06 giugno 2021 · 11 min read

L'inflazione potrebbe continuare a salire nel 2021, ma cosa accadrà dopo?

Brigitte Granville, Professore di economia internazionale e politica economica, Queen Mary Università di Londra.
____

Fonte: Adobe/Bits and splits

La Federal Reserve statunitense ha appena rassicurato i mercati che non si aspetta che l'inflazione sfugga di mano nei prossimi mesi. Le preoccupazioni per una grave inflazione che danneggia l'economia globale hanno raggiunto il culmine, in particolare da quando i recenti dati del Dipartimento del Lavoro hanno mostrato che l'inflazione americana è aumentata del 4,2% nei 12 mesi finiti ad Aprile, il più alto dalla crisi finanziaria globale del 2007-09. Nell'area dell'euro, l'inflazione sembra certo che durante il resto dell'anno supererà l'obiettivo della Banca Centrale Europea di “vicino ma sotto il 2%”.

I banchieri centrali su entrambe le sponde dell'Atlantico affermano che questi aumenti dei prezzi sono una conseguenza temporanea dell'effetto colpo di frusta della pandemia da COVID-19 sulla domanda. Le catene di approvvigionamento in tutto, dalle materie prime ai semiconduttori, sono state disturbate dal crollo della domanda e poi dalla ripresa, rendendo i prezzi molto volatili. In base a questa logica, l'inflazione si calmerà una volta che la pandemia recederà.

I critici sottolineano i rischi di pressioni sui prezzi che innescano una reazione a catena in cui tutti si aspettano futuri aumenti dei prezzi, causando un vero episodio inflazionistico in cui i prezzi aumentano costantemente su tutta la linea.

Questo dibattito sulle prospettive a breve termine è accompagnato da un dibattito altrettanto vivace sull'inflazione a lungo termine, relativo a fattori come l'effetto del pensionamento dei baby boomer, il cambiamento della forza lavoro cinese, l'automazione e così via. Allora chi ha ragione in tutto questo? I numeri dell'inflazione sono un segnale o stiamo assistendo a una tempesta in arrivo?

Lezioni del 2010

In Remembering Inflation, un libro che ho pubblicato nel 2013, ho tentato di intrecciare vari filoni di questo argomento esaminando le scoperte nel pensiero degli economisti sulle cause e le cure dell'inflazione ispirate alla "stagflazione" degli anni '70, dove inflazione e la disoccupazione sono entrambi notevolmente aumentati.

Il mio tempismo con quel libro è stato scadente. La vacillante ripresa dell'economia globale dalla crisi finanziaria globale è stata caratterizzata dal problema opposto, la deflazione, in cui le persone si aspettano che i prezzi diminuiscano. Poiché le imprese e le famiglie sovraccariche si sono ridotte all'inizio degli anni 2010, sarebbe dovuto essere compito dei governi generare la domanda necessaria aumentando la spesa pubblica. Invece, le nozioni alla moda di far quadrare i conti usando l'austerità si sono intromesse.

Tasso di inflazione nel Regno Unito 1960-2021

UK inflation chart since 1960

Macro Trends, CC BY

Tasso di inflazione USA 1960-2021

US inflation rate graph 1960-2021

Macro Trends, CC BY

Le banche centrali sono state lasciate a fare il lavoro pesante tagliando i tassi di interesse principali e utilizzando politiche monetarie non convenzionali come il quantitative easing (QE) – ovvero “stampare denaro” – per acquistare grandi quantità di titoli di stato e altre attività finanziarie.

Ciò ha contribuito a ridurre i tassi di interesse a lungo termine, anche in territorio negativo in Europa, rendendo più convenienti cose come mutui e prestiti alle imprese. Eppure l'unica "inflazione" che ne è risultata è stata l'aumento dei prezzi degli asset in tutto, dalle proprietà alle azioni e le azioni. Ha reso i ricchi più ricchi, generando disuguaglianze ancora più ampie di prima.

Nel frattempo, l'inflazione ufficiale dei prezzi al consumo – che fa riferimento alla variazione media dei prezzi di un paniere di specifici beni per la casa – è rimasta costantemente al di sotto del livello del 2% mirato dalle principali banche centrali. Secondo la cosiddetta curva di Phillips, l'inflazione avrebbe dovuto essere stimolata dal fatto che la disoccupazione è diminuita in paesi come il Regno Unito, ma si è scoperto che questa relazione era stata sospesa.

Row of houses with For Sale signs

I prezzi delle case sono cresciuti negli anni 2010. Tejvan Pettinger, CC BY

Una ragione, particolarmente evidente negli Stati Uniti, è che il calo del tasso di disoccupazione è stato lusingato dal numero crescente di persone che hanno rinunciato alla ricerca di un lavoro e hanno abbandonato del tutto la forza lavoro. Questo era un sintomo del problema centrale dell'insufficienza della domanda da parte delle imprese e dei consumatori.

Un sintomo correlato è stato il cambiamento strutturale nel mercato del lavoro. Laddove sono stati creati nuovi posti di lavoro – a volte, come nel Regno Unito, fino al punto di riportare le persone nel mondo del lavoro – questi sono stati concentrati in posizioni poco qualificate e poco pagate in settori come il tempo libero, l'ospitalità e la logistica. L'aumento della domanda di tali servizi è stato lo scarso limite dell'effetto "a cascata" da parte di proprietari di asset sempre più ricchi.

Tutto ciò significava che non c'era molta crescita dei salari reali che, insieme ai relativi aumenti dei prestiti bancari, è essenziale per creare inflazione. Fu così che, nel 2010, la politica monetaria non solo non riuscì a stimolare l'economia, ma si dimostrò addirittura controproducente.

Stimoli e pandemia

Durante la pandemia, la situazione è stata diversa. Le banche centrali hanno nuovamente cercato di stimolare l'economia espandendo il QE, ma i governi hanno anche utilizzato la spesa finanziata dal debito per sostituire la normale domanda che è scomparsa a causa delle chiusure.

I principali governi sembrano determinati a correggere le politiche errate dell'ultimo decennio. Ciò è particolarmente vero per l'amministrazione di Biden, il cui massiccio programma di aumento della spesa mira a far aumentare la partecipazione al lavoro e i salari, evitando così i problemi deflazionistici del 2010.

L'amministrazione è fermamente sostenuta in questo dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell. Nell'agosto 2020, la banca centrale ha cambiato la sua politica di inflazione in "targeting medio per l'inflazione". Mentre in passato la Fed puntava all'inflazione del 2% e alzava i tassi di interesse in risposta alla bassa disoccupazione nella convinzione che altrimenti l'inflazione avrebbe iniziato a salire, ora è pronta a consentire all'inflazione di aumentare fino al 3% in nome dell'aumento dell'occupazione per contribuire a incentivare la ripresa economica.

Il successo di questa strategia dipende dalla domanda di più lavoratori che si materializza dalle imprese statunitensi. Ma critici come Larry Summers, l'ex segretario al Tesoro democratico, sostengono che lo stimolo fiscale del governo creerà una domanda oltre l'attuale potenziale produttivo dell'economia, rischiando un'inflazione persistente.

Pound coin being squeezed in a vice

The big squeezy. Steve Heap

L'amministrazione e i suoi sostenitori ribattono che c'è più margine nell'economia di quanto credono le persone come Summers, perché così tanti lavoratori scoraggiati si sono rititrati, e una maggiore produzione di beni e servizi risulterà dall'invertire la lunga carenza di investimenti delle imprese nazionali.

