06 feb 2022 · 6 min read

Il Metaverso: tre questioni legali che dobbiamo affrontare

Metaverso
Fonte: Adobe/peterschreiber.media

In questo articolo trattiamo Il Metaverso e le tre questioni legali che bisogna affrontare.

Il "metaverso" sembra essere l'ultima parola d'ordine nel campo della tecnologia. In termini generali, il metaverso può essere visto come una forma di cyberspazio. Come Internet, è un mondo, o addirittura una realtà, al di là del nostro mondo fisico sulla Terra.

La differenza è che il metaverso ci consente di immergere una versione di noi stessi come avatar nel suo ambiente, di solito attraverso la realtà aumentata (AR) o la realtà virtuale (VR), a cui le persone sono e saranno sempre più in grado di accedere utilizzando strumenti come gli occhiali VR.

Anche se sembra tutto molto eccitante, un avvocato curioso come me è incline a chiedersi: chi o cosa governa il metaverso? Per come la vedo io, ci sono tre aree chiave che, in questa fase, sono legalmente oscure.

1. Un mercato sconfinato

Le transazioni nel metaverso sono generalmente monetizzate utilizzando criptovaluta o NFT (token non fungibili). Il mercato NFT è in piena espansione: in alcuni casi parliamo di vendite equivalenti a milioni di sterline.

Sebbene sia difficile dire se si tratti semplicemente di una tendenza o di una nuova ed entusiasmante forma di investimento di capitale, questo tipo di transazioni solleva alcune interessanti questioni legali.

Ad esempio, nel mondo "reale", quando si tratta di acquistare un'opera d'arte, la legge sulla proprietà impone che la proprietà sia duplice. In primo luogo, la proprietà può essere attribuita all'opera d'arte fisica effettiva. E in secondo luogo, l'acquirente può o meno possedere la proprietà intellettuale dell'opera d'arte, a seconda dei termini della vendita.

Ma che tipo di proprietà è inclusa precisamente in una transazione di arte digitale? Lo studio legale internazionale Reed Smith ha affermato che la "proprietà" nel metaverso non è altro che una forma di licenza o fornitura di servizi. In tali casi, la vera proprietà è ancora del proprietario. Ciò può significare, ad esempio, che l'acquirente non può vendere l'oggetto senza il permesso del vero proprietario.

Anche gli immobili virtuali sono diventati un NFT, con individui e aziende che spendono enormi somme per possedere una "proprietà" nel metaverso. Le complessità del diritto fondiario si applicano qui? Ad esempio, la legislazione del mondo reale coprirà i trasgressori su terreni privati ​​nel metaverso? Puoi accendere un mutuo sulla tua proprietà virtuale?

Il metaverso potrebbe anche essere suscettibile di ospitare un mercato virtuale in qualche modo simile a Silk Road, che era un mercato del dark web che vendeva droghe illegali, armi e, presumibilmente, "omicidio su commissione". Che tipo di leggi possono essere messe in atto per salvaguardare da ciò che accade nel metaverso? L'ideale sarebbe avere un'autorità di regolamentazione globale che supervisioni il metaverso, anche se sarebbe difficile da implementare.

2. Dati

Un'altra possibile implicazione legale del metaverso riguarda i dati e la protezione dei dati. Il metaverse esporrà nuove categorie dei nostri dati personali per l'elaborazione. Ciò potrebbe includere espressioni facciali, gesti e altri tipi di reazioni che un avatar potrebbe produrre durante le interazioni nel metaverso.

Il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'UE potrebbe senza dubbio applicarsi al metaverso, così come il Data Protection Act del Regno Unito. Ma data la nuova natura del metaverso, per garantire che i diritti degli utenti siano protetti, potrebbe essere necessario rivedere i processi che regolano il consenso informato sull'elaborazione dei dati.

metaverso

Le interazioni nel metaverse esporranno nuovi tipi di dati personali. Athitat Shinagowin/Shutterstock

Inoltre, la natura "senza confini" del metaverso significa che mentre potremmo voler presumere che il GDPR si applicherà, potrebbe essere necessario chiarire le clausole relative al trasferimento e all'elaborazione dei dati al di fuori dell'UE. Il GDPR si applica in base all'ubicazione del soggetto al momento del trattamento dei suoi dati, non al suo paese di origine o cittadinanza.

