28 dicembre 2019 · 6 min read

Tendenze degli exchange cripto per il 2020 e il prossimo decennio

Il prossimo anno vedremo probabilmente una serie di cripto-scambi diversificarsi in nuovi servizi e funzionalità. Molti dei grandi scambi saranno più simili ai grandi ecosistemi che alle piattaforme di trading indipendenti entro la fine del prossimo dece

Fonte: iStock/jamielawton

Gli scambi sono i portali attraverso i quali il pubblico può acquistare Bitcoin, Ethereum e altre monete. Sono i veicoli per una più ampia adozione delle criptovalute.

E sin da quando Mt. Gox è emerso nel 2010, si sono evoluti, aggiungendo servizi, coppie di trading e funzionalità. Non sorprende che questo processo di evoluzione continuerà nel 2020, con i principali scambi che annunciano una serie di nuove funzionalità e piattaforme volte a diversificare i loro servizi per attirare nuovi clienti.

E nel corso del decennio, potremmo vedere i principali scambi comportarsi più come degli ecosistemi, mentre il consolidamento all'interno del mercato porterà forse ad avere solo pochi grandi exchange.

2019: DEX è ancora il futuro

Quindi cosa hanno fatto gli osservatori del settore per prevedere le tendenze degli exchange per il 2019? La loro più grande previsione era che gli scambi decentralizzati (DEX) sarebbero decollati, con numerosi lanci in programma per l'anno.

Avevano certamente ragione sul fatto che un certo numero di DEX sarebbero stati lanciati nel 2019. Binance, Huobi, Apollo, McAfee, DeversiFi, ICON e CoinEx hanno tutti lanciato scambi decentralizzati o semi decentralizzati, anticipando una domanda crescente di piattaforme di trading che consentono agli utenti di mantenere il pieno controllo delle loro criptovalute.

Tuttavia, nonostante l'aumento del numero, gli scambi decentralizzati sono ancora relativamente inferiori in termini di volume.

Fonte: dex.watch

“Sappiamo tutti che i DEX sono il futuro, ma non credo che nel 2020 la tecnologia sarà sufficientemente avanzata per supportare un DEX che sia facile da usare come uno [scambio centralizzato]. Ma quasi tutti gli scambi stanno esplorando questo campo,” dice Michael Gan, CEO di KuCoin.

2020: diversificazione, istituzionali e nuovi arrivati

Per il prossimo anno, probabilmente vedremo una gamma di cripto-scambi diversificarsi in nuovi servizi e funzionalità. Questo è ciò che Peter Ivanov, responsabile delle comunicazioni di CEX.io , racconta a Cryptonews.com dei piani per il 2020 dell'exchange con sede nel Regno Unito.

"Abbiamo alcuni progetti in programma per il 2020", afferma. Ciò include CEX.io Direct, uno strumento che consente ai siti Web di "incorporare un gateway di pagamento da fiat a criptovalute" direttamente nelle loro piattaforme e include anche un servizio di negoziazione di margine basato su contratti per differenza, una piattaforma aggregatrice per liquidità, un servizio di custodia e un dipartimento di trading over-the-counter (OTC) per i clienti aziendali.

Paolo Ardoino, CTO di Bitfinex, suggerisce anche che gli scambi si diversificheranno sempre più nel 2020.

Parlando con Cryptonews.com , rivela che, nel 2020, Bitfinex assisterà al "lancio di scambi di security token, mercati di previsione e opzioni su criptovalute".

Qualcosa di simile si potrebbe dire per OKEx con sede a Malta. Il suo responsabile operativo, Andy Cheung, informa Cryptonews.com che lo scambio "continuerà a far evolvere i nostri servizi di trading ed espandere la nostra offerta per i clienti. I nostri utenti possono aspettarsi di vedere più annunci, comprese le IEO su OK Jumpstart. "

Inoltre, OKEx punta a lanciare la testnet per la sua blockchain proprietaria, OKChain, all'inizio del 2020. Il nuovo anno vedrà anche il lancio di un proprio scambio decentralizzato, OKDex.

Allontanandosi da CEX.io, Bitfinex e OKEx, è chiaro che altri exchange si stanno diversificando. Binance sta lanciando una piattaforma di sviluppo blockchain aperta chiamata Venus, mentre hanno già lanciato la loro piattaforma futures.

Allo stesso modo, Huobi dovrebbe lanciare i suoi contratti perpetui (un tipo di contratto futures) nel primo trimestre 2020, mentre fonti interne a Coinbase suggeriscono che l'exchange sia in trattativa per il lancio della propria compagnia assicurativa. Altrove, Bithumb lancerà una piattaforma di "scambio come servizio" entro la fine del primo trimestre 2020.

Per la maggior parte, tale diversificazione farà parte del tentativo di offrire una gamma di opzioni di trading che possano attirare investitori istituzionali e clienti aziendali, il tipo che generalmente porta più soldi.

Sia Ardoino che Cheung prevedono che un numero maggiore di investitori istituzionali si unirà agli exchange nel 2020.

