08 agosto 2021 · 10 min read

Sfatare i 4 grandi miti su bitcoin promossi dalle banche centrali nel 2021

È il 2021 e i banchieri delle banche centrali non riescono ancora a capire cosa fare con Bitcoin (BTC). Sebbene molti di loro abbiano liquidato l'asset come una bolla altamente speculativa in passato, la criptovaluta continua a crescere in termini di prezzo, adozione generale e una varietà di altre metriche.

bitcoin BTC caratteristiche e falsi miti

Fonte: Adobe/zhenya

A causa del massiccio aumento del prezzo di bitcoin nell'ultimo anno circa, i banchieri centrali hanno nuovamente condiviso le loro cattive interpretazioni su Bitcoin con il pubblico in generale. Contemporaneamente però  propagandano la loro promessa dell'uso della tecnologia blockchain nello sviluppo di valute digitali della banca centrale (CBDC). Diamo un'occhiata più da vicino ad alcuni di questi recenti commenti per vedere cosa stanno sbagliando i banchieri centrali su Bitcoin questa volta.

1. "Bitcoin è troppo volatile e non è una riserva di valore"

Una critica spesso lanciata a BTC da una vasta gamma di scettici (non solo i banchieri centrali) è che l'asset è troppo volatile per fungere da riserva di valore.

"Le criptovalute, che chiamiamo cripto asset, [sono] altamente volatili (vedi bitcoin); quindi, non sono realmente utili come riserva di valore", ha affermato il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ad un evento organizzato dalla Banca per Regolamenti internazionali (BRI) a marzo.

In termini di non essere utile come riserva di valore, ci sono molti detentori di bitcoin a lungo termine che contestano questa affermazione. Mentre il prezzo di bitcoin a breve termine può essere piuttosto volatile, coloro che hanno detenuto bitcoin per un intero ciclo di dimezzamento (circa quattro anni) non hanno mai perso denaro. Non c'è dubbio che il prezzo del bitcoin possa essere altamente speculativo e volatile nel breve termine, ma molti possessori di bitcoin sono disposti a ignorare questa proprietà potenzialmente temporanea del sistema, poiché sono interessati all'uso della risorsa come forma di risparmio a lungo termine.

Sì, bitcoin è sceso da oltre 60.000 USD a circa 30.000 USD e poi è tornato a 40.000 USD negli ultimi mesi, ma è anche aumentato di circa il 250% nell'ultimo anno e di oltre il 6.000% negli ultimi cinque anni. L'azione sui prezzi di bitcoin a breve termine può essere estremamente chiassosa, poiché il mercato non è ancora sicuro di come valutare questo tipo di nuovo asset che in precedenza non esisteva. Inoltre, gli ultimi cinque anni di azione sui prezzi di bitcoin sono stati empiricamente meno volatili dei primi cinque. L'idea che un tipo di asset completamente nuovo possa andare da zero a decine di migliaia di dollari senza volatilità semplicemente non ha alcun fondamento nella realtà.

volatilità di bitcoin

Volatilità BTC/USD a 60 giorni. Fonte: buybitcoinworldwide.com

Va notato che Robert Kaplan, il presidente della Federal Reserve Bank di Dallas, sembra non essere d'accordo con la valutazione di Powell su bitcoin (BTC).

"È chiaro che è una riserva di valore", ha dichiarato Kaplan a un evento Bitcoin ospitato da Texas A&M all'inizio di quest'anno. "Ovviamente si sposta molto in termini di valore, quindi potrebbe impedirgli di diffondersi troppo come mezzo di scambio e di ottenere un'ampia adozione. Ma questo può cambiare e si evolverà".

2. “BTC non è supportato da nulla e non ha valore intrinseco”

Un'altra critica al bitcoin che è strettamente correlata alla sua presunta incapacità di fungere da riserva di valore è l'affermazione che l'asset cripto non ha valore intrinseco. "[BTC] non è supportato da nulla", ha dichiarato Powell al suddetto evento BIS.
A suo avviso, le stablecoin sono un miglioramento rispetto alle risorse cripto pure come bitcoin, poiché le stablecoin sono supportate da valute sovrane di nazioni leader come gli Stati Uniti. Da questo punto di vista, Powell vede il bitcoin più simile all'oro che al dollaro USA. Anche il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Bullard, è d'accordo con questo confronto. "Lo caratterizzano come un rivale dell'oro, e questo potrebbe essere un buon modo per pensarci", ha detto Bullard in un'intervista con CNBC all'inizio di quest'anno.

