15 maggio 2021 · 5 min read

Immagina Bitcoin come un asset di riserva. Cosa succederà ?

È improbabile che ogni singolo paese possa ottenere un vantaggio geopolitico come risultato dell'adozione diffusa di BTC da parte di governi e banche centrali. Bitcoin potrebbe costringere le banche centrali a gestire le proprie valute fiat in modo più responsabile.

Fonte: Adobe/EwaStudio

I governi finalmente hanno aperto bene le orecchie e hanno preso atto delle criptovalute. Per anni hanno deriso, criticato e persino bandito le criptovalute, ma ora si stanno affrettando a entrare in azione, con numerose banche centrali che pianificano di lanciare le proprie valute digitali nei prossimi mesi e anni.

In realtà, relativamente alle criptovalute decentralizzate, attualmente nessun governo o banca centrale oserebbe ammettere di voler acquistare bitcoin (BTC) come asset di riserva. Ma se questo accadesse, cosa potrebbe significare a livello internazionale e locale?

Secondo una serie di analisti, è improbabile che un singolo paese, compresa la Cina, possa ottenere un vantaggio geopolitico a seguito dell'adozione diffusa di bitcoin da parte di governi e banche centrali. Invece, l'espansione di bitcoin potrebbe avere una serie di effetti a catena sulla politica interna, esercitando pressioni sui governi affinché gestiscano in modo più responsabile le proprie valute fiat e forse anche motivandoli a nazionalizzare i loro settori di mining di criptovaluta.

Una minaccia teorica

Se bitcoin diventerà mai un asset di riserva, la preoccupazione ipotetica più ovvia che sorge è che la Cina - che ospita ancora la maggior parte dell' hash power della blockchain di Bitcoin - guadagna in qualche modo una notevole quantità di leva politica sul resto del mondo. In teoria, potrebbe essere in grado di minacciare di condurre un attacco del 51% che, ad esempio, annullerebbe un pagamento (in BTC) effettuato da un governo a una nazione o organizzazione.

Questo è teoricamente possibile, ma la maggior parte degli analisti afferma che è altamente improbabile.

“In primo luogo, anche se le entità [di mining] si trovano in Cina, sono entità diverse, con proprietari diversi e probabilmente hanno ragioni diverse per l'attività di mining. Sono anche molto grandi e hanno effettuato un considerevole investimento di capitale nel mining di Bitcoin ", ha affermato Pete Earle, economista dell'American Institute for Economic Research.

Earle ha aggiunto che se i miner con sede in Cina fossero convinti o indotti a condurre un attacco del 51%, "distruggerebbero immediatamente molto, se non tutto, di ciò in cui avevano investito".

Ha inoltre osservato che, anche in uno scenario in cui il governo cinese avesse nazionalizzato o acquisito il controllo di tutte le strutture di mining nel paese, ciò non aumenterebbe sostanzialmente le possibilità di un attacco.

“Se il governo cinese intervenisse, impadronendosi di tutto e alterasse il sistema di consenso […] ciò probabilmente innescherebbe un crollo totale del valore, e quindi del prezzo di bitcoin. È un rischio esistenziale che deve essere considerato sia dai miner che dai possessori di Bitcoin. "

Altri analisti concordano ampiamente con questa valutazione. Parlando anche a Cryptonews.com, Sofia Blikstad di Arcane Research ha affermato che è improbabile che la Cina possa utilizzare il mining a proprio vantaggio geopolitico.

"Non vedo uno scenario in cui la Cina possa sfruttare il mining. I miner tendono ad essere più fedeli alla rete piuttosto che allo stato; la lealtà è guidata dai prezzi e dalle tariffe dell'elettricità piuttosto che dai tratti politici o geografici ".

Più precisamente Lennix Lai - il direttore dei mercati finanziari in OKEx - sospetta che non sarebbe nemmeno possibile per lo stato cinese sferrare un attacco del 51% o qualcosa di simile per scopi politici.

"Nonostante il fatto che la maggior parte dell' hash power provenga dalla Cina, la maggior parte degli operatori del settore di mining nel paese stanno effettivamente eseguendo servizi di cloud mining, un tipo di hosting di prossimità che alla fine viene fornito dagli utenti finali, invece che da individui o società che controllano l'intero impianto di mining. Quindi l'hash power in Cina è decentralizzato in una certa misura ed è praticamente impossibile per un singolo partito, o persino il governo, prendere il controllo di qualsiasi piattaforma di mining senza avvisare gli altri ", ha detto a Cryptonews.com.

Questo avvertimento si estende a qualsiasi altro governo o stato che possa tentare di esercitare una leva sulla blockchain di Bitcoin. E con il predominio cinese dell'hash power in calo (è sceso dal 75% al ​​65% tra settembre 2019 e aprile 2020), è anche probabile che, se e quando il bitcoin diventerà un asset di riserva, il mining sarebbe  più disperso e distribuito.

Ha aggiunto Lai che "anche se ciò accadesse, la maggior parte dei miner agirebbe contro gli aggressori in pochi minuti per proteggere la rete".

Rischi e vantaggi

Anche se sembra improbabile che una singola nazione trarrà un vantaggio dal fatto che bitcoin diventi un asset di riserva (a meno che non acquisti bitcoin in anticipo e diventi straordinariamente ricca da qualche parte in futuro), ci sarebbero potenzialmente una serie di altri effetti.

Lai ha aggiunto che "Bitcoin potrebbe diventare una garanzia sovrana per sostenere le offerte legali come l'oro, se questo è il caso. Quindi, l'attività di mining potrebbe essere nazionalizzata. Possedere e negoziare bitcoin potrebbe diventare piuttosto restrittivo per il grande pubblico ".

Secondo Sofia Blikstad bitcoin, diventando un asset o una valuta di riserva, potrebbe esacerbare la disuguaglianza di ricchezza e ciò avrebbe implicazioni politiche interne.

Ha riferito che “posizionare BTC nelle riserve della Fed [US Federal Reserve System] potrebbe inviare un segnale di vendire i dollari in tutto il mondo. Poichè bitcoin continua a guadagnare predominio, vogliamo mantenere meno fiat, danneggiando coloro il cui benessere materiale dipende da esse, alimentando potenzialmente la divisione sociale e il populismo ".

D'altra parte Blikstad ha anche suggerito che l'adozione diffusa di bitcoin potrebbe avere ramificazioni per la politica monetaria, nella misura in cui la ridotta domanda relativa di dollari statunitensi (o qualsiasi altra valuta fiat) lo costringerà a competere per sopravvivere.

 "Quindi, penso che lo scenario più probabile sia che Bitcoin agisca da catalizzatore per costringere le banche centrali a gestire le loro valute legali in modo più responsabile. Bitcoin potrebbe quindi aiutare le banche centrali a migliorare la stabilità della valuta, come standard di valore incorruttibile ".

Ma detto tutto questo, gli analisti sono in realtà scettici sul fatto che bitcoin diventerà un asset / valuta di riserva nella misura in cui ogni grande banca centrale ne ha una parte significativa nei propri bilanci.

Come ha concluso Pete Earle,

"Sembra improbabile che i governi, e in particolare le banche centrali, abbiano più interesse per le criptovalute di quanto non abbiano avuto per l'oro negli ultimi 50-100 anni. È molto più probabile - come abbiamo visto con lo yuan digitale - che adotteranno alcune caratteristiche del design cripto in una valuta digitale del governo o di una banca centrale, incorporando la capacità di eseguire azioni di politica monetaria convenzionali e non convenzionali ".

____

Per saperne di più: 
- US Dollar Share of Global Foreign Exchange Reserves Drops to 25-Year Low
- 3 Reasons Facebook Should Buy and Hold Bitcoin

- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies
- Bitcoin Faces Hedge Test Amid Rising Inflation Concerns

- The Case Of a Plunging Fiat Currency: Turkey's Struggling Lira
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?