06 nov 2021 · 5 min read

I pagamenti di Mt. Gox sono vicini - il mercato è pronto?

bitcoin

Source: iStock/Ja'CrispyDopo la notizia della settimana scorsa, ovvero che i creditori dopo il famigerato crollo dell'exchange di bitcoin (BTC) Mt. Gox possono finalmente sperare di riavere i loro soldi, ora cominciano ad emergere domande sulla possibilità che il mercato possa assorbire la vendita potenziale di una distribuzione così grande di monete.

Secondo una versione tradotta di una lettera dell'avvocato giapponese e fiduciario dell'exchange ormai fallito, Nobuaki Kobayashi, "circa il 99%" dei creditori ha votato a favore di una proposta su come dovrebbero avvenire le distribuzioni. La proposta è stata ora confermata anche dal tribunale, ma non è stato ancora fornito un calendario specifico su quando i fondi detenuti dal fiduciario potranno essere rilasciati.

Secondo i documenti depositati presso la corte, il fiduciario giapponese detiene un tesoro di 141.686 BTC, del valore di quasi 8,7 miliardi di dollari a prezzi correnti. Questo si aggiunge ad una quantità significativa di bitcoin cash (BCH) e valuta fiat anch'essi detenuti dal fiduciario, in attesa di essere distribuiti ai creditori.

Per fare un paragone, la quantità di BTC detenuta dal fiduciario è persino superiore all'intero patrimonio di bitcoin di MicroStrategy, che dopo l'ultimo acquisto rivelato dall'azienda ammontava a 114.042 BTC.

Ripersussioni sul mercato

Come si può immaginare, la nuova fornitura di una quantità così massiccia di bitcoin al mercato non è un evento minore. Il potenziale per una distribuzione di monete di questa entità di muovere i mercati c'è chiaramente, il che spiega il forte interesse dei commercianti di bitcoin per il caso Mt. Gox.

E sebbene non sia stata ancora annunciata una data specifica per quando avverrà la distribuzione, gli osservatori credono che la data - una volta nota - sarà una data importante da osservare per tutti gli investitori di bitcoin.

Tra gli osservatori che ne hanno avvertito pubblicamente c'è Avi Felman, un portfolio manager della ditta di investimenti in criptovalute BlockTower Capital, che ha detto a Bloomberg la settimana scorsa che il rilascio dei fondi è qualcosa che "ogni partecipante al mercato deve tenere d'occhio".

Ci "sarà probabilmente una significativa volatilità intorno all'evento, e se il bitcoin sarà alto in valore, potrebbe segnare un top locale in quanto i detentori potranno finalmente prendere profitti sulle loro posizioni", ha detto Felman.

Tuttavia, non tutti erano preoccupati per le prese di profitto quanto lo era Felman. Infatti, gli addetti del settore bitcoin con cui ha parlato Cryptonews.com hanno detto che i creditori di Mt. Gox - principalmente i primi utenti di bitcoin che erano clienti dello exchange - non venderanno affatto.

"[Non] mi aspetto che la maggioranza di queste monete venga venduta, dato che molti dei beneficiari erano presi dal bitcoin da molto prima - almeno dal 2014 - e quindi possono essere considerati fedeli e hodler a lungo termine", ha detto Julian Liniger, cofondatore e CEO del broker di bitcoin Relai, con sede in Svizzera.

Per quanto riguarda le dimensioni della distribuzione, tuttavia, Liniger ha avvertito che potrebbe verificarsi una reazione del mercato se venisse rilasciato tutto nello stesso momento.

"Una quantità di bitcoin a sei cifre può certamente avere un impatto significativo sul mercato se distribuita in una volta sola. Anche se mi aspetterei che ciò avvenga in pezzi più piccoli nel corso di settimane per mitigare il rischio di grandi movimenti di mercato", ha detto l'amministratore delegato.

A condividere un sentimento simile è stato anche Ben Caselin, Head of Research & Strategy di crypto exchange AAX, che ha detto che gli investitori non devono essere eccessivamente preoccupati per la prossima distribuzione di monete.

"La quantità di bitcoin rilasciata al mercato è significativa, ma questo non deve preoccupare troppo. Dal 2014 l'industria si è evoluta in termini di soluzioni di custodia, rampe fiat on e off, così come pratiche di investimento", ha detto Caselin, notando anche che "è molto positivo" vedere che il caso Mt. Gox si sta finalmente concludendo.

"Mentre possiamo aspettarci qualche presa di profitto o riequilibrio, qualsiasi capitolazione che porti bitcoin al di sotto del suo valore equo sarà probabilmente accolta con l'accumulazione", ha detto il capo della ricerca di AAX, prima di aggiungere:

"Se il prezzo scende abbastanza, potremmo anche vedere un'accelerazione dell'adozione perché porterebbe più persone nel bitcoin che potrebbero aver sentito in precedenza di aver perso l'opportunità".

Anche se non è chiaro quante monete di Mt. Gox finiranno per essere vendute sul mercato, la tipica linea d'azione per i grandi possessori di bitcoin che cercano di vendere alcune monete è quella di passare attraverso i mercati over-the-counter (OTC) piuttosto che i mercati di exchange aperti.

Al contrario dei trading in borsa, che per definizione sono visibili nei libri degli ordini della borsa e quindi hanno il potenziale di influenzare i prezzi, il trading over-the-counter (OTC) avviene privatamente tra due o più parti ed è spesso circondato da segretezza.

Nuovo interesse per Bitcoin?

E come si è visto spesso, non mancano i compratori che cercano di accaparrarsi le monete in vendita al di fuori degli exchange. L'enorme interesse per questi affari è stato nuovamente ben illustrato proprio questa settimana, quando lo stato tedesco del Nord Reno-Westfalia ha messo all'asta bitcoin sequestrati come parte di un'indagine penale.

E sebbene la quantità di bitcoin fosse piccola rispetto a quella rilasciata dal fiduciario di Mt. Gox, si dice che i funzionari del ministero della giustizia dello stato siano stati sorpresi dalla quantità di interesse per l'asta. Non solo ha attirato un numero insolitamente grande di registrazioni, ma ha anche portato offerte ben al di sopra del prezzo di mercato di bitcoin, come mostrano gli screenshot pubblicati su Twitter.

L'interesse per l'asta di bitcoin è stato sottolineato anche da Zhu Su, CEO di Three Arrows Capital, che su Twitter questa settimana ha fatto il parallelo con la distribuzione delle monete di Mt. Gox, dicendo che anche queste verrebbero probabilmente vendute con un sovrapprezzo se "arrivassero sul mercato come un blocco unico".

Alla domanda di un altro utente sul perché gli affari siano così attraenti, il noto investitore di criptovalute ha risposto in modo diretto: "Nessun impatto sul mercato".

https://twitter.com/zhusu/status/1452642252514201603

Quindi, ci siamo. Forse le monete di Mt. Gox non sono qualcosa di cui i possessori di bitcoin devono preoccuparsi dopo tutto, dato che ogni nuovo bitcoin che arriva sul mercato rappresenta anche un'opportunità per nuovi grandi acquirenti di entrare nello spazio.

Solo il tempo ci dirà cosa accadrà effettivamente, ma il mercato terrà certamente d'occhio le notizie su quando i 141.686 BTC del fiduciario di Mt. Gox potranno finalmente essere rilasciati.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN