30 maggio 2021 · 7 min read

Ethereum deve impegnarsi di più per mantenere il suo dominio in un futuro multichain

Le commissioni più elevate su Ethereum ora offrono più opportunità per i concorrenti rispetto a prima. "Le blockchain dovrebbero collaborare per far crescere il settore e beneficiare delle reciproche competenze". I sostenitori forti potrebbero aiutare i "killer di Ethereum".

Ethereum multichain

Fonte: Adobe/David Stuart

Ethereum (ETH) non è l'unica piattaforma di smart contract in città. Sebbene abbia certamente un vantaggio di prima mossa nella sua ricerca di diventare un computer universale decentralizzato, ci sono un numero crescente di altre catene che offrono anche l'infrastruttura per l'esecuzione di app decentralizzate (dapps), e alcune di queste sembrano mangiare sostanzialmente la quota di torta di Ethereum.

La recente comparsa di blockchain come Binance Smart Chain (BSC), Solana (SOL), Cardano (ADA), Cosmos (ATOM), Polygon (MATIC) e Internet Computer (ICP) (per citarne alcuni) solleva una domanda, tuttavia. Tali blockchain e piattaforme possono coesistere pacificamente in un "ecosistema multichain" o è probabile che assisteremo al consolidamento attorno ad alcune reti dominanti man mano che il settore matura?

Secondo gli osservatori del settore, vedremo un futuro multichain, anche se una manciata di piattaforme crescerà più di altre. Ma mentre la maggior parte immagina che Ethereum continuerà a svolgere un ruolo di primo piano nell'ecosistema per un po' di tempo a venire, altri avvertono che deve risolvere rapidamente il suo problema con il gas, altrimenti resta indietro rispetto ai nuovi rivali.

L'ascesa delle blockchain

"Un gran numero di nuove blockchain compatibili con EVM (Ethereum Virtual Machine) stanno proprio ora eliminando con successo l'attività dalla stessa Ethereum", ha affermato Mark Jeffrey, amministratore delegato di Guardian Circle.

La più riuscita di questie è Binace Smart Chain, che nelle ultime settimane si è espansa a un ritmo molto più veloce di Ethereum, in termini di nuovi indirizzi e transazioni.

Ci sono una serie di semplici ragioni per questa espansione delle catene compatibili con EVM, secondo Jeffrey.

“Il primo è che la crisi del gas su Ethereum ha reso le transazioni molto difficili. Le commissioni di 30-50 dollari Americani semplicemente per l'invio di monete e le commissioni di oltre 130 dollari Americani per il conio di nuovi NFT [token non fungibili] hanno gravemente ritardato l'utilizzo e la crescita di Ethereum", ha affermato, aggiungendo che l'aumento dei costi ha creato una chiara apertura per concorrenti.

In secondo luogo, sviluppando catene compatibili con EVM, i rivali di Ethereum si sono essenzialmente dati un ecosistema già pronto di dapp e progetti da ospitare.

“Gli intelligenti 'killer di Ethereum' si sono resi conto che se avessero semplicemente biforcato Ethereum e rimosso il problema del gas modificando il consenso e i meccanismi di mining, tutti i progetti popolari su Ethereum avrebbero potuto semplicemente trapiantare il loro codice compatibile con EVM nella nuova catena. Dal lato dell'utente, Metamask  e altri portafogli compatibili con ETH potrebbero essere utilizzati immediatamente con queste nuove catene", ha aggiunto Jeffrey.

In altre parole, l'attuale raccolto di "killer di Ethereum" - come BSC, Polygon e Fantom (FTM)  - ha maggiori possibilità che mai di guadagnare una quota significativa del mercato di Ethereum, distinguendoli dagli aspiranti killer da diversi anni fa.

"Sì, si potrebbe sostenere che le commissioni più elevate su Ethereum ora offrono più opportunità per i concorrenti rispetto a prima", ha detto a Cryptonews.com un portavoce di BitMEX Research.

Per Changpeng "CZ" Zhao di Binance, l'emergere di nuove catene non è particolarmente sorprendente, dato che il settore è ancora in crescita e sta cercando alternative alle piattaforme esistenti.

"Ad esempio, BSC offre una rete pubblica senza autorizzazione ad alte prestazioni e a basso costo compatibile con la macchina virtuale di Ethereum", ha detto l'amministratore delegto a Cryptonews.com. "La maggiore velocità di transazione e i bassi costi di transazione hanno accelerato la sua utilità sin dal suo lancio lo scorso anno, e questo è uno degli sforzi per servire meglio gli utenti".

Detto questo, poche figure del settore si aspettano che uno di questi concorrenti supererà Ethereum a tal punto da diventare la catena dominante, relegando Ethereum (e altri) ai margini.

Invece, Peng Zhong, amministratore delegato di Tendermint, uno dei principali contributori di Cosmos Network, ha affermato che diverse catene dovranno essenzialmente cooperare per prosperare, sviluppando una sorta di simbiosi che consenta loro di sostenersi a vicenda, anche se indirettamente.

