23 gen 2022 · 7 min read

Fiscalità crypto nel 2022: più tasse e dati sugli utenti

Fonte: Adobe/GOD Bless

____

____

Tendenze fiscali delle criptovalute nel 2022: maggiore segnalazione di dati, regole aggiornate e un dibattito sulla tassa patrimoniale

  • Diventerà sempre più difficile nascondere al fisco statunitense i profitti che si fanno (tramite il trading di criptovalute).
  • L'UE potrebbe introdurre una legislazione nel 2022 che mira ad uno scambio transfrontaliero di informazioni riguardanti le transazioni crypto.
  • La maggior parte dei paesi cercherà di introdurre/affrontare la tassazione delle criptovalute nel 2022.
  • Ad un certo punto potremmo anche vedere i governi cercare di tassare la ricchezza basata sulle criptovalute prima ancora che sia convertita in fiat.
     

La tecnologia crypto non è più un segreto, e questo è più che mai evidente negli sforzi dei vari governi per assicurarsi che i trader di criptovalute paghino le tasse sui loro guadagni. Il 2021 ha visto una crescente tendenza verso la creazione di regimi di tassazione per le criptovalute, e il 2022 potrebbe vedere più governi implementare effettivamente tali regimi e farli rispettare.

Secondo gli esperti fiscali che parlano con Cryptonews.com, alcune tendenze principali potrebbero definire la tassazione delle criptovalute nel 2022. In particolare, potremmo vedere un aumento dei requisiti di resoconti informativi da parte degli exchange di criptovalute e delle piattaforme di trading, mentre è anche probabile che i governi introdurranno regole volte a facilitare lo scambio transfrontaliero di informazioni sulle transazioni.

La costruzione di una rete monolitica di reporting lascerà gli exchange e le altre imprese di criptovalute con poche opzioni se non la conformità generale. E una volta che le linee guida sui resoconti delle transazioni di criptovalute saranno state completamente implementate, potremmo vedere i dibattiti sulla tassazione della ricchezza basata sulle criptovalute riscaldarsi.

Aumento dei resoconti e di dati

Se sei negli Stati Uniti scoprirai che, a partire da quest'anno, diventerà sempre più difficile nascondere i profitti che fai (tramite il trading di criptovalute) all'Internal Revenue Service (IRS). Come nota lo specialista fiscale internazionale Selva Ozelli, questo è il risultato dei cambiamenti proposti come parte del disegno di legge sulle infrastrutture da 1 trilione di dollari divenuto legge a novembre.

H.R. 3684, l'Infrastructure Investment and Jobs Act, richiede che i "broker" di criptovalute - ovvero "qualsiasi persona che a titolo oneroso è responsabile di fornire regolarmente qualsiasi servizio che effettui trasferimenti di asset digitali per conto di un'altra persona" - segnalino all'IRS gli acquisti di criptovalute e di token non fungibili (NFT) superiori a 10.000 dollari sul Modulo 8300, includendo nomi e numeri di previdenza sociale, o potenzialmente affrontare accuse penali", ha dichiarato Selva Ozelli a Cryptonews.com.

Tuttavia, vale la pena sottolineare che l'industria delle criptovalute sta già facendo sforzi per modificare le disposizioni del disegno di legge che riguardano i resoconti contenenti informazioni; il CPA fiscale (contabile pubblico certificato) Edward Zollars che suggerisce che la loro portata eccessivamente ampia potrebbe essere ristretta in un futuro non troppo lontano.

"Dal momento che abbiamo già avuto un cambio di legge che richiederà la segnalazione di determinate vendite di "asset digitali " e il monitoraggio degli acquisti da parte di terze parti, mi aspetterei una guida dell'IRS prima che queste regole diventino definitive, così come un probabile riesame di queste regole da parte del Congresso nei prossimi 2 anni, prima che questi resoconti vengano effettuati", ha detto a Cryptonews.com.

Attraversando l'Atlantico, Niklas Schmidt, un avvocato e partner dello studio legale austriaco Wolf Theiss, si aspetta che l'UE introduca una legislazione nel 2022 che mira ad uno scambio transfrontaliero di informazioni riguardanti le transazioni di criptovalute. Come per l'esempio americano, questo è per garantire che i singoli governi nazionali possano raccogliere più efficacemente le tasse dalle plusvalenze derivate dalle criptovalute.

"Era stato annunciato che la bozza di una direttiva sarebbe stata presentata nel quarto trimestre del 2021; poiché questo non è successo, possiamo probabilmente aspettarci una bozza nel primo trimestre del 2022", ha detto.

Schmidt suggerisce che gli exchange di criptovalute nell'UE dovrebbero molto probabilmente raccogliere alcune informazioni riguardanti i loro clienti (come nome, indirizzo, numero di identificazione del contribuente, transazioni di cripto effettuate e saldi di cripto).  

"Queste informazioni sarebbero poi rese disponibili alle autorità fiscali nel paese di origine del cliente. Se per esempio, un cliente dalla Germania usasse un exchange crypto austriaco, le autorità fiscali tedesche potrebbero usare le informazioni ricevute dall'Austria per controllare se il contribuente tedesco ha rispettato i suoi obblighi di dichiarazione fiscale tedesca", ha detto a Cryptonews.com.