La mancanza di un valore di base per bitcoin è un opinione sposata anche da altri banchieri centrali in tutto il mondo. A maggio, un rapporto della Banca centrale europea (BCE) ha confrontato il bitcoin con la famigerata South Sea Bubble. Inoltre, il vicepresidente della BCE Luis de Guindos ha dichiarato a Bloomberg TV che le criptovalute non sono investimenti reali perché hanno una base di valore molto debole. Anche il governatore della Banca d'Inghilterra Andrew Bailey ha sposato questo sentimento. In una conferenza stampa a maggio, ha dichiarato:

“[Le criptovalute] non hanno valore intrinseco. Ciò non significa dire che le persone non attribuiscono loro valore, perché possono avere un valore estrinseco. Ma non hanno un valore intrinseco».

Per essere onesti, questa critica al bitcoin è per lo più corretta. Bitcoin non ha un valore intrinseco e il suo valore dipende interamente dalle persone che lo considerano prezioso. Tuttavia, il problema con la mancanza di valore intrinseco del bitcoin come argomento contro l'asset è che si applica anche ad alternative come l'oro e il dollaro USA. Il dollaro USA ha valore perché il governo federale dice che ha valore e la gente ci crede. Se più persone decidono di detenere bitcoin anzichè dollari USA, non c'è nulla di "intrinseco" nei dollari che li possa proteggere da questo tipo di attacco speculativo. Però, il governo federale può usare il suo monopolio sulla violenza per cercare di battere il bitcoin attraverso l'uso della forza.

Ovviamente, ci sono delle ragioni sostanziali per cui sia il bitcoin che il dollaro USA sono alle loro valutazioni attuali. Si dice spesso che il dollaro USA sia supportato dalla piena fiducia e dal credito del governo degli Stati Uniti o dall'obbligo di pagare le tasse nella valuta, il che va bene.

Ma anche bitcoin ha le sue proposte di valore nelle forme di una politica monetaria incorruttibile, delle difficoltà associate al sequestro del bitcoin di qualcun altro e dei pagamenti online resistenti alla censura.

Come nota finale su questo argomento, il punto di Powell sulla mancanza di supporto di bitcoin non dovrebbe essere visto come un aspetto negativo, poiché questo è il punto principale del sistema di contante digitale. Qualsiasi tipo di supporto di bitcoin da parte di un bene del mondo reale o di un emittente centralizzato reintrodurrebbe il rischio di controparte (come nel caso delle stablecoin), che è il problema che il bitcoin cerca di contrastare in primo luogo.

3. “Bitcoin consuma troppa energia”

Un'altra critica al bitcoin mossa da Powell durante l'evento BIS a marzo è che il sistema Bitcoin è troppo energivoro. Un portavoce della Banca Mondiale, che a sua volta sta investendo miliardi in combustibili fossili, nonostante le richieste dei funzionari europei di interrompere il finanziamento di progetti di questo tipo, ha anche detto a Reuters che le preoccupazioni ambientali sono una delle due ragioni per cui l'istituto finanziario internazionale non ha potuto assistere El Salvador con la sua adozione del bitcoin come moneta a corso legale. Inoltre, il membro del comitato esecutivo della BCE Fabio Panetta ha scritto a maggio: "L'enorme consumo di energia e le relative emissioni di CO2 dell'estrazione di criptovalute potrebbero minare gli sforzi di sostenibilità globale. Il solo Bitcoin sta già consumando più elettricità dei Paesi Bassi. Controllare e limitare l'impatto ambientale dei criptoasset, anche attraverso la regolamentazione e la tassazione, dovrebbe essere parte della discussione globale".

Più di recente, la BCE ha dichiarato che il consumo di energia della propria valuta digitale sarebbe trascurabile rispetto al bitcoin. Anche quest'estate, un rapporto della BRI ha dichiarato: "Bitcoin in particolare ha poche qualità di interesse pubblico se si considera anche la sua impronta energetica dispendiosa".

Questa dichiarazione del rapporto BIS è l'illustrazione perfetta del problema chiave con gli argomenti ambientali contro Bitcoin. Questi argomenti sono validi solo per le persone che pensano che non ci sia alcun valore nell'esistenza di Bitcoin.

Se non capisci la proposta di valore di Bitcoin, allora ovviamente sosterrai che qualsiasi energia utilizzata nell'estrazione di bitcoin è uno spreco. Non è diverso da qualcuno a cui non piace il Natale pensando che tutta l'energia spesa ogni anno per le luci di Natale sia uno spreco.

