L'inflazione sta aumentando in tutto il mondo

Inflazione
Fonte: Adobe/Pamela

 

L'aumento del 9,1% dei prezzi al consumo negli Stati Uniti nei 12 mesi terminati a giugno 2022, il più alto in quattro decenni, ha suscitato molti titoli che fanno riflettere.

Nel frattempo, l'inflazione annuale in Germania e Regno Unito, paesi con economie comparabili, è stata quasi altrettanto alta: 7,5% e 8,2%, rispettivamente, per i 12 mesi terminati a giugno 2022. In Spagna, l'inflazione ha raggiunto il 10%.

L'inflazione sta aumentando ovunque

Potrebbe sembrare che le politiche statunitensi abbiano portato a questa situazione difficile, ma gli economisti come me ne dubitano, perché l'inflazione sta aumentando ovunque, con poche eccezioni. I tassi erano in media del 9,65% nei 38 paesi in gran parte ricchi che appartengono all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico fino a maggio 2022.

Inflazione: cosa ha accelerato gli aumenti di prezzo dall'inizio del 2021?

La scarsità esercita pressioni sui prezzi ovunque
Quando è iniziata la pandemia di COVID-19, la domanda di computer e altri prodotti high-tech è aumentata vertiginosamente, poiché molte persone sono passate dal lavoro in ufficio a quello a casa.

I produttori di chip per computer hanno faticato a tenere il passo, portando a carenze di chip e prezzi più elevati per una gamma vertiginosa di dispositivi e macchine che li richiedevano, inclusi frigoriferi, automobili e smartphone.

Molti dei beni che gli americani consumano, come automobili, televisori e farmaci da prescrizione, vengono importati da tutti gli angoli del mondo.

Tensioni della catena di approvvigionamento
Oltre ai problemi legati ai cambiamenti della domanda e dell'offerta, ci sono state grandi interruzioni nel modo in cui le merci si spostano verso i produttori e poi verso i consumatori lungo quella che è nota come la catena di approvvigionamento.

Dal 2020, l'interruzione del trasporto merci, via nave, treno o camion, ha interferito con la consegna di tutti i tipi di merci. Ciò ha causato un forte aumento dei costi di spedizione delle merci.

Queste enormi interruzioni di spedizione hanno messo in luce gli svantaggi della popolare pratica just-in-time per la gestione dell'inventario.

Tenendo a portata di mano il minimo dei materiali necessari per realizzare i loro prodotti, le aziende diventano più vulnerabili alle carenze e ai problemi di trasporto. Quando i produttori non sono in grado di realizzare rapidamente i loro prodotti, si verificano carenze e i prezzi aumentano.

Questo approccio, soprattutto quando implica la dipendenza da fornitori remoti, ha reso le aziende molto più suscettibili agli shock del mercato.

Complicazioni del travaglio
L'inizio della pandemia ha anche provocato onde d'urto sui mercati del lavoro con effetti duraturi.

Molte aziende hanno licenziato o licenziato un gran numero di lavoratori nel 2020. Quando i governi hanno iniziato ad allentare le restrizioni legate alla pandemia, molti datori di lavoro hanno scoperto che un numero significativo dei loro ex lavoratori non era disposto a tornare al lavoro.

Indipendentemente dal fatto che quei lavoratori avessero scelto di andare in pensione anticipatamente, cercare nuovi lavori che offrissero un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata o diventare disabili, i risultati erano gli stessi: carenza di manodopera che richiedeva salari più elevati per assumere sostituti e mantenere altri dipendenti.

Ancora una volta, tutte queste dinamiche si stanno verificando a livello globale, non solo negli Stati Uniti.

La guerra in Ucraina ha aggravato questi problemi
 

Anche la guerra della Russia contro l'Ucraina, iniziata ufficialmente il 24 febbraio 2022, ha esacerbato l'inflazione interferendo con la fornitura globale di combustibili e cereali.

Gli effetti del conflitto si stanno riverberando in tutto il mondo e alimentando l'inflazione.

La Russia è il secondo esportatore mondiale di petrolio greggio. Le sanzioni contro le importazioni russe, combinate con la Russia che ha interrotto le spedizioni di petrolio ai paesi europei per rappresaglia, ha portato a perturbazioni nel mercato petrolifero globale.

Poiché l'Europa acquista più petrolio dal Medio Oriente, la domanda di petrolio da quella regione aumenta, provocando un aumento dei prezzi. I prezzi del greggio sono balzati da 101  $ al barile alla fine di febbraio 2022, a 123 $ un mese dopo. I prezzi sono rimasti alti per diversi mesi, ma alla fine di luglio erano di nuovo intorno ai 100 $ al barile.

I prezzi dei generi alimentari sono aumentati notevolmente negli Stati Uniti e altrove, in parte a causa di questo conflitto. L'Ucraina possiede alcuni dei terreni più fertili del mondo ed è il terzo esportatore di mais.

La distruzione delle colture ucraine da parte della Russia e il blocco delle esportazioni ucraine hanno portato a significativi aumenti dei prezzi in tutto il mondo per i prodotti agricoli.

Come risponderà il mondo?
 

Il sostegno alla globalizzazione e al commercio internazionale è diminuito negli ultimi anni. Date le interruzioni della catena di approvvigionamento e la guerra in Ucraina che alimenta l'inflazione, questa tendenza probabilmente continuerà.

Tuttavia, come economista, credo che i vantaggi del commercio aperto superino ancora le sfide attuali.

A mio avviso, non c'è nulla di fondamentalmente sbagliato nella globalizzazione che non può essere risolto. Tuttavia, come per placare l'inflazione e alleviare gli ostacoli della catena di approvvigionamento, ci vorrà del tempo.

____

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

__________

Christopher Decker, Professore di Economia, Università del Nebraska Omaha.
______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

______

Per saperne di più:
- Inflazione USA rallenta, Bitcoin ed Ethereum salgono
- Soaring Inflation Puts Central Banks on a Difficult Journey

- Inflation Is Spiking in Zimbabwe (Again). Why High-Interest Rates Aren’t the Answer
- Gli Stati Uniti sono in recessione?

- Global Economic Growth Slows Amid Gloomy and More Uncertain Outlook
- Inflation Is 2022’s Boogeyman
- Bitcoin and Hard Assets Will Win as Inflation Rises, Novogratz Says and Sees BTC at USD 500K
- Surveyed Central Bank Reserves Managers Say Inflation is Not ‘Transitory’, Likely to Remain High