23 maggio 2021 · 5 min read

Navigare in una nuova era digitale significa cambiare l'ordine economico mondiale

Shamel Azmeh, docente di sviluppo internazionale, Istituto per lo sviluppo globale, Università di Manchester.
____

Fonte: Adobe / Steve Mann

Il COVID-19 ha accelerato la crescita dell'economia digitale attraverso un drammatico aumento del lavoro da casa, acquisti online, intrattenimento digitale, servizi online, tra le altre aree. Idee come la telemigrazione in cui persone provenienti da diverse parti del mondo lavorano in uffici virtuali un tempo potevano sembrare oltraggiose. Oggi molti stanno già lavorando da casa tramite il video streaming.

Un futuro completamente virtuale è forse improbabile, ma tali cambiamenti sono una sfida fondamentale per il modo in cui organizziamo le società. Le leggi e le normative che disciplinano il commercio, la tassazione, il lavoro e la sicurezza sociale, tra le altre aree, sono in gran parte basate su stati geograficamente definiti che contengono e regolano le nostre attività economiche e sociali.

Questo vale per l'ordine economico globale che consiste in accordi tra stati per gestire le interazioni tra di loro. Ad esempio, un regime internazionale regola i servizi in base a come il servizio viene fornito, a sua volta determinato da dove si trovano l'acquirente e il venditore. Per gli scambi di merci, i confini vengono utilizzati per attuare regole come tariffe e standard.

Nella tassazione, il passaggio dal fisico al digitale ha comportato una sfida importante per il diritto fiscale. Allo stesso modo, vivere in un paese e lavorare in un altro rimane una sfida burocratica anche in alcune delle economie più integrate del mondo.

Negli ultimi anni, ci sono stati dibattiti su come affrontare questi cambiamenti in mezzo ai cambiamenti tecnologici in corso. A un livello fondamentale, ci troviamo di fronte a due opzioni. Il compito che ci attende è come adattare le nostre norme e regolamenti esistenti per accogliere queste nuove tecnologie? Oppure dobbiamo pensare a modalità di regolamentazione completamente nuove che governano le nostre relazioni economiche e sociali in una nuova era tecnologica?

Finora, l'attenzione si è concentrata sul primo. Nel commercio, ad esempio, le discussioni si sono concentrate, spesso con scarso successo, su questioni come decidere se i flussi di dati sono scambi commerciali, come imponiamo tariffe sui beni scambiati elettronicamente o se un e-book è un bene o un servizio.

In alternativa, potremmo pensare al cambiamento tecnologico in corso come l'inizio di un mondo completamente nuovo. Un mondo che ha bisogno di un ripensamento radicale e di nuove leggi e regolamenti che si adattino alla nuova era tecnologica. Ma come sarebbe?

Una Bretton Woods digitale

Alcuni commentatori hanno chiesto una conferenza "Bretton Woods digitale" per definire un nuovo regime di governance globale per l'era digitale, compresa la discussione sulla governance dell'intelligenza artificiale, dei dati, dell'arbitraggio fiscale da parte delle multinazionali e degli standard internazionali per misurare il digitale ed economia immateriale. James Balsillie, co-fondatore dell'Institute for New Economic Thinking, ha chiesto al Fondo monetario internazionale (FMI) di catalizzare un nuovo momento di Bretton Woods "per affrontare queste nuove realtà globali come risultato di forze digitali senza precedenti che plasmano il nostro mondo".

Bretton Woods fu l'incontro di 44 stati che ebbe luogo nel 1944 per discutere un nuovo ordine economico per il periodo postbellico. Ha portato alla creazione della Banca mondiale e dell'FMI e alla proposta di un'Organizzazione per il commercio internazionale.

