20 apr 2021 · 6 min read

Performance d'Arte NFT: Le Aziende Potrebbero Trarre Vantaggio Dalle Proteste

_______

Petr Davydtchenko. Fonte: bps22.be

Lowell Gasoi, Istruttore in studi di comunicazione, difesa delle arti, Carleton University.
_______

L'artista russo Petr Davydtchenko ha realizzato quella che sostiene essere stata la prima performance art NFT a febbraio. Secondo un articolo su The Art Newspaper, in una registrazione digitale, Davydtchenko "mangia un pipistrello vivo davanti al Parlamento europeo a Bruxelles".

Un NFT, o token non fungibile, è una registrazione digitale della partecipazione nella proprietà di un oggetto digitale (ma non il copyright), spesso un'opera d'arte. Questo certificato digitale dice: "Ho pagato per questa cosa speciale, ora è mia!"

The Art Newspaper riporta che la "performance" di Davydtchenko aveva ricevuto solo un'offerta di 2,5 wrapped ethereum, del valore di 3.848 dollari quando la storia è stata pubblicata il 26 febbraio. Ma i profitti per alcuni NFT ammontano a milioni.

Davydtchenko dice che l'evento era una protesta contro le aziende farmaceutiche. L'arte performante di Davydtchenko fa riferimento a vaccini e COVID-19.

Come studioso di comunicazione e delle performance, ciò che mi interessa è come gli NFT stiano ridisegnando parti del mondo dell'arte in modi radicali sollevando domande su come artisti, pubblico e critici intendono la performance, la critica o la protesta in una società capitalista.

Dobbiamo tenere un orecchio aperto non solo alle domande sull'autenticità e sui profitti, ma anche su ciò che questo tipo di transazioni significano per noi come spettatori, membri del pubblico virtuale e esseri umani.

Le performance tengono d'occhio la guerra

L'arte NFT può sembrare nuova e bizzarra, ma può essere giustamente vista come parte di una più lunga tradizione di performance art e critica culturale.

In risposta al trauma della prima guerra mondiale, il movimento artistico Dada si è formato a Zurigo, in Svizzera. Nel 1916, l'artista Hugo Ball redasse un manifesto Dada.

Il lavoro di Ball ha usato parole e costumi senza senso, come ha detto, per sfidare "il linguaggio razionalizzato della modernità", emblematico dell '"agonia e degli spasmi della morte" dell'epoca. Negli anni '20, gli artisti hanno continuato a riflettere sulla violenza vista in Europa e sugli eccessi dei ruggenti anni '20.

Negli anni '60 e '70, il movimento Fluxus, un revival di molte idee dadaiste, usava la performance in modo simile. Un esempio pionieristico di questo è stato "Cut Piece" di Yoko Ono eseguito per la prima volta a Kyoto, in Giappone, nel 1964.

Ono si è seduta su un palco e ha ordinato al pubblico di usare le forbici per rimuovere parti dei suoi vestiti. Ono ha detto a Reuters 39 anni dopo la prima esibizione che ha fatto la performance "contro l'età, contro il razzismo, contro il sessismo e contro la violenza". Alcuni critici hanno suggerito che la performance fosse anche un commento sul conflitto in Vietnam.

Ruolo di spettatore, acquirente

"Cut Piece" e performance simili sono momenti di connessione umana condivisa e significato che sono specifici del tempo e del luogo. Si può immaginare che i significati compresi dal pubblico di "Cut Piece" in Giappone 1964 o in Francia 2003 potrebbero differire per molte ragioni.

Tali risonanze specifiche del luogo vengono messe in discussione quando una performance viene tokenizzata come negli NFT. La "performance" di Davydtchenko è il mangiare il pipistrello? O è l'NFT che punta a una registrazione di quell'evento? O gli aspiranti offerenti o critici della performance che vengono impegnati in un dibattito pubblico sul fatto di divorare un animale la cui specie è associata a COVID-19? Il lavoro di Davydtchenko solleva interrogativi su ciò che viene acquistato e venduto e sul ruolo dell'acquirente o dello spettatore.

La pioniera degli studi sulla performance Peggy Phelan ha sostenuto che la performance può interrompere e sfidare il mercato dell'arte capitalista che crea valore spesso scollegato dalle relazioni tra artisti e pubblico. Da una prospettiva marxista, questo significato "extra" disconnesso è "plusvalore", il valore che supera il denaro che un lavoratore guadagna per il proprio lavoro.

