12 aprile 2021 · 5 min read

Bitcoin è denaro più "pubblico" delle valute Fiat emesse dalla banca centrale

La gestione della valuta Fiat è decisa dai governi, con il pubblico che ha poca influenza sulla politica. Chiunque può teoricamente contribuire al codice di una criptovaluta e avere voce in capitolo nelle decisioni critiche sulla sua roadmap di sviluppo.

Fonte: Adobe/Photobank

Se negli ultimi anni hai letto una ricerca o un documento politico di un governo o di una banca centrale, potresti aver notato un'interessante distinzione che tali istituzioni tendono a fare quando si tratta di denaro. A loro piace fare riferimento alle valute legali nazionali come "denaro pubblico" e alle criptovalute - così come ad altre valute virtuali - come "denaro privato", il che implica che una in qualche modo "appartiene" al pubblico mentre l'altra è strettamente di riserva dei privati.

Questa distinzione è fuorviante se non addirittura falsa, e per vari motivi.

Sì, le valute Fiat possono essere "pubbliche" nella misura in cui sono create e gestite da istituzioni che sono (nominalmente) responsabili nei confronti del pubblico, e sì, le criptovalute possono essere "private" nella misura in cui operano in gran parte al di fuori della competenza dei governi. Tuttavia, molte figure che lavorano nel settore delle criptovalute sostengono fortemente che i membri del pubblico abbiano un'influenza maggiore sullo sviluppo delle criptovalute rispetto a quella delle Fiat.

Che cosa sono i soldi "pubblici"?

Non è difficile trovare esempi di banche centrali che usano i termini "denaro pubblico" e "denaro privato". In un discorso pronunciato a giugno da Christina Segal-Knowles della Banca d'Inghilterra, si fa riferimento ad entrambi, con denaro emesso da una banca centrale che è "pubblica" e praticamente tutto il resto (compreso il denaro emesso dalle banche commerciali) che è "privato".

Allo stesso modo, il Fondo Monetario Internazionale ha fatto una distinzione simile in un blog pubblicato a febbraio, in cui è capitato anche di descrivere il denaro pubblico come "perfettamente sicuro".

Alcuni sostenitori della distinzione tra denaro pubblico e privato sembrano avere una visione abbastanza rosea di cosa sia il denaro pubblico. Ecco Fabio Panetta della Banca Centrale Europea, che offre una definizione di denaro pubblico in un discorso pronunciato nel novembre 2020:

"Un bene pubblico che le banche centrali gestiscono da secoli nell'interesse pubblico e che dovrebbe essere a disposizione di tutti i cittadini per soddisfare il loro bisogno di sicurezza".

Controllo comunitario, nessun centro di potere

Tuttavia, l'industria delle criptovalute sembrerebbe fondamentalmente in disaccordo con una tale visione del denaro pubblico, in particolare quando si afferma che le valute legali sono gestite "nell'interesse pubblico" e sono destinate a "essere disponibili a tutti i cittadini". Per loro, una tale valutazione è in gran parte in contrasto con la realtà di come il denaro (in qualsiasi forma) sia effettivamente gestito e distribuito.

"Non dovrebbe esserci denaro pubblico per quanto riguarda i cittadini, tutto il denaro creato dalla produzione di un individuo dovrebbe essere privato e protetto da diritti di proprietà", ha detto Peter McCormack, l'ospite del podcast What Bitcoin Did, sottintendendo che 'pubblico' è forse l'aggettivo sbagliato da usare per descrivere il denaro, anche se creato da una banca centrale.

Allo stesso modo, altri contestano il suggerimento della distinzione che Bitcoin (BTC) e altre criptovalute siano in qualche modo fuori dalla portata dei membri del pubblico, mentre le valute legali siano in qualche modo sotto il loro controllo.

"Una criptovaluta costruita utilizzando un codice open-source e che non fornisce ai suoi fondatori alcun vantaggio esclusivo rispetto a qualsiasi altro partecipante al suo ecosistema (come Bitcoin) è sicuramente un bene più pubblico delle valute emesse dalla banca centrale, dove un'agenzia centralizzata ha controllo esclusivo e diretto sull'emissione e sul prezzo ", ha affermato Nishant Sharma, fondatore e Amministratore Delegato della società di consulenza focalizzata sul mining BlocksBridge Consulting.

Le criptovalute decentralizzate come Bitcoin sono decentralizzate precisamente nella misura in cui nessun gruppo o individuo detiene il dominio sul loro sviluppo, con l'assenza di una struttura di governance formalizzata o gerarchica, il che significa che i membri della comunità hanno uguale accesso all'influenza (almeno in teoria) .

“La gestione della valuta Fiat è decisa dai governi, con il pubblico che ha poca influenza sulla politica. D'altra parte le "valute private", se decentralizzate (come Bitcoin) sono gestite dalla comunità, dando il controllo "pubblico" ", ha affermato Lou Kerner, Amministratore Delegato di BIGtoken.

Se sei uno sviluppatore, nulla ti impedisce di inviare proposte per un aggiornamento per la tua criptovaluta preferita e, se è una proposta che piace alla sua più ampia comunità di sviluppo, verrà approvata e implementata. Sarebbe certamente molto difficile fare qualcosa di simile per il denaro "pubblico" emesso dalla banca centrale.

“In teoria chiunque può contribuire al codice di una criptovaluta e avere voce in capitolo nelle decisioni critiche sulla sua roadmap di sviluppo. Ciò include decisioni critiche che alla fine possono avere un grande impatto sul prezzo della detta valuta ", secondo Nishant Sharma.

D'altra parte, anche se i membri del pubblico possono teoricamente avere più possibilità di influenzare la direzione del Bitcoin (che del dollaro, dell'euro o della sterlina), la necessità di coesione della comunità nell'approvazione degli aggiornamenti garantisce che nessun singolo agente diventi dominante .

"La cosa buona di Bitcoin è che è molto difficile per qualsiasi individuo influenzarlo", ha sottolineato Peter McCormack.

Distribuzione di Bitcoin

C'è, tuttavia, un timore che gli osservatori potrebbero avere quando cercano di sostenere che le criptovalute decentralizzate appartengono di più al pubblico rispetto alle valute legali. Guardando la distribuzione dei bitcoin, ad esempio, potresti notare che lo 0,4% di tutti gli indirizzi BTC detiene circa l'85,6% di tutti i bitcoin in circolazione. Tuttavia, questa immagine non è molto accurata, poiché alcuni di questi indirizzi appartengono a exchange che detengono BTC per milioni di clienti.

In entrambi i casi, andando avanti, la distribuzione di BTC potrebbe essere ancora migliore se più membri del pubblico fossero coinvolti in Bitcoin.

Come ha concluso Nishant Sharma, "Il fatto che una persona possieda veramente bitcoin, rende quella persona uno dei principali stakeholder e sostenitori di quella criptovaluta. Ciò è in netto contrasto con i funzionari eletti (o nominati) che deliberano su decisioni critiche riguardanti le valute legali, come la loro emissione ".

_____
Per saperne di più: 
- Prepare For 'Uncertain Future of Money' – US Intelligence Center
- Bitcoin Faces Hedge Test Amid Rising Inflation Concerns
- Institutions & Retail Compete For Bitcoin - Whose Hands Are Stronger?
- Post-COVID-19, Bitcoin & Co May Help UK Escape from Economic Funk
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?
- Not Only Bitcoin Price Is Changing During This Bull Run
- Bitcoin Mass Adoption Would Benefit and Harm Current Economy