06 giugno 2021 · 6 min read

Il potere delle lobby del settore cripto cresce man mano che gli ex funzionari cambiano schieramento

L'industria delle criptovalute sta intensificando gli sforzi per garantire risultati normativi favorevoli. "È un malinteso" che le criptovalute siano un wild west non regolamentato, in quanto vi sono molte normative in vigore.

Fonte: Adobe/Sergey Chumakov

Negli ultimi mesi, le società cripto hanno incaricato sempre più ex regolatori e legislatori. Sebbene l'obiettivo ufficialmente dichiarato di tali nomine sia quello di aiutare l'industria delle criptovalute a comprendere meglio il panorama normativo, è altrettanto probabile che gli incaricati siano stati arruolati per aiutare le aziende a fare pressioni sul governo e sulle autorità di regolamentazione in modo più efficace.

Ma non sono solo gli ex regolatori e legislatori che si uniscono alle società di criptovalute, anche gli ex dirigenti del sistema finanziario tradizionale "saltano sul carro". Insieme agli ex funzionari, questi dirigenti non solo stanno aiutando a migliorare la qualità della leadership nelle criptovalute, ma stanno anche aiutando le criptovalute a intensificare il suo gioco di lobby.

E secondo i dati di lobbying disponibili negli Stati Uniti, le grandi aziende e le associazioni di categoria sono sulla buona strada per battere i loro record di spesa nel 2021. Questa potrebbe essere una buona notizia per l'intero settore, se supponiamo che le affermazioni delle associazioni di categoria, che perseguono l'interesse di tutti i partecipanti, siano vere.

Passando al settore cripto

L'elenco delle nomine di ex-regolatori/legislatori nel settore cripto è cresciuto abbastanza costantemente nel 2021. Ecco una rapida carrellata di alcune nomine  recenti più importanti, comprese le assunzioni di ex dirigenti finanziari:

Questi sono solo le nomine più importanti, ma danno l'impressione che le criptovalute stiano davvero intensificando gli sforzi per garantire risultati normativi favorevoli.

Secondo Ekaterina Anthony, membro del consiglio di amministrazione della Crypto Valley Association con sede in Svizzera, tali nomine trasversali indicano che l'industria delle criptovalute sta iniziando a maturare.

“La ripresa del mercato porterà i leader del settore, compresi quelli che lavorano per i regolatori, a stare dalla parte delle nuove tecnologie dirompenti. Indubbiamente, tali leader possono accelerare il processo di lobbying e adeguamento normativo", ha detto a Cryptonews.com.

Inoltre, altri operatori del settore suggeriscono che la maggior parte degli appuntamenti, di cui sopra, mirano maggiormente a garantire la massima conformità possibile alle normative esistenti.

"È più probabile che tali nomine siano state effettuate dal punto di vista della compliance, per aiutare le aziende a comprendere e navigare in modo più efficace in un quadro giuridico e normativo ambiguo e in continua evoluzione", ha affermato Gabriella Kush, membro del consiglio di amministrazione della Global DCA (Associazione globale di asset digitali e criptovalute) con sede negli Stati Uniti. "Identificare e includere ex regolatori e legislatori aiuta a comprendere meglio, anticipare e garantire l'allineamento con i requisiti legali e normativi attuali e potenzialmente futuri per le attività di cripto".

Questa è una visione condivisa da Graham Newell della Blockchain Association. Sebbene sia d'accordo sul fatto che ci sia probabilmente un motivo di lobby dietro almeno alcune delle recenti nomine e sospetta anche che molte delle assunzioni siano motivate dal desiderio di migliorare la leadership e di espandersi.

“Anche se queste assunzioni potrebbero aiutare un'azienda a comprendere meglio il percorso dall'idea alla politica o alla nuova azione normativa, presumo che l'attributo principale che queste aziende stanno cercando sia se una nuova assunzione possa aiutarle a far crescere il loro core business. Brooks, in particolare, ha una profonda esperienza nelle criptovalute, oltre a una buona comprensione dell'apparato normativo del governo, dopo il suo periodo presso l'[Office of the Comptroller of the Currency]", ha detto a Cryptonews.com.

