Home In EsclusivaIn Primo Piano

Criptovalute 2020: cosa i regolatori potrebbero fare l'anno prossimo e nel decennio

Di Simon Chandler
  • "Vedo il 2020 come l'inizio di una rivoluzione normativa per le criptovalute".
  • "Ci sarà un vantaggio competitivo attraverso offerte più cripto-amichevoli".
Criptovalute 2020: cosa i regolatori potrebbero fare l'anno prossimo e nel decennio 101
Source: iStock/MicroStockHub

Dieci anni dopo, e le criptovalute sono ancora ampiamente non regolamentate e prive di controllo in molte parti del mondo. Ma negli ultimi due anni, con vari gradi di permissività e limitatezza, un numero crescente di paesi ha introdotto regolamentazioni per le criptovalute.

Questi paesi includono Svizzera, Giappone, Lituania, Malta e Messico, che in questi anni hanno approvato leggi che richiedono la concessione di licenze per gli exchange di criptovalute secondo le linee guida KYC (conosci il tuo cliente) e AML (antiriciclaggio).

Tuttavia, tali passaggi iniziali sono solo l'inizio, perché nel 2020 un numero maggiore di governi è impostato per proporre o attuare una regolamentazione delle criptovalute. L'Unione Europea e il G7 stanno esaminando come regolare le stablecoin, mentre attori del calibro di Cina e Giappone faranno entrare in vigore il prossimo anno leggi che dovrebbero in definitiva aiutare a favorire l'adozione delle valute digitali.

Regolamentazione = Restrizione

"Una regolamentazione più rigorosa è una corsa certezza", afferma Gary McFarlane, analista di criptovalute presso la piattaforma di investimento del Regno Unito Interactive Investor.

"I governi saranno divisi tra loro sul dove posizionare la linea per quanto riguarda l'equilibrio tra la promozione dell'innovazione e la sua uccisione, con Libra che probabilmente spingerà i più grandi paesi membri dell' OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) verso un'applicazione rigorosa", dice a Cryptonews.com.

"Ma siamo in un'economia globale, ci saranno paesi che cercheranno un vantaggio competitivo attraverso offerte più cripto-amichevoli."

Nazioni come Cina, Turchia, Hong Kong e Tailandia stanno pianificando la loro valuta digitale emessa dalla banca centrale (CBDC). Allo stesso tempo, c'è stato un respingimento dei regolatori statunitensi e dell'Unione Europea del progetto della stablecoin Libra di Facebook.

Insieme, questi due sviluppi implicano una regolamentazione più rigorosa e più restrittiva, poiché i governi e le banche centrali che gestiscono le proprie valute digitali vorranno rendere difficile per i potenziali rivali (ad esempio Facebook) superarli.

Ad esempio, la deputata Sylvia Garcia ha presentato un progetto di legge a novembre che vedrebbe tutte le stablecoin classificate come titoli, richiedendo che siano registrate negli Stati Uniti presso la Securities and Exchange Commission (SEC). Nel frattempo, il gruppo di nazioni del G7 ha sottolineato la necessità di una regolamentazione delle stablecoin in un rapporto pubblicato ad ottobre, sottintendendo che l'anno prossimo potrebbero essere prodotte linee guida o leggi che limiterebbero il funzionamento delle criptovalute come Libra.

Regolamentazione = Crescita

Fortunatamente, il rovescio della medaglia dell'accresciuto interesse dei governi per le criptovalute sarà l'introduzione di leggi più costruttive e incoraggianti, almeno in alcune nazioni.

"Mi aspetto un'ondata complessivamente positiva in termini di normative in tutto il mondo", prevede Kunal Barchha, CEO del cripto-exchange indiano CoinRecoil, nonostante in precedenza si aspettasse che il governo indiano vietasse le criptovalute.

“La prima fase è stata di rifiuto, la seconda di critica e infine i governi di tutto il mondo hanno capito che avrebbero perso molto di più se avessero mantenuto lo stesso atteggiamento.”

Il supporto per questa prospettiva positiva può essere trovato in vari paesi. In primis, il governo cinese ha approvato una legge sulla crittografia in ottobre che entrerà in vigore dal 1° gennaio e che stabilisce il sostegno del governo per lo "sviluppo del business della crittografia" in Cina.

