I Bitcoiners chiedono: “Cos’è successo nel 1971?” La risposta potrebbe dare forma agli anni ’20

Simon Chandler
| 8 min read

Il risultato negativo immediato è stato l’impatto sul valore del dollaro. L’abbandono del gold standard ha contribuito a facilitare i cicli economici. L’ingegneria finanziaria in una società con credito artificialmente economico è diventata più redditiz

Fonte: Adobe/corlaffra

Nel 1971, gli Stati Uniti lasciarono il gold standard. Ora, alcune persone – in particolare i Bitcoiners – ritengo che gli Stati Uniti e la più ampia popolazione mondiale abbiano ampiamente sofferto delle conseguenza dovute a quella scelta. Il governo può stampare USD a piacimento, causando il tipo di inflazione che riduce i risparmi della popolazione generale.

Tuttavia, nonostante alcuni sviluppi dal 1971 – il divario tra produttività e retribuzione e la crescita del debito pubblico – potrebbero suggerire che lasciare il gold standard sia stata una cattiva idea, la maggior parte degli economisti tradizionali sostiene che si sia trattato di una mossa positiva nel complesso, che ha permesso alle economie di ammorbidire il ciclo imprenditoriale.

Allo stesso tempo, sostengono che la maggior parte degli sviluppi negativi post-1971 siano il risultato di altre forze strutturali. Detto questo, i sostenitori del denaro duro, come Bitcoin (BTC), e l’economia Austriaca affermano che lasciare il gold standard abbia danneggiato le tendenze storiche precedenti della crescita dei salari e della produttività, nonché nel debito pubblico.

Perdere valore contro l’ottenere il controllo

Direttore del Fiscal and Budget Policy Project presso il non-politico R Street Institute , Jonathan Bydlak dice a Cryptonews.com che gli effetti dell’abbandono dell’accordo di Bretton Woods siano stati per lo più positivi , se miscelati.

“L’ovvio risultato negativo immediato è stato l’impatto sul valore del dollaro”, afferma.

“Molti sostengono che l’erosione del suo valore verificatasi dall’inizio degli anni ’70 sia stata una conseguenza inevitabile della rottura del legame con l’oro”.

Tuttavia, nonostante questo aspetto negativo, Bydlak spiega che ci sono una serie di altri impatti da considerare. “Uno è che sin dall’inflazione di fine anni ’70 e inizio anni ’80, l’inflazione e il ciclo economico sono stati entrambi senza dubbio più stabili di quanto non fossero nell’era del gold standard.”

Bydlak ammette che da allora ci sono state crisi finanziarie. Tuttavia, aggiunge che “ognuno di questi periodi ha avuto la tendenza ad essere più mite rispetto al panico e alle recessioni dell’era pre-Bretton Woods”.

In sostanza, Bydlak afferma che il compromesso nel lasciare il gold standard sia stato per lo più positivo: “maggiore flessibilità nell’uso della politica monetaria e fiscale per rispondere alle crisi economiche in cambio di meno controllo sul valore della valuta”.

Allo stesso modo, la prof.ssa Erica L. Groshen – economista presso la Cornell University ed ex commissario per le statistiche del lavoro e capo del US Bureau of Labor Statistics – ritiene anche che abbandonare il il gold standard sia stato “per lo più positivo”.

“Abbandonare Bretton Woods ci ha aiutato a comprendere meglio il ruolo della politica monetaria e come gestirla per facilitare i cicli economici, comunicare in modo efficace e renderla indipendente dal processo politico”, afferma.

D’altra parte, il ricercatore indipendente Ben Prentice e il podcaster di Bitcoin Heavily Armed Clown (conosciuto come Collin di The Bitcoin Echo Chamber ) – gli individui dietro il progetto Cosa Cazzo è Successo nel 1971? – sostengono che il distacco dal gold standard abbia interrotto una serie di importanti relazioni macroeconomiche.