“Abbiamo assistito a uno sviluppo e un'innovazione incredibili costruiti su e intorno ad Ethereum e, in Cosmos, vogliamo aiutare questo sviluppo, in particolare nell'area fiorente della DeFi [finanza decentralizzata], a crescere in modo sostenibile. Riteniamo che le blockchain dovrebbero collaborare per far crescere il settore e beneficiare delle reciproche competenze", ha detto a Cryptonews.com.

Zhong ha aggiunto che le catene che si posizionano come "killer di Ethereum" avranno difficoltà a competere senza scendere a compromessi, sia a livello di decentralizzazione, base di utenti o effetto di rete. "Non dovremmo essere in competizione internamente, ma cercare modi in cui possiamo interagire e aiutarci a vicenda a crescere".

Non è un gioco a somma zero

In effetti, pochi o nessuno dei partecipanti al più ampio ecosistema blockchain credono che la criptovaluta sia un gioco a somma zero in cui una piattaforma inevitabilmente conquisterà tutto. Se non altro, questo perché praticamente nessuna catena è attualmente in grado, a livello tecnico, di gestire ogni utente in cripto.

"Stiamo vedendo dal modello mainframe di Ethereum che l'approccio "una blockchain per dominarli tutti" non è sostenibile. La rete ha già una capacità del 99+%, il che porta a congestione della rete e tariffe elevate", ha affermato Zhong.

Sostiene che le applicazioni DeFi non dovrebbero esistere esclusivamente come contratti intelligenti su Ethereum.

"Crediamo che dovrebbero esistere come sovrani delle blockchain in un ecosistema interconnesso, che è ciò di cui tratta Cosmos", ha affermato.

Altri concordano sul fatto che le criptovalute e la blockchain debbano adottare un approccio più collaborativo e incentrato sulla coesistenza. Come suggerito da Mark Jeffrey, la compatibilità potrebbe ora essere un requisito necessario per la sopravvivenza e il successo:

“Non è un gioco a somma zero. La regola ora è che devi essere compatibile con EVM. Se sei così, puoi competere ora. È meglio se puoi ottenere multichain.xyz e altre utilità per supportare la tua catena. È meglio se riesci a far funzionare rapidamente SushiSwap o un suo clone sulla tua catena e ottenere la fornitura di liquidità, il farming e tutte quelle cose che funzionano velocemente.

 

"Un momento MySpace" per Ethereum

Ma anche supponendo che le criptovalute avranno bisogno di più catene per prosperare ed evolversi davvero, possiamo ancora aspettarci, ad esempio, che Ethereum sia la principale piattaforma di smart contract per il prossimo futuro?

Per Jeffrey, questo non è affatto scontato.

“Ethereum deve risolvere la crisi del gas. E così via. Deve assolutamente, assolutamente fare questo. Questo è un momento di MySpace per ETH: o risolve i suoi gravi problemi e difende il suo territorio, oppure viene lasciata indietro mentre BSC o Polygon prendono il suo posto", ha detto a Cryptonews.com.

Per BitMEX Research, Ethereum vanta alcuni vantaggi che potrebbero essere sufficienti per mantenerla al comando per qualche tempo a venire.

“[La liquidità bloccata all'interno della DeFi] potrebbe essere un forte vantaggio. Potrebbe essere difficile per le piattaforme rivali generare questa liquidità, a meno che i rivali non abbiano l'aiuto di finanziatori ben finanziati come FTX e Binance", ha affermato il suo portavoce.

BitMEX Research aggiunge anche che la distribuzione della proprietà delle monete, nel senso di essere più ampiamente dispersa rispetto ai rivali, può essere vantaggiosa per Ethereum. Così come il gran numero di app e strumenti che sono stati creati per Ethereum, anche se molti di questi possono essere trasferiti ad altre catene.

Tuttavia, a lungo termine, Peng Zhong di Tendermint sospetta che il dominio di Ethereum possa scivolare in una certa misura una volta che gli sviluppatori si sposteranno più verso la creazione di blockchain piuttosto che di app, spinti dal desiderio di avere la propria catena sovrana e di creare le proprie regole.

"Dopo che i vantaggi di questa autonomia saranno diventati chiari e l'ecosistema delle catene interconnesse crescerà, penso che assisteremo a una migrazione dagli smart contract alle blockchain indipendenti. Non ci saranno limiti al numero di catene, né potenziali casi d'uso per il futuro ambiente multicatena e multiprotocollo, ed Ethereum continuerà sicuramente a svolgere un ruolo importante ", ha affermato.

____

Per saperne di più:
- Ethereum Developers On Why They Don’t See Cardano & Binance Chain As Rivals
- Binance Chain is On 'a Parabola', Surpassing Ethereum in Several Metrics

- Another Two Binance Smart Chain Projects Suffer Flash Loan Attacks
- Ethereum's EIP-1559 'Doesn't Deliver' As It's 'Not Meant to Reduce Fees'

- The Ethereum Economy is a House of Cards
- Why Ethereum is Far From ‘Ultrasound Money’

- DeFi On Bitcoin To Grow In The Shadow Of Ethereum
- ETH Can Flip Bitcoin, But It Can't 'Have Its Cake & Eat It Too' - Arthur Hayes