05 feb 2022 · 9 min read

Tendenze del layer 2 nel 2022

 

L2
Fonte: Adobe/Wirestock

_____

_____

  • Layer 2 potrebbe diventare più necessario, poiché criptovalute e blockchain attirano una sostanziale adozione nel mondo reale.
  • "Qualunque miglioramento venga apportato a L1 sarà enormemente amplificato da L2".
  • Il 2022 sarà probabilmente l'anno in cui sapremo per certo se i rollup ZK potranno diventare funzionalmente completi, fattibili e competitivi.
  • "È probabile che vedremo emergere una proliferazione di bridge tra L2 e exchange centralizzati, nonché bridge tra vari L2".
  • "Vedremo l'ascesa di applicazioni L2 native, costruite da zero per sfruttare l'abbondanza computazionale di L2".
  • Alcune figure che lavorano con L2 prevedono anche l'emergere di un layer 3 che opera sopra il secondo.

Si stima che il 2022 sarà l'anno in cui Ethereum (ETH), la più grande blockchain compatibile con smart contract in termini di valore totale bloccato, passerà finalmente a un meccanismo di consenso proof-of-stake (PoS). Se non viene ritardato di nuovo. Per alcuni osservatori, una tale transizione potrebbe significare che le soluzioni di layer 2 (L2) costruite su Ethereum, come Polygon (MATIC), Loopring (LRC), Arbitrum, Optimism e StarkWare (solo per citarne alcune) diventeranno più o meno ridondanti, nella misura in cui Ethereum sarà in grado di scalare da solo.

Tuttavia, le figure che lavorano all'interno del sottosettore affermano che le piattaforme L2 non solo rimarranno rilevanti dopo l'arrivo di Ethereum 2.0 (che ora è stato rinominato "layer di consenso"), ma avranno un importante 2022. La domanda di tali piattaforme crescerà quest'anno in tandem con l'uso di Ethereum stesso, poiché le transazioni e le applicazioni aziendali più piccole cercano i meccanismi più veloci ed economici.

Allo stesso tempo, quest'anno potrebbero emergere particolari tendenze L2, dalla crescita dei rollup a conoscenza zero (rollup ZK) e dall'interoperabilità tra piattaforme alle applicazioni L2 native e persino dall'emergere del "layer 3".

Ethereum 2.0 = La fine di L2?

Praticamente nessuno sembra credere che l'arrivo di Ethereum 2.0 (dovuto a un certo punto nella prima metà di quest'anno) renderà superflue le soluzioni L2. Invece, una delle tendenze prevalenti per quest'anno potrebbe essere la loro continua e crescente rilevanza.

Inoltre un portavoce di Polygon ha affermato che "anche se Ethereum 2.0 archivia il suo pieno potenziale di scalabilità per offrire un miglioramento di 64 volte, probabilmente non sarà all'altezza della domanda prevista".

Le criptovalute sono attualmente nelle prime fasi della curva di adozione, con studi di gioco, marchi, istituzioni finanziarie e giocatori di Web 2 che hanno appena iniziato con Web 3. Le aziende stanno solo iniziando a esplorare questo settore e per il team di Polygon, la domanda è già un ordine di grandezza in più rispetto alla scalabilità prevista che sarà raggiunta con Ethereum 2.0.

In altre parole, L2 diventerà solo più necessario, poiché criptovalute e blockchain attireranno una sostanziale adozione nel mondo reale.

"La catena principale di Ethereum rimarrà il livello di insediamento, mentre le soluzioni di scalabilità emergeranno come layer di esecuzione per l'ecosistema. Tutte le transazioni commerciali più piccole verranno eseguite sulle soluzioni di scalabilità e invieranno prove crittografiche a Ethereum", ha detto il portavoce di Polygon a Cryptonews.com.

Ad esempio, il portavoce osserva che il numero di utenti di Aave (AAVE) su Polygon è cresciuto fino a più del doppio, rispetto a quello della catena principale di Ethereum negli ultimi mesi. Per loro, questo significa "che le soluzioni di scalabilità e una maggiore adozione dell'ecosistema di Ethereum vanno di pari passo".

