20 lug 2022 · 6 min read

Moda e NFT: un connubio perfetto

 

Moda
Fonte: Uno screenshot, Instagram/filippina

Il mondo della moda ha optato per gli NFT in grande stile. Sì, gli scettici potrebbero continuare a sostenere che gli NFT sono "inutili", ma le case di moda sembrano non aver ricevuto il promemoria, dal momento che un numero crescente di loro ha iniziato a offrire quei token di proprietà come parte delle loro collezioni e linee di prodotti.

In effetti, l'elenco delle aziende di moda che utilizzano NFT in un modo o nell'altro è diventato piuttosto ampio, inclusi luminari come Balmain, Philipp Plein, Gucci, Prada, Salvatore Ferragamo, Rebecca Minkoff, Burberry, Diesel, Guerlain e altri. Per molti versi, NFT e moda creano un abbinamento naturale, se non altro perché entrambi sono incentrati sulla rarità e sullo status.

Uno dei grandi vantaggi dell'adozione degli NFT da parte della moda è che ha permesso all'industria di attrarre nuovi clienti, persone che altrimenti non avrebbero speso con determinati marchi. Con almeno alcune case di moda che accettano gli NFT come una nuova realtà per loro, questa relazione potrebbe anche funzionare nell'altra direzione, con la moda che serve a portare nuove persone agli NFT e alle criptovalute.

Moda e NFT: un connubio perfetto

Il gruppo di moda svizzero Philipp Plein è stato uno dei primi ad adottare NFT e criptovalute nel settore, avendo iniziato ad accettare la criptovaluta come forma di pagamento nell'agosto 2021.

Questo coinvolgimento si è esteso all'uso di NFT nell'aprile di quest'anno, quando il gruppo ha lanciato un concept store a Londra che offre ai clienti token non fungibili che rappresentano gli articoli del mondo reale che acquistano in negozio. Per lo stesso Philipp Plein, questo ha molto senso dal punto di vista commerciale, visto che la moda e gli NFT sono entrambi una forma d'arte.

“Significa che entrambi sono un modo per esprimere te stesso o per esprimere sentimenti o idee. Se aggiungiamo marchi di lusso al mix, gli NFT diventano anche una questione di status symbol", ha detto a Cryptonews.com.

Che la moda e gli NFT si intreccino tra loro a livello di base è qualcosa sostenuto anche dall'industria NFT stessa, con il co-fondatore di Rarible e Chief Strategy Officer  Alex Salnikov concordando sul fatto che la rarità e l'espressione artistica sono due grandi aree di sovrapposizione.

Ha detto a Cryptonews.com: “Le industrie della moda e degli NFT spesso ruotano attorno agli stessi principi fondamentali di espressione artistica, innovazione continua e rarità e, come tali, creano una partnership naturale e molto promettente. Credo che un'ulteriore collaborazione tra i due settori consentirà a entrambi i settori di continuare ad evolversi in nuovi modi precedentemente ritenuti inimmaginabili e inaugurerà una nuova entusiasmante era della moda digitale e fisica".

A giudicare dall'enorme numero di marchi di moda che sono entrati negli NFT, sembra che stia lentamente nascendo una "nuova era". Mentre alcune aziende hanno appena iniziato a utilizzare i token non fungibili, altre già riconoscono che gli NFT sono qui per restare.

"Per noi è una nuova realtà, crediamo fermamente che questo sia il futuro e sta accadendo ora", ha affermato Philipp Plein, aggiungendo che è probabile che tutti i progetti futuri del suo marchio includano NFT e criptovalute come parte "integrale".

Tuttavia, è improbabile che i marchi di moda si impegnino solo con gli NFT, con molti che sperimentano anche piattaforme metaverse. Questo è anche il caso di Philipp Plein, che ha stabilito una presenza nel metaverso a febbraio.

