07 dicembre 2020 · 7 min read

Cripto nel 2021: Bitcoin cavalca l'onda dei problemi macroeconomici

È probabile che i tassi di interesse rimarranno bassi nel prossimo futuro. Il Quantitative Easing è importante per i politici che vogliono ottenere il consenso. "C'è un pò troppo ottimismo" sui vaccini contro il coronavirus. L'inflazione...

Fonte: Adobe/dennisvdwater

Il 2020 è stato l'anno di bitcoin (BTC) e il mercato cripto in generale ha iniziato a rispondere più attivamente alle tendenze e agli indicatori macroeconomici. Mentre i critici continuano a discutere del fatto che questo mercato risponda solamente ai propri problemi e movimenti, sembra che gli investimenti in bitcoin di attori del calibro di MicroStrategy, Square, e anche SME tipo Snappa e Tahini’s sia stata una reazione ai bassi tassi di interesse e al dollaro in difficoltà.

USD/EUR

Fonte: Morningstar, Google

È probabile che ciò continui nel 2021, con una serie di dati del settore e analisti che dicono a Cryptonews.com che si aspettano che tassi d'interesse bassi e quantitative easing (QE) rimarranno per un pò di tempo nel panorama macroeconomico. E mentre alcuni si aspettano che la deflazione rappresenti un rischio maggiore nella prima metà dell'anno, altri si aspettano che l'inflazione o la svalutazione della valuta siano una possibilità nella seconda metà.

Nel complesso, tutto ciò suggerisce che il 2021 potrebbe essere favorevole per le criptovalute - e bitcoin in particolare - in termini di clima macroeconomico.

2020: cosa hanno detto gli esperti?

Nel 2019, gli esperti avevano predetto che il 2020 avrebbe portato tassi di interesse bassi. Hanno anche suggerito che l'anno potrebbe essere testimone di una recessione globale, che un numero crescente di economisti prevedeva all'epoca.

Con l'aiuto della pandemia coronavirus, queste due previsioni si sono dimostrate vere, con il calo dei tassi di interesse (già bassi) e una recessione globale che ha contribuito a stimolare bitcoin e altri criptovalute, anche se il mercato delle criptovalute ha sofferto qualcosa come un massiccio flash crash a marzo, quando la pandemia ha scosso per la prima volta i mercati globali.

Gli esperti hanno anche suggerito che i conflitti e le difficoltà commerciali in corso possono aumentare la domanda degli investitori di asset "sicuri" come bitcoin. Tuttavia, il commercio internazionale è stato oscurato dalla risposta a COVID-19, quindi è difficile dire se il rischio in corso di un no-deal Brexit, ad esempio, abbia contribuito all'aumento della capitalizzazione del mercato criptato del 207% quest'anno.

Stampanti di denaro calde e tassi di interesse bassi

Tutti coloro con cui abbiamo parlato stimano che il Quantitative Easing e, in particolare, i bassi tassi di interesse continueranno nel 2021 (e forse oltre).

"È probabile che i tassi rimarranno bassi nel prossimo futuro perché gran parte del mondo sviluppato semplicemente non è in grado di gestire tassi di interesse più elevati", ha affermato Kevin Kelly, co-fondatore e analista finanziario di Delphi Digital.

Secondo lui, tassi di interesse più elevati causerebbero un inasprimento delle condizioni finanziarie, il che farebbe salire i tassi di insolvenza e i fallimenti in un momento in cui le prospettive di crescita ottimistiche sono già difficili da ottenere.

Kelly ha aggiunto che è probabile che la monetizzazione del debito su larga scala (alias QE) continui fino al 2021, in particolare perché i governi emettono più debito sovrano per finanziare la spesa necessaria per mantenere a galla l'economia globale. E non è l'unico a stimarlo, con lo sviluppatore, educatore e imprenditore di Bitcoin Jimmy Song che suggerisce che i politici sono più o meno politicamente obbligati a far funzionare la stampante del dollaro.

“Il Quantitative Easing è l'unico modo in cui ognuno di questi politici potrà ottenere supporto, quindi è quello che faranno. Il 2021 potrebbe non essere così folle in termini di stampa di denaro, ma gli effetti dell'espansione dell'USD dovrebbero essere avvertiti in tutto il mondo mentre questo denaro appena stampato circola ", ha detto a Cryptonews.com .

Ora c'è una scuola di pensiero emergente che l'arrivo di efficaci vaccini per il coronavirus aiuterà l'economia globale a uscire dal suo fosso nel 2021. Tuttavia, Mike McGlone, stratega senior delle materie prime di Bloomberg Intelligence , è più cauto.

"Non ho idea di quanto durerà, ma mi aspetto che le tendenze siano durature e penso che ci sia un po 'troppo ottimismo sul fatto che i vaccini ampiamente distribuiti invertiranno rapidamente il rapporto debito/PIL, QE e MMT su base globale", ha detto.

Deflazione, inflazione e svalutazione

La continuazione del quantitative easing solleva lo spettro dell'inflazione, anche se gli esperti ritengono che la deflazione sarà il problema principale per gran parte del 2021, data la stagnazione dell'economia globale.