Tra le diverse visioni dell'economia mondiale, il risultato di Bretton Woods è stato un compromesso tra le richieste di piena liberalizzazione economica da parte di alcuni negli Stati Uniti e l'opposizione di altri paesi. John Ruggie, professore di diritti umani e affari internazionali alla Kennedy School of Government di Harvard, ha definito questo compromesso liberalismo incorporato. Era un ordine internazionale che manteneva un grado di armonizzazione globale che limitava la concorrenza distruttiva tra gli stati ma che permetteva loro di perseguire anche obiettivi legati all'occupazione e all'industria.

Il compromesso di Bretton Woods e le restrizioni relativamente deboli imposte dall'ordine economico internazionale per parti del 20° secolo hanno permesso ad alcuni paesi in via di sviluppo dell'epoca, come la Corea e Singapore, di perseguire politiche commerciali e industriali per promuovere il loro sviluppo economico e tecnologico. Nel tempo, tuttavia, e attraverso molteplici canali, l'equilibrio nell'ordine economico globale si è spostato verso l'armonizzazione globale.

Le principali potenze, compresi gli Stati Uniti e l'UE, hanno promosso regole più severe in settori quali il commercio, gli investimenti e i diritti di proprietà intellettuale. Questa tendenza ha portato ad una riduzione dello spazio politico per i paesi in via di sviluppo, rendendo più difficile per loro perseguire politiche di sviluppo.

Un compromesso per l'era digitale?

Le discussioni in corso sulla governance dell'economia digitale assomigliano a questi dibattiti precedenti. Gli Stati Uniti, in qualità di leader mondiale dell'economia digitale, hanno portato avanti una campagna per rimuovere le barriere al commercio digitale promuovendo obiettivi come la libera circolazione dei dati.

Tuttavia, un certo numero di economie emergenti e in via di sviluppo come il Sudafrica, l'India e l'Indonesia resistono con forza a questa spinta, temendo il suo impatto sulle economie nazionali. Di conseguenza, c'è ora un vicolo cieco presso la moderna Organizzazione mondiale del commercio e uno spostamento verso la risoluzione di questi problemi attraverso vie plurilaterali, regionali e bilaterali.

Ci troviamo ora di fronte a due risultati estremi: le economie avanzate superano questa resistenza e creano regole forti sull'economia digitale, portando a un ordine economico digitale altamente restrittivo che limita lo sviluppo economico e tecnologico di alcuni paesi e approfondisce il divario tecnologico tra il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo .

Oppure, il mancato raggiungimento di qualsiasi regola multilaterale sull'economia digitale significa che le parti in più rapida crescita dell'economia globale rimangono al di fuori del regime economico multilaterale, determinando la frammentazione mentre gli stati perseguono i propri interessi attraverso altre strade.

Mentre l'ordine multilaterale esistente è altamente imperfetto e prevenuto nei confronti dei paesi in via di sviluppo, la frammentazione non è necessariamente nell'interesse di questi paesi poiché gli squilibri di potere nelle relazioni regionali e bilaterali sono spesso più sbilanciati verso le nazioni potenti. Questo scenario mina anche la natura globalmente aperta di Internet, che ha portato vantaggi come l'accesso alle informazioni, alle comunicazioni e alle libertà generali.

Evitare questi due risultati richiede sforzi internazionali. Una Bretton Woods digitale potrebbe affrontare alcune di queste sfide e contribuire a plasmare il pensiero sul futuro della governance economica nell'era digitale. Ma dobbiamo fare di più che radunare rappresentanti statali. Abbiamo prima bisogno di una discussione più ampia su come regolare le attività economiche e sociali nell'era digitale. Dobbiamo anche capire come l'ordine internazionale restrittivo degli ultimi decenni abbia limitato la capacità dei paesi in via di sviluppo di promuovere lo sviluppo e come qualsiasi nuovo regime economico digitale possa evitare un risultato simile.

The Conversation

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

____
Per saperne di più: 
- Bitcoin Is More ‘Public’ Money than Central Bank-Issued Fiat Currencies
- Prepare For 'Uncertain Future of Money' – US Intelligence Center

- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?
- Bitcoin Mass Adoption Would Benefit and Harm Current Economy