Home In EsclusivaIn Primo Piano

Crypto 2020: le istituzioni scelgono Bitcoin, i negozianti rimangono con le altcoin

Di Simon Chandler
  • "Gli investitori istituzionali dovrebbero essere e per lo più saranno attratti solo da bitcoin".
  • "Gli investitori al dettaglio, come è loro solito, si affolleranno su tutto ciò che sta facendo notizia."
Crypto 2020: le istituzioni scelgono Bitcoin, i negozianti rimangono con le altcoin 101
Fonte: iStock/MicroStockHub

Sia gli investimenti istituzionali che quelli al dettaglio sono indispensabili per far crescere le criptovalute, ma è probabile che nel 2020 vedremo diversi tipi di investimento da diversi segmenti della popolazione. Come dicono gli esperti a Cryptonews.com, gli investitori istituzionali potrebbero diventare più importanti il prossimo anno e probabilmente si concentreranno principalmente sul bitcoin, mentre gli investitori al dettaglio saranno più aperti ad altri asset digitali ma non saranno così attivi nel guidare il mercato.

2019: investimenti in infrastrutture

Guardando indietro al 2019, sembra che Cryptonews.com sia stato generalmente preciso nelle sue previsioni sugli investimenti istituzionali per l'anno in uscita, con solamente un'eccezione minore.

In particolare, gli esperti di cui abbiamo parlato un anno fa hanno predetto che le banche, i fondi di investimento e altre "istituzioni" avrebbero concentrato la maggior parte delle loro attività di investimento su "blockchain piuttosto che bitcoin", concentrandosi su piattaforme e servizi legati alle criptovalute, piuttosto che sulle criptovalute stesse. In particolare, hanno suggerito che le istituzioni sarebbero state particolarmente interessate alle piattaforme cripto che consentono transazioni e pagamenti transfrontalieri.

Questo è sostanzialmente vero: se digiti "investimenti bancari" e "criptovalut" o "blockchain" su Google (o forse un motore di ricerca meno invasivo della privacy), la stragrande maggioranza delle storie che troverai riguarderanno gli investimenti delle banche in exchange cripto, portafogli bitcoin, blockchain aziendali o industriali, fornitori di servizi di cripto-pagamenti e altre aziende legate alle criptovalute o focalizzate sulla blockchain.

Tuttavia, mentre la maggior parte delle banche e degli investitori istituzionali si sono concentrati specificamente sulle attività reali, il 2019 ha registrato un leggero aumento dei fondi pensione e altri fondi che investono direttamente nelle criptovalute stesse.

2020: strategie diverse

E il prossimo anno? In primo luogo, è probabile che gli investitori istituzionali - banche, hedge funds, fondi pensione, erogatori di polizze, ecc. - mostreranno più interesse per le criptovalute stesse, o almeno per i bitcoin.

"Vedo più family office che acquistano bitcoin a lungo termine", afferma Tone Vays, analista di criptovalute ed ex trader di Wall Street.
Il trader di criptovalute e autore Nik Patel concorda ampiamente. Tuttavia, dice a Cryptonews.com che, a parte i soliti investimenti azionari, gran parte dell'attenzione delle istituzioni sarà sui derivati relativi ai bitcoin, come futures e options.

"Mi aspetto di vedere una maggiore allocazione del capitale verso i progetti di criptovalute che fluiscono in contanti da parte delle società di private equity, nonché un volume crescente nei mercati dei derivati bitcoin, poiché i broker e gli exchange più tradizionali iniziano a offrire una gamma di prodotti regolamentati".

Mentre ci si aspetta che le istituzioni diventino più interessate al bitcoin, Tone Vays, che ritiene che il mercato rialzista prenda piede verso il 2022-2023, dice a Cryptonews.com che non si aspetta che le istituzioni investano in altcoin, e pensa che anche l'acquisto di bitcoin sarà limitato, data la natura sotto regolamentata del settore.

"Gli investitori istituzionali dovrebbero essere e per lo più saranno attratti solo da bitcoin, non vedo troppi investitori istituzionali o trader che trattano titoli penny stock perché sono abbastanza intelligenti da evitarli", aggiunge. "Lo stesso vale per bitcoin vs shitcoin (ovvero qualsiasi cosa che non sia bitcoin)."