 

Il lobbying si intensifica

Tuttavia, è chiaro da molti dei comunicati stampa che accompagnano le recenti assunzioni che un motivo di lobby è molto presente. Con le nomine di McDonnell e Nadeu, ad esempio, Binance, che ora è oggetto di indagine negli Stati Uniti, ha affermato che uno degli scopi principali era "sostenere il suo obiettivo generale di costruire relazioni più forti con gli organismi di regolamentazione e di applicazione della legge in tutto il mondo".

In altre parole, lobbying. E questa ipotesi è supportata dagli ultimi dati sul lobbying negli Stati Uniti, compilati da OpenSecrets.org.

Se dai un'occhiata alla voce di Coinbase nel database di OpenSecrets, vedi che è sulla buona strada per spendere un importo record in lobbying nel 2021. La sua spesa in lobbying è cresciuta costantemente ogni anno dal 2017, e anche se ha dati solo per il primo trimestre 2021, questo mostra una notevole crescita rispetto al primo trimestre del 2020.

Fonte: OpenSecrets.org

Un aumento è visibile anche con la Blockchain Association, i cui membri includono Binance.US, Blockchain Capital, BlockFi, Circle, Digital Currency Group, eToro, Grayscale, Ledger, Polychain Capital, Ripple, Stellar, Uniswap e numerosi altri. La sua spesa per il primo trimestre 2021 supera anche quella del  primo trimestre 2020, attestandosi a 130.000 USD (la sua spesa totale per il 2020 è stata di poco inferiore a 500.000 USD).

Secondo Graham Newell della Blockchain Association, ciò per cui la maggior parte delle organizzazioni e delle aziende cripto stanno facendo pressioni è per una regolamentazione più chiara e trasparente.

Inoltre ha affermato che "è un malinteso che persiste in gran parte dei media mainstream e dei mondi finanziari tradizionali, che le criptovalute siano un wild west non regolamentato. Esistono molte normative in vigore che riguardano l'industria delle criptovalute, sia per i singoli consumatori che per le grandi aziende. Quello che noi, e altri, vorremmo vedere è un'ulteriore chiarezza su questioni importanti, come le leggi sui titoli, le disposizioni sulla custodia e la politica fiscale".

Allo stesso modo, la Global DCA afferma di perseguire una regolamentazione equa.

“Il nostro obiettivo e il nostro compito sono semplici: una regolamentazione equilibrata, che alimenta l'innovazione e consente un ulteriore sviluppo del settore, proteggendo allo stesso tempo i consumatori e il pubblico in generale", ha affermato Gabriella Kush.

Come riportato in passato da Cryptonews.com, c'è il timore che il lobbying possa essere condotto dal punto di vista delle società di criptovalute più grandi, con qualsiasi regolamentazione risultante che danneggi le società più piccole. Tuttavia, praticamente ogni associazione di categoria afferma che mira a rappresentare tutti i membri del settore, grandi e piccoli.

Ekaterina Anthony del CVA spiega: “Nella nostra associazione, ascoltiamo l'opinione di tutti i partecipanti al mercato, che chiamiamo settore privato e informiamo periodicamente il regolatore delle nostre opinioni e requisiti consolidati. Collaboriamo anche con altri paesi e associazioni che riuniscono startup di criptovalute e grandi aziende e la maggior parte dei partecipanti ha aspettative e obiettivi molto simili".

____

Per saperne di più:

- Another US Regulator Wants Agencies to Join Hands to Regulate Crypto
- SEC’s Head Wants to 'Fill in the Gaps' in Crypto Investor Protection

- Can't Beat Crypto Regulators? Educate Them
- Regulatory Kaleidoscope Challenges Crypto Industry - Crypto.com CCO

- DeFi Sector May Face Threat from New EU Crypto Regulations – Survey
- Regulators Ponder Strategy As Bitcoin & Co Are Too Large to Ignore

- FATF Makes Small Crypto Platforms Easy Prey For Big Players
- Former Regulators Moving Into Crypto: South Korea vs US