“La deflazione rimane la tendenza predominante, in particolare sulla scia dei cambiamenti di paradigma nella tecnologia e nella demografia in rapido progresso (invecchiamento della popolazione). Gli indicatori principali sono il prezzo del petrolio greggio WTI e del gas naturale, entrambi in calo di circa il 70% dopo la crisi finanziaria", ha affermato Mike McGlone.

Detto questo, l'inflazione potrebbe emergere nel 2021 in una forma particolare, come la svalutazione della valuta.

"Mi aspetto che alla fine l'inflazione riemergerà, ma è più probabile che sia un tipo di svalutazione della valuta e potrebbe prendere l'opposto di ciò che ha schiacciato l'inflazione negli anni '80: tassi elevati rispetto a tassi negativi negli Stati Uniti dopo il Giappone e gran parte dell'Europa, potrebbe essere un mercato azionario ribassista ”, ha detto lo stratega.

Questa è una visione condivisa da Lyn Alden, analista e fondatore di Lyn Alden Investment Strategy , e advisor di Swan Bitcoin , un'app di investimento BTC.

"Molti mercati sviluppati stanno intenzionalmente tentando di indebolire le loro valute rispetto ad altre, in modo che le loro esportazioni rimangano competitive sulla scena globale", ha detto.

Alden ha anche detto a Cryptonews.com che si aspetta che l'inflazione arrivi verso la fine dell'anno, poiché i deficit si espandono ei governi sono costretti a creare ancora più denaro per finanziarli.

"Entro la fine del 2021, non sarei sorpreso di vedere un aumento dell'inflazione e potrebbe dipendere in parte dai prezzi delle materie prime, come se l'OPEC tenesse stretta l'offerta di petrolio e la domanda di petrolio tornasse entro la fine del 2021", ha aggiunto.

Allo stesso modo, Jimmy Song prevede che l'inflazione sarà un problema per le economie più piccole, con l'USD che rimarrà relativamente isolato dagli effetti dell'espansione monetaria.

“L'USD è molto liquido, mentre la lira turca, ad esempio, non lo è. Le valute meno liquide soffriranno molto di più dell'inflazione poiché le persone andranno naturalmente verso la valuta più liquida. L'USD ne soffrirà un pò, ma solo dopo che i paesi del terzo mondo soffriranno", ha detto.

"Un momento cruciale"

Preso con tassi di interesse estremamente bassi, gli effetti dell'aumento dell'inflazione e della svalutazione della valuta faranno sembrare bitcoin e altre criptovalute più attraenti per l'investitore medio.

"Mi aspetto che il bitcoin continui ad aumentare di prezzo e potrebbe continuare a salire in maniera simile a quella del 2017, che è stato di oltre il 1.000%", ha detto Mike McGlone. "Il resto del mercato delle criptovalute, che è in eccesso di offerta, probabilmente seguirà bitcoin, ma sottoperformerà."

McGlone ha aggiunto che il 2021 potrebbe essere "quasi una tempesta perfetta" per bitcoin.

"Le condizioni macroeconomiche sono notevolmente favorevoli - Bitcoin ha le basi per una forte correzione al rialzo, il QE senza precedenti su base globale nell'anno successivo al taglio dell'offerta (halving), con istituzioni che entrano ed entità come PayPal che portano esposizione alle masse ", ha aggiunto.

BTC/USD price chart

Fonte: coinpaprika.com

Detto questo, se l'economia globale dovesse affrontare un altro shock (piuttosto che tassi bassi e un QE in corso), ciò potrebbe ridurre l'appetito degli investitori per asset più speculativi, come le criptovalute.

"Se le condizioni economiche peggiorassero, potremmo vedere BTC e le altre criptovalute soffrire se la volatilità del mercato esplodesse di nuovo o se il sentimento di riduzione del rischio diventasse estremo", ha affermato Kevin Kelly.

Questo scenario sembra essere il meno probabile, vista la comparsa di vaccini contro il coronavirus apparentemente efficaci (anche se chissà quali sorprese potrebbe portare il 2021). Invece, le condizioni macroeconomiche prevalenti potrebbero spingere gli investitori verso bitcoin, dato che altri modi per realizzare un profitto con il capitale rimarranno pochi e rari.

Per Henri Arslanian, Global Crypto Leader di PwC , tutto ciò significa che il 2021 potrebbe essere un anno chiave per le criptovalute.

Egli ha detto:

"Credo davvero che il periodo che stiamo attraversando in questo momento sarà visto come un momento cruciale nella storia della moneta in cui sviluppi come livelli record di Quantitative Easing e stimoli finanziari intercettano livelli record di interesse per bitcoin e valute digitali delle banche centrali."

___
Per saperne di più:
Crypto Adoption in 2021: Bitcoin Rules, Ethereum Grows & Faces Rivals
Crypto Regulation in 2021: The Piecemeal Approach & New Winds
Crypto in 2021: Institutions Prefer Bitcoin, Retail Open to Altcoins
Crypto Tech In 2021: Focus on Scalability, Privacy and Usability
Crypto Security in 2021: More Threats Against DeFi and Individual Users