03 lug 2022 · 8 min read

DeFi soffre di troppa centralizzazione, cosa fare?

 

DeFi
Fonte: Adobe/Oligo

"Se una qualsiasi parte del loro modello di business incorpora la centralizzazione <...>, allora è centralizzata indipendentemente dalle altre funzionalità decentralizzate che implementa".

"È fondamentale che le persone capiscano come vengono utilizzati gli asset che stanno impegnando a favore di un'entità centralizzata".

"Se gli utenti richiedono una maggiore decentralizzazione all'interno del prestito crypto, devono semplicemente votare con i loro fondi spostandoli".
_____

Come gran parte del settore delle criptovalute, la finanza decentralizzata (DeFi) sta attraversando un periodo difficile. Non solo il suo valore totale bloccato è diminuito del 70% (secondo i dati di DefiLlama) da dicembre, ma varie piattaforme all'interno del settore DeFi non così decentralizzate sono state minacciate di collasso, con l'ultima interruzione dei prelievi da parte di Celsius - e forse la più drammatica: la manifestazione della crisi in corso.

Sebbene l'inclusione di Celsius nel sottosettore DeFi la renda nominalmente una piattaforma "decentralizzata" (almeno nell'uso delle blockchain), il controllo sui fondi degli utenti dimostra quanto fosse centralizzata. Insieme al crollo di Terra (la seconda piattaforma DeFi più grande), ha sollevato seri interrogativi sulla necessità e sulla possibilità di una maggiore decentralizzazione della DeFi.

L'opinione su questo è mista, con alcune figure del settore che affermano che la centralizzazione offre vari vantaggi rispetto alle piattaforme veramente decentralizzate. Allo stesso tempo, sembra esserci accordo sul fatto che il decentramento da solo non sia una garanzia contro i crolli.

Troppa DeFi non è realmente decentralizzata

Le cifre all'interno del settore concordano più o meno sul fatto che i recenti eventi che coinvolgono Celsius e altre piattaforme evidenziano lo scomodo livello di centralizzazione all'interno della DeFi.

Timo Lehes, co-fondatore del protocollo DeFi Swarm ha affermato: "I recenti eventi riguardanti Celsius, Three Arrows Capital e Lido mostrano che la mancanza di decentramento rappresenta un problema per la DeFi".

Secondo Lehes, parte del problema in DeFi è che il decentramento avviene su scala mobile, con le piattaforme composte da un mix di elementi decentralizzati e centralizzati.

“Individui e istituzioni possono ancora trarre vantaggio dall'architettura e dall'implementazione dell'innovazione DeFi, come l'autocustodia e la trasparenza, anche se altre parti di un servizio sono in qualche modo centralizzate. Tuttavia, il problema evidenziato dai recenti eventi delle principali piattaforme di prestito è in parte una questione di centralizzazione, ma anche una preoccupazione di trasparenza, inclusa la supervisione di ciò che accade all'interno di un protocollo", ha detto a Cryptonews.com.

Guardando in particolare Celsius, anch'esso è un mix di elementi decentralizzati e centralizzati. Tuttavia, è discutibile che fosse centralizzato proprio nelle aree più sensibili.

Ryan Shea, un crypto-economista presso la piattaforma di trading Trakx ha affermato: "Utilizza gli smart contract e l'infrastruttura del ledger della DeFi, ma i fondi dei clienti vengono aggregati in wallet custodial, che sono controllati dalla società".

Secondo Shea, la decentralizzazione/centralizzazione è una questione binaria, il che significa che la centralizzazione in una sola area importante è sufficiente per rendere una piattaforma sostanzialmente centralizzata.

Inoltre ha detto a Cryptonews.com: "Se una qualsiasi parte del loro modello di business incorpora la centralizzazione, come l'aggregazione dei fondi dei clienti in un wallet custodial controllato dalla società di prestito, allora è centralizzata indipendentemente dalle altre funzionalità decentralizzate che implementa. Detto questo, molti altri prestatori di criptovalute di grandi dimensioni come BlockFi e Crypto.com implementano anche strutture centralizzate come hot wallet per condurre transazioni".

Se una piattaforma o un'azienda DeFi vuole essere "veramente" decentralizzata, deve operare su una base più o meno completamente peer-to-peer, con tutte le transazioni eseguite utilizzando smart contract eseguiti su una rete distribuita di computer.

“Buoni esempi di tali piattaforme includono AAVE, Maker e Compound. A differenza di CeFi [finanza centralizzata], gli utenti non devono fidarsi della società di prestito, ma devono fidarsi dell'integrità del codice che esegue gli smart contract ", ha aggiunto Shea.

Altri sono d'accordo con l'opinione che, se esiste un controllo centralizzato dei fondi degli utenti, nessuna piattaforma DeFi è davvero decentralizzata, indipendentemente da cos'altro potrebbe operare su base distribuita. Dan Keller, co-fondatore della rete computazionale decentralizzata Flux ha detto: “È il caso della maggior parte delle piattaforme DeFi, che sono decentralizzate solo di nome, ma non nella realtà, come Celsius. Per evitare che questo problema vada avanti, i partecipanti al settore dovrebbero concentrarsi sulla spinta per un decentramento più profondo, che a sua volta porterà a un prodotto complessivo migliore". Naturalmente, anche con il decentramento di fondi e trasferimenti, la centralizzazione in altre aree può comunque causare problemi alle piattaforme DeFi e alle criptovalute più in generale. Inoltre Timo Lehes ha detto: "Ad esempio, se troppi nodi su Lido sono gestiti su AWS [Amazon Web Services, una piattaforma di cloud computing], rende la rete più attaccabile, mettendo a repentaglio l'obiettivo dell'infrastruttura di rete distribuita e della governance".

