25 luglio 2021 · 6 min read

BTC :Migrazione, sfide e previsioni del mining di post-repressione

È possibile che nei prossimi anni vedremo le restrizioni minerarie in Cina allentarsi. Il vincolo sulla capacità di hosting disponibile è una grande sfida per i miner, ma nel frattempo Bitcoin (BTC) ha dimostrato di essere resiliente, anche contro lo shock così forte che la repressione è stata.

btc bitcoin mining

Fonte: Adobe/artiemedvedev

Il mining di Bitcoin (BTC) è in movimento. Mentre prima rendita della Cina e delle sue vaste riserve di energia, ora si sta sempre più affermando in altre parti del mondo, con la sua migrazione accelerata dalla recente repressione governativa nella nazione asiatica.

Come riportato, il Cambridge Center for Alternative Finance, che ha creato il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index (CBECI), ora stima che la Cina ad aprile rappresentava il 46% di tutto il mining di Bitcoin nel mondo, in calo rispetto al 75% di settembre 2019. 

Cosa c'è di interessante in questo 46% è che stava diminuendo anche prima dell'inizio della repressione, il che suggerisce che la quota attuale della Cina è in realtà molto più piccola.

Ma dove è andata a finire la percentuale cinese di mining di criptovalute? E il mining in Cina è finito per sempre? 

Bene, secondo i partecipanti al settore, il mining si è principalmente trasferito in Asia centrale, Europa orientale e Nord America, mentre è probabile che la fine del dominio cinese sul mining avrà l'effetto positivo di aumentare il decentramento di Bitcoin.

Mining cinese di BTC: andato per sempre?

Le opinioni sono contrastanti sul fatto che il mining di criptovalute sia stato completamente sradicato dalla Cina e non tornerà mai più.

“La repressione della Cina sul mining è principalmente il risultato degli ambiziosi obiettivi climatici del presidente Xi e, in misura minore, del potenziale impatto di quest'attività sulla stabilità finanziaria e sociale, a cui il governo centrale attribuisce un'importanza molto elevata. 

Pertanto, credo che le repressioni siano qui per restare e che ci saranno altre repressioni mirate alle restanti operazioni minerarie su larga scala in altre parti del paese", ha affermato Nishant Sharma, fondatore della società di consulenza mineraria BlocksBridge.

Tuttavia, Juri Bulovic, vicepresidente della strategia presso lo specialista di mining statunitense Foundry, non è così sicuro che l'attività mineraria non tornerà mai più in Cina. A Cryptonews.com ha detto che dipende dall'interesse del governo cinese nel far rispettare il divieto.

"In un primo momento si pensava che fosse correlato a preoccupazioni ambientali, ma questa teoria può ora essere respinta dato che la Cina ha vietato l'estrazione mineraria in TUTTE le province, comprese quelle che utilizzano prevalentemente energia rinnovabile e in eccesso", ha affermato.

Bulovic ha detto che alcuni commentatori hanno ipotizzato che il divieto potrebbe essere correlato al 100° anniversario del PCC (Partito Comunista Cinese) e al loro desiderio di ritrarre forza e autorità in tutti gli aspetti dell'economia.

"Se è così, è possibile che nei prossimi anni vedremo un allentamento delle restrizioni sul mining", ha affermato.

È anche possibile che, nonostante un divieto di lunga durata, alcuni miner continuino a operare di nascosto all'interno della Cina.

"Penso che ci si possa aspettare che non TUTTI i miner interrompano le loro operazioni: quelli più piccoli che pensano di poter continuare a operare sotto il radar, potrebbero continuare a farlo", ha aggiunto Bulovic.

Traslochi globali

Tuttavia, il sostanziale calo dell'hashrate di Bitcoin dall'inizio di giugno rivela che una grande parte dei miner cinesi è offline. E per il vicepresidente dello sviluppo aziendale di Foundry, Kevin Zhang, gran parte della quota del mining di Bitcoin/criptovalute è ora andata in tre aree in particolare.

“La maggioranza vuole spostarsi all'estero in varie regioni come l'Asia centrale, l'Europa orientale e il Nord America. Detto questo, solo un sottoinsieme di loro sta effettivamente inviando le proprie unità all'estero a causa del vincolo sulla capacità di hosting disponibile", ha detto a Cryptonews.com.

Zhang ha aggiunto che, anche prima della repressione, c'erano gravi carenze di infrastrutture disponibili prontamente accessibili per le unità a cui collegarsi. Tuttavia, le aree che offrono le infrastrutture necessarie e non pongono troppi ostacoli ai miner in arrivo probabilmente guadagneranno la quota maggiore.

