06 giugno 2021 · 6 min read

La Proof-of-Stake favorisce la centralizzazione e i ricchi

L'acquisto di ETH non dà ai validatori o agli staker il controllo unilaterale sulla rete, ma i maggiori possessori esistenti diventeranno ancora più ricchi con la Proof of Stake. La capacità dei sistemi finanziari di acquisire illimitatamente token non dovrebbe essere trascurata.

proof of stake

Fonte: Adobe/godlikeart

Nel settore cripto, la questione del consenso spesso sfocia in controversie. Certo, gli stessi meccanismi di consenso si traducono in accordi sulle transazioni, ma quando si tratta di scegliere il meccanismo ideale per una particolare catena o per un asset cripto, la comunità nel suo insieme è spesso in disaccordo.

Proof of stake (PoS), uno dei meccanismi più dibattuti

Uno dei meccanismi più dibattuti ora è la proof-of-stake (PoS). Mentre i suoi sostenitori sostengono che eviti il sbalorditivo consumo energetico associato alle reti proof-of-work (PoW) come Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH), quelli dall'altra parte del dibattito affermano che si traduce in centralizzazione e che aiuta i ricchi ad arricchirsi ulteriormente.

In effetti, almeno una figura di spicco del settore ha recentemente affermato che la proof-of-stake non è sostanzialmente diversa da come funziona l'attuale sistema monetario fiat, con i possessori di stake maggiori che hanno un controllo quasi monopolistico sull'intero sistema. Questa è una valutazione con cui sono d'accordo numerosi altri commentatori, anche se pochi arriverebbero al punto di concordare sul fatto che presto avremo banche (centrali) vere e proprie che acquisteranno il controllo della blockchain di Ethereum 2.0, poiché mira a iniziare a utilizzare la Proof-of-Stake.

Depositi centralizzati

Su Twitter, Pavol Rusnank, co-fondatore di Satoshi Labs, il produttore del portafoglio hardware Trezor, ha dichiarato che "il meccanismo della proof-of-stake è come quello delle fiat". Come ha spiegato, gli attori con depositi maggiori determinano come funziona il sistema, con la responsabilità di controllare come vengono verificate le transazioni e quanto nuovo denaro viene creato.

Rusnak stava rispondendo a un precedente tweet dello sviluppatore di Bitcoin "grubles", il quale affermava che le banche adoreranno Ethereum 2.0 poiché saranno in grado di stampare quantità indefinite di valuta fiat per acquistare più ETH, che possono quindi utilizzare per controllare la blockchain.

Per altri sviluppatori e sostenitori di Bitcoin, il possibile coinvolgimento di istituzioni finanziarie è un rischio tangibile.

“Sicuramente è un grosso rischio ed è il motivo per cui la Proof-of-Stake non funziona. Essenzialmente paga i ricchi per essere ricchi ed è un sistema autorizzato, quindi non decentralizzato", ha affermato Jimmy Song, educatore, autore e sviluppatore di Bitcoin.

Per coloro che non sono così strettamente connessi a Bitcoin, il rischio effettivo che le banche acquistino il controllo di Ethereum 2.0 (o di qualsiasi altra grande catena Proof-of-Stake) è molto remoto in questo momento. Tuttavia, i critici sono per lo più d'accordo sul fatto che la centralizzazione sia una seria preoccupazione.

Cosa afferma l'ambasciatore di Trezor

"Il problema con la Proof-of-Stake è che non esiste un'ancora nel mondo reale, poiché la convalida dei blocchi è completamente intrinseca", ha affermato l'ambasciatore di Trezor Josef Tětek.

Tuttavia, ha aggiunto che, per ora, l'idea che le istituzioni finanziarie acquistino grandi quantità di ETH suona "inverosimile".

“Il rischio attuale molto più grande è la centralizzazione dello stake negli exchange e altri depositari, alimentata da requisiti minimi di deposito. Ma su un orizzonte temporale più lungo, la capacità del sistema finanziario di acquisire illimitatamente token non dovrebbe essere trascurata", ha detto a Cryptonews.com.

Incentivi, disincentivi e potere dei ricchi

Altri analisti suggeriscono che, sebbene possibile, non è probabile una forte centralizzazione di Ethereum 2.0 e di altre reti proof-of-stake, dati gli incentivi e i disincentivi coinvolti.

“È possibile, se non probabile, che le istituzioni e le banche vedano ETH come un valido veicolo di investimento. Ma l'acquisto di ETH non offre ai validatori o agli staker il controllo unilaterale sulla rete", ha affermato Wilson Withiam, Analista di Ricerca Senior presso Messari.

Come Withiam ha continuato a spiegare, Ethereum non basa la governanza on-chain sul possesso di token, quindi possedere più ETH non offre a un singolo utente un maggiore controllo su ogni aspetto della rete.

