05 nov 2021 · 4 min read

Il cambiamento climatico potrebbe aumentare l'inflazione?

Inflazione
Fonte: Adobe/Ezume Images

In vista di una giornata di colloqui sulla finanza climatica al vertice sui cambiamenti climatici COP26 a Glasgow, l'ex governatore della Banca d'Inghilterra Mark Carney ha annunciato il lancio di una coalizione di società finanziarie impegnate a raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2050. La Glasgow Financial Alliance for Net Zero afferma che è composto da più di 450 diverse banche, gestori patrimoniali e assicuratori e rappresenta fino a 150 trilioni di dollari in asset.

È degno di nota il fatto che questa coalizione di aziende del settore privato sia guidata da Carney, un ex banchiere centrale anziano, poiché negli ultimi anni ricercatori, attivisti e altri hanno chiesto alle banche centrali di fare di più per combattere il cambiamento climatico. E sebbene i banchieri centrali abbiano discusso ampiamente della questione, si sono generalmente concentrati sulle sue implicazioni per la stabilità finanziaria. Lo stesso Carney ha precedentemente avvertito che il cambiamento climatico potrebbe danneggiare il sistema finanziario, poiché i beni sono danneggiati da condizioni meteorologiche estreme o diventano non praticabili (e quindi non assicurabili) con l'innalzamento delle temperature e la normalizzazione dell'azione per il clima.

Sebbene la stabilità del sistema finanziario sia importante, rimane un obiettivo secondario per la maggior parte delle banche centrali. In effetti, il loro obiettivo principale è mantenere prezzi stabili e raggiungere una bassa inflazione. Ma il cambiamento climatico potrebbe minare la loro capacità di raggiungere questo obiettivo primario?

In che modo il cambiamento climatico influisce sulla politica monetaria? 

Le banche centrali sono generalmente rimaste timide su questo tema, come se presumessero di essere immuni dagli effetti del cambiamento climatico. Ma io e il mio coautore Koyesha Mukherjee abbiamo recentemente pubblicato una ricerca, in cui abbiamo dimostrato che il cambiamento climatico rappresenta una minaccia non solo per la stabilità finanziaria, ma anche per i prezzi e l'inflazione.

Abbiamo evidenziato vari canali attraverso i quali il cambiamento climatico incide sulla stabilità dei prezzi. Ad esempio, temperature più calde e siccità più frequenti, potrebbero portare a un calo della produzione agricola, con conseguente penuria di cibo. Ciò a sua volta farebbe salire i prezzi, poiché la domanda di cibo sarebbe superiore all'offerta.

cambiamento climatico

La siccità può ridurre le scorte di cibo, facendo salire i prezzi. Eddie J. Rodriquez / shutterstock

Le condizioni climatiche estreme comportano anche una maggiore domanda di energia (per il raffreddamento o il riscaldamento), ma anche una diminuzione dell'offerta, facendo salire i prezzi. Il clima estremo influisce anche sulla capacità dei paesi di produrre beni esportati. Ad esempio, quando le persone sono esposte a temperature estreme, sono meno efficaci nella produzione di beni, compresi quelli destinati al settore dell'esportazione. Ciò creerebbe una carenza di beni e quindi inciderebbe sui prezzi del mercato globale.

Abbiamo trovato prove di ciò quando abbiamo analizzato gli effetti delle variazioni di temperatura sull'inflazione per un gruppo di 107 paesi (inclusi 80 paesi in via di sviluppo e 27 paesi sviluppati). Abbiamo prima raccolto le temperature medie giornaliere per ogni paese e poi le abbiamo convertite in una cifra annuale. La variazione di questa cifra annuale ci ha fornito una misura semplificata della variazione di temperatura, che abbiamo confrontato con l'inflazione in quel paese in quell'anno.

Dopo aver escluso alcuni paesi che avevano sperimentato l'iperinflazione e due periodi di shock inflazionistici globali, abbiamo scoperto che l'aumento delle temperature era strettamente legato a un aumento dell'inflazione.

La nostra scoperta è stata confermata anche quando abbiamo intrapreso indagini separate per i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo. Nei paesi sviluppati, l'aumento della temperatura porta a un aumento dell'inflazione nel breve periodo (circa un anno). Nei paesi in via di sviluppo, tuttavia, i risultati sono stati più preoccupanti, poiché questo effetto è persistito per almeno sei anni dopo l'inizio del processo.

Cosa significano questi risultati per le banche centrali?

Ovviamente, dovranno adeguare costantemente i tassi di interesse in risposta agli effetti del cambiamento climatico. Ma le banche centrali perderanno anche la loro capacità di prevedere con precisione le variabili economiche perché il cambiamento climatico rende le cose più irregolari a breve termine (condizioni meteorologiche estreme) e a lungo termine (perdita generale di stabilità). Ciò potrebbe avere gravi implicazioni per l'economia in generale, rendendo più probabili recessioni e crisi finanziarie. Infine, le banche centrali affrontano la sfida di attuare la migliore risposta politica ai cambiamenti climatici dell'inflazione e della produzione.

È estremamente importante che le banche centrali comprendano che l'impatto del cambiamento climatico va oltre la stabilità finanziaria e rappresenta una minaccia per il loro primo obiettivo primario di mantenere i prezzi stabili e l'inflazione bassa. Pertanto, dovrebbero tenere conto dei cambiamenti climatici nel loro processo decisionale.

È importante che le banche centrali comprendano la fonte dell'inflazione al fine di adottare la risposta giusta. Politiche più ampie per ridurre la velocità del cambiamento climatico potrebbero includere la politica monetaria verde, il finanziamento verde o persino l'allentamento quantitativo verde in cui le banche centrali acquistano solo asset in cui vi sono prove che il denaro creato venga utilizzato per scopi ecologici.

clima

Questa storia fa parte del reportage di The Conversation sulla COP26, la conferenza sul clima di Glasgow, da parte di esperti di tutto il mondo.
In mezzo a una marea crescente di notizie e storie sul clima, The Conversation è qui per chiarire la situazione e assicurarti di ottenere informazioni di cui ti puoi fidare. Di più.

 

Osman Ouattara, Reader in Development Economics, Università di Manchester.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

_____
Per saperne di più:
- Bitcoin Miner, state attenti al summit sul clima COP26!
- Dozens of ‘ESG Companies’ Have 'Creeping Exposure' to Crypto

- Bitcoin e cripto riducono la disuguaglianza di ricchezza

- Gli alti prezzi di Bitcoin provano l'inflazione americana
- Inflation Scares in an Uncharted Recovery