09 gen 2022 · 11 min read

CBDC nel 2022: nuovi pilot e concorrenza con le crypto

Fonte: Adobe/Сергей Шиманович


 

Si stima che il 2022 porterà un aumento dei pilot e delle nazioni interessate alle CBDC. Vediamo insieme le opinioni e i commenti di esperti e osservatori.

  • "A lungo andare, il design dominante delle CBDC avrà un impatto tangibile sulla funzione e l'utilità del denaro".
  • "Trial e pilot più avanzati per l'adozione delle CBDC saranno probabilmente annunciati da paesi in via di sviluppo nel 2022".
  • Ci sono una varietà di motivazioni alla base dell'utilizzo delle CBDC, con la maggior parte di queste che rientrano in una delle due categorie: "stabilità finanziaria e politica monetaria", e "maggiore concorrenza nei pagamenti e sovranità finanziaria".
  • "Ci sono interrogativi sulle finalità di alcune banche centrali/governi - principalmente radicate nella privacy, nella sorveglianza e nella centralizzazione del controllo".
  • "Le banche private che si riuniscono per avviare dei pilot e testare soluzioni gettano le basi per una partnership pubblico-privata per le CBDC".
  • "In un buon scenario, possono essere sviluppate sinergie positive tra le CBDC e lo spazio delle blockchain".

Le valute digitali delle banche centrali (CBDC) sono state una delle più pagine più rilevanti del 2021, per quanto riguarda blockchain e criptovalute, anche se le CBDC non hanno necessariamente nulla a che fare con la blockchain o le criptovalute. Questo perché per ogni nuovo massimo storico di bitcoin (BTC), ethereum (ETH), o qualsiasi altra criptovaluta raggiunto nel 2021, sembrava che qualche banca centrale sarebbe uscita con la notizia che stava lavorando sulla propria CBDC.

Tuttavia, mentre la crescita del settore delle criptovalute ha spronato molte banche centrali a prendere in considerazione o anche a lanciare un pilot della propria valuta digitale, il 2021 non ha portato alcun lancio di CBDC completo (anche se le Bahamas hanno lanciato il dollaro digitale Sand Dollar nel 2020). E mentre l'aspettativa potrebbe essere che il 2022 porterà una valuta digitale a tutti gli effetti, i commentatori dicono che dovremo aspettare ancora uno o due anni prima di assistere a qualsiasi implementazione permanente.

Detto questo, le cifre dell'industria stimano che il 2022 porterà un aumento delle prove e dei pilot, con più nazioni e banche centrali coinvolte. Allo stesso tempo, gli osservatori si aspettano anche che più banche private e istituzioni finanziarie spingano con le loro valute digitali, fornendo alle criptovalute ancora più concorrenza.

Muoversi lentamente, aumentando la ricerca e i trial

"È vero che le CBDC hanno guadagnato molta attrattiva negli ultimi anni. Più dell'85% delle banche centrali stanno andando avanti con qualche iniziativa, di solito sotto forma di ricerca, di pilot in fase iniziale, e in alcuni casi straordinari lo sviluppo di soluzioni CBDC e anche un limitato impiego", ha detto Lambis Dionysopoulos, un ricercatore presso l'Istituto per il Futuro dell'Università di Nicosia.

Ma mentre molte banche centrali si stanno dilettando con le CBDC in un modo o nell'altro, Dionysopoulos dice che la maggior parte intende procedere con cautela e gradualmente, data l'importanza del compito da svolgere e le decisioni da prendere.

Attualmente, le banche centrali si trovano di fronte a diverse opzioni riguardanti l'infrastruttura tecnologica, la gestione e le caratteristiche monetarie delle CBDC. Indicativamente, i CBDC possono utilizzare l'infrastruttura esistente di regolamento lordo in tempo reale, o una nuova rete [tecnologia ledger distribuita] (blockchain)", ha detto a Cryptonews.com.

Complicando ulteriormente le cose, Dionysopoulos sottolinea anche che le CBDC possono essere emesse da una banca centrale da sola, o in collaborazione con le banche private e altri fornitori di servizi finanziari. Poi ci sono altre caratteristiche da decidere, come il fatto che le CBDC debbano avere un interesse positivo o negativo, così come la loro natura di passività e attività nel bilancio delle banche e degli individui. 

"Ogni opzione ha i suoi pregi e svantaggi, e non ci sono chiari vincitori. In definitiva, il disegno dominante delle CBDC avrà un impatto tangibile sulla funzione e l'utilità del denaro, e anche il futuro e il ruolo del settore bancario commerciale", ha detto.

Poiché c'è una così vasta gamma di variabili nella progettazione e nello sviluppo di una CBDC, è necessaria molta ricerca e sperimentazione, che è il motivo per cui Dionysopoulos sospetta che non vedremo alcun lancio completo (e certamente neanche molti) nel 2022. 

"Quando si tratta del futuro del denaro, non ci sono scorciatoie da prendere [...] Seguendo l'esempio della Cina, è probabile che vedremo una certa diffusione limitata entro questo anno o due, tuttavia, pagare in un caffè locale con euro digitali è probabilmente ancora lontano di qualche anno", ha aggiunto.

