24 marzo 2021 · 2 min read

Importante studio legale schiaffeggia il creatore di BitClout con una lettera di diffida

Come implicito sarebbe accaduto, un importante studio legale ha inviato una lettera di 'cessazione e desistenza' al presunto creatore del nuovo social network basato su blockchain BitClout, diventato rapidamente controverso.

Il grande studio legale statunitense Anderson Kill, in rappresentanza di Brandon Curtis, dell'exchange decentralizzato di token Radar Relay, ha inviato una lettera a Nader Al-Naii, che secondo loro ha lanciato il sito, chiedendo che questo cessi e desista dall'uso delle informazioni personali di Curtis e della somiglianza con il suo profilo e di non violare ulteriormente i suoi diritti alla privacy.

La lettera continua spiegando la premessa dietro BitClout. Come riportato da Cryptonews.com, gli utenti stanno acquistando e vendendo token legati all'identità di un numero di persone di spicco e 15.000 sono già stati precaricati.

Curtis ha trovato il suo nome e il profilo Twitter, che include il suo aspetto e il contenuto del profilo, su BitClout il 19 marzo, creati senza il suo consenso.

"In breve, BitClout trae vantaggio direttamente dalla somiglianza degli altri e non ha ottenuto il permesso di inserire questi profili sulla sua piattaforma o di trarne profitto", afferma la lettera. Mentre il proprietario del profilo Twitter può reclamare il profilo BitClout associato e le monete riservate, BitClout continua a trarre profitto dal loro acquisto, ha detto.

"Affinché il signor Curtis possa esercitare qualsiasi tipo di controllo sul suo nome e somiglianza con il suo sito, dovrebbe investire i suoi soldi nel tuo progetto o fornirti ancora più informazioni personali", dice la lettera, aggiungendo: " Anche la messaggistica del team di supporto di BitClout costa token BitClout ".

Gli avvocati hanno citato la sezione 3344 del codice civile della California, che protegge il proprio diritto a trarre profitto dal valore commerciale della propria identità, nonché la sezione 1798, che protegge il proprio diritto alla privacy, mentre BitClout era tenuto a concedere a Curtis la protezione legale ai sensi del California Consumer Legge sulla privacy (CCPA). "I tuoi sforzi per nascondere la tua gestione e proprietà del Sito rivelano che queste violazioni del CCPA sono intenzionali", hanno affermato.

La scadenza data dagli avvocati - firmati come Stephen Palley, Preston Byme e Hailey Lennon - è oggi alle 17:00 EST.

La lettera arriva dopo che Byrne ha detto che "una buona fetta di cryptotwitter legale sta esaminando il problema" di BitClout.

Come riportato, il progetto è supportato da una serie di importanti società, tra cui Coinbase, Sequoia, a16z, Social Capital, DCG, Pantera, Huobi, Winklevoss Capital e North Island Ventures.

"Adottare l'estetica di Bitcoin per raccogliere fondi VC per realizzare schemi non etici e palesemente illegali come Bitclout [di Al-Naii]: per niente bello", ha commentato Curtis, aggiungendo che è "sorprendente che investitori di Bitclout come questi non abbiano potuto dare ad Al-Naii consiglio migliore. O l'ha ignorato? "

Al-Naji è stato anche il co-fondatore del popolare progetto di stablecoin Basis che si è concluso nel 2018.

Cryptonews.com ha contattato Nader Al-Naji per un commento.

Per saperne di più:
- Ex-Block.One CTO Larimer Makes a Comeback With Social Network Project
- A Look Into the Trending Decentralized Social Media Experience: Mastodon
- Trump vs. Twitter Fight Reignites Social Media Decentralization Vision