Il fatto che le istituzioni investiranno di più in bitcoin è suggerito dall'attuale attività di trading. Mentre Bakkt ha iniziato lentamente quando ha lanciato lo scambio di futures bitcoin a settembre, da allora ha assistito ad aumenti costanti negli ultimi mesi, scambiando il record di 2.469 contratti futures il 22 novembre.

Mettendo da parte gli investitori istituzionali, Tone Vays prevede che gli investitori al dettaglio saranno aperti alle altcoin e a bitcoin. "Riguardo gli investitori al dettaglio, ci saranno sempre quelli che negoziano altcoin allo stesso modo in cui molti commerciano ancora le penny stock, mentre si lamentano delle balene. Nel tempo questo sarà sempre meno rilevante."

Vays prevede che il prossimo anno gli investitori al dettaglio saranno meno diffusi e meno importanti delle loro controparti istituzionali. "Penso che ci sarà un maggiore interesse da parte degli investitori istituzionali, ma solo per impostazione predefinita poiché non vedo alcun operatore al dettaglio entrare nel settore nel 2019, a me sembra che quest'anno abbia perso più trader di quanti ne abbia guadagnati e semplicemente non vedo una svolta nel 2020", dice.

Pur non ripetendo l'affermazione di Vays secondo cui gli investitori al dettaglio rimarranno per lo più insignificanti nel 2020, Nik Patel concorda sul fatto che saranno più aperti agli investitori in altcoins rispetto agli investitori istituzionali, i quali si concentreranno principalmente sulle criptovalute più avviate.

"Penso che gli investitori istituzionali saranno investiti principalmente nelle criptovalute che hanno una comprovata storia", dice, "e se riescono a trovarle, nelle criptovalute che generano utili. Penso che gli investitori al dettaglio, come è loro solito, si affolleranno a tutto ciò che sta facendo notizia e qualunque cosa stia vivendo la fase "euforica" del suo ciclo di mercato."

Oltre il 2020: il trading "non è affatto importante"

E cosa accadrà nel prossimo decennio? Bene, come per le previsioni meteorologiche a lungo termine, le previsioni di investimento in criptovalute variano ampiamente a seconda della persona che effettua la previsione e da quanto sono addentrati nella materia.

Alla fine più ottimistica dello spettro, protagonisti del calibro di Jeremy Liew, l'investitore di Snapchat, e il fondatore di Blockchain Peter Smith credono che BTC raggiungerà i 500.000 USD entro la fine del prossimo decennio. Secondo un rapporto che la coppia ha scritto in collaborazione, questa crescita sarà guidata da una combinazione di investimenti al dettaglio e istituzionali, poiché i consumatori si rivolgono a rimesse basate su bitcoin e mentre i fondi (e i consumatori) potrebbero trasformarsi in bitcoin durante i periodi di incertezza economica.

___

Le prospettive di Bitcoin alla luce delle tensioni globali

__

Tone Vays sospetta che potremmo non vedere gran parte di questa crescita fino a quando gli ETF (exchange-traded funds) saranno approvati dalla U.S. Securities and Exchange Commission e altri regolatori nazionali. "Penso che sia necessario un ETF prima che le istituzioni siano davvero coinvolte nel trading", prevede, con alcuni altri commentatori cauti che sospettano che un ETF non sarà approvato fino a quando il presidente della SEC Jay Clayton non lascerà l'incarico nel 2021.

Tuttavia, anche se abbiamo ancora un pò di tempo per aspettare che gli investitori istituzionali siano davvero immersi nel bitcoin e nelle criptovalute, Tone Vays non pensa che la loro riluttanza ostacolerà l'adozione più in generale.

"Non credo che il trading sia importante", afferma. "Ciò che conta è che più persone riconoscano che ora possono avviare un'attività senza una banca.”

"Puoi assumere persone da qualsiasi parte del mondo e pagarle in bitcoin, puoi vendere il tuo prodotto o servizio in qualsiasi parte del mondo accettando bitcoin. Creare un'economia ben sostenuta che ignori il sistema bancario, creerà la libertà umana che il mondo non ha mai visto", conclude.
__
Per saperne di più:
Crypto 2020:
Criptovalute 2020: cosa i regolatori potrebbero fare l'anno prossimo e nel decennio
Cripto 2020: previsioni di adozione per il prossimo anno e oltre

Più Articoli