Altre persone coinvolte nel settore L2 affermano più o meno la stessa cosa. Secondo Tyler Perkins, Chief Marketing Officer di Matter Labs, i rollup L2 sono diventati un elemento "essenziale" nel futuro di Ethereum e sono "qui per restare".

Inoltre ha riferito a Cryptonews.com che "sebbene potremmo avere miglioramenti fondamentali nella scalabilità della catena di base a medio e lungo termine, a quel punto è probabile che il layer 2 sia diventato così supportato, stabile e sicuro che non avrebbe molto senso per gli sviluppatori o gli utenti tornare a layer 1".

Allo stesso modo, il co-fondatore e CEO di StarkWare, Uri Kolodny, osserva che la domanda di soluzioni di scalabilità sta "salendo alle stelle", con la sua organizzazione che assiste a una crescita nell'uso del suo motore di scalabilità StarkEx e della piattaforma StarkNet.

“Il passaggio dal proof-of-work al proof-of-stake, un fulcro di Ethereum 2.0, in realtà non aiuta con la scalabilità. Piuttosto, cambia il meccanismo di consenso per l'approvazione dei blocchi. Quindi le soluzioni L2 rimarranno rilevanti come sempre", ha detto a Cryptonews.com.

Kolodny aggiunge che, nella migliore delle ipotesi in cui un aggiornamento o l'altro rendano Ethereum stesso maggiormente scalabile, L2 avrà comunque una grande rilevanza, accentuando ulteriormente la scalabilità.

Inoltre ha aggiunto che “qualunque miglioramento venga fatto su L1 sarà enormemente amplificato da L2. Se due variabili possono completarsi a vicenda per portare a una maggiore efficienza, tanto meglio".

Soluzioni di scalabilità di L2: rollup ZK

In genere, le soluzioni di scalabilità di layer 2 più popolari coinvolgono i rollup, che sono protocolli che eseguono transazioni e quindi pubblicano i dati delle transazioni risultanti su una blockchain di layer 1 (come Ethereum).

Un particolare tipo di rollup, noto come rollup ZK, dovrebbe diventare maggiormente  popolare con il progredire del 2022, anche se il tipo che è dominante in questo momento, noto come optimistic rollup, rimarrà in uso per qualche tempo.

“Siamo infine convinti che i rollup di ZK, e più specificamente i design di Volition, saranno l'endgame per Ethereum. Detto questo, è probabile che vedremo gli sviluppatori divisi tra optimistic rollup e rollup ZK per tutto il 2022", ha affermato Tyler Perkins.

Osserva che le macchine virtuali (EVM) di Ethereum basate su ZK per uso generico, come zkSync, si stanno sviluppando molto più velocemente di quanto previsto dagli esperti e non è il solo ad annunciare rollup a conoscenza zero come il futuro.

Eli Ben-Sasson, co-fondatore e presidente di StarkWare, ha affermato che "gli optimistic rollup aumenteranno in popolarità, ma ci sarà un limite alla loro crescita, poiché è riconosciuto che il fattore di scala finale che possono fornire è limitato [...] I rollup ZK, o rollup di validità per usare la nostra frase preferita, non hanno questa limitazione e rappresentano la soluzione a lungo termine”.

Secondo lui, la crescita che StarkWare ha visto l'anno scorso con le sue soluzioni è stata "semplicemente mozzafiato", con la piattaforma che ha regolato un totale di 85 milioni di transazioni. Si prevede quindi di assistere a una crescita significativa mese su mese quest'anno.

Per Polygon, anche quest'anno si aspetta che i rollup ZK siano la tendenza tecnologica dominante per quanto riguarda il layer 2.

Inoltre il portavoce di Polygon ha affermato che “i rollup ZK, che funzionano su una tecnologia sottostante più complessa, ma con un modello di protocollo più semplice, offrono vantaggi interessanti ai partecipanti alla rete in termini di rapidità delle transazioni. Questo è il motivo per cui siamo in corsa per creare supporto per smart contract EVM in aggiunta a un rollup ZK".

Aggiungono che il 2022 sarà probabilmente l'anno in cui sapremo con certezza se i rollup ZK potranno diventare funzionalmente completi, fattibili e competitivi, con l'organizzazione che adotterà una strategia multi-soluzione nel caso in cui l'una o l'altra soluzione diventi dominante.

