26 dic 2021 · 10 min read

Previsioni 2022 del settore DeFi

DeFi
Fonte: Adobe/Morgan Ph

 Ecco le previsioni del 2022 relative alla Finanza Decentralizzata (DeFi):

  • Le persone hanno iniziato a cercare opzioni alternative per andare in una filiale bancaria per ottenere prestiti.
  • Si prevede un cambiamento nel modo in cui rimodelliamo l'industria DeFi per soddisfare meglio le aspettative degli investitori e delle autorità di regolamentazione.
  • Il prossimo anno le DAO potrebbero essere più coinvolte nella DeFi.
  • Potremmo vedere alcune nuove coppie di trading legate agli NFT e prodotti con rendimento nel 2022.
  • Si stima anche una "integrazione fluida" della DeFi e giochi basati su blockchain.
  • Il prossimo anno potremmo assistere a una maggiore interoperabilità tra i DEX.

Il settore della finanza decentralizzata (DeFi) è cresciuto in modo spettacolare nel 2021, alimentando la crescita del mercato delle criptovalute. Ora rappresenta oltre 200 miliardi di dollari in valore totale bloccato, dopo essersi attestato a circa 22 miliardi di dollari il 1 gennaio.

Parlando con Cryptonews.com, le cifre del settore si aspettano che continuino ad aumentare nel 2022. Si aspettano inoltre che vari sottosettori all'interno della DeFi assisteranno a una crescita considerevole il prossimo anno, dal liquidity mining e yield farming alle organizzazioni autonome decentralizzate (DAO), exchange decentralizzati (DEX) e token non fungibili (NFT).

Tuttavia, i commentatori sospettano che finalmente vedremo l'introduzione di una legislazione che riguarda direttamente la DeFi nel 2022, sebbene la maggior parte affermi anche che questo sarà positivo per il settore, aprendolo agli interessi e agli investimenti tradizionali.

La DeFi sosterrà la crescita continua?

Al momento in cui scriviamo, il mercato delle criptovalute sta attualmente subendo una flessione. Quindi emerge una domanda inevitabile: la DeFi può davvero sostenere la crescita di quest'anno nel prossimo anno?

Brad Yasar, CEO di EQIFI, un protocollo decentralizzato per prestiti e investimenti in pool, ha detto: "Il 2021 ha visto un mix di COVID-19 che ancora influenza la nostra vita quotidiana, la capacità di guadagnarsi da vivere e l'apertura del mercato commerciale/finanziario globale dopo il 2020. Di conseguenza, la maggior parte delle persone ha iniziato a cercare opzioni alternative per entrare in una filiale bancaria, per ottenere prestiti e attività alternative in cui investire, al fine di diversificare dai tradizionali tipi di investimenti in azioni/obbligazioni".

Come spiega Yasar, questa situazione macroeconomica ha aperto gran parte del pubblico alle criptovalute e prodotti finanziari decentralizzati che si diversificano dalle tradizionali soluzioni. Il risultato è stato un aumento significativo della DeFi e della capitalizzazione del mercato delle criptovalute e questa è una tendenza che Yasar prevede che continuerà nel 2022, guidata dal crescente coinvolgimento delle istituzioni finanziarie tradizionali.

"Poiché gli istituti di servizi bancari e finanziari più tradizionali si rendano conto che possono crescere più velocemente e servire più clienti in modo più efficiente adottando alcuni principi della DeFi, ci aspettiamo di vedere un'adozione più ampia e una crescita continua nella DeFi", ha detto a Cryptonews.com.

Allo stesso modo, il cofondatore di Swarm Markets Timo Lehes prevede che nuovi tipi di asset, chiarezza normativa, sigilli istituzionali di approvazione e costi di transazione inferiori aumenteranno l'adozione tradizionale della DeFi il prossimo anno.

Inoltre ha affermato che: "portare più asset e prodotti finanziari del mondo reale, come i titoli azionari, on-chain, espanderà notevolmente l'ecosistema della DeFi, attirando più investitori e trader allo stesso modo. La DeFi offre maggiori opportunità rispetto ai mercati tradizionali per ottenere rendimenti da un insieme più ampio di tipi di asset e offre alle persone una maggiore autonomia per creare ricchezza".

Altre figure del settore si aspettano che la DeFi si apra a più di crypto-nativi preesistenti nel 2022. Uno di questi è il CEO e cofondatore di AllianceBlock, Rachid Ajaja, che afferma che la sua esperienza personale indica che gli operatori tradizionali e le entità istituzionali sono sempre più interessati a ottenere l'accesso alla DeFi.