Plein ha affermato: "Abbiamo acquistato il nostro terreno nel metaverso Decentraland per oltre 1,5 milioni di euro, il PLEIN PLAZA, e da allora lo stiamo sviluppando. Abbiamo anche ospitato una sfilata di moda durante la settimana della moda milanese".

In effetti, il metaverso è diventato un appuntamento fisso nel settore della moda, con Decentraland che ha ospitato la Metaverse Fashion Week a marzo, quando marchi come DKNY, Tommy Hilfiger, Paco Rabanne, Dolce & Gabbana, Etro, Charles & Keith e Prive Porter hanno mostrato le loro merci virtuali. Inutile dire che i token non fungibili sono stati una parte importante dell'evento, con l'Amsterdam Metaverse Festival - tenutosi a giugno - che si è appoggiato pesantemente anche sugli NFT.

Cosa fanno le criptovalute e gli NFT per la moda

Parlando con cifre su entrambi i lati dell'equazione, è chiaro che la storia d'amore della moda con gli NFT l'ha aiutata ad attirare nuovi clienti. Secondo Philipp Plein, l'accettazione di pagamenti basati su criptovalute nell'agosto 2021 ha portato a "risultati incredibili" entro dieci mesi.

“Quando abbiamo iniziato accettavamo 15 valute e ora accettiamo 24 valute diverse. Il fatturato generato tramite i pagamenti in criptovalute sul sito Web ha già raggiunto oltre il 2,5% [del fatturato totale], il che lo porta a un livello di metodo di pagamento reale", ha affermato Philipp Plein.

Plein riferisce inoltre che, nel contesto dei punti vendita del marchio, i clienti hanno mostrato molto interesse a pagare con criptovalute e/o a ricevere NFT, cosa che crea "punti di contatto aggiuntivi" tra i suoi negozi e dati demografici esperti di tecnologia.

"Anche molto interessante è che il valore medio di un ordine pagato con criptovalute è [superiore del 187%] rispetto ad altri metodi di pagamento e 73 clienti su 100 [che spendono criptovalute] sono completamente nuovi per il marchio", ha affermato.

Questo account è supportato dall'esperienza del mercato NFT Rarible, il cui Alex Salnikov concorda sul fatto che l'incontro tra il settore NFT e quello della moda ha consentito a entrambi di acquisire nuovi clienti, creatori e fan.

Inoltre ha affermato: “Rarible, ha collaborato con una serie di importanti marchi di moda tra cui Diesel e G-Star Raw, che hanno permesso a questi marchi di ottenere visibilità a nuovi creatori e fan del mondo di Web3. Allo stesso modo, le partnership tra il settore della moda tradizionale e il settore NFT servono anche come una sorta di gateway per portare nuovi utenti nel mondo di Web3".

Salnikov ha osservato che l'incrocio tra moda e NFT è una partnership reciprocamente vantaggiosa, che consente a entrambi i settori di espandere ulteriormente e ampliare la propria base di utenti. È per tali ragioni che si aspetta che continui nel prossimo futuro, anche di fronte a un apparente inverno cripto.

Dice: "Questa rivoluzione digitale non è temporanea, ma piuttosto una nuova fase della nostra vita che continuerà a crescere e cambiare i modi in cui lavoriamo, creiamo e ci impegniamo gli uni con gli altri. Questo vale anche per l'intersezione tra NFT e le industrie della moda, e stiamo vedendo sempre più marchi di lusso e lifestyle entrare nello spazio Web3".

 

________

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
_________
Per saperne di più:
- Previsioni 2022 del settore NFT
- TAG Heuer to Allow Users to Display NFTs on Their Smartwatches

- Gucci accetta pagamenti in Bitcoin ed Ethereum

- Milan Fashion Meets Crypto in Fendi-Ledger Collaboration

- Vogue porta gli NFT nel mondo delle riviste di moda
- Norme antiriciclaggio anche per gli NFT

- Meta lancia il supporto NFT su Facebook
- NFT Giant OpenSea Shares 5 Safety Recommendations as Users' Emails Leaked