Quindi possiamo guardare alla posizione in base alla persona che gestisce l'avatar, o è più appropriato guardare l'avatar stesso, poiché saranno i dati dell'avatar che verranno elaborati? E se guardiamo alla posizione dell'avatar, come potremmo determinare in quale giurisdizione ricade il metaverso?

3. Interazioni dell'utente

Quando gli utenti interagiscono attraverso i loro avatar, potremmo avere situazioni in cui si verifica una sorta di alterco che equivarrebbe a infrangere la legge, se si verificasse tra persone nel mondo reale. Tali incidenti potrebbero violare il diritto illecito (che copre azioni civili come negligenza o disturbo) o il diritto penale (coinvolgente atti illegali e reati come aggressione, omicidio, furto con scasso o stupro).

Immagina che un avatar ne assalga un altro. Possiamo applicare le leggi penali di aggressione e percosse a questa situazione? Come potremmo rendere un avatar responsabile delle sue azioni nel metaverso? Questo sarebbe complicato, perché significherebbe che dobbiamo attribuire una persona giuridica all'avatar, attribuendogli diritti e doveri all'interno di un ordinamento giuridico; permettendo loro di citare in giudizio o essere citati in giudizio.

Dimostrare l'aggressione o le percosse sarebbe anche molto più difficile perché di solito richiede "danni fisici reali". Nel metaverso, non ci saranno naturalmente danni fisici effettivi. Sarebbe difficile provare il danno, la perdita o la lesione subita da un avatar.

Preoccupante, i predatori sessuali stanno già emergendo nel metaverso, mascherando la loro identità dietro un avatar che potrebbe non essere facilmente ricondotto al suo operatore nel mondo reale. Ad esempio, abbiamo assistito a episodi di palpeggiamento. Gli utenti del metaverso possono indossare giubbotti aptici o altre tecnologie che permetterebbero loro di provare le sensazioni se venissero toccati.

Le leggi sulle molestie sessuali non richiedono il contatto fisico per costituire molestie sessuali. Ma le leggi esistenti sono adeguate per affrontare questo problema? Nell'ambiente della realtà virtuale e dei giochi, ad esempio, su chi spetta la responsabilità di garantire la sicurezza degli utenti?

Non ci sono dubbi che problemi di molestie sessuali si faranno strada nel metaverso, in particolare se utenti senza scrupoli sanno che questa è un'area grigia. Credere che le loro azioni non possano essere provate, o che non possano essere ritenuti responsabili per eventi che hanno luogo nel metaverso, potrebbe incoraggiare tale comportamento.

Questo torna alla domanda sulle persone giuridiche degli avatar: è necessaria una persona giuridica per rendere gli avatar responsabili delle loro azioni nel metaverso? E che tipo di standard e criteri devono essere in atto per distinguere tra un avatar "legale" e la vera persona giuridica che gestisce quell'avatar? Tutti questi problemi dovrebbero essere affrontati prima che il metaverso diventi mainstream.

 

Pin Lean Lau, Docente di Diritto Biologico, Facoltà di Giurisprudenza Brunel | Centro per l'Intelligenza Artificiale: Innovazioni sociali e digitali, Università Brunel di Londra.
_____

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation  con licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

______

Scopri di più: 
- Tendenze 2022 del Metaverso
- Metaverso - Hype contro realtà

- Ecco come Meta potrebbe guadagnare nel Metaverso

- Perché e come le criptovalute governeranno il Metaverso
- Metaverso: potenziale anche per terroristi ed estremisti