19 mar 2022 · 6 min read

Come progettare giochi blockchain in modo etico

Gaming etico
Fonte: AdobeStock / ekkaphan

Ecco come progettare giochi blockchain in modo etico.

Non si può negare che ciò che oggi è considerato un design di gioco di successo implica un senso di manipolazione e non trasparenza. Per uno, massimizzare il coinvolgimento spesso significa attivare la FOMO (fear of missing out- paura di perdere l'occasione) dei giocatori quando sono lontani dal gioco, che quindi devono bramare di tornare a giocare il prima possibile. D'altra parte, la pratica della raccolta e dell'uso non trasparenti dei dati personali è diventata piuttosto comune nel settore.

Mentre stiamo entrando nell'era del Web 3, la necessità di equità e trasparenza sta crescendo. I pionieri del game design stanno riconsiderando le politiche esistenti e ne stanno introducendo di nuove.

Esaminiamo alcuni esempi di game design non etico, oltre a pratiche più etiche sia già in uso, sia che verranno introdotte nel prossimo futuro.

F[r]ee-to-play

Nel 2019, l'industria mondiale dei videogiochi ha generato oltre 152 miliardi di dollari. Gran parte di questi fondi provengono da titoli free-to-play che addebitano ai giocatori oggetti di gioco e potenziamenti. Le commissioni possono variare da pochi dollari a oltre 100 USD per transazione, mentre le tattiche includono la limitazione di attrezzature particolari dietro un paywall a tempo o l'implementazione di nuovi contenuti che richiedono apparecchiature a pagamento per progredire.

Sebbene questo modello non sia di per sé immorale e gli sviluppatori debbano essere pagati per il lavoro svolto, i modi in cui queste tattiche vengono implementate spesso rasentano l'immorale. Un giocatore potrebbe investire in un nuovo set di equipaggiamento una o due volte, solo per esplorare il gioco più a fondo. Tuttavia, se le nuove attrezzature sono costantemente necessarie per avere successo, a un certo punto potrebbero voler spendere sempre di più per continuare a giocare, a causa di ciò che hanno già investito nel gioco.

Avere i giocatori che pagano per rimanere in gioco non è un gioco, è spillare denaro.

Se il giocatore ha una personalità soggetta a dipendenza, potrebbe diventare negativamente dipendente dal gioco: fino al punto in cui potrebbe influire sulla sua salute fisica e mentale e/o sullo stato finanziario.

Inoltre, alcuni sviluppatori di giochi impongono i propri metodi di gioco per generare maggiori profitti sui giocatori: come punirli per non aver effettuato l'accesso ogni giorno o per non aver raggiunto un certo livello di esperienza in un determinato periodo di tempo.

Gaming e dati

Prima del 2010, i progetti di gioco non avevano idea di come i giocatori interagissero con il gioco, si avvicinassero a determinati scenari di gioco o reagissero a domande o impegni specifici. Oggi, gli sviluppatori raccolgono informazioni sui giocatori in merito ai loro gusti, antipatie, preferenze, comportamento e altro utilizzo attraverso mezzi interni ed esterni. Questi dati vengono utilizzati per migliorare il design del gioco e rendere i titoli più accattivanti.

Il problema è che non viene sempre raccolto in modo anonimo, né gestito eticamente. Il problema è anche che non è necessariamente usato a vantaggio del giocatore ma piuttosto contro il giocatore.

Secondo un'esposizione di Polygon (MATIC), questi dati potrebbero essere utilizzati per stabilire profili personali per scopi pubblicitari o altri scopi. Ad esempio, alcuni videogiochi, tipicamente di ruolo, presentano test di personalità. Alcuni dei dati vengono venduti a scopo di lucro o utilizzati per manipolare il giocatore introducendo le pratiche non etiche descritte sopra.

Mentre alcuni sviluppatori sono diventati più consapevoli di questa possibilità e stanno adottando le misure necessarie per prevenirla, altri potrebbero vedere quel futuro e sviluppare giochi su misura per essa.

Impegno positivo: esempi

Possiamo trovare un esempio di coinvolgimento incoraggiante e di non punire i giocatori per il disimpegno nel popolare gioco multiplayer online (MMO) World of Warcraft (WoW). Come nota la psicologa dei giochi Celia Hodent nel suo discorso su Ethics in the Videogame Industry, il gioco premia i giocatori che si impegnano quotidianamente, ma non punisce coloro che giocano nel loro tempo libero.

WoW premia anche il disimpegno tramite la sua meccanica "Locanda": se un giocatore si disconnette mentre il suo personaggio si trova in una Locanda, accumulerà un modificatore di esperienza che raddoppierà la sua esperienza dopo aver effettuato nuovamente l'accesso per un certo numero di ore. Più a lungo un giocatore rimane disconnesso, più a lungo dura questo modificatore.

Lo sparatutto in prima persona online di Halo Infinite offre un altro esempio positivo di coinvolgimento dei giocatori. Come molti titoli online, Halo Infinite presenta un sistema di ricompense stagionali a pagamento chiamato Battle Pass per mantenere i giocatori impegnati regolarmente. La differenza è che il pass non scade: i giocatori che acquistano il Battle Pass vi avranno accesso per sempre e potranno sempre sbloccare l'equipaggiamento in un secondo momento.

Soluzioni come queste sono nate studiando anni di dati sul coinvolgimento dei giocatori.

Tuttavia, l'industria dei giochi ha bisogno di più di pochi sviluppatori in buona fede per garantire che le informazioni sui giocatori rimangano al sicuro da manipolazioni e abusi di dati. 

È qui che entrano in gioco le linee guida sui diritti umani incentrate sul gioco.

Rafforzare il design etico

Quando si tratta di game design tradizionale, entità come la Interactive Software Federation of Europe hanno stabilito delle linee guida che gli sviluppatori di giochi online devono seguire per quanto riguarda i diritti alla privacy umana.

Tuttavia, con l'introduzione dei dati tokenizzati tramite videogiochi basati su blockchain, ci sono più variabili che gli sviluppatori devono iniziare a considerare.

Fortunatamente, alcuni progetti, come la Fair Data Society, stanno già esaminando le politiche e la privacy basate sul Web 3, raccomandando una serie di principi etici per guidare lo sviluppo. [Swarm è un membro della Fair Data Society - Cryptonews.com.]

La Fair Data Society sta attualmente costruendo un'applicazione decentralizzata (dapp) chiamata Fairdrop, che è un'applicazione decentralizzata per il trasferimento di file che non raccoglie affatto informazioni sugli utenti. Offre invece la condivisione di file crittografati e resistenti agli attacchi DDoS per consentire agli utenti di inviare file e informazioni in modo sicuro tra loro. L'utente ha il pieno controllo dell'esperienza e dei dati, quindi dovrebbe esserlo anche nei giochi.

Inoltre, il gioco Resistance di Fair Data Society continua questa pratica ed è un esperimento su come utilizzare modelli di progettazione di giochi etici per una migliore esperienza di hackathon.

Naturalmente, questo è solo l'inizio dell'uso etico nello spazio basato sulla blockchain e queste politiche possono essere trasferite nelle filosofie di progettazione del gioco mentre gli sviluppatori fanno il passo avanti.

È solo questione di tempo prima che i giocatori e gli sviluppatori riconoscano l'opportunità dello spazio Web 3, e prima sviluppiamo politiche e regolamenti da seguire, più pratiche etiche emergeranno nello spazio.

––––

Gregor Žavcer, Direttore Esecutivo di Swarm,, un sistema di archiviazione e comunicazione decentralizzato basato su Ethereum.
 

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
____

Per saperne di più:
- Web3: cos'è e come si sviluppa questo nuovo paradigma
- Il gaming su blockchain continuerà a espandersi nel 2022
- Microsoft fa enormi passi avanti nel Gaming del Metaverso
- Ricompense di Axie Infinity cambiano - AXS e SLP al rialzo