16 ago 2021 · 6 min read

FMI e Africa danneggiati dalla separazione tra dollaro e oro

La decisione di Richard Nixon di porre fine alla promessa degli Stati Uniti di convertire i dollari in oro ha cambiato il sistema finanziario globale e il funzionamento del Fondo Monetario internazionale (FMI).

FMI USA

Getty Images

Cinquant'anni fa questo mese, il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon ha informato il mondo che gli Stati Uniti non avrebbero più onorato il loro impegno di scambiare dollari USA con oro su richiesta. L'impegno era stato il fondamento del sistema monetario internazionale creato nel 1944 a Bretton Woods, durante la conferenza istituita per regolare l'ordine finanziario internazionale dopo la conclusione della seconda guerra mondiale. Questo sistema richiedeva a ciascuno stato partecipante di mantenere un valore nominale fisso per la propria valuta in termini di dollaro USA. In cambio, gli Stati Uniti hanno promesso di scambiare liberamente dollari con oro al prezzo concordato di 35 dollari per oncia d'oro.

L'azione di Nixon – annunciata il 15 agosto 1971 – ebbe effetti profondi e duraturi sul FMI, sul Sudafrica e sull'Africa.

La decisione di Nixon ha violato gli obblighi del trattato degli Stati Uniti. Ma aveva poca scelta.

Nel 1970, il resto del mondo industrializzato aveva accumulato riserve in dollari così grandi che gli Stati Uniti non avevano oro sufficiente per mantenere in modo credibile la promessa. Era probabile che la situazione sarebbe peggiorata ancora, perché nel 1971 gli Stati Uniti hanno sperimentato il primo deficit commerciale del ventesimo Secolo.

In breve, agli Stati Uniti mancavano le risorse per gestire da soli il sistema deciso a Bretton Woods.

Cinque anni dopo la decisione di Nixon, gli stati membri del FMI hanno deciso di porre fine al ruolo monetario dell'oro e, in effetti, di passare a un sistema fluttuante di tassi di cambio basato sul mercato.

L'azione di Nixon 50 anni fa continua a influenzare la governance economica globale. All'epoca anche gli effetti a catena per l'Africa meridionale furono profondi.

Una conseguenza involontaria fu che il Sudafrica, all'epoca il più grande produttore mondiale di oro, perse la sua posizione di attore centrale nel sistema monetario internazionale. Di conseguenza, il regime dell'apartheid in sudafrica è diventato meno rilevante per il mondo occidentale. Ciò ha contribuito alla collusione del Sudafrica con gli Stati Uniti per combattere i cubani e i russi che sostenevano il Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola (MPLA).

Ha anche reso più facile per altre nazioni sostenere le sanzioni contro il Sudafrica e, negli anni '80, opporsi al futuro sostegno del FMI e delle banche commerciali per il Sudafrica.

L'annuncio di Nixon e le sue conseguenze hanno anche cambiato la missione del FMI.

Cambio di rotta per il FMI

Durante l'era di Bretton Woods, il FMI si incontrava annualmente con ciascuno dei suoi stati membri per stabilire che stavano seguendo politiche coerenti con il mantenimento del valore nominale della loro valuta. Ciò poneva limiti alle questioni che il FMI avrebbe sollevato durante queste visite, nonché alla gamma di funzionari con cui doveva consultarsi.

Significava anche che, poiché tutti gli Stati membri erano partecipanti allo stesso sistema monetario internazionale, la loro capacità di mantenere il valore nominale della loro valuta era influenzata dalle stesse variabili. Inoltre, dal momento che erano tutti potenziali consumatori dei servizi finanziari del FMI – e durante questo periodo tutti gli Stati membri attingevano alle sue finanze – tutti avrebbero dovuto prestare un'attenzione analoga ai consigli del FMI.

Ciò era particolarmente rilevante perché le condizioni che l'FMI ha fissato al suo sostegno finanziario erano probabilmente basate su questo consiglio.

La fine del sistema di parità ha cambiato tutto questo. Se i paesi non avevano l'obbligo di mantenere un valore particolare per la loro valuta, cosa avrebbe dovuto monitorare esattamente il FMI nella sua missione annuale in ciascun paese.

Il trattato che istituisce il Fondo Monetario Internazionale era stato modificato. Ora stabiliva semplicemente che il FMI doveva garantire che gli Stati membri contribuissero a un sistema stabile di tassi di cambio. Ciò significava che il FMI doveva monitorare tutti i fattori che potevano influenzare la capacità di ciascun paese di pagare tutti i propri obblighi internazionali e mantenere competitivo il prezzo delle proprie esportazioni. Dal momento che quasi ogni aspetto dell'economia di uno stato potrebbe influenzare il tasso di cambio, il FMI ha iniziato ad espandere lentamente la gamma di questioni sollevate nelle loro visite annuali nei paesi. Hanno iniziato a incorporare questioni come sussidi alimentari, politiche del lavoro, spesa sociale, politiche di regolamentazione, politica commerciale e ruolo dello stato nell'economia.

Sebbene i rapporti di sorveglianza del FMI fossero puramente consultivi, il loro impatto variava a seconda della situazione di ciascun paese. I paesi che erano ricchi e sapevano che non avrebbero avuto bisogno del sostegno finanziario del FMI potevano tranquillamente ignorare i suoi consigli. Dopo il 1976 nessun paese ricco ha chiesto finanziamenti al FMI fino alla crisi del debito europeo nel 2010. Hanno così riguadagnato la sovranità monetaria che avevano ceduto al FMI a Bretton Woods.

D'altra parte, i paesi che prevedevano di aver bisogno del finanziamento del FMI o dell'approvazione delle loro politiche, sono stati costretti a prendere sul serio i consigli. Sapevano che avrebbe determinato le condizioni che il FMI avrebbe fissato al sostegno finanziario o il loro accesso ad altre fonti di finanziamento.

FMI in un mondo differenziato

Il risultato fu che dopo il 1976 il FMI divenne un'organizzazione che si impegnava con gli Stati membri su basi differenziate.

Alcuni, sapendo che non avrebbero avuto bisogno dei suoi servizi, si impegnavano con il FMI essenzialmente su base volontaria. Altri, prevedendo che in un modo o nell'altro avrebbero avuto bisogno di consumare i servizi del FMI, furono costretti a trattarlo con deferenza, sapendo di avere una capacità limitata di opporsi ai suoi consigli.

Sfortunatamente, date le modalità di voto nel FMI secondo cui certi voti pesavano più di altri, gli stati con la voce dominante nell'organizzazione non dipendevano dai suoi servizi. Di conseguenza, potevano porre richieste su di esso senza preoccuparsi di rendere conto a coloro che sarebbero maggiormente interessati dalle loro decisioni.

Questa era una situazione matura con un potenziale di abuso. Ad esempio, nella crisi asiatica del 1996, gli stati membri più influenti del FMI potevano rifiutarsi di sostenere i finanziamenti del FMI per i paesi asiatici a meno che non adottassero politiche economiche a vantaggio dei paesi ricchi.

Il Fondo Monetario Internazionale ha anche trovato un nuovo ruolo per se stesso negli anni '80 come disciplina dei paesi dell'Africa, dell'Asia e dell'America Latina che affrontano la crisi del debito. Ha offerto a questi stati un sostegno finanziario in cambio dei loro altri creditori offrendo loro un aiuto gratuito e la conformità alle varie condizioni politiche del FMI. Data l'ampia portata del mandato del FMI, queste condizioni erano sia invadenti negli affari dei loro stati membri sia coerenti con le preferenze ideologiche del libero mercato dei suoi ricchi stati membri.

Ciò ha portato, ad esempio, alle controverse politiche di aggiustamento strutturale che il FMI ha costretto gli stati africani a seguire in questo periodo.

Impatto a lungo termine

La decisione di Nixon ha segnato la fine dell'egemonia esclusiva degli Stati Uniti sul mondo occidentale. Ha anche lasciato il FMI senza un ruolo chiaramente definito. Sotto la guida dei paesi industrializzati, iniziò a modellare un nuovo ruolo più invadente e ideologico come consigliere e finanziatore per gli Stati membri in via di sviluppo, anche in Africa.
Inoltre, liberando i tassi di cambio, Nixon ha avviato il processo di globalizzazione della finanza e di creazione dell'economia globale di oggi in cui le aziende prendono decisioni basate su considerazioni finanziarie a breve termine piuttosto che sui reali bisogni delle persone e della società.

-Danny Bradlow, Professore di Diritto Internazionale dello Sviluppo e Relazioni Economiche Africane, Università di Pretoria.
 

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

____

Questo articolo è stato ripubblicato con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale su The Conversation.

____
Per saperne di più:
- Bitcoiners Ask: ‘WTF Happened In 1971?’ The Answer Might Shape The 2020s
- How International Fiat Fund Hurts Cash-Strapped Countries (FYI, El Salvador)

- As US Seized Gold in 1933, Is There a Threat to Bitcoin in the 2020s?
- Regulators Must Make Sea Change on Crypto, and IMF Is Ready To Engage