Home In EsclusivaIn Primo Piano

Ethereum Name Service - A cosa serve il nome di dominio leggibile dall'uomo?

Di Alex Lielacher
Ethereum Name Service - A cosa serve il nome di dominio leggibile dall'uomo? 101
Source: iStock/CasPRO

Nick Johnson e Alex Van de Sande della Ethereum Foundation hanno iniziato a sperimentare una soluzione per sostituire gli indirizzi esadecimali impiegati nella blockchain di Ethereum con indirizzi leggibili dall'uomo. A seguito dell'interesse crescente del mercato per la soluzione, l' Ethereum Name Service (ENS) è stato lanciato sul mercato nel 2017. E lo scorso ottobre, l'ENS ha aggiunto il supporto multi-moneta, il che significa che è possibile utilizzare un indirizzo ENS per accettare e ricevere diverse criptovalute. Ma lo sviluppo non si ferma qui.

Questo articolo ti introdurrà all' Ethereum Name Service, evidenzierà le implicazioni che potrebbe avere a livello globale e discuterà la risposta del mercato.

Cos'è l'ENS?

L' Ethereum Name Service (ENS) è definito come un "sistema di denominazione distribuito, aperto ed estensibile basato sulla blockchain di Ethereum". Ethereum è una piattaforma di contratto intelligente che vanta un gran numero di applicazioni decentralizzate (dapps), una vivace community di sviluppatori e una dichiarata community di utenti.

Tuttavia, i contratti intelligenti non sono in grado di interagire direttamente con nomi leggibili dall'uomo in modo efficiente a causa di vincoli di risorse nella loro architettura. Di conseguenza, Johnson e De Sande hanno ideato un sistema attraverso il quale gli hash crittografici a 256 bit di lunghezza fissa impiegati all'interno della blockchain di Ethereum possono essere generati da nomi leggibili dall'uomo in modo efficiente ed efficace.

Per raggiungere questo obiettivo, l'ENS fa leva su un processo chiamato Namehash. Namehash deriva un hash da un nome leggibile dall'uomo preservando allo stesso tempo le sue proprietà gerarchiche. Sfruttando Namehash, l'ENS è in grado di ricavare l'hash di qualsiasi sottodominio purché conosca l'hash del dominio genitore. Sfruttando questa proprietà, ENS è in grado di supportare l'architettura gerarchica, che è essenziale per il suo utilizzo come sistema di denominazione dei domini.

All'interno della ENS, i nomi sono rappresentati come indirizzi esadecimali mentre all'utente viene presentato un nome leggibile dall'uomo. Gli sviluppatori ENS hanno fatto luce su come funziona affermando: “Ad esempio, il nomehash di 'alice.eth' è 0x787192fc5378cc32aa956ddfdedbf26b24e8d78e40109add0eea2c1a012c3dec (...) A partire dal nome di un dominio - ad esempio, 'alice.eth' - è possibile derivare il nome di nome per qualsiasi nome .eth”.

Prima di essere elaborati tramite Namehash, i nomi leggibili dall'uomo sono normalizzati e standardizzati per garantire agli utenti un'esperienza e risultati coerenti con l'ENS. La standardizzazione si chiama normalizzazione UTS-46. Include la rimozione di caratteri non validi e il trattamento dei nomi maiuscoli e minuscoli viene trattato in modo equivalente. Una volta terminato, l'ENS rimuove la necessità di inserire indirizzi esadecimali lunghi quando interagisce con la blockchain di Ethereum. Questo è importante perché è facile commettere errori quando si inseriscono indirizzi esadecimali a causa della loro lunghezza e casualità.

In termini di architettura, l'ENS è composta da due componenti principali. Questi sono il registro e i resolver. Il registro è un unico contratto intelligente che contiene i record di tutti i domini e sottodomini sulla blockchain di Ethereum. Per ogni dominio e sottodominio lo smart contract del registro contiene tre tipi di informazioni. Questi tre set di dati sono il proprietario del nome, del resolver e del tempo di memorizzazione nella cache per tutti i record nel dominio.

I risolutori sono i contratti intelligenti in cui viene eseguito il processo di traduzione dei nomi in indirizzi o altri tipi di hash e risorse. Come indicato in precedenza, ciò avviene tramite la normalizzazione di Namehash e UTS-46. Inoltre, il contratto intelligente risolutore è in grado di eseguire il processo al contrario, traducendo un indirizzo esadecimale nel suo nome leggibile dall'uomo associato.

È importante notare che i nomi di dominio leggibili dall'uomo registrati sull'ENS sono token non-fungibili. I token non fungibili sono risorse crittografiche uniche nel loro genere. Ciò è importante in quanto garantisce che l'ENS rimanga efficace come sistema di denominazione. Non servirebbe i suoi utenti se un nome di dominio inviasse gli utenti a posizioni diverse su Internet.

Le motivazioni

ENS è stato progettato per creare un sistema simile al DNS, che è il Domain Name Service di Internet. Tuttavia, a causa della diversa architettura decentralizzata osservata in Ethereum, l'ENS varia dalla struttura sfruttata nel DNS. Tuttavia, proprio come il DNS, l'ENS detiene un record di nomi gerarchici separati da punti chiamati domini, con il proprietario del dominio di primo livello che ha il pieno controllo sui sottodomini. Ad esempio, se X possiede "x.eth", può creare "blog.x.eth" e configurarlo come desidera.

Per gli utenti della rete principale di Ethereum, l'ENS semplifica decisamente le cose. Migliora l'usabilità delle dapps restituendo, attraverso la risoluzione inversa, nomi leggibili dall'uomo invece di lunghi hash.

Oltre l'ecosistema Ethereum

L'idea sbagliata è che l'ENS sia applicabile solo all'interno dei confini dell'ecosistema Ethereum. Tuttavia, il sistema è un modo sicuro e decentralizzato per nominare gli indirizzi sia dentro che fuori dalla blockchain.

ENS risolve gli indirizzi esadecimali di Ethereum. Tuttavia, può anche essere utilizzato per risolvere gli hash IPFS (InterPlanetary File System) e Swarm per i siti Web decentralizzati così come viene già fatto da Protocol Labs. Inoltre, l'ENS è anche in grado di risolvere gli indirizzi Tor .onion, rendendo le cose più facili per chi ha importanti problemi di privacy.

Dopo aver lanciato il supporto multi-coin ENS ad ottobre, gli sviluppatori stanno anche lavorando all'interoperabilità con il DNS, per consentire alle persone di utilizzare i loro domini .eth sul DNS e viceversa.

Il mercato risponde

Mentre l'ENS è stato lanciato nel 2017, il sistema ha impiegato del tempo per guadagnare trazione nella comunità blockchain. Il suo lancio è stato rovinato dai bug, portando ad una percezione pubblica piuttosto negativa. Tuttavia, dal momento che gli sviluppatori hanno lavorato per correggere i bug, mantenuto i premi sui bug e ampliato le funzionalità del sistema, la sua popolarità è cresciuta in modo significativo.

Per distribuire in modo equo i nomi short ENE di ENS, Ethereum ha tenuto un'asta enormemente popolare sul mercato OpenSea. L'asta è iniziata il 1° settembre e si è conclusa il 5 novembre, con i dati che confermano che è stata una delle aste NFT più popolari di OpenSea durante quel periodo.

Coloro che hanno vinto gli indirizzi .eth per i loro nomi hanno iniziato a mostrarli sui loro handle di Twitter, portando a un movimento virale.

Tuttavia, il processo dell'asta ha sollevato importanti domande sulle persone che cercavano indirizzi per venderli in futuro. Questa pratica, nota come address squat, è popolare anche su DNS e ENS. Ad esempio, un utente di Twitter ha detto: “Sì, personalmente sono molto ribassista per tutti questi abusivi del nome Alexa. Più di 16 mila dollari per Amazon.eth mentre mixer.eth va via per 40? Non credo che queste cifre possano mai tornare indietro. Il valore in ENS verrà dall'uso, non speculando su possibili rivendite future."

Ethereum sostiene che a causa del fatto che sta lavorando sulla integrazione DNS TLD, le paure sugli abusi dei nomi popolari saranno neutralizzate a tempo debito. Inoltre, le tendenze nella denominazione ricordano i primi giorni di Internet in cui gli utenti acquistavano nomi relativi a sesso, gioco d'azzardo e giochi. La ENS è ora aperta al pubblico. Puoi registrare un dominio .eth quasi istantaneamente attraverso un breve processo.

Più Articoli