“Se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo di maggiori livelli di adozione delle criptovalute, abbiamo bisogno di più investitori istituzionali che entrino nello spazio ", secondo Ardoino.

(Per saperne di più: Crypto 2020: le istituzioni scelgono Bitcoin, i negozianti rimangono con le altcoin)

Tuttavia, anche i clienti al dettaglio non saranno dimenticati.

"Siamo nel bel mezzo di una campagna di sensibilizzazione in Sud Africa e in parti d'Europa come la Russia e la Turchia per diffondere la nostra missione e costruire la comunità OKEx a livello globale", afferma Cheung.

Inoltre, Michael Gan afferma che KuCoin si concentrerà sui nuovi arrivati poiché lo scambio prevede che nel 2020 e negli anni successivi molte persone compreranno la criptovaluta per la prima volta. Pertanto, la piattaforma mira a offrire piattaforme di trading semplificate e altri servizi: "l'intero settore si sposterà nella stessa direzione".

La Sicurezza nel 2020

Una cosa che emergerà ripetutamente tra gli exchange nel 2020 saranno gli sforzi per migliorare le misure di sicurezza. In un momento in cui gli scambi vengono ancora violati (come testimoniano Cryptopia, DragonEx, Bithumb, Binance, BiTrue, Bitpoint, e Upbit), i miglioramenti della sicurezza informatica sono assolutamente necessari.

"Miriamo a introdurre nuove misure di sicurezza il prima possibile, in quanto possono diventare obsolete in 6 mesi", afferma Peter Ivanov.
Lo stesso vale per altri exchange e società collegate a criptovalute. Binance ha fatto una canzone e ballato sulla scia del suo hack su come"continuerà a combattere" per misure di sicurezza più forti in futuro.

Più in generale, Paolo Ardoino prevede inoltre che gli scambi introdurranno una serie di nuove misure e politiche che renderanno l'intero ecosistema più sicuro.

"Stiamo assistendo a una maggiore attenzione ai servizi di cripto-custodia", afferma. "Questo va nella direzione della finanza tradizionale in cui gli scambi e i custodi sono entità diverse. In futuro la diversificazione delle responsabilità sarà inevitabile, al fine di essere in grado di servire gli investitori istituzionali".

Nel frattempo, a ottobre, OKEx ha introdotto la global Self-Regulated Organization (SRO).

“L'SRO lavorerà per standardizzare le pratiche e le politiche di sicurezza, che consideriamo fondamentali per la crescita e l'adozione tradizionale della criptovaluta come asset class", spiega Cheung.

Scambi di criptovalute nel prossimo decennio

Con una visione più ampia degli scambi di criptovalute, Peter Ivanov sospetta che molti dei grandi exchange saranno più simili ai grandi ecosistemi che alle piattaforme di trading indipendenti entro la fine del prossimo decennio. Prevede anche che il prossimo decennio sarà sempre più definito dalla crescente integrazione tra gli scambi e il sistema finanziario tradizionale, portando la criptovaluta sempre più vicino al mainstream.

Questa è una visione condivisa da Bitfinex e Paolo Ardoino, che si aspetta anche un consolidamento degli exchnage nel corso del decennio.

“Nel 2029 vedremo solo i pochi exchange di criptovalute di alto livello rimasti", prevede. “Questi scambi saranno completamente regolamentati e saranno alla pari con gli scambi finanziari tradizionali. In effetti, gli exchange di criptovaluta si evolveranno in piattaforme ibride di asset digitali che offrono una varietà di prodotti, tra cui STO e azioni. Queste piattaforme competeranno con scambi consolidati come il Nasdaq.”

Il CTO prevede inoltre che gli operatori al dettaglio scambieranno invece criptovalute su reti peer-to-peer basate sulla tecnologia Lightning Network.

Gan di KuCoin prevede inoltre che compariranno due tipi di exchange.

"Alcuni sarebbero più simili agli istituti finanziari tradizionali, offriranno una piccola gamma di risorse digitali e servizi professionali. Gli altri sarebbero più simili ai giganti di Internet che offriranno vari servizi e avranno molte campagne operative per guidare il traffico", ha aggiunto, aggiungendo che" KuCoin sarebbe più simile a quest'ultimo".

Nel frattempo, Cheung di OKEx crede che la DeFi (finanza decentralizzata) sarebbe uno dei temi principali nei prossimi cinque o dieci anni. Inoltre, secondo lui, più istituti bancari non tradizionali potrebbero abbracciare la piattaforma decentralizzata per attingere al mondo bancario tradizionale.

"D'altra parte, gli attuali giganti bancari potrebbero ulteriormente abbracciare tecnologie emergenti per mantenere la loro fetta di mercato", prevede.
 
Tuttavia, Gan ricorda che l'industria delle criptovalute sta cambiando molto velocemente: "Ad essere onesti, non pianifichiamo per un anno intero, il più a lungo che possiamo prevedere è sei mesi".
_____

Guarda la nostra serie di previsioni Crypto 2020: