11 apr 2022 · 7 min read

Industria Crypto paga sempre di più la sua parte di tasse

Fonte: Adobe/amirul syaidi

 

  • "Le startup nel settore crypto sono andate sempre più verso la terraferma e hanno evitato i paradisi fiscali".
  • Ci sono "enormi discrepanze tra come il settore crypto è visto e come viene tassato".
  • La natura in rapida evoluzione del settore crypto continua a introdurre nuove complicazioni e ambiguità.

Ora l'industria crypto è un'industria da un miliardo di dollari. Mentre i rapporti che coprono l'intero settore sono frammentari ed eccessivamente conservatori, le archiviazioni delle singole aziende parlano della crescente estensione della cripto, con Coinbase e Blockchain.com che da sole generano rispettivamente 7,35 miliardi di dollari e 1,5 miliardi di dollari di entrate nel 2021.

Queste sono cifre relativamente grandi, eppure sollevano un'importante questione riguardante le tasse. Perché con le aziende legate alle criptovalute che beneficiano delle risorse e delle infrastrutture che sono state coltivate in parte usando le tasse (ad esempio persone istruite, reti energetiche, reti di telecomunicazione), c'è una forte argomentazione per dire che dovrebbero, a loro volta, contribuire al sistema di cui stanno beneficiando.

Così poche aziende di criptovalute sono quotate pubblicamente, il che significa che è praticamente impossibile dire con certezza quanto il settore nel suo complesso contribuisca effettivamente alle finanze pubbliche. Tuttavia, i dati dell'industria affermano che tutte le aziende legalmente registrate rispettano tutte le leggi fiscali applicabili nelle loro rispettive giurisdizioni, il che implica che il conto delle tasse della criptovaluta sta effettivamente crescendo in parallelo con le sue entrate e profitti.

Il settore delle criptovalute e le tasse: Paradisi e rischi reputazionali

La relazione tra l'industria delle criptovalute e le tasse è qualcosa di misterioso, se non altro perché così tanti grandi exchange e imprese di criptovalute sono registrati in paradisi fiscali.

Per esempio, si dice che la holding di Binance sia attualmente registrata nelle Isole Cayman, un paradiso fiscale dove le società non pagano reddito, guadagni di capitale, libro paga o altre imposte dirette. Allo stesso modo, Bitfinex è registrata nelle Isole Vergini Britanniche, BitMEX e OKX (ex OKEx) nelle Seychelles, e Huobi a Gibilterra, per citarne alcuni altri.

Non solo Binance è il più grande exchange di criptovalute al mondo per volume, ma la registrazione di così tanti altri importanti exchange nei paradisi indica che essi - e l'industria nel suo complesso - sfuggono al pagamento del tipo di tasse che dovrebbero pagare se avessero sede dove si trova anche la maggior parte dei loro clienti.

Tuttavia, nonostante il fatto che l'industria - come anche molte altre industrie - non stia pagando tutte le tasse che potrebbe teoricamente pagare, i commentatori suggeriscono che sta migliorando nel contribuire alle casse pubbliche. Infatti, gli exchange e le altre aziende che si stabiliscono in nazioni che non sono paradisi fiscali, non hanno altra scelta che pagare le tasse se vogliono essere regolamentati.

"Mentre nel 2017 era la pratica abituale per molti team [di initial coin offering] di incorporare società sulle Isole Vergini Britanniche, sulle Seychelles, o in altri paradisi fiscali, per quanto ne so le startup nel settore crypto sono andate sempre più onshore e hanno evitato i paradisi fiscali. Questo è dovuto principalmente ai rischi di reputazione", ha detto Niklas Schmidt, un partner fiscale presso lo studio legale austriaco Wolf Theiss.

Schmidt dice che il problema dell'evasione fiscale legale in crypto viene "esagerato", un argomento sostenuto da vari organismi del settore. Per esempio, il direttore esecutivo di CryptoUK, Ian Taylor, riferisce che la trade association tiene sotto stretto controllo il Manuale delle Criptovalute del governo britannico, al fine di consigliare i suoi membri su come conformarsi al meglio a tutti i requisiti fiscali applicabili.

"Le aziende che svolgono attività che coinvolgono token di scambio (come bitcoin) sono tenute a pagare le tasse nel Regno Unito. La tassa che devono pagare dipende dal tipo di attività coinvolta (e se queste attività contano come il trading), ma la maggior parte delle imprese pagherà una combinazione di imposta sui guadagni di capitale, imposta sulle società, imposta sulle società sui guadagni imponibili, imposta sul reddito, [assicurazione nazionale] e [imposta sul valore aggiunto]", ha detto Schmidt a Cryptonews.com.

Taylor riporta un quadro in miglioramento per quanto riguarda il settore delle criptovalute e le tasse, in particolare perché le aziende più grandi e più "mainstream" si coinvolgono nello spazio.

"Con la crescita dell'adozione, stiamo vedendo grandi aziende che iniziano a comprare criptovalute e metterle nei loro bilanci - Tesla, per esempio - e devono tenerne conto. All'estremità più piccola della scala, alcune aziende possono investire in cripto e non necessariamente riportarlo - ma la maggior parte coinvolgerà un revisore, quindi sarà riportato attraverso quello", ha detto.

Il direttore esecutivo di CryptoUK ammette che alcune aziende di criptovalute usano ancora i paradisi fiscali, ma suggerisce che molto di questo uso viene dall'incertezza che circonda i regolamenti fiscali e le criptovalute, piuttosto che una forte intenzione di evitare di pagare le tasse.

"I governi e gli uffici fiscali di tutto il mondo stanno ancora discutendo su come trattare le criptovalute. Questo significa enormi discrepanze tra come l'industria delle criptovalute è vista e come è tassata", ha spiegato.

La DeFi e gli NFT complicano il quadro

Per alcuni aspetti, i requisiti fiscali stanno diventando più chiari per le aziende che lavorano nel settore crypto. Tuttavia, la natura in rapida evoluzione dell'industria crypto continua a introdurre nuove complicazioni e ambiguità, con gli NFT e i criptoasset legati alla DeFi che ampliano la portata della potenziale evasione fiscale.

"Quando si tratta di token DeFi, la legge tedesca non sta fornendo una guida chiara, tale che sorgono grandi difficoltà a livello di transazione su come tassare esattamente tali transazioni", ha detto il Prof. Philipp Sandner, il capo del Frankfurt School Blockchain Center.

Sandner riporta anche un problema simile con gli NFT, con l'implicazione più globale che le tasse potenzialmente non vengono pagate.

"È molto molto difficile per i trader calcolare le loro tasse poiché non esistono ancora soluzioni informatiche facili da usare. Esistono per bitcoin e simili, dove il calcolo della tassa è fattibile [...] Ma gli appassionati di criptovalute stanno affrontando il calcolo del loro onere fiscale per il trading NFT", ha detto a Cryptonews.com.

Mentre i trader individuali potrebbero non qualificarsi come "settore cripto", questi problemi stanno colpendo anche le istituzioni e i fondi, che sono la spina dorsale dell'industria.

"La maggior parte dei problemi di tassazione risiede nel modo in cui gli investitori trattano i loro investimenti in cripto. Abbiamo appena lanciato un gruppo di lavoro fiscale per riunire i nostri membri intorno a questioni fiscali comuni, in gran parte in risposta alla guida aggiornata di febbraio di HMRC [Her Majesty's Revenue and Customs] su staking e prestiti DeFi", ha detto Ian Taylor.

Secondo lui, CryptoUK e i suoi membri hanno deciso di concentrarsi inizialmente sugli NFT, in gran parte perché stanno vedendo sempre più complicazioni sia in termini di tassazione che di trattamento legale.

Le società quotate e regolamentate pagano le tasse

Tutto questo rafforza il sospetto secondo cui il settore delle criptovalute nel suo complesso si salva dal pagare una notevole quantità di tasse, se non altro perché la confusione e l'ambiguità continuano a regnare per quanto riguarda le leggi pertinenti.

A causa di questo, rispondere a quanto il settore paga attualmente in tasse è estremamente difficile. Detto questo, le poche aziende legate alle criptovalute che sono pubblicamente quotate (e che quindi devono rilasciare dichiarazioni finanziarie) danno qualche indicazione di ciò che la metà regolamentata dell'industria sta pagando.

Per esempio, nella sua ultima lettera agli azionisti, Coinbase ha rivelato un reddito netto per il 2021 di circa 7,35 miliardi di dollari e un'aliquota fiscale effettiva del 6%. Allo stesso modo, la più recente dichiarazione finanziaria di Bitfarms (società di estrazione) - per il terzo trimestre 2021 - ha rivelato di aver pagato 10,9 milioni di dollari di tasse sul reddito in quel trimestre, da un reddito netto (prima delle tasse) di 34,7 milioni di dollari.

Ciò dimostra che, anche se non possiamo calcolare un totale affidabile per quante tasse paga, l'industria delle criptovalute sta contribuendo sempre più alle finanze pubbliche. E man mano che il mercato matura e cade sotto la regolamentazione, potremmo aspettarci che contribuisca sempre più a finanziare le risorse pubbliche e le infrastrutture di cui beneficia.
_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Crypto Tax Trends in 2022: Increased Reporting, Updated Rules, and a Wealth Tax Debate
- A Small Survey Shows that US Crypto Investors Have Big Problems with Taxes

- How and Why Crypto Suffers from Unfair Treatment by Regulators, Politicians & Media
- Pandora Papers Expose How World Elite Uses Legacy Finance To Hide Fortunes

- Walking the Crypto Tax Tightrope in US
- How to Shield Your Crypto Gains and Avoid Getting Audited for Your Crypto Trades in US

- India Confirms Discriminatory Tax Rate for Crypto Investors
- US Proposed Unrealized Gains Tax May Become 'Penalty for Being Successful' in Crypto