In particolare, sottolineano come il gonfiamento dell’offerta di moneta “abbia sostanzialmente danneggiato” il nesso causale tra il costo di sostituzione delle attività e i profitti imprenditoriali. In parole povere, l’eccessiva espansione monetaria e l’inflazione hanno reso le attività (nel senso delle attività aziendali utilizzate per produrre beni) più costose da sostituire, il che ha smorzato i profitti e ha incoraggiato gli imprenditori e le imprese a cercare di più attività puramente finanziarie.

“Il denaro dolce e il credito a basso costo ostacolano gli incentivi del mercato”, dicono a Cryptonews.com . “Le attività assumono il ruolo di denaro. Gli imprenditori spostano l’attenzione dall’ingegneria tecnica all’ingegneria finanziaria. “

Divari retributivi

Tuttavia, dal 1971 sono seguiti sfortunati sviluppi economici. E per alcuni commentatori – e politici – questo è il risultato dell’aver abbandonato il gold standard.

Tale pensiero è stato incapsulato in modo più vivido da WTF Happened In 1971 ?, un sito Web che ha compilato una serie di grafici che sembrano mostrare come il 1971 sia l’inizio di varie tendenze sfortunate.

Più sorprendentemente, un grafico proveniente dall’Istituto di politica economica sembra mostrare il 1971 come l’inizio di un divario tra produttività e retribuzione.

Fonte: WTF Happened In 1971?/Economic Policy Institute

Tuttavia, gli economisti tradizionali non sono convinti che l’abbandono del gold standard e il divario di produttività-retribuzione siano significativamente collegati.

“Non vedo nessuna relazione qui”, afferma Erica Groshen. “Si discute molto sul perché sia emerso questo divario, ma non conosco una teoria economica rigorosa o uno studio empirico che la indichino come causa”.

Ha inoltre sottolineato che il fatto di fissare inutilmente la politica monetaria in modo arbitrario alle riserve auree sarebbe spesso dannoso per gli interessi dei lavoratori.

Anche l’Istituto di politica economica non è convinto. Nel suo post iniziale del grafico sopra, ha identificato il 1979 come il punto di non ritorno e ha accusato la crescente disuguaglianza e le scelte di politica economica come i principali fattori.

Allo stesso modo, Jonathan Bydlak evidenzia tre processi.

  • “La prima è la globalizzazione: le economie sono molto più aperte di quanto non lo fossero in passato, quindi è più facile per i produttori spostare la produzione altrove in luoghi più economici ”.
  • “In secondo luogo, una maggiore automazione e altri cambiamenti tecnologici creano disallineamenti strutturali a cui i lavoratori impiegano del tempo a ricalibrare le proprie competenze”.
  • In terzo luogo, l’altro grande cambiamento per Bydlak “è che gli imprenditori e, più in generale le persone con buone idee, sono diventati più ricchi”. In altre parole, le disparità salariali e patrimoniali sono aumentate.

Detto questo, mentre Hlown e Armati Clown e Ben Prentice accettano che i suddetti fattori abbiano avuto un ruolo nell’esacerbare il divario, affermano che il cambiamento fondamentale è iniziato con il 1971.

“La domanda che dovremmo porci non è se il gold standard abbia creato un legame duro e rapido tra crescita della produttività e crescita dei salari (gli economisti austriaci non affrontano tali certezze), ma piuttosto riconoscere che abbiamo osservato una rottura in questa storica tendenza dopo la conclusione del Ministero del Tesoro degli Stati Uniti dell’accordo di Bretton Woods nel 1971. ”

A titolo indicativo, indicano il settore finanziario nel 2008. All’epoca, questo settore “costituiva il 7% dell’economia [USA] e creava solo il 4% dei posti di lavoro, generando tuttavia un terzo di tutti i profitti aziendali”.