"Un sondaggio di CoreData ha recentemente mostrato che 7 consulenti patrimoniali su 10 hanno parlato con i clienti di crypto asset, mentre un sondaggio di Goldman Sachs ha mostrato che circa il 15% dei family office in tutto il mondo ha una certa esposizione alle criptovalute. Qualche anno fa ciò non sarebbe stato possibile", ha detto a Cryptonews.com.

Regolamentazione DeFi nel 2022

Rachid Ajaja osserva inoltre che uno dei maggiori ostacoli per le istituzioni,in questo momento, è la compliance e la regolamentazione. Fortunatamente, il 2022 vedrà progressi su questo fronte da più angolazioni, con i regolamenti della DeFi, previsti per il 2021, che finalmente diventeranno realtà il prossimo anno.

Inoltre ha affermato: “Attraverso la DeFi, le soluzioni e i wallet [conosci il tuo cliente, KYC] e [antiriciclaggio, AML] con controlli KYC integrati e le regole transfrontaliere contribuiranno ad aumentare l'esposizione istituzionale nell'anno a venire. Il motore delle regole di conformità normativa transfrontaliera di AllianceBlock consente alle istituzioni tradizionali di accedere le opportunità nella DeFi in modo conforme, attraverso controlli internazionali pre-negoziazione".

Timo Lehes concorda inoltre sul fatto che la regolamentazione sarà fondamentale nel 2022, poiché coloro che hanno una responsabilità fiduciaria semplicemente non possono accedere alla DeFi tramite piattaforme e servizi non regolamentati.

Inoltre ha affermato che "la buona notizia è che alcune giurisdizioni di alto livello, come la Germania, hanno già allineato le criptovalute alle leggi sui titoli azionari esistenti. Gli imprenditori che cercano di costruire progetti DeFi che attirino questo capitale accumulato potrebbero trovare opportunità nel settore".

Più specificamente, Lehes stima che i regolatori agiranno sempre di più l'anno prossimo, dopo il 2021 in cui sono venuti sempre più a dibattere e discutere le implicazioni normative della DeFi. Suggerisce inoltre che alcuni potrebbero trarre vantaggio dal seguire l'esempio dato dal regolatore tedesco BaFin, che ha emesso una guida chiara sulla regolamentazione dei crypto asset, in un emendamento alla legge bancaria tedesca nel 2020.

"Mentre la conversazione sulla regolamentazione delle criptovalute entrerà in azione nel 2022, ci aspettiamo di vedere un cambiamento nel modo in cui rimodelleremo l'industria della DeFi per soddisfare meglio le aspettative degli investitori e dei regolatori", ha affermato.

Rachid Ajaja prevede che l'imminente regolamento UE sui mercati delle criptovalute (MiCA) avrà forti implicazioni per il settore della DeFi. Indica anche un maggiore controllo da parte della Securities and Exchange Commission e del governo degli Stati Uniti, che richiederanno protocolli e piattaforme per migliorare significativamente la loro compliance.

Inoltre ha affermato che “affinché il settore della DeFi possa soddisfare questi requisiti e percepire veramente i vantaggi di linee guida più chiare, sono necessari un'efficace conformità normativa transfrontaliera e quadri KYC/AML. Gli exchange tradizionali e decentralizzati chiedono a gran voce queste soluzioni, che contribuiranno a fornire un gateway conforme a preziosi asset digitali".

Per il CDO Dragos Dunica di DappRadar, le sfide normative che la DeFi dovrà affrontare nel 2022 potrebbero essere sostanziali, ma il settore è ben posizionato per superarle.

"Penso che il settore DeFi farà tutto il possibile per legittimarsi e diventare un vero concorrente della CeFi [finanza centralizzata]", ha detto a Cryptonews.com.

In effetti, Dunica afferma che la crescita della DeFi nel 2022 sarà tale che i governi potranno iniziare a lanciare le proprie piattaforme e iniziative, una volta che il panorama normativo sarà stato definito. Inoltre ha aggiunto che "cose come il reddito di base universale (UBI) sono sul tavolo da anni e blockchain e criptovalute potrebbero essere in grado di risolvere i problemi di distribuzione ed equità".

NFT, DAO, GameFi, liquidity mining, interoperabilità DEX

Supponendo che il settore DeFi sarà in grado di superare i crescenti ostacoli normativi nel 2022, potrà beneficiare dell'offerta di una gamma crescente di prodotti agli investitori. In cima a questa lista ci saranno i prodotti che coinvolgono token non fungibili.

