15 luglio 2021 · 6 min read

Bitcoin & Inflazione: sta maturando come vero asset

James Butterfill, Investment Strategist presso la principale società europea di investimenti in asset digitali CoinShares.
____

bitcoin btc inflazione

Fonte: Adobe/Yuriy Shurchkov

  • I prezzi alla produzione, essendo esposti all'aumento dei prezzi delle materie prime, sono il punto in cui l'inflazione sta cominciando ad alzare la testa. Al 7,1% per il mondo sviluppato, sono ora nel 90esimo percentile delle cifre storiche.
  • La crescita dei salari è stata insolitamente elevata durante la pandemia, distorta dai licenziamenti dei lavoratori meno pagati. Man mano che questi lavoratori riacquistano un impiego, nei prossimi mesi è più probabile che i salari diminuiscano piuttosto che aumentare.
  • I dati suggeriscono che bitcoin (BTC) sta iniziando a svolgere questo ruolo di copertura dell'inflazione. L'osservazione delle variazioni di prezzo di bitcoin relative alle variazioni dell'inflazione mostra che questa relazione sta diventando statisticamente significativa.
  • Non siamo sicuri di cosa accadrà all'inflazione nei prossimi 5 anni, ma riteniamo che l'aggiunta di asset reali sia una misura prudente per proteggere i portafogli dal rischio finale che l'inflazione vada fuori controllo.

Segnali di un potenziale problema inflazionistico

Segnali di un potenziale problema inflazionistico stanno cominciando a rivelarsi, in particolare le condizioni di lavoro più restrittive (e il conseguente aumento dei salari) insieme all'aumento dei prezzi alla produzione in tutto il mondo. Tuttavia, gli investitori rimangono divisi, con le prospettive per l'inflazione che rientrano in due scuole di pensiero: quelli che ritengono che gli effetti dell'inflazione siano di natura più transitoria e quelli che vedono l'inflazione salire ad un punto tale da minacciare la stabilità economica.

Su scala globale, i dati evidenziano che in una prospettiva storica l'inflazione attuale non è poi così alta. I livelli attuali sono simili a quelli osservati dopo la crisi finanziaria del 2008, che dal 1970 lo colloca solo nel 55° percentile. È nei prezzi alla produzione, essendo esposti all'aumento dei prezzi delle materie prime, che l'inflazione sta cominciando ad alzare la sua "brutta" testa. Al 7,1% per il mondo sviluppato, la cifra attuale è nel 90° percentile.

inflazione

Durante questa fase di ripresa dal COVID, la disoccupazione sta calando a un ritmo molto più rapido rispetto alla crisi finanziaria globale, il che implica che il mercato del lavoro sta iniziando a scaldarsi. A sua volta, ciò implica che probabilmente seguirà una crescita dei salari, come abbiamo già visto negli Stati Uniti quest'anno. Tuttavia, mentre la crescita dei salari è stata insolitamente elevata durante la pandemia, questa è stata distorta dai licenziamenti dei lavoratori meno pagati. Man mano che questi lavoratori riacquistano un impiego, è molto probabile che nei prossimi mesi la crescita dei salari si riduca, piuttosto che aumentare.

È quindi molto difficile determinare se l'inflazione più elevata sia davvero dietro l'angolo. Ci sono alcuni colli di bottiglia dell'offerta causati dall'interruzione delle spedizioni globali, problemi della catena di approvvigionamento più ampia e problemi di inventario che aumentano l'inflazione a breve termine, ma ciò non significa necessariamente che porterà a problemi di inflazione a lungo termine. Pertanto, riteniamo che rimanga troppo difficile dire esattamente cosa accadrà all'inflazione, anche se riconosciamo che la questione è direttamente nelle mani dei banchieri centrali e la storia suggerisce che saranno più reattivi piuttosto che proattivi.

La situazione dei banchieri centrali

Possiamo simpatizzare con la situazione difficile che devono affrontare i banchieri centrali. Schiacciare i freni monetari dopo una politica espansiva senza precedenti rischia di provocare turbolenze nei mercati obbligazionari, causando una volatilità ancora maggiore. La Federal Reserve degli Stati Uniti e altre banche centrali sono intrappolate dalla stessa liquidità che avrebbe dovuto alleviare lo stress del mercato, di conseguenza è molto difficile da annullare.

Questo è il motivo per cui i mercati erano così concentrati sulla recente dichiarazione di giugno del FOMC (Federal Oversight & Monetary Committee). I verbali della riunione del FOMC evidenziano che la Federal Reserve statunitense mantiene un approccio generale molto accomodante (anche se i verbali erano inaspettatamente aggressivi). Allo stesso tempo, stanno contemplando la minaccia inflazionistica aumentando le previsioni di inflazione e segnalando l'aspettativa di tassi di interesse più elevati nel 2023. Il FOMC continua a ritenere che l'inflazione sia di natura transitoria ed è quindi felice che l'inflazione si "scaldi" per un pò.

