La Fed non riuscirà ad impedirà la recessione negli USA

Recessione Inflazione
Fonte: Adobe/sportpoint

 

Alex Domash, Ricercatore, Harvard Kennedy School, e Lawrence H. Summers, Professore Universitario Charles W. Eliot, Harvard Kennedy School.
_____

La Federal Reserve spera in un "atterraggio morbido" per l'economia statunitense, ma la storia suggerisce che non impedirà la recessione. La Fed probabilmente imparerà presto ciò che i ginnasti sanno già: atterrare è difficile.

Con l'inflazione che ha raggiunto un nuovo massimo degli ultimi 40 anni e che continua ad accelerare, la Fed ha aumentato i tassi di interesse di mezzo punto percentuale questa settimana. È il secondo dei sette aumenti dei tassi previsti nel 2022 - dopo un aumento di un quarto di punto a marzo - mentre la Fed cerca di raffreddare la domanda dei consumatori e rallentare l'aumento dei prezzi.

Aumentando i tassi di interesse, la banca centrale spera di ottenere un proverbiale "atterraggio morbido" per l'economia statunitense, in cui sia in grado di domare la rapida inflazione senza causare un aumento della disoccupazione o innescare una recessione. La Fed e i previsori professionisti prevedono che l'inflazione scenderà al di sotto del 3% e che la disoccupazione rimarrà sotto il 4% nel 2023.

La nostra recente ricerca, tuttavia, suggerisce che l'ingegneria di un atterraggio morbido è altamente improbabile e che c'è una significativa probabilità di recessione in un futuro non troppo lontano.

Questo perché l'alta inflazione e la bassa disoccupazione sono entrambi forti predittori di future recessioni. Infatti, dagli anni '50, ogni volta che l'inflazione ha superato il 4% e la disoccupazione è stata inferiore al 5%, l'economia statunitense è andata in recessione entro due anni.

Oggi, l'inflazione è all'8,5% e la disoccupazione è al 3,6% - il che indica che una recessione sarà molto difficile da evitare.

Dietro la curva

L'inflazione è fondamentalmente causata da troppo denaro per acquistare troppo pochi beni.

Nel breve periodo, l'offerta di beni nell'economia è più o meno fissa - non c'è niente che la politica fiscale o monetaria possa fare per cambiarla - quindi il lavoro della Fed è quello di gestire la domanda totale nell'economia in modo che si bilanci con l'offerta disponibile.

Quando la domanda supera troppo l'offerta, l'economia comincia a surriscaldarsi e i prezzi salgono bruscamente. Nella nostra valutazione, le misure di surriscaldamento - come la forte crescita della domanda, la diminuzione delle scorte e l'aumento dei salari - hanno cominciato a mostrarsi nell'economia nel corso del 2021. Ma un nuovo quadro operativo che la Fed ha adottato nell'agosto 2020 ha impedito alla Fed di agire fino a quando l'inflazione sostenuta non fosse già evidente.

Di conseguenza, la Fed è oggi molto indietro nella risposta a un'economia in surriscaldamento.

Fare un atterraggio morbido è difficile

Per abbattere l'inflazione in aumento, la Fed cercherà ora di alzare i tassi d'interesse per frenare la domanda dei consumatori.

Il risultante aumento dei costi di finanziamento può aiutare a rallentare l'attività economica scoraggiando i consumatori e le imprese dal fare nuovi investimenti. Ma si correrebbe il rischio di provocare grandi perturbazioni economiche e di spingere l'economia in una recessione. Questo è l'atterraggio morbido: I tassi di interesse salgono e la domanda scende abbastanza da abbassare l'inflazione, ma l'economia continua a crescere.

La storia dell'ingegneria degli atterraggi morbidi non è però incoraggiante. Abbiamo scoperto che ogni volta che la Fed ha premuto il freno abbastanza forte da far scendere l'inflazione in modo significativo, l'economia è andata in recessione.