"Paesi come il Kazakistan in Asia centrale sono quelli che trarranno i maggiori benefici perché possono implementare capacità aggiuntiva più rapidamente rispetto al processo di costruzione più regolamentato e rigoroso dell'Occidente", ha affermato.

Questa tesi è supportata dal CBECI, che ha aggiornato le sue stime il 15 luglio. Il Kazakistan, in particolare, è passato dall'avere una quota dell'1,4% del mining di Bitcoin a settembre 2019 all'8,2% (ad aprile 2021).

btc mining

Fonte: jbs.cam.ac.uk

Altri beneficiari includono gli Stati Uniti (dal 4,1% al 16,8%) e la Russia (dal 5,9% al 6,8%), con il russo che beneficia (proprio come il Kazakistan) dell'essere più vicino alla Cina rispetto ad altre nazioni.

"Molte macchine stanno migrando in Russia e Kazakistan, in parte a causa della relativa vicinanza alla Cina, ma anche date le maggiori possibilità di trovare capacità di hosting lì, dati i costi e i tempi di costruzione inferiori", ha affermato Juri Bulovic.

Inoltre, sebbene le rispettive quote rimangano ancora piuttosto ridotte, sia il Canada che la Germania hanno registrato aumenti tra settembre 2019 e aprile 2021, dall'1,1% al 3% (Canada) e dallo 0,9% al 2,8% (Germania).

"Ma più in generale, pensiamo che tutte le regioni del mondo stiano beneficiando delle migrazioni, inclusi Nord America, Sud America, Europa e Australia", ha affermato Bulovic.

Un elemento che garantisce una diffusione relativamente uniforme delle delocalizzazioni è che nessun singolo paese può accogliere prontamente tutta la domanda in eccesso proveniente dalla Cina.

“L'aumento della redditività del mining è un altro incentivo per i miner cinesi dislocati a cercare capacità ovunque possano trovarla. 

Coloro che non trovano capacità di hosting e/o opportunità interessanti per la costruzione di nuove farm nei prossimi due mesi, probabilmente decideranno di vendere le loro macchine e uscire dall'attività di mining", ha aggiunto Bulovic.

bitcoin mining hashrate

Hashrate medio (hash/s) al giorno rispetto alla redditività del mining USD/giorno per 1 THash/s, media mobile semplice a 7 giorni. Fonte: bitinfocharts.com

Effetto su Bitcoin

Una domanda importante derivante dall'esodo dei miner cinesi è il potenziale effetto che potrebbe avere sul Bitcoin stesso. Secondo Igor Runets, fondatore/CEO del fornitore di servizi di colocation mineraria BitRiver, l'effetto a lungo termine sarà probabilmente positivo, anche se la rete Bitcoin ha subito un netto calo del suo hashrate.

"Questo trasferimento diventa positivo per Bitcoin nel breve e nel lungo termine man mano che l'estrazione di Bitcoin diventa più decentralizzata geograficamente in tutto il mondo, e la proposta di valore di Bitcoin come riserva di valore affidabile migliora e aumenta la fiducia degli investitori e dei governi nel Bitcoin.

 Inoltre, ciò renderebbe l'attività di mining più istituzionalizzata e trasparente poiché passaerebbe dalle mani di società o investitori privati ​​e segreti in Cina a società più trasparenti, e talvolta anche quotate in borsa, in tutto il mondo", ha detto a Cryptonews.com.

Juri Bulovic ha anche suggerito che la continua affidabilità di Bitcoin di fronte agli arresti di massa dei miner è un segno della sua forza e robustezza.

“Nel grande schema Bitcoin non ha avuto ripercussioni. La rete Bitcoin si è dimostrata resiliente, anche contro uno shock così forte come lo è stato questo divieto", ha affermato.

Detto questo, anche se Bulovic riconosce che un allontanamento dalla Cina potrebbe essere positivo per quanto riguarda il decentramento, ha evidenziato la possibilità che il mining possa consolidarsi in un'altra parte del mondo in un futuro non troppo lontano.

Ha detto: "L'industria del mining di Bitcoin del Nord America sta crescendo a un ritmo rapido e non sarei sorpreso se tra un paio d'anni discuteremo di come il mining di Bitcoin sia fortemente concentrato in Nord America".

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   
____
Per saperne di più:
- Shenzhen Crypto Mining Hardware Retail Hotspot Becomes a Ghost Town
- China Is Not Done Yet With Its Crackdown On Crypto Mining - Researcher

- Bitcoin Shows Resilience Amid Global Political Pushback
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining

- 'Next Great Miner Migration Will be Away from China' - Poolin Exec
- Bukele Teases Volcano-powered Bitcoin Mining Center as Exchange Arrives