Allo stesso modo, il Giappone ha approvato una proposta di legge a maggio che rafforzerà le sue attuali leggi sulle criptovalute da aprile del prossimo anno. In particolare, la nuova legge imporrà limiti alla negoziazione con margine al fine di ridurre il rischio degli investitori, ampliando al contempo la definizione di valute virtuali a "criptovalute", aumentando così ulteriormente le tutele per i consumatori.

Altre nazioni si sono concentrate anche su regolamentazioni positive che dovrebbero incoraggiare più persone a essere coinvolte nelle criptovalute. Nel marzo 2019, il Parlamento svizzero ha votato per sottoporre a consultazione nuove leggi sulle criptovalute, un processo che quest'anno potrebbe comportare l'integrazione di criptovalute, valute e piattaforme nell'ambito della legislazione finanziaria svizzera esistente.

"Il regolamento dovrebbe essere permissivo per le criptovalute, cosa che contribuirà a garantire certezza e credibilità al settore, determinando un aumento degli investimenti e un maggior numero di partecipanti che entreranno nel settore", prevede Iqbal V. Gandham, amministratore delegato di eToro UK.

La quinta direttiva antiriciclaggio

Un grande sviluppo normativo in arrivo il prossimo anno è l'introduzione della 5a direttiva antiriciclaggio. Come spiega Iqbal V. Gandham, ciò richiederà alcuni cambiamenti significativi per i trasmettitori di criptovaluta con sede nell'UE.

"Per le aziende che acquistano e vendono criptovalute, la quinta direttiva antiriciclaggio (5AMLD), introdotta il 10 gennaio, richiederà loro di registrarsi presso [regolatori finanziari nazionali]", dice a Cryptonews.com. "Indica inoltre requisiti minimi per i processi AML, simili a quelli che vediamo con le asset class tradizionali".

Poiché il 5AMLD richiede alle aziende collegate alle criptovalute di registrarsi con i propri regolatori nazionali e di conformarsi a una varietà di linee guida AML, è probabile che alcune aziende possano avere difficoltà ad adattarsi al nuovo ambiente normativo.

"Alcune piccole e medie aziende potrebbero avere problemi di conformità a causa dei costi associati", afferma Gandham.

"C'è una mancanza di conoscenza della conformità e della governance delle criptovalute, quindi trovare, formare e assumere queste persone può essere una sfida per le aziende più piccole. Le aziende più grandi in generale avranno probabilmente le procedure e i processi necessari già predisposti per far funzionare le criptovalute poiché simili alle altre classi di asset".

In altre parole, l'arrivo di normative più restrittive potrebbe avere l'effetto in tutto il settore di eliminare una parte delle aziende più piccole e di lasciare che le aziende più grandi si prendano una fetta di mercato più grande.

Regolamentazione dopo il 2020

E come sarà la regolamentazione delle criptovalute entro la fine del decennio? La maggior parte degli esperti ritiene che un quadro permanente sarà già stato impostato entro la fine del 2020.

"La tecnologia si sta muovendo molto rapidamente e raggiungerà il suo punto di equilibrio lungo la curva dell'innovazione - sicuramente prima della fine del prossimo decennio", suggerisce Iqbal Gandham. "È a questo punto che sapremo più o meno come apparirà l'industria delle criptovalute in quanto classe di investimento e ciò includerà anche il come sarà regolata. Mi aspetto che entro la fine del prossimo decennio si possa parlare della regolamentazione delle criptovalute come di qualsiasi altra classe di asset".

(Per saperne di più: Blockchain 'Following Internet’s Steps' to the Mainstream)

Kunal Barchha è d'accordo.

"Vedo il 2020 come l'inizio di una rivoluzione normativa per le criptovalute", afferma.

"Come qualsiasi altra nuova regolamentazione, le leggi sulle criptovalute dovranno affrontare critiche, opposizioni e argomentazioni da parte della comunità. Verrà fatta molta opposizione al governo affinché apporti emendamenti, ma alla fine le cose dovrebbero sistemarsi".
__

Per saperne di più: Crypto 2020: How Adoption Will Look Next Year and Beyond

Più Articoli