Tendenze chiave del layer 2 nel 2022: Bridge, applicazioni, layer 3

Uno sviluppo chiave del L2 che probabilmente vedremo nel 2022 potrebbe essere il crescente sviluppo di bridge, qualcosa che è necessario se le soluzioni vogliono attingere a più liquidità.

“La stragrande maggioranza delle applicazioni su Ethereum oggi passerà probabilmente a L2 nei prossimi 12 mesi. Oltre a queste applicazioni, è probabile che vedremo emergere una proliferazione di bridge tra L2 e exchange centralizzati, nonché bridge tra vari L2", ha affermato Tyler Perkins.

In effetti, Polygon prevede anche che i bridge e l'interoperabilità diventino una cosa più importante per L2 quest'anno.

Inoltre ha affermato il portavoce che "la vera utilità delle applicazioni L2 può essere influenzata dalla frammentazione della liquidità e il passaggio successivo dovrà probabilmente essere un'interoperabilità L2, che consenta agli utenti di spostare i propri asset tra le reti, evitando le fees elevate del prelievo L1".

Secondo Polygon, i progetti saranno più focalizzati sulla dimostrazione delle loro caratteristiche. L'interoperabilità verrà quindi più tardi e richiederà un certo coordinamento.

Un'altra tendenza chiave sarà lo sviluppo di app che effettivamente risiedono e operano in modo nativo su piattaforme di layer 2, in modo da beneficiare maggiormente delle loro capacità di scalabilità.

“Vedremo l'ascesa di applicazioni L2 native, costruite da zero per sfruttare l'abbondanza computazionale di L2. Siamo in quel momento emozionante in cui sappiamo che stanno per emergere grandi cose, ma non sappiamo esattamente cosa, come il momento in cui il potenziale di Internet stava nascendo, ma non riuscivamo a concepire l'impatto che avrebbe il modo in cui organizziamo le nostre vite in una tale moltitudine di modi”, ha detto Uri Kolodny.

Questo è anche qualcosa che Polygon si aspetta di vedere accadere quest'anno, con il suo portavoce che prevede che diverse prove di concetto delle applicazioni L1 esistenti sono e saranno implementate su soluzioni L2.

Inoltre ha affermato che “i più popolari sono i servizi di exchange di token o AMM. Hanno una grande utilità e consentono agli utenti di confrontare alcune proprietà delle reti L2 e L1, oltre alle fees di transazione".

Infine, alcune figure che lavorano con L2 prevedono anche l'emergere di un layer 3 che opera sopra il secondo, fornendo alle criptovalute una scalabilità maggiore. Questa, almeno, è la previsione di Uri Kolodny.

Inoltre ha affermato che "di recente abbiamo annunciato che stiamo lanciando L3 - o più precisamente più L3 - che porterà letteralmente la scalabilità al livello successivo. L'introduzione di L3 significherà che invece di subire una singola compressione prima di raggiungere L1, può aver luogo una doppia compressione".

Kolodny ci consiglia di pensare a L3 come "una specie di versione crittografica di una matrioska", in cui il sistema generale è suddiviso e contenuto con componenti sempre più piccoli.

Rimane aperto il dibattito se quest'anno il layer 3 sarà realizzato, ma in un mondo in cui Ethereum 2.0 (o lo "strato di consenso") potrebbe potenzialmente rubare parte della sua lucentezza, mostra che il sottosettore del layer 2 non sta riposando sugli allori.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più:
- Fiscalità crypto nel 2022: più tasse e dati sugli utenti
- Tendenze 2022 del Metaverso

- Bitcoin e Mining 2022: nuove location, tecnologie e attori
- CBDC nel 2022: nuovi pilot e concorrenza con le crypto

-Previsioni 2022 del settore NFT

-Tendenze 2022 della regolamentazione crypto

-Previsioni 2022 del settore DeFi
-Sicurezza delle criptovalute: previsioni 2022

-Come l'economia globale potrebbe influenzare le crypto?
-exchange crypto 2022: più servizi, conformità e concorrenza

-2022: Tendenze degli investimenti e del trading nelle crypto