In altre parole, questo è un argomento soggettivo. Ovviamente, coloro che detengono bitcoin vedono i costi della creazione di un sistema monetario globale e apolitico che valgono i costi energetici associati.

Anche la narrativa dei media secondo cui Bitcoin è pessimo per l'ambiente è grossolanamente sopravvalutata. Molte delle stime sul futuro utilizzo dell'energia di Bitcoin commettono errori tecnici estremamente basilari come ignorare i sistemi di secondo livello come il Lightning Network e presumere che tutte le transazioni future avverranno sul livello blockchain di base. Ci sono molte ragioni per credere che l'impatto ambientale di uno standard monetario Bitcoin ampiamente adottato sarebbe inferiore all'impatto dell'attuale sistema finanziario o di un ritorno a un gold standard. ARK Invest e Square Crypto sono anche co-autori di un documento che esplora se l'estrazione di bitcoin possa effettivamente migliorare l'economia delle fonti di energia rinnovabili.

4. “BTC manca di trasparenza ed è troppo utile per i criminali”

Lo stesso portavoce della Banca Mondiale che ha sollevato le preoccupazioni ambientali nel contesto dell'adozione del bitcoin da parte di El Salvador come moneta a corso legale ha anche affermato che la trasparenza è un potenziale problema con il cripto asset, e il rapporto BIS menzionato nella sezione precedente ha anche toccato l'uso di bitcoin per riciclaggio di denaro e attacchi ransomware. Ma forse le osservazioni più critiche sull'uso della criptovaluta da parte dei criminali quest'anno sono arrivate dal presidente della BCE Christine Lagarde.

"[Bitcoin] è un asset altamente speculativo, che ha condotto alcuni affari loschi e alcune attività di riciclaggio di denaro interessanti e totalmente riprovevoli", ha affermato Lagarde alla conferenza Reuters Next di gennaio.

Lagarde, che è lei stessa una criminale condannata, ha aggiunto che è necessaria una regolamentazione globale su bitcoin e altre valute digitali per impedire alle persone di trovare sacche di giurisdizioni in tutto il mondo che possono essere utilizzate per aggirare i requisiti di rendicontazione finanziaria.

A febbraio, Lagarde ha anche affermato: "[Bitcoin] è una [criptovaluta] che è stata fondata nel 2009 dai libertari e dalle speranze dell'universo completamente decentralizzato che sarà completamente anonimo".

Questo commento indica una comprensione delle basi politiche della rete Bitcoin. Tuttavia, un sistema finanziario digitale che non è né decentralizzato né potenzialmente anonimo ha anche le sue implicazioni sociali. Queste implicazioni sono state forse meglio descritte dal direttore generale della BRI Agustin Carstens in occasione di un evento del FMI nell'ottobre 2020, dove ha rilasciato una dichiarazione in merito alle differenze tra la liquidità fisica di oggi e le potenziali CBDC del futuro.

"Una differenza fondamentale con la CBDC è che la banca centrale avrà il controllo assoluto sulle regole e sui regolamenti che determineranno l'uso di tale responsabilità della banca centrale e, inoltre, avremo la tecnologia per farla rispettare", ha affermato Carstens.

Bitcoin è stato a lungo pensato come una potenziale copertura contro una società distopica senza contanti in cui non esiste una privacy finanziaria o una vera proprietà sui propri risparmi (ne ho scritto per il NASDAQ cinque anni fa).

Con il completo controllo del governo sul sistema finanziario digitale, diventa più facile attuare politiche monetarie inflazionistiche, sequestrare beni alla popolazione e censurare specifici tipi di transazioni, il tutto in nome della protezione dei bambini dai Quattro Cavalieri dell'Infocalisse.

Ci sono una serie di sviluppi normativi relativi alla criptovaluta in corso in tutto il mondo in questo momento, quindi quest'anno potrebbe dare a tutti un'idea di quanto i governi siano disposti a spingersi per proteggere il loro "controllo assoluto" sul sistema finanziario digitale.

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
____
Per saperne di più:
- CBDC Shilling and Bitcoin Bashing Might Reach the G20 Level
- China Releases e-CNY Whitepaper, Says Cryptos Have No Value & Pose Risks

- Indian Central Bank Playing by Same Anti-Crypto, Pro-CBDC Rules as China, EU
- Some Central Bankers Show Interest in Bitcoin; Inflation Fears Mount

- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining

- Elon Musk Should Listen to Cathie Wood on Bitcoin
- Here's What Everyone Missed in The Dorsey, Musk, and Wood Bitcoin Talk