sia per le ricerche in lingua inglese nella nazione, sia per lingue come il persiano: anche qui "bitcoin" e termini correlati hanno visto picchi simili.

Corsa agli sportelli e ruolo delle criptovalute

Lo stesso media ha riferito che le corse alla valuta locale hanno visto le banche chiuse, oltre alla chiusura delle filiali della società di trasferimento di denaro Western Union. C'è stato anche un crollo nel sistema "secolare hawala" di rimesse transfrontaliere alimentate da contatti personali. È in situazioni come queste che le criptovalute, quando accessibili, hanno prosperato.

A Cuba, un intero settore è cresciuto grazie alle rimesse alimentate da bitcoin, spesso agevolate da broker indipendenti che trasportano contanti in giro per il paese in bicicletta in cambio di BTC e commissioni.

Alcuni appassionati di criptovalute stanno lanciando un'occhiata altrove nelle Americhe, preoccupati che l'inflazione fiat divorerà i loro risparmi.

"Se un governo non viene formato rapidamente, potremmo assistere a una situazione tipo il Venezuela", ha avvertito un altro trader di criptovalute afghano.

Indipendentemente da ciò, i paralleli con Cuba e Venezuela potrebbero finire qui. Quest'ultimo ha abbracciato completamente le criptovalute come mezzo per eludere le sanzioni internazionali, un fatto che ha lasciato il suo leader seduto su un'enorme scorta di BTC e altcoin. La nazione ha persino rilasciato il proprio token sostenuto dal petrolio, Petro.

E in un possibile scenario in cui Castro incontra le criptovalute, i leader cubani hanno lasciato intendere che anche loro potrebbero rivolgersi alle criptovalute per risolvere i loro problemi finanziari. Sarebbe difficile immaginare che i talebani seguano l'esempio, dato che molti leader islamici affermano che in molti casi i token tradizionali non sono Halal.

Ma in un mondo in cui le nazioni comuniste sono apparentemente pronte a passare alle criptovalute, sono successe cose strane.

La comunità cripto in Afghanistan vuole rimanere nascosta 

Per la maggior parte in Afghanistan, tuttavia, le attività cripto sono qualcosa che la maggior parte delle persone vuole tenere ben nascosta.

Hotak ha spiegato che "la comunità cripto in Afghanistan è molto piccola", aggiungendo che "tutti vogliono solo rimanere nascosti finché le cose non vanno bene".

Ma i dati del Global Crypto Adoption Index 2021 compilato da Chainalysis mostrano che l'Afghanistan è cresciuto dal nulla fino a raggiungere il numero 20 su 154 paesi. Nel 2020, i tassi di adozione erano così bassi che la nazione non era nemmeno inclusa nell'elenco. Gli analisti riferiscono che gran parte di questa adozione è tra i trader peer-to-peer.

Ironia della sorte, alcuni hanno fatto notare che gli Stati Uniti potrebbero finire per spegnere questa cripto "sotterranea" con misure soffocanti volte a controllare il flusso di capitali verso i talebani.

Un recente articolo di Reason di Andrea O'Sullivan, direttore del Center for Technology and Innovation del James Madison Institute, ha sottolineato che "l'ascesa dei talebani potrebbe fornire un'altra giustificazione per maggiori controlli sulle criptovalute", una mossa che potrebbe "fare del male” [a] “innocenti Afghani”.

O'Sullivan ha scritto:

"Ci vorrà solo una storia di un possibile attore allineato ai talebani che usa bitcoin perchè gli attori anti-criptovaluta si lancino. Ma l'uso del denaro digitale per proteggere la privacy e la sicurezza dovrebbe essere visto come un diritto umano fondamentale e dovremmo difenderlo con lo stesso fervore".

Tuttavia, le voci su un aumento del terrorismo e del traffico di droga hanno fatto risuonare campanelli d'allarme oltre Washington. Reuters (tramite Yahoo Finance) ha riferito che i leader Russo e Cinese Vladimir Putin e Xi Jinping hanno parlato della necessità di "intensificare gli sforzi per combattere le minacce" di narcotici e terrorismo.

Poiché molti leader mondiali hanno puntato il dito contro BTC e altri token, non è inconcepibile un giro di vite internazionale concertato sulle criptovalute.

Dopotutto, un servizio della BBC di questa settimana ha fatto notare che "la coltivazione del papavero da oppio nelle aree controllate dai talebani è aumentata" dall'ultima volta che il gruppo è stato al potere.

Inoltre, l'80% della fornitura mondiale di oppio proviene dall'Afghanistan, anche se la leadership talebana ha affermato che "porterà a zero la coltivazione dell'oppio", nonostante il raccolto rappresenti attualmente l'11% della produzione economica del paese.

Sogni infranti: gli investitori crypto fuggono dal paese

Per gli aspiranti imprenditori di criptovalute, tuttavia, il regime dei talebani si è dimostrato troppo temibile da digerire, portando molti uomini d'affari bitcoin in procinto di fuggire dal paese, lasciando i loro "sogni" a brandelli.

Reuters ha riferito di un laureato in informatica sulla ventina di anni di nome Muhammad Ali: uno crypto-Youtuber in erba con sogni da miner.

Alì ha spiegato:

“Stavo pianificando un'attività di mining di bitcoin o ethereum (ETH) . Improvvisamente tutto è cambiato e i talebani hanno conquistato tutto l'Afghanistan”.

Il giorno dopo aver parlato con l'agenzia di stampa, Ali, che si era nascosto in un "tunnel di drenaggio fuori dal distretto di Tatvan della provincia orientale di Bitlis in Turchia" con altri 50 afgani, ha inviato un messaggio a Reuters per affermare di essere stato "arrestato dalla polizia" a caccia di migranti illegali.

Tuttavia, voci ancora deboli di positività continuano a farsi sentire.

Roya Mahboob, amministratore delegato e fondatore dello sviluppatore di app Afghan Citadel Software Company con sede a Herat, ha affermato in un'intervista a Bitcoin Magazine che BTC "avrebbe potuto aiutare molti altri afghani nelle ultime settimane, indipendentemente dal fatto che fossero fuggiti e avessero avuto bisogno di portare i loro risparmi con loro, o sono rimasti e avevano bisogno di un'alternativa al [fiat] afghano”.

Il rapporto ha aggiunto che Mahboob "rimane impegnato a insegnarlo a quante più persone possibile nei prossimi anni", con l'amministratore delegato che afferma risolutamente che quando si tratta di questioni finanziarie in tempi di crisi:

"Bitcoin risolve questo problema".

_______

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Per saperne di più:

- Cuba è pronta ad accettare le criptovalute
- El Salvador: stiamo distribuendo Bitcoin, ma non per convertirlo in Fiat
- Aumento dell'adozione di criptovalute del 2.300% in due anni

- Afghans Turn To Crypto For Stability During Taliban Takeover
- How International Fiat Fund Hurts Cash-Strapped Countries (FYI, El Salvador)
- Brazilian Banking Boss Says Venezuelans Use Bitcoin & Alts as a ‘Vehicle’