Yoko Ono si esibisce in "Cut Piece" a Parigi, 2003 (LoveMattersMost / Flickr)

Cambiare L'"aura" dell'arte

L'analisi di Phelan suggerisce come gli NFT seguano una tradizione di critica d'arte che ha messo in dubbio la responsabilità morale nell'era della produzione di massa e del consumo dei mass media.

Nel 1936, il critico e filosofo tedesco Walter Benjamin, della famosa Frankfurt School for Social Research, applicò le idee marxiste su come i lavoratori manifatturieri si alienassero dal loro lavoro e le ha applicate all'arte.

Lo studioso di performance Philip Auslander ha spiegato come in una società capitalista l'alienazione significhi che "i lavoratori diventano merce quando devono vendere il loro lavoro alienato sul mercato, proprio come vengono venduti altri beni".

Benjamin ha suggerito l'arte "demistificata" delle nuove tecnologie dei media. La riproduzione dell'arte sfidava quella che lui chiamava la sua "aura", o la sua originalità unica. La riproduzione dell'arte visiva, ad esempio, attraverso la stampa, l'ha liberata dai preziosi spazi del museo e l'ha resa accessibile alle classi lavoratrici. Una persona non avrebbe più bisogno di viaggiare per vedere la Gioconda: ora era disponibile su una cartolina o su una maglietta.

Il problema, sosteneva Benjamin, è che l'"aura" è anche una relazione con il significato. Una volta che l'"aura" è scomparsa, le opere d'arte possono essere riutilizzate per fini puramente economici e persino pericolosamente politici. In effetti, i nazisti usavano simboli, opere d'arte e marchi di massa per legittimare e diffondere le ideologie fasciste.

Per saperne di più: How Nazis twisted the swastika into a symbol of hate

Il critico culturale Jonathan Beller osserva che Benjamin ha riconosciuto come i nuovi media potrebbero essere usati per preservare e promuovere antichi "valori cultuali" come il genio, il mistero e l'autenticità, e ha capito che il fascismo avanzava "l'introduzione dell'estetica nella vita politica" per promuovere "il culto attraverso intrattenimento di massa. " Finora, non abbiamo visto gli NFT direttamente associati al fascismo, ma come osserva Beller, attraverso gli NFT, la manipolazione politica attraverso l'arte potrebbe essere una possibilità.

Instabilità Del Dissenso?

Tali questioni di manipolazione possono essere esplorate considerando la performance di Davydtchenko.

Davydtchenko che sta mangiando un pipistrello potrebbe essere un atto di dissenso politico, come sostiene, o semplicemente un evento crudele? Che dire di coloro che pagano per questo o condividono la pubblicità: sono stati manipolati per amplificare qualcosa di grottesco?

C'è anche la questione della stabilità del lavoro digitale stesso. Il collegamento di un NFT a un file digitale si basa esclusivamente sulla fiducia e sulla tecnologia potenzialmente soggetta a errori. Ma cosa succederebbe se gli NFT rubati potessero emergere in posti strani? Il sito Hyperallergic riporta che alcuni acquirenti affermano che "gli hacker hanno scoperto buchi in una tecnologia spesso pubblicizzata come un documento di proprietà infallibile". Gli NFT potrebbero diventare le prossime forme di crimine informatico o crimini d'odio?

Quando le società cercano di capitalizzare

L'applicazione di critiche culturali e di performance agli NFT ci aiuta a considerare come la resistenza politica possa essere amplificata o cooptata quando le aziende cercano di capitalizzare le azioni politiche.

Come ho scritto prima, Nike ha subito cercato di trarre vantaggio dal giocatore della NFL Colin Kaepernick inginocchiato nel 2016 durante l'inno nazionale degli Stati Uniti, un atto di protesta contro la brutalità della polizia e l'ingiustizia razziale. Nike potrebbe cercare di vendere l'"inginocchiarsi", o altri atti simili, come NFT?

Quando vediamo i prezzi che alcuni stanno pagando per l'arte NFT, dobbiamo presumere che più performance circoleranno come NFT e considerare cosa ciò potrebbe significare per le possibilità di performance e dissenso politico.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

____
Per saperne di più:
- Why NFTs Aren’t Just for Art and Collectibles
- NFT Explosion Coming over Next 2 Years & Will Create Jobs, Say Insiders
- Oversupplied NFT Market Sees Interest and Sales Plunge
- NFTs Are Selling for Millions, But How Do You Tell a Diamond From a Dud?
- Money Laundering Might Taint NFTs Too, Prepare For Tighter Controls
- Why Would Anyone Buy NFT – A Link To A JPEG File?
- Check These 4 Make-Your-Own-NFT Platforms
- Non-Fungible 2021: Prepare Your NFTs For DeFi, Staking, and Sharing