Secondo il piano, tutti questi effetti positivi deriveranno dall'utilizzo della spesa pubblica per generare domanda. La giuria resta incerta se ciò causerà un'inflazione ingestibile, in America o, potenzialmente, in Europa se la BCE, insieme all'UE e ai suoi Stati membri, seguirà la loro apparente inclinazione a emulare gli Stati Uniti.

Un pericolo e un'opportunità

Tornando ai miei studi sull'uscita dalla “grande inflazione” degli anni '70, emergono due lezioni che dovrebbero aiutare la giuria nelle sue deliberazioni su dove andare da qui. Uno indica un'opportunità, l'altro un pericolo.

La prima lezione riguarda la fiducia e le aspettative di imprese e famiglie, che dominano ogni discussione sull'inflazione. L'inflazione degli anni '70 è stata davvero contenuta solo dopo che alle banche centrali è stata data l'indipendenza operativa dai politici per perseguire un'inflazione bassa e stabile. Man mano che la politica monetaria diventava più credibile, la gente non si aspettava più che i prezzi aumentassero così velocemente.

Questa è stata la ragione principale per l'appiattimento della curva di Phillips, ovvero, l'inflazione non sale più in modo intelligente quando la disoccupazione diminuisce. Le attuali politiche di stimolo della domanda beneficiano di aspettative di inflazione ben ancorate. In parole povere, i politici "se la caveranno" con più stimoli prima di dover pagare un prezzo inflazionistico, e questo dovrebbe migliorare le loro possibilità di successo.

Una figura chiave nello sviluppo di tale pensiero sulle aspettative negli anni '70-'80 è stato l'economista americano Thomas Sargent. Il suo lavoro sui "cambiamenti sistematici nella politica di inflazione" è anche alla base della seconda - e più cautelativa - lezione per i politici di oggi e le attuali prospettive di inflazione.

Ciò è stato chiarito in un articolo del 1982 di Sargent e Neil Wallace intitolato Some Unpleasant Monetarist Arithmetic, che mostra che la politica monetaria e quella fiscale sono inestricabilmente intrecciate. Al centro di questo pensiero si trova l'idea del vincolo di bilancio di un governo. Se la spesa pubblica stimola la domanda al punto da far salire l'inflazione e i responsabili delle politiche monetarie rispondono aumentando i tassi di interesse, può derivarne una brutta sorpresa.

Tassi di interesse più alti aumentano i pagamenti degli interessi di un governo sul suo debito. Se il governo risponde emettendo ancora più debito per finanziare le sue attività, può far aumentare l'inflazione ancora più velocemente, poiché la spesa extra del governo finirebbe per aumentare la domanda proprio mentre la banca centrale sta cercando di frenarla. In altre parole, un governo può gestire solo un deficit così elevato prima che sorgano problemi imprevisti.

Oggi questa lezione è ancora più rilevante di quanto Sargent e Wallace avrebbero potuto immaginare. Al giorno d'oggi, i tassi di interesse non possono più essere il primo strumento di politica monetaria di una banca centrale: il debito pubblico e privato è così alto che l'aumento dei tassi potrebbe rendere i rimborsi potenzialmente ingestibili per molti.

Per prendere gli Stati Uniti come l'esempio più eclatante, la Fed inizierebbe invece tagliando il livello degli acquisti di titoli di stato in corso nel suo bilancio. Questo acquisto di obbligazioni è cresciuto a dismisura nell'ultimo decennio, in particolare dopo la pesante spesa in deficit dei governi durante la pandemia.

Il problema è che il denaro creato attraverso il QE finisce, per ragioni che non hanno bisogno di essere spiegate qui, nelle riserve delle banche commerciali detenute dalla banca centrale. Negli Stati Uniti, queste somme ora si avvicinano a un quinto di tutte le attività della Fed.

Non appena la Fed deciderà di "ridurre" il QE - ora in esecuzione a 120 miliardi di dollari (85 miliardi di sterline) di acquisti al mese - come primo passo nella politica di inasprimento per appoggiarsi all'inflazione, ciò si tradurrà in una percentuale inferiore di asset delle banche depositati presso la Fed sotto forma di riserve e ampliare le possibilità per le banche di concedere prestiti all'economia reale.