Prentice e Heavily Armed Clown considerano questo squilibrio altamente discutibile. “Perché è emersa una serie di modelli di profitto senza precedenti a seguito di questo fondamentale cambiamento nella politica monetaria nel 1971? Perché Apple , una società di ingegneria tecnologica con una spesa [in ricerca e sviluppo] ai minimi storici [in percentuale] rispetto alle vendite, e con una riserva di fondi di 145 miliardi di dollari in contanti, sceglie di prendere in prestito 17 miliardi di dollari nel 2013? “

La risposta, concludono, “è perché l’ingegneria finanziaria in una società con credito artificialmente economico è diventata più redditizia dell’imprenditorialità stessa”.

Debito pubblico

Un altro sviluppo segnalato da WTF è successo nel 1971? e gold standar champions è l’ esplosionedel debito nazionale degli Stati Uniti.

Per Bydlak, abbandonare il gold standard “ha certamente reso possibile [aumentare il debito]”. Detto questo, il debito avrebbe potuto aumentare anche sotto il gold standard.

“Il gold standard aiuta a limitare l’offerta di denaro, anche se l’offerta di moneta può ancora aumentare in modo piuttosto drammatico con un gold standard, anche al di là di quanto viene estratto”.

Per Erica Groshen, limitare il debito non è necessariamente una buona cosa, mentre il gold standard potrebbe comunque non frenare efficacemente il debito.

“Senza l’abilità per le moderne autorità monetarie di facilitare i cicli economici, la produzione complessiva sarebbe inferiore e le condizioni più caotiche. Ma le decisioni di politica fiscale non sarebbero necessariamente influenzate in alcun modo. “

Ben Prentice e Heavily Armed Clown non sono affatto d’accordo con l’analisi.

“La natura incontrollata dell’espansione del credito insieme ad una tesoreria legalizzata che non ha legami con la produttività effettiva e l’accumulazione di capitale nella società, è incentivata non solo ad aumentare la spesa per i mezzi del potere politico, ma anche a diminuire il valore reale dei debiti federali in essere attraverso l’inflazione”, spiegano.

Al contrario, sostengono anche che un gold standard fungerebbe da contromisura correttiva all’espansione monetaria, poiché qualsiasi crescita significativa dell’indebitamento aumenterebbe il costo dell’indebitamento, attraverso un aumento del tasso di sconto (che è ciò che la Federal Reserve addebita alle banche statunitensi per prendere in prestito denaro).

“In base ad un gold standard (o simile standard di moneta forte), l’espansione del debito causerebbe un aumento dei tassi di sconto, e allo stesso modo l’accumulazione di capitale e la liquidazione del debito causerebbero il contrario.”

Un nuovo gold standard?

Mentre i sostenitori della limitata offerta di moneta sosterrebbero molto probabilmente la reintroduzione di una sorta di standard di moneta forte, sia esso oro o bitcoin, Erica Groshen sostiene che l’introduzione di un nuovo gold standard “sarebbe in assoluto dannosa”.

Nel frattempo, Bydlak pensa che l’obiettivo della limitazione dell’ inflazione e del debito sarebbe meglio servito da altri meccanismi.

“Altre alternative sarebbero probabilmente migliori del gold standard nel conseguire i vantaggi che l’oro porta (ad esempio, le valute concorrenti)”, conclude. “È anche importante notare che esiste ancora un controllo molto reale sui governi che diventano troppo grandi – e che sono le conseguenze imposte dagli acquirenti di obbligazioni nel mercato pubblico”.

Tuttavia, come le alternative continuano a spuntare fuori, sembra che il mondo abbia bisogno di dare una nuova occhiata a ciò che è accaduto nel 1971 mentre affronta la crisi innescata dal Coronavirus, determinando cosa accadrà nel decennio 2020 e oltre.
____

Per saperne di più:
Bitcoin vs. Modern Monetary Theory
Bitcoin Mass Adoption Would Benefit and Harm Current Economy
This Alternative to Central Banks Is Better For Free Societies – Expert
What (Most) Bitcoiners Love About Austrian Economics