03 luglio 2021 · 6 min read

Uno sguardo all'inflazione: quattro fatti sull'aumento dei prezzi degli alimenti

Christian Bogmans è economista presso il Dipartimento di ricerca (Commodities Unit) del Fondo monetario internazionale (FMI); Andrea Pescatori è un economista presso il Dipartimento dell'emisfero occidentale del FMI; Ervin Prifti è un economista senior presso il dipartimento di ricerca dell'FMI.
____

Fonte: Adobe/wifesun

L'aumento dei prezzi alimentari mondiali per i produttori sta facendo notizia e causando preoccupazioni tra il pubblico. I dati più recenti mostrano una moderazione dell'inflazione dei prezzi degli alimenti al consumo a livello globale, ma come spiegheremo di seguito, ciò potrebbe cambiare nei prossimi mesi. Ciò non farebbe che aggiungersi ai prezzi elevati che i consumatori di molti paesi hanno già vissuto l'anno scorso.

Se i prezzi alla fine saliranno di nuovo, ci saranno probabilmente notevoli differenze tra i paesi. A causa di vari fattori, è probabile che l'effetto sarebbe sentito maggiormente dai consumatori nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo ancora alle prese con gli effetti della pandemia.

Fatto n. 1: l'inflazione dei prezzi alimentari ha iniziato ad aumentare prima della pandemia.

L'aumento dell'inflazione dei prezzi degli alimenti al consumo precede la pandemia. Nell'estate del 2018, la Cina è stata colpita da un'epidemia di peste suina africana, che ha spazzato via gran parte della mandria di maiali cinesi, che rappresenta oltre il 50% dei maiali del mondo. Ciò ha portato i prezzi della carne di maiale in Cina al massimo storico entro la metà del 2019, creando un effetto a catena sui prezzi della carne di maiale e di altre proteine animali in molte regioni del mondo. Ciò è stato aggravato dall'introduzione di tariffe di importazione cinesi su carne di maiale e soia statunitensi durante la disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Fatto n. 2: le prime misure di lockdown e le interruzioni della catena di alimentazione hanno indotto un picco dei prezzi dei prodotti alimentari al consumo.

All'inizio della pandemia, le interruzioni della catena di approvvigionamento alimentare, il passaggio dai servizi di ristorazione (come mangiare fuori) ai generi alimentari al dettaglio e l'accumulo di scorte da parte dei consumatori (insieme a un forte apprezzamento del dollaro Americano) hanno fatto salire gli indici dei prezzi degli alimenti al consumo in molti paesi — con l'inflazione dei prodotti alimentari di consumo che ha raggiunto il picco nell'aprile 2020 — anche se i prezzi alla produzione delle materie primarie, compresi cibo ed energia, stavano diminuendo drasticamente a causa dell'interruzione della domanda di materie prime alimentari. All'inizio dell'estate 2020, tuttavia, vari prezzi dei prodotti alimentari al consumo si erano moderati, spingendo al ribasso l'inflazione dei prodotti alimentari al consumo in molti paesi.

Quindi, mentre i prezzi del cibo nel tuo negozio di alimentari locale (cioè i prezzi degli alimenti al consumo) potrebbero essere aumentati, è esagerato dire che attualmente stanno aumentando al loro ritmo più veloce da anni. Inoltre, attualmente non contribuiscono all'inflazione primaria, sebbene potrebbero farlo entro la fine dell'anno e nel 2022 (vedi le prospettive di seguito). I prezzi alla produzione, d'altro canto, sono recentemente aumentati (vedi fatto n. 4). Ma ci vogliono almeno 6-12 mesi prima che i prezzi al consumo riflettano le variazioni dei prezzi alla produzione. Inoltre, in media, il passaggio dai prezzi alla produzione ai prezzi al consumo è solo del 20% circa. Questo perché i prezzi degli alimenti al consumo includono i costi di spedizione dei prodotti alimentari primari, la lavorazione, la commercializzazione e l'imballaggio degli alimenti e i costi di distribuzione finale come i costi di trasporto.

Gli ultimi due fatti ci aiuteranno a capire cosa aspettarci dai prezzi degli alimenti al consumo.

inflazione prezzi

Fatto n. 3: Costi di spedizione e trasporto in aumento.

Le tariffe di trasporto marittimo misurate dal Baltic Dry Index (una misura dei costi di spedizione) sono aumentate di circa 2-3 volte negli ultimi 12 mesi, mentre l'aumento dei prezzi della benzina e la carenza di camionisti in alcune regioni stanno facendo aumentare i costi dei servizi di trasporto su strada. Costi di trasporto più elevati finiranno per aumentare l'inflazione dei prodotti alimentari al consumo.

inflazione prezzi

Fatto n. 4: i prezzi dei produttori alimentari globali sono aumentati raggiungendo i massimi pluriennali.