Tale espansione del credito e il connesso aumento della velocità del denaro probabilmente alimenteranno le pressioni inflazionistiche che la Fed vuole contrastare. Poiché uno degli obiettivi principali del QE è aumentare i prestiti bancari, si tratta di un effetto paradossale, proprio come il precedente esempio di tassi di interesse più elevati che aumentano l'inflazione.

La linea di fondo è che il debito pubblico si è espanso fino a diventare insostenibile in un mercato libero. L'enigma di oggi creato dal QE è solo l'ultima dimostrazione della realtà che ignorando i vincoli di bilancio del governo si tradurrà, in un modo o nell'altro, in una maggiore inflazione.

Tendenze a lungo termine

L'ultima domanda è come tutto questo si collega alle tendenze a lungo termine nel mercato del lavoro e altrove. Si dice spesso che negli ultimi vent'anni sia la globalizzazione che la tecnologia hanno contribuito a ridurre l'inflazione. La globalizzazione ha mantenuto bassi i salari spostando la produzione nei paesi più poveri. La tecnologia ha reso più economico produrre beni e quindi ha abbassato i prezzi, mentre la gig economy ha ridotto il costo dei servizi.

Ma un recente libro degli economisti britannici Charles Goodhart e Manoj Pradhan sostiene che gli anni a venire saranno molto meno deflazionistici, per diverse ragioni. La partecipazione della Cina al mercato del lavoro è in aumento, il che sta aumentando i salari, e i baby boomer vanno in pensione, eliminando una generazione molto ampia dal mercato del lavoro e rendendo i lavoratori più scarsi e quindi più preziosi.

È un argomento affascinante, ma ancora molto discutibile. Ad esempio, i possibili effetti inflazionistici dell'invecchiamento della popolazione potrebbero ancora essere controbilanciati dall'effetto deflazionistico del rapido cambiamento tecnologico che automatizza più posti di lavoro. Ciò ridurrà il potere contrattuale dei lavoratori e quindi agirà da freno alla crescita dei salari. Inoltre, la maggior parte delle persone consuma meno in pensione, e di certo non prende tanto in prestito: l'invecchiamento dei baby boomer sarà quindi un'altra fonte di deflazione.

In sintesi, ci sono buone ragioni per aspettarsi inflazione nel breve e medio termine, ma il quadro a lungo termine è più eterogeneo. I semi di una maggiore inflazione a lungo termine sono sicuramente presenti, ma le possibilità che germoglino dipenderanno in larga misura da quanto lo stimolo fiscale extra dagli Stati Uniti e altrove porti a un aumento della produzione, rispetto al solo consumo.

Se c'è un aumento degli investimenti delle imprese e della partecipazione al lavoro, i deficit di bilancio del governo si ridurranno più rapidamente man mano che il settore privato si rimetterà in moto e pagherà di più in tasse. Ciò aiuterà anche la Fed a trovare un percorso più agevole attraverso il campo minato dell'uscita dal QE, poiché è più probabile che l'aumento dei prestiti bancari sblocchi una crescita economica sostenibile. Se è così, è ancora possibile che le affermazioni delle banche centrali secondo cui l'inflazione sarà solo transitoria possano ancora essere dimostrate giuste.

The Conversation

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

____
Per saperne di più: 
- Navigating a New Digital Era Means Changing the World Economic Order
- Imagine Bitcoin as a Reserve Asset. What Then?

- Why The Inflation Rate Doesn’t Tell The Whole Story
- The Great Depression and Money Printers of Today

- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies
- Prepare For 'Uncertain Future of Money' – US Intelligence Center

- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?
- Bitcoin Mass Adoption Would Benefit and Harm Current Economy