Altri commentatori sono ampiamente d'accordo con questa analisi. Chris Caruana, il vicepresidente di Anti-Money Laundering Solutions di Feedzai, una piattaforma di gestione del rischio alimentata da big data e machine learning, stima anche che l'implementazione completa sarà "improbabile nel 2022", e che i pilot e le prove "continueranno ad essere la norma".

"Un barometro sull'effettiva tempistica di sviluppo è rappresentato dai progressi che la Cina sta facendo. C'è un consenso generale all'interno dell'industria secondo cui è probabile la Cina sarà la prima a lanciare la propria CBDC, visto quanto sono avanti attualmente e visti i segnali che provengono da Pechino", ha detto a Cryptonews.com.

In effetti, la Cina ha testato il suo yuan digitale con circa 140 milioni di residenti cinesi, e la sua banca centrale ha riferito a novembre che le transazioni totali utilizzando la valuta digitale ammontano a circa 62 miliardi di CNY (9,8 miliardi di dollari). Non è quindi fuori dal regno della possibilità che la Cina vada avanti con un lancio completo nel 2022, e alcuni stimano che questo potrebbe accadere durante le Olimpiadi invernali di Pechino nel febbraio di quest'anno.

Indipendentemente da ciò, la maggior parte degli osservatori dicono che, in parte a causa degli sforzi cinesi, i pilot e i trial aumenteranno nel 2022.

"Prove di adozione delel CBDC più aggressive saranno probabilmente annunciate dai paesi in via di sviluppo nel 2022. I paesi del G20 che sono più maturi impiegheranno più tempo per adottare o impegnarsi con queste monete digitali", ha detto Jason Allegrante, Chief Legal and Compliance Officer di Fireblocks, un depositario di asset digitali.

Per le nazioni più sviluppate, Allegrante si aspetta che organizzeranno più consultazioni, gruppi di discussione, sandbox e altre attività nel 2022, mentre i loro banchieri centrali considerano varie opzioni per digitalizzare le valute e/o cooperare con emittenti privati.

Le motivazioni per l'adozione delle CBDC diventano complesse

Parlando del perché i governi e le banche centrali vorranno provare e sviluppare le proprie CBDC, la maggior parte dei commentatori dice che le motivazioni varieranno a seconda del paese corrispondente.

"A mio parere, non c'è un obiettivo unificato per quanto riguarda le CBDC [...] Gli obiettivi fissati in Cina sono molto probabilmente molto diversi da quelli fissati nell'UE, per esempio", ha detto Vytautas Zabulis, CEO di H-Finance, una società di soluzioni di trading di asset digitali.

Zabulis aggiunge che la motivazione principale per i governi e le banche centrali nel panorama attuale è quella di implementare politiche nazionali e internazionali, in contrasto con l'impiego delle CBDC al fine di beneficiare principalmente gli individui. Anche se suggerisce che le CBDC alla fine beneficeranno notevolmente la gente comune in un futuro più lontano.

In particolare, molte banche centrali cercheranno di avere le proprie valute digitali per migliorare l'efficienza e la velocità dei sistemi e delle reti di pagamento.

Per Jason Allegrante, una delle motivazioni principali è "la realizzazione che ci sono benefici reali nell'adottare queste tecnologie nelle funzioni principali della banca centrale, come i pagamenti, il regolamento e la distribuzione della valuta. C'è anche probabilmente una paura legittima di rimanere indietro, sia rispetto ad altri paesi che sono più rapidi nell'adottare l'innovazione finanziaria, sia rispetto al settore privato stesso", ha detto.

Lambis Dionysopoulos suggerisce anche che ci saranno una varietà di motivazioni dietro l'adozione di CBDC, con la maggior parte di queste che rientrano in una delle due categorie: "stabilità finanziaria e politica monetaria", e "maggiore concorrenza nei pagamenti e sovranità finanziaria".

"Nello specifico, le banche centrali cercano sempre di migliorare l'efficienza e la sicurezza dei pagamenti. Le CBDC potrebbero fornire benefici marginali in entrambe queste aree, estendendo le garanzie della banca centrale al più ampio settore privato", ha detto.

Allo stesso tempo, l'esclusione finanziaria, specialmente considerando l'uso decrescente del contante, sta rapidamente diventando un problema serio, nota Dionysopoulos. Secondo lui, le CBDC possono "bancarizzare" gli individui che non usufruiscono delle banche "in stile fintech", estendendo i servizi bancari e finanziari a coloro che hanno accesso solo al loro smartphone.

Alcune banche centrali e governi potrebbero avere obiettivi meno nobili, tuttavia, quando si tratta di sviluppare le loro CBDC nel 2022 e oltre.

"Ci sono interrogativi sulle motivazioni di alcune banche centrali/governi - principalmente radicate nella privacy, nella sorveglianza e nella centralizzazione del controllo attraverso la disintermediazione della struttura del sistema finanziario esistente", ha detto Chris Caruana a Cryptonews.com.