In altre parole, la tendenza fiscale prevalente per il 2022 sarà che i trader di criptovalute in numerose nazioni sviluppate dovranno effettivamente pagare, pena la scoperta da parte dei loro governi che stanno cercando di nascondere i profitti. 

Nuove regole fiscali

Oltre a intensificare i requisiti di resoconto, potremmo anche vedere più paesi che introducono regole di tassazione cripto completamente nuove, in gran parte perché molte nazioni semplicemente non hanno formulato tali regole fino ad oggi.

"Come è ben noto, la maggior parte dei paesi non ha regole specifiche per la tassazione delle criptovalute e ha emesso solo una guida molto superficiale sulle transazioni cripto. Mi aspetto che la maggior parte dei paesi cercherà di affrontare la tassazione delle cripto nel 2022", ha detto Niklas Schmidt.

Come esempio, Schmidt spiega che l'Austria avrà regole completamente nuove sulla tassazione delle criptovalute nel 2022, con il nuovo regime impostato per trattare i criptoasset come se fossero azioni e applicare una tassa del 27,5% sulle plusvalenze.

"Le transazioni da cripto a cripto non innescheranno più la tassazione sui guadagni di capitale e anche lo staking diventerà esente da tasse. D'altra parte, la tassa di uscita ora coprirà anche le criptovalute", ha aggiunto.

Le nuove regole non saranno limitate solo all'Europa. In ottobre, il comitato del Senato sull'Australia come Centro Tecnologico e Finanziario (ATFC) ha proposto una serie di nuove regole per l'industria delle criptovalute, tra cui regole fiscali aggiornate che forniscono chiarezza per i nuovi tipi di asset e attività legate alle criptovalute (ad esempio la finanza decentralizzata (DeFi) e gli NFT).

Mentre le regole in arrivo in Australia riguardano la chiarezza, altre nazioni probabilmente prenderanno una linea più dura sulle cripto quando si tratta di tasse. La Thailandia mira ad imporre una tassa del 15% sulle plusvalenze cripto quest'anno, mentre la Corea del Sud imporrà una tassa del 20%, anche se non entrerà in vigore fino al 2023.

Indipendentemente da ciò, tali mosse mostrano che i governi del mondo trascorreranno gran parte del 2022 facendo di tutto per assicurarsi di ricevere una percentuale significativa dei profitti che i trader di cripto hanno realizzato. E se la cryptosfera vuole davvero guadagnare legittimità e attrarre l'adozione mainstream, dovrà rispettare i nuovi requisiti di resoconto e le regole fiscali.

"Ho il sospetto che la maggior parte delle imprese legittime che si occupano di criptovalute si conformeranno a queste regole e, una volta che la segnalazione delle informazioni sarà in vigore, gli investitori che attualmente stanno ignorando la legge (la posizione dell'IRS su questo è stata chiara per un bel po' di tempo) saranno effettivamente costretti a segnalare o affrontare gli stessi tipi di avvisi che ricevono per non aver segnalato le vendite di azioni negoziati in borsa e simili", ha detto Edward Zollars.

Il futuro: Una tassa sulla ricchezza crypto?

Guardando ad un futuro più lontano, un commentatore suggerisce che ad un certo punto potremmo anche vedere i governi cercare di tassare la ricchezza basata sulle cripto prima ancora che sia convertita in fiat. Questo perché, come spiega Philipp Sandner del Blockchain Center della Frankfurt School, un numero crescente di investitori di Bitcoin (BTC) e di altre criptovalute vuole mantenerla invece di venderla e convertirla in valuta fiat.

"Questo porterebbe quindi ad una ricchezza che non è tassata, a meno che non si introduca un nuovo regime fiscale per la tassazione della ricchezza. Pertanto, vedremo la domanda: la ricchezza dovrebbe essere tassata, anche se i guadagni non sono stati realizzati?" ha detto.

Sandner suggerisce che un tale scenario è plausibile, e anche se richiederà la creazione di un registro patrimoniale per ogni residente in una particolare nazione, dice che è possibile.

"Alcuni paesi lo fanno (per esempio la Svizzera) e funziona. È anche giusto. Ma è un enorme cambiamento nel regime fiscale", ha detto a Cryptonews.com.

Questa potrebbe sembrare un'eventualità remota, ma in un momento in cui le richieste di una tassa generale sul patrimonio sono già in aumento, potrebbe un giorno accadere, anche se non probabilmente nel 2022.
_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Tendenze 2022 del Metaverso
- Bitcoin e Mining 2022: nuove location, tecnologie e attori

- CBDC nel 2022: nuovi pilot e concorrenza con le crypto
- Previsioni 2022 del settore NFT

- Bitcoin and Ethereum Price Predictions for 2022
- Crypto Adoption in 2022: What to Expect? 

- Tendenze 2022 della regolamentazione crypto
- Previsioni 2022 del settore DeFi

- Sicurezza delle criptovalute: previsioni 2022
- Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?

- Exchange crypto 2022: più servizi, conformità e concorrenza
- 2022: Tendenze degli investimenti e del trading nelle crypto

Trova altre previsioni per il 2022 qui