Inoltre Timo Lehes ha affermato che “nel 2022, gli NFT si evolveranno per rappresentare asset con valore intrinseco e, grazie alla componibilità della DeFi, vedremo di conseguenza alcune interessanti coppie di trading e prodotti con rendimento”.

Lehes aggiunge inoltre che si aspetta di vedere gli NFT su obbligazioni, azioni di società o persino la Costituzione degli Stati Uniti nel 2022.

In effetti, la Costituzione degli Stati Uniti ha fatto notizia nel 2021 quando un DAO ha raccolto oltre 40 milioni di dollari in criptovalute per acquistare una delle sue poche copie sopravvissute. Lehes si aspetta anche di vedere il prossimo anno le DAO sempre più coinvolte nella DeFi.

“Ci aspettiamo di vedere le DAO, protezioni per gli investitori e un ampliamento delle attività finanziarie insieme alla DeFi e gli NFT, essendo un tema chiave per le criptovalute nel 2022. Aumentare la portata di ciò che può essere eseguito tramite smart contract, amplierà notevolmente ciò che è possibile nelle criptovalute e nella DeFi il prossimo anno e oltre", ha aggiunto.

Il crescente coinvolgimento delle DAO è previsto come una tendenza per il 2022 da Solo Ceesay, Chief Operating Officer e co-fondatore del social marketplace Calaxy.

Inoltre ha detto a Cryptonews.com: “Le DAO non sono solo un utile mezzo per prendere decisioni eque, ma possono anche servire come meccanismo efficace per scaricare il rischio tra un pool di membri della comunità. Simile ai veicoli di credito strutturato a singola tranche, il raggruppamento di questo tipo di rischio creerà opportunità per gli investitori di ottenere passivamente esposizione a un particolare tipo di rischio".

Una delle più grandi storie di successo dell'anno per le criptovalute è stata Axie Infinity, che è passata da 38.000 utenti attivi giornalieri ad aprile a 2,7 milioni a metà novembre. È probabile che questa crescita nei giochi basati su blockchain provochi una crescita parallela in GameFi, con DeFi che ovviamente ne è una parte importante.

“Come abbiamo già visto con le applicazioni decentralizzate, dapps, come Axie Infinity e Alien Worlds, ci aspettiamo di vedere l'ulteriore aumento di dapp della finanza gamificata e  play-to-earn. La ludicizzazione della DeFi ha portato l'industria a raggiungere cifre di utenti sempre più elevate, superando oltre 2 milioni di wallet attivi a ottobre", ha affermato Dragos Dunica.

Si aspetta che nel 2022 si verifichi una "facile integrazione" della DeFi e giochi basati su blockchain, creando un settore che si espanderà in virtù della sua promessa di "offrire agli utenti un'esperienza divertente e gratificante".

Altre due aree che probabilmente acquisteranno importanza il prossimo anno sono il liquidity mining e lo yield farming. Questa, almeno, è la previsione di Rachid Ajaja, il quale afferma che fornire liquidità è estremamente importante per il buon funzionamento dei DEX, anche se attualmente è frenato dalla minaccia di perdite temporanee (dove i fornitori rischiano di perdere parte del loro investimento iniziale a causa di variazioni di prezzo).

Inoltre ha spiegato che “ridurre la perdita temporanea è fondamentale per lo sviluppo del liquidity mining. Sono in fase di sviluppo nuove formule per i market maker automatici che riducono la perdita temporanea e i risultati sembrano promettenti".

Ajaja stima inoltre che il 2022 vedrà una maggiore interoperabilità tra i DEX, che è vitale per migliorare la liquidità.

“Facilitare l'interoperabilità e la capacità di fare trading tra DEX su diverse catene è fondamentale per la prossima fase della DeFi. Ulteriori innovazioni volte a mitigare il rischio per gli utenti e migliorare [l'esperienza dell'utente] e [l'interfaccia utente] renderanno i processi su DEX più fluidi", ha aggiunto.

Sebbene le previsioni di cui sopra coprano un'ampia gamma di ciò che potrebbe accadere alla DeFi nel 2022, vale comunque la pena notare che il settore rimane agli inizi e sta crescendo a un ritmo rapido. In quanto tale, la cosa più eccitante del prossimo anno non è tanto ciò che è previsto che accada, ma ciò che non è stato previsto.
____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più: 
- Sicurezza delle criptovalute: previsioni 2022
- Le previsioni di Ethereum, DeFi, Gaming e TradFi per il 2022

- Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?
- Crypto Exchange 2022: più servizi, conformità e concorrenza

- Bitcoin e criptovalute nel 2022: aspettative e previsioni
- Bitcoin and Ethereum Price Predictions for 2022