“Inoltre, attaccare la rete o agire con malignità porterà ad essere "buttati fuori" o potrebbe causare la caduta libera del prezzo (e dei depositi dell'attaccante) in una situazione estrema. Gli incentivi economici in atto impediscono ai validatori di trarre facilmente profitto quando agiscono al di fuori delle regole definite della piattaforma", ha detto a Cryptonews.com.

Ma mentre "attaccare" una rete è una cosa, usare una posizione di potere per influenzare la direzione di una blockchain e di una piattaforma potrebbe essere un'altra.

“Non c'è rischio che Ethereum diventi centralizzato, lo è già! Sospetto che gli exchange saranno fondamentalmente i controllori di tali monete. E sarebbe simile a come funziona l'attuale sistema monetario fiat sostenuto dalla banca centrale in quanto le banche hanno un'influenza indebita sul denaro", ha affermato Jimmy Song.

La proof of stake ha tendenze alla centralizzazione

Questo è un punto di vista con cui Josef Tětek concorda ampiamente, sostenendo che la Proof of Stake ha tendenze alla centralizzazione incorporate, con gli exchange che potrebbero essere i beneficiari più grandi.

“Con requisiti minimi di stake (come i 32 ETH di Ethereum per validatore), i piccoli possessori cercheranno modi per partecipare – e gli exchange sono gli ovvi fornitori di servizi di staking in pool. Questo sta già accadendo con i sistemi Proof-of-Stake esistenti, in cui gli exchange sono i più grandi stakeholders", ha affermato.

Un altro motivo per la centralizzazione, secondo Tětek, è il ciclo positivo per cui avere molte monete di solito equivale a guadagnare molte più monete.

"I maggiori detentori esistenti diventeranno ancora più ricchi con la Proof-of-Stake, senza subire alcun rischio tangibile", ha aggiunto.

Mentre afferma che le prospettive di una violazione di Ethereum 2.0 da parte delle banche sono molto basse, Wilson Withiam concorda sul fatto che con la Proof of Stake è "quasi inevitabile" che i ricchi si arricchiscano maggiormente.

“Quelli con le assegnazioni iniziali hanno un diritto perpetuo sul signoraggio a spese dei non partecipanti. È anche soggetto a economie di scala, poiché i fornitori di staking professionali possono eseguire più validatori e gli exchange (servizi con più flussi di entrate) possono offrire lo staking ad un costo quasi a zero per gli utenti", ha affermato.

Entrambi i fattori possono portare a una concentrazione dello staking, ha aggiunto. Ma d'altra parte, ha notato che nessun meccanismo di consenso è perfetto, con Ethereum che ha due principali contro-argomentazioni a suo favore:

“I suoi sei anni di emissioni con la Proof-of-Work gli hanno permesso di avere una distribuzione più equa. La sua distribuzione e la sua base di titolari è più diversificata rispetto alle nuove reti Proof-of-Stake. Gli staking pool decentralizzati consentono agli utenti con qualsiasi quantità di ETH di partecipare allo staking e ricevere ricompense per l'inflazione", ha affermato.

Tendenze e miglioramenti della centralizzazione

Ci sono alcuni, come Jimmy Song, che affermano che nessuna quantità di aggiustamenti può decentralizzare le catene Proof of Stake.

“La decentralizzazione non è una caratteristica che puoi semplicemente decidere di avere. È qualcosa che è intrinsecamente molto difficile da ottenere e le altcoin come Ethereum semplicemente non lo sono, non importa quanto proclamino il contrario", ha detto Jimmy Song a Cryptonews.com.

Anche l'ambasciatore del marchio Trezor Josef Tětek sostiene che le catene Proof-of-Stake dovranno imparare a convivere con la centralizzazione e che non sono compatibili con la decentralizzazione.

“Quando rinunci al legame con il mondo reale che è la Proof-of-Work, apri il sistema alle tendenze di centralizzazione. La PoW attraverso dispositivi specializzati come gli ASIC SHA256 [hardware di mining] è molto più difficile da controllare: gli ASIC sono già sparsi in tutto il mondo, e richiedono manutenzione continua", ha affermato.

Ma concludendo con una nota più positiva, Wilson Withiam suggerisce che ci sono almeno tre miglioramenti che le catene Proof of Stake possono apportare per limitare la concentrazione dello staking:

  1. incentivi integrati per incoraggiare gli staker a puntare con validatori più piccoli (esempi includono il parametro k di Cardano (ADA) e il design Proof-of-Stake nominato da Polkadot (DOT));
  2. regolare i rendimenti sulla base di un periodo di "fermo" predeterminato; gli staker potrebbero ricevere più ricompense e potere di voto se bloccano la loro partecipazione per un periodo più lungo (ad esempio Internet Computer);
  3. attuare un'equa distribuzione iniziale; evitare assegnazioni troppo grandi a team e membri interni.

____

Per saperne di più:
- Ethereum Won't Hide From Quantum Computers Behind PoS Shield
- Proof-of-Disagreement: Bitcoin's Work vs. Ethereum's Planned Staking

- Proof-Of-Bitcoin Needed As Critics & Competitors Unite To Play Climate Card
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining