Home In EsclusivaIn Primo Piano

Come i bot di trading possono pompare le altcoin

Di Alex Lielacher
Come i bot di trading possono pompare le altcoin 101
Fonte: Adobe/Scanrail

Vi siete mai chiesti perché le monete “vaporose” che hanno poco da offrire sono ancora scambiate tra le migliori risorse digitali con milioni di volumi di negoziazione giornalieri e prezzi che sembrano fuori contesto? Bene, ci sono diverse ragioni per questo e probabilmente i bot di trading sono una di queste.

In questo articolo, discutiamo del ruolo dei robotl trading nel mercato delle criptovalute e di come il loro uso possa portare gli asset digitali a prezzi gonfiati.

Come funzionano i bot di trading?

Un bot di trading è un software che esegue automaticamente le negoziazioni per conto del suo proprietario in base a impostazioni predefinite. Collegato agli exchange tramite trading API, i robot possono eseguire una vasta gamma di strategie di trading effettuando centinaia di operazioni al giorno senza metterci più mano.

I tipi più comuni di strategie di bot di trading nei mercati delle criptovalute includono l'arbitraggio, il market making, mean reversion e il momentum trading, e molti combinano diversi indicatori tecnici per prendere decisioni di trading automatizzate.

I bot di trading possono essere un'aggiunta eccellente all'arsenale di un trader in quanto aiutano a mantenere le emozioni fuori dall'equazione eseguendo religiosamente una strategia di trading predefinita. Tuttavia, l'uso diffuso dei robot di trading può avere conseguenze negative per i mercati in cui operano.

In che modo i robot di trading gonfiano i prezzi degli asset

Mentre è impossibile sapere esattamente cosa e chi guida l'azione dei prezzi nei mercati delle criptovalute, sappiamo che una notevole quantità di attività di trading giornaliera viene condotta dai robot di trading rispetto ai trader umani che fanno clic sui pulsanti compra e vendi.

Ci sono state molte storie nei media sui wash trading guidati dagli exchange per gonfiare i loro volumi, ma come possono i robot anche gonfiare i prezzi?

Bene, ci sono molti modi.

Diciamo che gestisci un bot di trading che acquista una quantità X di una altcoin non appena il prezzo della moneta scende del 3% e vende una quantità X della stessa moneta non appena aumenta di oltre il 3%, il tuo bot - a condizione che sia in grado di negoziare volumi abbastanza grandi - potrebbe supportare il range trading di quella particolare moneta.

Fornendo un certo livello di supporto ai prezzi, questi tipi di bot di inversione media potrebbero aiutare le altcoin che non dovrebbero essere scambiate tra le risorse digitali più preziose ad essere dove sono.

Un altro modo in cui i robot potrebbero gonfiare temporaneamente i prezzi delle attività sarebbe attraverso l'immissione di numerosi ordini di acquisto di grandi dimensioni in una serie di carnet di ordini degli exchange per dare al mercato l'impressione che stia per accadere una corsa al rialzo. I trader al dettaglio vedrebbero questi grandi ordini e piazzerebbero ordini di acquisto più alti degli ordini del bot per mettere le mani sulla moneta prima che apparentemente aumenti di prezzo. Se un numero sufficiente di operatori abboccherà alle tattiche manipolative dei robot, il prezzo della moneta aumenterà e causerà il gonfiamento artificiale del prezzo.

I bot di market making potrebbero anche manipolare i prezzi delle criptovalute avvicinando molti ordini molto piccoli al prezzo medio - per invogliare i trader al dettaglio a piazzare ordini di mercato - ma piazzare ordini più grandi a un prezzo molto più alto (o più basso) in modo che il trader al dettaglio finisca eseguendo ad un prezzo più sconveniente. Questo tipo di trading dei bot potrebbe indurre i trader al dettaglio a pagare regolarmente prezzi gonfiati per le monete.

Cosa si può fare per i troppi bot nelle criptovaluta?

Francamente, non puoi fare molto per impedire agli operatori di utilizzare i robot. I bot di trading non sono intrinsecamente malvagi né lo sono i trader che li gestiscono. Il problema sorge quando troppi bot stanno creando un mercato fittizio che gonfia i volumi e manipola i prezzi perché ciò può finire per danneggiare i trader al dettaglio.

Anche se la maggior parte degli operatori e delle piattaforme di trading preferirebbe probabilmente che il mercato rimanga leggero sulla regolamentazione, questa potrebbe essere una delle risposte.

"La liquidità nei mercati delle criptovalute è estremamente ridotta. Stimo che oltre il 95% del volume degli scambi di derivati ​​non sia l'acquisto e la vendita organici ma algoritmi che si combattono a vicenda", Gustav Wagner, fondatore e CEO di BlockFacts , a fornitore di dati finanziari per criptoasset, ha dichiarato a Cryptonews.com .

Secondo lui, ciò provoca picchi costanti nel mercato, danneggiando sopratutto i trader al dettaglio stoppandoli fuori dalle posizioni.

"Per cambiare questo, l'industria dovrebbe essere regolata", conclude.

Che la regolamentazione debba venire dai regolatori finanziari o attraverso azioni di autoregolamentazione dagli stessi exchange, spetterebbe alle parti interessate decidere. Ciò che è chiaro, tuttavia, è che l'attività di trading nefasto nei mercati delle criptovalute potrebbe danneggiare l'immagine delle criptovalute nella misura in cui non diventerà una classe di attività riconosciuta a livello globale simile alle azioni, obbligazioni e materie prime.

Più Articoli