Cosa può fare la DeFi per diventare più decentralizzata?

Lehes sostiene che, se la DeFi vuole diventare più decentralizzata, è necessario introdurre strutture conformi, attraverso un misto di regolamentazione e autoregolamentazione.

Inoltre ha affermato: "L'intera configurazione end-to-end delle strutture dei nodi e l'implementazione di smart contract dovrebbe essere verificabile e chiara per gli investitori. Questo non è un problema specifico dell'attuale turbolenza del mercato, ma qualcosa di più fondamentale nell'infrastruttura della DeFi".

Il crollo di Celsius, che ha utilizzato i fondi degli utenti per effettuare investimenti su altre piattaforme, evidenzia che un ingrediente essenziale del decentramento dovrebbe essere la trasparenza.

“È fondamentale che le persone comprendano come vengono utilizzate gli asset che stanno impegnando a favore di un'entità centralizzata. Il problema con l'affidamento di attività a controparti non regolamentate è la scatola nera della reipoteca e la mancanza di ricorso se qualcosa dovesse andare storto", ha aggiunto Lehes.

Nella finanza tradizionale, gli istituti di deposito come le banche hanno una serie di regole che disciplinano il modo in cui possono utilizzare il capitale dei clienti e sono costantemente monitorati. Sarà necessario qualcosa del genere per costringere la DeFi a operare su una base costantemente decentralizzata, ma Lehes afferma anche che le piattaforme e gli utenti allo stesso modo dovrebbero spingere per una maggiore auto-custodia.

Inoltre ha affermato: “Il modo più semplice per impedire alle istituzioni di essere creative con i fondi dei clienti è tenerne la custodia. L'architettura della DeFi ti consente di mantenere il pieno controllo sui tuoi asset: aggiungi a questo un livello normativo e avrai una combinazione vincente".

Ryan Shea afferma anche che gli utenti dovrebbero spingere per una maggiore decentralizzazione, inclusa l'autocustodia.

“Le aziende e i prestatori di criptovalute non sono diversi, rispondendo principalmente alla domanda dei clienti, perché senza clienti non c'è azienda. Esistono già numerosi istituti di credito DeFi funzionanti, quindi se gli utenti richiedono una maggiore decentralizzazione all'interno del prestito crypto devono semplicemente votare con i loro fondi spostandoli da istituti di credito centralizzati a istituti di credito decentralizzati", ha affermato.

La centralizzazione ha i suoi vantaggi

Tuttavia, Shea offre anche alcuni avvertimenti in relazione alla spinta verso un maggiore decentramento, suggerendo che CeFi abbia alcuni vantaggi.

Inoltre ha affermato: “In primo luogo, gli istituti di credito CeFi storicamente hanno avuto la tendenza a offrire rendimenti più elevati sui loro prodotti rispetto agli exchange DeFi. Questa capacità di offrire rendimenti migliori ha spinto a ipotizzare che tendano a investire in prodotti più rischiosi o a migliorare il rendimento tramite rehypothecation, per cui la garanzia viene nuovamente prestata per sostenere un altro prestito generando pagamenti di interessi aggiuntivi".

Inoltre, molte piattaforme DeFi non offrono rampe di accensione e spegnimento fiat, il che significa che molti utenti mainstream continueranno a preferire la comodità di CeFi.

Ha detto: "La regolamentazione del governo viene applicata sempre più spesso alle transazioni crypto e l'obiettivo principale è la rampa on-off. In effetti, è l'unico obiettivo praticabile per i governi di applicare normative, come le regole KYC [conosci il tuo cliente] e AML [antiriciclaggio], perché possono minacciare l'esclusione dai servizi finanziari tradizionali per le società crypto non conformi".

C'è anche l'argomento secondo cui il decentramento da solo non causerà una riduzione significativa dei tipi di crolli a cui il mercato ha assistito nelle ultime settimane.

Shea disse: “Quello che conta davvero è la qualità del team dietro il progetto. Detto questo, lo stesso vale anche per gli istituti di credito DeFi: il team (anche uno che è crowd-sourced o esegue software open source) è di qualità sufficiente per garantire che i bug del software e/o la progettazione degli smart contract siano sufficientemente robusti? resistere a drammatici eventi di mercato?”.

In definitiva, è discutibile che solo la regolamentazione e la trasparenza possono garantire un sostanziale calo del rischio quando si tratta di DeFi, indipendentemente da quanto sia centralizzata o meno una piattaforma.

Come conclude Timo Lehes, “La regolamentazione offre livelli di trasparenza ai prodotti esistenti e all'innovazione. Nel futuro, gli investitori dovrebbero essere avvisati di impegnarsi solo con prodotti DeFi in cui i processi e gli smart contract sono completamente verificabili, c'è un percorso di ricorso in caso di negligenza e hanno piena trasparenza su come viene utilizzata la garanzia".

_____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

___

Per saperne di più:
- 5 rischi sulle piattaforme di prestiti crypto centralizzate
- Come si misura la decentralizzazione nelle criptovalute?
- Vitalik Buterin è preoccupato per Ethereum dopo The Merge

- Solend basato su Solana va a caccia di balene

MakerDAO ‘Endgame Plan’ Calls for Specialized DAOs, Says Protocol is Held Back by Complexity

- L'UE impone nuove normative stringenti sulle criptovalute
- FMI: raccomandazioni sulla governance della DeFi