Il problema è che questo approccio “basato sui risultati” della Federal Reserve statunitense, noto anche come “aspetteremo che arrivi l'inflazione prima di agire”, è rischioso. Tanto più che alcune metriche tradizionali che tengono traccia dell'inflazione potrebbero essere inaffidabili data la rapidità con cui stanno cambiando l'economia mondiale e la tecnologia.

Il comportamento degli investitori suggerisce anche che molti non sono convinti dell'approccio basato sui risultati. Gli asset in gestione in prodotti negoziati in borsa protetti dall'inflazione sono aumentati del 74% nell'ultimo anno, spinti da una raffica di afflussi a partire dalla metà del 2020.

inflation flows

Questi afflussi record evidenziano anche che forse i timori inflazionistici stanno diventando comuni piuttosto che una visione marginale. Allude anche al fatto che molti investitori ritengono che la Federal Reserve statunitense e altre banche centrali siano potenzialmente "dietro la curva".

Indipendentemente dal risultato per l'inflazione, rimane un notevole rischio di coda che i banchieri centrali possano perdere il controllo dell'inflazione. Pertanto, le coperture contro l'inflazione stanno diventando sempre più popolari, come evidenziato dai suddetti flussi di fondi. C'è una piccola selezione di hard asset che dovrebbero sovraperformare durante un attacco di inflazione, e crediamo che il bitcoin sia uno di quelli.

Bitcoin come protezione contro l'inflazione

Concettualmente, ha senso che bitcoin rappresenti una copertura contro l'inflazione. È ciò che un economista chiamerebbe un "asset reale", un bene di offerta limitata e prevedibile che spesso viene valutato in dollari USA. Pertanto, se l'offerta di dollari USA è in aumento, o quella di qualsiasi altra valuta fiat, allora è probabile che bitcoin si apprezzi nei confronti di quelle valute, anche se il suo potere d'acquisto dovesse rimanere stagnante.

I dati suggeriscono che bitcoin sta iniziando a svolgere questo ruolo di copertura dell'inflazione. Osservando le sue variazioni di prezzo relative alle variazioni dell'inflazione su periodi di due anni da quando è stato creato nel 2009, evidenzia che il rapporto sta migliorando, con un R2 attuale di 0,30 (dal 2019). Per inciso, la relazione tra bitcoin e inflazione è attualmente migliore di quella tra inflazione e oro.

bitcoin contro l'inflazione

Citi compila un indice che tiene traccia dell'inflazione inaspettata, o "sorpresa", misurando le previsioni di inflazione rispetto ai risultati forniti.

A livelli sopra lo zero, l'inflazione è superiore del previsto. Bitcoin ha anche una relazione precoce ma potenzialmente convincente con l'inflazione inaspettata. La nostra analisi evidenzia che bitcoin sembra reagire ad un'inflazione inaspettata, aumentando quando i dati sull'inflazione consegnati sono superiori alle aspettative.

bitcoin vs. inflazione

Ci rendiamo conto che la relazione di bitcoin con l'inflazione sia probabilmente inconcludente in questo frangente poiché la dimensione del campione è piuttosto bassa. Detto questo, è interessante notare che con il passare del tempo la relazione è andata migliorando costantemente, aggiungendo credibilità al concetto che bitcoin sia una vera risorsa.

BTC sta maturando come asset

Ci sono sempre più prove che bitcoin sta maturando come asset. Dopo l'ultima dichiarazione del FOMC (16 giugno) in cui è stato espresso un tono inaspettatamente aggressivo, i prezzi si sono mossi in modo molto simile all'oro. Ciò sta mettendo in evidenza che bitcoin si sta comportando come gli investitori si aspetterebbero da un vero asset, apprezzando quando il dollaro USA scende e viceversa.

bitcoin vs. gold

Non siamo sicuri di cosa accadrà esattamente all'inflazione nei prossimi 5 anni, ma riteniamo che l'aggiunta di bitcoin e altri asset reali sia una misura prudente per proteggere i portafogli dal rischio di un'inflazione fuori controllo. Quella che in origine era un'idea concettuale di bitcoin con credenziali di protezione dall'inflazione, viene ora dimostrata attraverso l'aumento della partecipazione degli investitori, come evidenziato dal suo miglioramento del rapporto con i prezzi al consumo.

 

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   
____
Per saperne di più:
- Inflation Watch: Four Facts about Soaring Food Prices
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?

- Bitcoin Faces Hedge Test Amid Rising Inflation Concerns
- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies

- Imagine Bitcoin as a Reserve Asset. What Then?
- Inflation Might Keep Rising in 2021 - But What Happens Next?

- Navigating a New Digital Era Means Changing the World Economic Order
- The Great Depression and Money Printers of Today