Home In EsclusivaIn Primo Piano

I Cripto Wallets al Bivio, cosa potrebbe significare per te?

Di Simon Chandler
  • "È un'industria in fase iniziale e questi modelli di business vengono ripetuti, testati e migliorati ogni giorno".
  • "Il business deve essere redditizio, altrimenti sarà interrotto".
I Cripto Wallets al Bivio, cosa potrebbe significare per te? 101
Source: iStock/MarsYu

Le cripto si vantano spesso di essere open source e guidate dalla comunità. Tuttavia, nel caso dei portafogli cripto online, il modello gratuito può presentare numerosi svantaggi.

In particolare, la mancanza di finanziamenti e l'uso di codice open source possono spesso mettere in svantaggio i portafogli, come dimostrato dagli sfortunati hack che Electrum, Agama e Copay hanno subito negli ultimi mesi. Mancando di mezzi sostenibili per generare profitti, i portafogli online mancano dei mezzi finanziari per rafforzare e assicurare i propri servizi quanto potrebbero.

Tuttavia, mentre la situazione attuale è definita principalmente da portafogli non redditizi, ci sono segnali che le cose stiano cambiando. I wallet stanno cercando di aggiungere funzionalità a pagamento alle loro piattaforme, mentre alcuni prevedono che potrebbero diventare il fulcro dell'ecosistema cripto in futuro.

Alla ricerca di un modello di business

Invece di addebitare le tariffe per l'invio o la ricezione delle cripto, molti portafogli online cercano di guadagnare con l'addebito di una serie di servizi aggiuntivi, dai mixer abilitati per la privacy ai gateway fiat-to-crypto.

Ad esempio, Atomic Wallet consente agli utenti di acquistare Crypto con le loro carte bancarie e, per questo privilegio, addebita una commissione del 2% o di 10 USD, a seconda di quale sia maggiore. Al contrario, Wasabi Wallet è un portafoglio open-source non custodito che addebita agli utenti la transazione anonima di Bitcoin utilizzando Chaumian CoinJoin.

"La maggior parte dei modelli di business si basa sulla fornitura ai propri utenti di servizi e valore extra", Nuno Coelho - cofondatore di BlueWallet, conferma a Cryptonews.com. "Servizi come custodia sicura, Bitcoin on-ramps, portafogli con hardware fisico, ecc. È un'industria in fase iniziale e questi modelli di business vengono ripetuti, testati e migliorati ogni giorno".

Dato lo stato attuale di sviluppo ed adozione del settore cripto, in questo momento non esiste un altro modo per monetizzare un portafoglio basato su software. Perché come ha detto il project manager di Mycelium Dmitry "Rassah" Murashchik al sito tedesco BitcoinBlog nel 2016, “non c'è modo di fare soldi con il portafoglio stesso. C'è l'idea di addebitare le transazioni, ma poi le persone se ne vanno e usano altri portafogli."

È difficile dire quanto sia proficuo un simile approccio, soprattutto perché i produttori di portafogli software non pubblicano cifre di vendita. Tuttavia, è possibile effettuare una stima e un confronto molto approssimativi, e ciò indicherebbe che i wallet software non sono neanche lontanamente proficui quanto le loro controparti hardware.

Ad esempio, Ledger ha rivelato ad ottobre che aveva venduto oltre 1,3 milioni di unità dei suoi wallet, e con questa quantità di pezzi venduti ad un prezzo che va dai 59 ai 119 dollari, ciò equivale a un fatturato tra i 76,7 milioni e i 154,7 milioni di dollari.

Al contrario, un recente attacco denial of service ha infettato 152.000 dispositivi che utilizzavano il wallet gratuito Electrum. E poiché Electrum è uno dei portafogli software più popolari del mercato, è probabile che altri portafogli online - che fanno pagare per i servizi aggiuntivi opzionali - avranno numeri utente più piccoli e ricavi minori (di Ledger).