In effetti, gran parte del reporting sullo yuan digitale cinese ha rilevato che la valuta è programmabile, con la banca centrale in grado di fissare scadenze sulla sua spesa, per esempio. Questa potrebbe certamente essere una motivazione sempre più popolare per le CBDC nelle nazioni meno liberali nel 2022.

Valute digitali delle banche private

Con un consorzio giapponese di banche private e aziende che stanno provando la loro valuta digitale proprio in questo momento, e pianificando un lancio completo nel 2022, le valute digitali delle banche private potrebbero diventare una tendenza più ampia nel 2022.

"Le banche private che si riuniscono per testare soluzioni e avviare dei pilot gettano le basi per una partnership pubblico-privata sulle CBDC. È ragionevole aspettarsi che vedremo di più in futuro", ha detto Lambis Dionysopoulos.

Allo stesso modo, Vytautas Zabulis suggerisce che le banche che hanno le proprie valute non sono più una grande sorpresa, e che altre seguiranno il loro esempio in futuro. 

"Se si analizza la valuta JPM Coin di JPMorgan, che hanno usato per un po', è un caso d'uso estremamente rilevante per i trasferimenti. Si risparmia un sacco di tempo - il che significa che il capitale può essere utilizzato molto più efficacemente - i tempi di liquidazione sono più rapidi e non c'è bisogno di una stanza di compensazione di terze parti", ha detto a Cryptonews.com.

Gli insediamenti internazionali e gli exchange esteri saranno i primi a beneficiare dell'uso delle valute digitali delle banche centrali o private, aggiunge Zabulis. Altre figure del settore si aspettano anche che più banche private e istituzioni finanziarie saranno coinvolte con le loro valute digitali il prossimo anno.

"Per i first movers, come BNY Mellon, Citibank e State Street, gli sforzi per la transizione ai servizi di asset digitali si concretizzeranno nel 2022, in particolare per quanto riguarda le loro offerte di criptovalute. Si stima inoltre che più imprese private daranno la priorità alle valute digitali, e forse implementeranno le proprie nel prossimo futuro", ha detto Jason Allegrante.

L'effetto delle CBDC sulle criptovalute nel 2022

Una notizia significativa verso la fine del 2021 è stata la pubblicazione da parte del governo indiano di una legislazione che, oltre a stabilire il quadro per una valuta digitale della banca centrale, ha anche cercato di vietare le criptovalute private. (Per saperne di più: Nuova Delhi pronta a fare marcia indietro sulla regolamentazione delle criptovalute, afferma una fonte governativa anonima) Questo infausto sviluppo aumenta la possibilità che lo sviluppo o lo spiegamento di CDBC possa andare di pari passo con una repressione delle criptovalute.

"Sì, il rischio di concorrenza è molto alto. Se si guarda da questa prospettiva, i paesi con una legislazione nazionale possono sempre ostacolare l'adozione di valute e protocolli decentralizzati che non rientrano in un regolamento", ha suggerito Vytautas Zabulis.

Tuttavia, nonostante il rischio di concorrenza, i commentatori si aspettano che qualsiasi regolamentazione cripto derivante dalle CBDC sarà relativamente moderata. 

Lambis Dionysopoulos dice che è "ragionevole aspettarsi che sarà necessaria una nuova legislazione per delimitare ciò che gli attori privati possono e non possono fare in [termini di emissione di proprie valute]. Il recente regolamento europeo sui mercati delle criptovalute (MiCA) è una buona indicazione di ciò che dovremmo aspettarci".

Detto questo, Dionysopoulos spiega anche che le criptovalute decentralizzate come il bitcoin sono "semplicemente non adatte ad una regolamentazione simile ai tradizionali fornitori di servizi finanziari", nella misura in cui la loro decentralizzazione renderebbe difficile per i governi impedire a chiunque di usarle. Pertanto, i governi più equilibrati potrebbero cercare di abbracciare le criptovalute entro limiti ragionevoli.

Dionysopoulos ha detto: "In un buon scenario, possono essere sviluppate sinergie positive tra le CBDC e lo spazio blockchain, facilitate attraverso intermediari regolamentati. I paesi che seguono questo approccio possono beneficiare delle innovazioni e della crescita dello spazio DeFi e delle criptovalute".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Come possono prepararsi le banche alle crypto e alle CBDC?

- Bitcoin: caratteristiche promosse dalle banche nel 2021
- Interesse per le valute digitali delle banche centrali e critiche a Bitcoin al G20

- Commenti inaspettati sulle crypto dal primo ministro indiano
- Check Out FSB's Roadmaps for Stablecoins and CBDCs

- Previsioni 2022 del settore NFT
- Crypto Adoption in 2022: What to Expect?

- Tendenze 2022 della regolamentazione crypto
- Previsioni 2022 del settore DeFi

- Sicurezza delle criptovalute: previsioni 2022
- Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?

- Exchange crypto 2022: più servizi, conformità e concorrenza
- 2022: Tendenze degli investimenti e del trading nelle crypto
 

Find more predictions for 2022 here.