07 dic 2021 · 6 min read

Jack Dorsey abbandona Twitter: poca fiducia nel futuro dei social media

Jack Dorsey

Jack Dorsey. Fonte: screenshot del video, Youtube, WIRED

Theo Tzanidis, Senior Lecturer in Digital Marketing, University of the West of Scotland.

_____

Quando Jack Dorsey ha fatto l'improvviso annuncio pubblico di aver lasciato la carica di amministratore delegato di Twitter, sarebbe successo solo in un posto: Twitter stesso. Mi ha ricordato molto le divertenti avventure sui tweet di Elon Musk, quando Dorsey ha lanciato la sua lettera di dimissioni sulla piattaforma di social media da lui co-fondata. Si poteva immaginarlo seduto a godersi lo spettacolo delle reazioni e speculazioni che si è svolto.

Questa non è la prima lettera di dimissioni di Dorsey a Twitter – è stato costretto a lasciare la sedia dell'amministratore delegato nel 2008 solo per tornare come presidente esecutivo tre anni dopo – e nessuno può dire con certezza se sarà l'ultima.

Secondo l'e-mail inviata allo staff di Twitter in cui ha annunciato le sue ultime dimissioni, pensa che l'azienda dovrebbe "reggersi da sola, libera dall'influenza o dalla direzione del suo fondatore". Nel successivo tweetstorm, dopo aver messo la notizia su Twitter, ha insistito sul fatto che fosse stata una sua decisione. Quindi cosa si somma a tutto questo?

La crisi di mezza età dei social media

La mossa di Dorsey non è stata del tutto inaspettata. Per più di un anno, è stato sottoposto a intense pressioni da parte di investitori attivisti per accelerare lo sviluppo di Twitter e migliorare le sue prestazioni finanziarie.

Gli investitori di Wall Street hanno criticato gli interessi esterni di Dorsey, che includono la gestione del gigante dei pagamenti Square, che ha fondato durante il suo ultimo esilio su Twitter, nonché il perseguimento di progetti futuristici incentrati sul decentramento (che significa rimuovere il controllo aziendale tradizionale da) Internet e la finanza. In particolare, il prezzo delle azioni di Twitter è aumentato con l'annuncio, solo per essere abbattuto con il resto del mercato poiché si preoccupa della variante COVID omicron.

Sento una somiglianza qui tra Dorsey e altri magnati del digitale come Jeff Bezos e, ancora una volta, Musk. Come Dorsey, Bezos e Musk gestiscono entrambi due società rispettivamente in Amazon/Blue Origin e Tesla/SpaceX, oltre a cercare diverse forme di eccitazione e avventura, con gli sforzi di Bezos per raggiungere l'orbita spaziale e Musk che invia un'auto sportiva Tesla Roadster nello spazio . Tutto sembra significare che i fondatori di mega-tech sono insoddisfatti della gestione monotona delle loro aziende più famose e cercano qualcosa di più.

Nel caso di Twitter c'è anche la dimensione social. Piattaforme come Twitter, Facebook e YouTube sono sempre più gravate da controversie politiche e questioni complesse come disinformazione, violazioni della privacy e incitamento all'odio. Twitter, ad esempio, è diventato il megafono preferito da Donald Trump prima di bandirlo in seguito, e deve lottare con l'incitamento all'odio come problema globale. A volte si dice che queste aziende stanno affrontando una crisi di mezza età dei social media.

Tweet di Trump

Per non dimenticare. Anton Khodakovskiy

Non ci sono soluzioni semplici, quindi ha senso che qualcuno come Dorsey possa essere più entusiasta di creare cose nuove che riparare quelle esistenti. Potrebbe avere senso cedere il controllo del tuo impero ad altri e partire alla ricerca di nuovi orizzonti.

Il riferimento di Dorsey all'"ego fondatore" nel suo messaggio di addio a Twitter e allo staff può essere interpretato solo come una presa in giro a Mark Zuckerberg, che non ha mostrato alcun segno di voler rinunciare al controllo su Facebook/Meta. Al contrario, sta cercando di sviluppare ulteriormente l'influenza dell'azienda aggiornando le sue operazioni a una versione più virtuale di Internet nota come metaverse o 3Dweb.

Quando Facebook ha fatto il suo storico annuncio ad ottobre che stava per essere rinominato Meta, i tweet di Dorsey hanno suggerito la sua disapprovazione per la decisione di Zuckerberg di rimanere. Nonostante Dorsey abbia insistito questa settimana sul fatto che ama Twitter, sospetto che veda tempi difficili per le società di social media e persino il concetto di queste piattaforme "tradizionali".

A mio avviso, sono passati i giorni in cui i giovani sviluppatori volevano lavorare per Google, Facebook o Twitter. Ora sembrano più interessati a "ribaltare" NFT (acquistare e vendere questi oggetti da collezione digitali per un rapido profitto) e scrivere applicazioni per il metaverso (non Meta). Nel frattempo, i regolatori stanno aumentando il fuoco sulla vecchia guardia della Silicon Valley sui loro standard etici in merito al contenuto e all'uso dei dati. E se il metaverso è il futuro, solleva interrogativi su come esattamente una piattaforma di microblogging con una ristretta base di utenti si inserisca in questa nuova era 3D.

Qual'è il futuro per Jack?

Sebbene Dorsey abbia ceduto il controllo di Twitter al 37enne capo della tecnologia Parag Agrawal, avrà più tempo per concentrarsi su Square. La società di pagamenti ha un valore di quasi 100 miliardi di dollari, più del doppio di Twitter, e uno dei suoi obiettivi principali è stato quello di spostare le criptovalute nel mainstream.

Square ha bitcoin nel suo bilancio e sta pianificando di lanciare un exchange di criptovalute decentralizzato chiamato tbDEX, oltre a trasferirsi potenzialmente nel mining di Bitcoin. Dorsey è anche un investitore angel in numerosi altri progetti, tra cui l'app di streaming musicale Tidal, in cui il rapper Jay Z è un co-investitore.

Per molti aspetti, il panorama delle criptovalute ha ereditato l'atteggiamento sciolto e a ruota libera che ha caratterizzato i primi giorni delle piattaforme di social media. Start-up decentralizzate come la piattaforma finanziaria Compound, l'exchange di criptovalute Uniswap e l'emittente di stablecoin MakerDao  stanno realizzando grandi profitti e stanno diventando sempre più popolari.

Sono dominati da geni eccentrici come il creatore di Uniswap Hayden Adams e Rune Christensen di MakerDao, che hanno un background insolito e un vorace appetito per il rischio. Sembrerà un sito di atterraggio attraente per i professionisti della tecnologia esauriti che cercano di riaccendere il loro ottimismo.

Come dico sempre ai miei studenti, stiamo vivendo in un'epoca di accelerazione, in cui la tecnologia si sta sviluppando a un ritmo più veloce di quanto qualsiasi individuo possa tenere il passo. Per sopravvivere a questo, abbiamo bisogno di un nuovo modo di pensare alla tecnologia.

L'amministratore delegato della Silicon Valley come Jack Dorsey sono stati i catalizzatori di questa era, e ora anche loro devono adattarsi e reinventare il mondo che hanno creato. Dorsey ha il vantaggio di avere un piede in questo nuovo campo da un po' di tempo. La sua partenza non mi dà molta fiducia nei social media tradizionali, ma potrebbe dare ulteriore slancio alle startup cripto e tecnologiche.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Per saperne di più:
- "Square" di Dorsey avanza nella Spiral BTC e diventa "Block"
- Jack Dorsey è pro-Bitcoin. Scatena le ire dei fan di Ethereum

- Square Targets Bitcoin DeFi Business
- Square per entra nel mercato dell'hardware cripto con il primo portafoglio Bitcoin

- Quale sarà il controllo di Facebook sul Metaverso?
- Il Web 3.0 è in arrivo e le criptovalute saranno essenziali