Da Aprile 2020, i prezzi internazionali del cibo (alla produzione) sono aumentati del 47,2%, raggiungendo i livelli (reali) più alti nel Maggio 2021 dal 2014 (livello più alto di sempre in termini di dollari attuali). Tra Maggio 2020 e Maggio 2021, i prezzi della soia e del mais sono aumentati rispettivamente di oltre l'86% e il 111%.

inflazione prezzi

Ci sono tre fattori principali dietro il recente rally dei prezzi alla produzione:

  1. La domanda di prodotti di base sia per il consumo umano che per l'alimentazione animale è rimasta elevata, soprattutto dalla Cina, poiché i paesi hanno accumulato riserve di cibo a causa delle preoccupazioni legate alla pandemia sulla sicurezza alimentare.
  2. Il recente episodio di La Niña del 2020-2021, un evento meteorologico globale che si verifica ogni pochi anni, ha portato a un clima secco nei principali paesi esportatori di cibo, tra cui Argentina, Brasile, Russia, Ucraina e Stati Uniti. Ciò ha causato, in alcuni casi, raccolti e prospettive di raccolta inferiori alle aspettative. Poiché la domanda ha superato l'offerta, i rapporti stock-to-use statunitensi e mondiali, una misura della rigidità del mercato, hanno raggiunto i minimi pluriennali per alcuni prodotti di base.
  3. La forte domanda di biocarburanti ha aumentato la domanda speculativa da parte dei commercianti non commerciali e le restrizioni alle esportazioni sono ulteriori fattori a sostegno dei prezzi alla produzione mondiale.

Prospettiva

Sulla base dei quattro fatti presentati, è plausibile che l'inflazione dei prezzi dei prodotti alimentari al consumo riprenderà nel resto del 2021 e del 2022. In effetti, il recente forte aumento dei prezzi internazionali dei prodotti alimentari ha già iniziato lentamente ad alimentare i prezzi al consumo interni in alcune regioni poiché i rivenditori, incapaci di assorbire l'aumento dei costi, stanno trasferendo gli aumenti ai consumatori. Tuttavia, è probabile che ne arrivi di più, poiché i prezzi alimentari internazionali dovrebbero aumentare di circa il 25% nel 2021 a partire dal 2020, stabilizzandosi nel 2021. Un passaggio del 20% (13% nel primo anno e 7% nel secondo) implicherebbe quindi un aumento dell'inflazione dei prezzi dei prodotti alimentari al consumo di circa 3,2 punti percentuali e 1,75 punti percentuali in media rispettivamente nel 2021 e nel 2022. Un ulteriore punto percentuale all'inflazione alimentare globale al consumo del 2021 potrebbe essere aggiunto dalle tariffe di trasporto più elevate.

L'impatto, tuttavia, varierà in base al paese. I consumatori nei mercati emergenti potrebbero subire aumenti ancora più elevati a causa della maggiore dipendenza dalle importazioni di cibo (ad esempio i paesi dell'Africa sub-sahariana e del Medio Oriente e del Nord Africa). Anche il passaggio dai prezzi alla produzione ai prezzi al consumo tende ad essere maggiore per i mercati emergenti. Per i paesi a basso reddito che lottano per la pandemia, gli effetti di un'ulteriore inflazione alimentare potrebbero essere disastrosi e rischiare una ricaduta negli sforzi per eliminare la fame.

I mercati emergenti e i paesi a basso reddito sono anche più vulnerabili agli shock dei prezzi alimentari perché i consumatori di questi paesi in genere spendono una parte relativamente elevata del loro reddito per il cibo. Infine, per i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo un ulteriore fattore di rischio è il deprezzamento della valuta rispetto al dollaro USA, probabilmente a causa del calo dei ricavi delle esportazioni e del turismo e dei deflussi netti di capitale. Poiché la maggior parte delle materie prime alimentari sono scambiate in dollari Americani, i paesi con valute più deboli hanno visto aumentare la fattura delle importazioni alimentari.
__
Questo articolo è stato ripubblicato da blogs.imf.org.

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN 
____
Per saperne di più:
- Fed Keeps Rates, Says Inflation 'Largely Reflects Transitory Factors'
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?

- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies
- Inflation Might Keep Rising in 2021 - But What Happens Next?

- Imagine Bitcoin as a Reserve Asset. What Then?
- Why The Inflation Rate Doesn’t Tell The Whole Story

- Navigating a New Digital Era Means Changing the World Economic Order
- The Great Depression and Money Printers of Today