Deve essere redditizio

L'incapacità di realizzare profitti reali dai portafogli software ha, ovviamente, serie conseguenze. Come accennato sopra, Electrum ha subito un attacco denial of service distribuito ad aprile, mentre a dicembre un hacker ha rubato Bitcoin per un valore di circa 750.000 dollari dagli utenti del portafoglio.

È discutibile che l'assenza di un flusso di entrate significativo privi Electrum, e portafogli simili, delle risorse necessarie per rendere il portafoglio più forte e il più sicuro possibile. Anche un altro portafoglio software, Copay, è stato violato l'anno scorso, mentre all'inizio di giugno, Komodo ha hackerato il proprio portafoglio Agama, dopo essere stato informato di una vulnerabilità che metteva a rischio i fondi degli utenti.

"Di solito la maggior parte dei progetti viene avviato da appassionati che giocano con la tecnologia come noi", afferma Nuno Coelho."Ma a lungo termine un'azienda deve essere redditizia, altrimenti verrà dismessa, perchè oramai incapace di continuare a innovare o incapace di continuare a fornire valore per gli utenti."

Nel caso sia di Copay che di Agama, le loro vulnerabilità sono sorte a causa del modo in cui i loro portafogli corrispondenti facevano uso di librerie di codici open source, in cui gli hacker avevano inserito script malevoli. Tali occorrenze sono in genere più probabili con i portafogli software gratuiti, poiché incorporano una percentuale maggiore di codice open source e perché spesso non dispongono di personale sufficiente per la caccia agli errori in modo proattivo.

Il futuro dei wallets

Ciononostante, la maggior parte dei portafogli esistenti e promettenti sta pianificando sempre più modi per autofinanziarsi e aggiungere livelli di servizi a pagamento sulle loro funzionalità di base.

Ad esempio, HODL Wallet ha recentemente scritto su Twitter che uno dei suoi modi di monetizzare "sarebbe quello di scambiare i bitcoin per un controvalore prepagato come le gift card o altri beni digitali. Alla fine pensiamo di offrire ai nostri utenti la possibilità di acquistare/vendere bitcoin in un'esperienza priva di custodia."

Alcuni guardano ancora più avanti, con BlueWallet che prevede che i portafogli possano diventare lo sportello unico per le esigenze cripto di tutti.

"I portafogli diventeranno sempre di più l'interfaccia centrale autosufficiente per l'individuo", predice Nuno Coelho. "I modelli di business di questi portafogli non si baseranno su commissioni, ma piuttosto su servizi innovativi che non abbiamo mai visto prima, saranno servizi dirompenti".

Per quanto riguarda ciò che tali servizi implicheranno esattamente, Coelho non è troppo specifico, ma ciò che dice in conclusione suggerisce che l'umile portafoglio online avrà un futuro sostenibile, assumendo un livello sufficiente di adozione di massa delle cripto.

"Ti aiuteranno a proteggere il tuo portafoglio Bitcoin, ti aiuteranno a spendere meglio, ti renderanno più autonomi, ti garantiranno la privacy per quando ne avrai bisogno e renderanno Bitcoin più facile da usare."

D'altra parte, una cosa che è diventata più probabile con l'avvento di Facebook Libra è che i servizi di portafoglio in futuro potrebbero essere forniti da grandi aziende tecnologiche affermate. Questo, almeno, è ciò che sospetta il co-fondatore di Wasabi Wallet, Harmat Bálint, che potrebbe accadere se le cripto diventassero più diffusa.

“Presto anche gli utenti "medi" saranno ampiamente coinvolti in questo spazio e probabilmente cercheranno un nome "fidato", dice a Cryptonews.com. "Non penso che questi sarebbero i grandi exchange di oggi, piuttosto le società di tecnologia o fintech. È difficile per me immaginare che, ad esempio, Apple o Google non stiano già lavorando su una qualche soluzione.”

E se grandi compagnie come Google o Apple sono coinvolte in portafogli (come sta facendo Facebook), allora è quasi certo che tali wallet arriveranno come parte di un'intera suite di servizi legati alle cripto. Cosa non è certo è se tali servizi ci renderanno più padroni di noi stessi o meno.

Più Articoli