Mentre alcuni hanno sostenuto che ci sono stati diversi esempi di atterraggi morbidi negli ultimi 60 anni, tra cui nel 1965, 1984 e 1994, nella nostra analisi mostriamo che questi periodi avevano poca somiglianza con il momento attuale.

In tutti e tre gli episodi, la Fed stava operando in un'economia con una disoccupazione significativamente più alta, un'inflazione più bassa e una crescita salariale inferiore. In questi esempi storici, la Fed ha anche alzato i tassi d'interesse ben al di sopra del tasso d'inflazione - a differenza di oggi, dove l'inflazione è all'8,5% e i tassi d'interesse dovrebbero rimanere al di sotto del 3% fino al 2023 - e ha esplicitamente agito in anticipo per evitare che l'inflazione crescesse, piuttosto che aspettare che l'inflazione fosse già eccessiva.

Perché il mercato del lavoro è rilevante per l'inflazione?

Una ragione per cui la sfida della Fed è particolarmente difficile oggi è che il mercato del lavoro è in difficoltà senza precedenti, il che significa che la domanda di lavoratori supera di gran lunga l'offerta disponibile. Un mercato del lavoro in difficoltà implica che le aziende devono aumentare i salari per attrarre nuovi lavoratori.

Di solito, il tasso di disoccupazione è usato come indicatore per la tenuta del mercato del lavoro. La disoccupazione è molto bassa oggi, e la Fed si aspetta che scenda ancora di più. Ma la nostra ricerca mostra che la pressione per aumentare i salari è ancora più alta di quella indicata dal tasso di disoccupazione. Il numero di posti di lavoro aperti è ai massimi storici, e i lavoratori stanno lasciando il lavoro a tassi record - entrambe le cose sono significative per far salire i salari.

In un certo senso, i salari sono l'ultima prova che misura l'inflazione di base - più di due terzi dei costi d'impresa sono dovuti alla mano d'opera - quindi l'aumento dei salari esercita una significativa pressione al rialzo sull'inflazione. La crescita dei salari oggi sta correndo a un tasso storico del 6,6% e sta accelerando.

Con i salari che aumentano così velocemente, ci sono poche basi per l'ottimismo che l'inflazione possa rallentare al 2%, obiettivo della Fed. La nostra analisi mostra che l'attuale crescita dei salari implica un'inflazione sostenuta sopra il 5%, e che storicamente la crescita dei salari non rallenta senza un aumento significativo della disoccupazione e una recessione.

Le probabilità di una recessione

L'economia statunitense oggi sta affrontando ulteriori pressioni inflazionistiche dall'aumento dei prezzi del grano e dell'energia a causa della guerra in Ucraina e da ulteriori interruzioni della catena di approvvigionamento, dato che il COVID-19 costringe a nuovi lockdown in Cina. Questi fattori minacciano di esacerbare ancora di più l'inflazione nel corso del prossimo anno.

[Oltre 150.000 lettori si affidano alle newsletter di The Conversation per capire il mondo. Iscriviti oggi].

Nella nostra valutazione, il problema dell'inflazione che la Fed deve affrontare oggi è sostanziale e difficilmente potrà essere risolto senza un significativo rallentamento dell'economia. Nel complesso, la combinazione di un'economia in surriscaldamento, l'aumento dei salari, il ritardo della politica da parte della Fed e i recenti shock dell'offerta significano che una recessione nei prossimi due anni è certamente molto più probabile. 

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più:
- As Inflation Is Here to Stay, Bitcoin, Ethereum, and Gold Investors Will Win, But Brace for Volatility - BitMEX
- L'inasprimento della Fed è un'opportunità per le crypto
- As Bitcoin Keeps Tanking, Arthur Hayes Joins Chorus of USD 1M BTC Predictors and Warns of 'The Doom Loop'
- Financial Stability Risks Grow as War in Europe Complicates Push to Contain Inflation
- Why We Can’t Just ‘Stop Printing Money’ to Get Inflation Down
- Prezzo di Bitcoin più basso con l'aumento dei tassi?