08 aprile 2021 · 4 min read

Stati Uniti: Bitcoin si evolve in arma geopolitica

Washington ha ricevuto un altro avvertimento sui pericoli dell'inerzia nella sfera del bitcoin (BTC), con un importante guru degli investimenti e benefattore politico che afferma che gli Stati Uniti potrebbero trascurare il token a proprio rischio e pericolo - e giocare direttamente nelle mani di Pechino.

Fonte: Adobe/Rob Byron

Parlando a una tavola rotonda virtuale organizzata dalla Richard Nixon Foundation, il CEO e fondatore di Palantir Peter Thiel ha suggerito che la Cina potrebbe adottare una strategia del "bitcoin lungo" - e se così fosse, "da una prospettiva geopolitica", Washington " dovrebbe porre alcune domande più difficili su come funziona esattamente ".

Theil, che è anche il co-fondatore di PayPal, ha dichiarato all'evento:

“Mi chiedo se a questo punto il bitcoin debba essere considerato in parte anche come un'arma finanziaria cinese contro gli Stati Uniti. [BTC] minaccia il denaro fiat, ma soprattutto minaccia il dollaro ".

Thiel ha notato che era "una persona massimalista pro-cripto e pro-bitcoin" durante il suo discorso. Ma ha anche preso una brutta piega all'imminente lancio dello yuan digitale in Cina, osservando:

"Qualche stablecoin interna in Cina: non è una vera criptovaluta. È solo una sorta di dispositivo di misurazione totalitario. "

Ha anche affermato che anche altre monete legali come l'euro facevano parte delle "armi" cinesi nella sua lotta per far cadere il dollaro dal suo trespolo.

Thiel ha detto,

"Dal punto di vista della Cina, a loro [...] non piace che gli Stati Uniti abbiano questa valuta di riserva, perché ci dà molta influenza sulle catene di approvvigionamento petrolifere iraniane e su ogni genere di cose del genere. Loro [...] non vogliono che il renminbi diventi la valuta di riserva [globale], perché allora devi aprire il tuo conto capitale e devi fare ogni sorta di cose che in realtà non vogliono fare. Penso che l'euro [...] sia in parte un'arma cinese contro il dollaro ".

Nella comunità cripto, le reazioni sono state contrastanti, con alcuni che interpretano le osservazioni di Thiel nel senso che ha sostenuto un giro di vite su BTC negli Stati Uniti come mezzo per rafforzare il dollaro. Ma altri hanno affermato che Theil stava effettivamente chiedendo il contrario: una spinta guidata da Washington verso BTC che potrebbe anticipare la "militarizzazione" del token da parte della Cina.

Bitcoiner Stephen Cole ha affermato,

"Il modo migliore per proteggerti dai tuoi nemici che sono long-bitcoin è che tu lo sia più di loro."

Altri, come l'ex chief technology officer di Coinbase ed ex socio generale di Andreessen Horowitz Balaji Srinivasan, pensavano che alcuni commentatori avessero interpretato male le osservazioni di Thiel e scrissero che erano state fatte "scherzosamente" e facevano parte di una "evidente esagerazione retorica, che intendeva colpire gli Stati Uniti per la [loro] compiacenza nei confronti dell'innovazione ".

Marc van der Chijs, imprenditore, venture capitalist incentrato sulle criptovalute e co-fondatore della società di venture capital First Block Capital, ha scritto:

“Peter Thiel non sta dicendo che BTC dovrebbe essere vietato o limitato, ma in realtà sta indirettamente spingendo gli Stati Uniti ad adottarlo più rapidamente. Anche se gli Stati Uniti non restano ancora più indietro, il [...] dollaro è comunque condannato. […] Questo è molto rialzista per BTC. "

Il CEO di Three Arrows Capital Zhu Su ha osservato che i commenti hanno mostrato quanto lontano sia arrivato BTC, con il token che non viene più paragonato ai "tulipani" o fatto cadere nella sola "mania speculativa", e ha mostrato quanto ha assunto invece "un significato geopolitico e di civiltà" che lo renderebbe cio che è, e come sia "fondamentale per l'ascesa e la caduta di fortune e imperi".

E questo, ha scritto Dominik Weil, il capo dell'exchange BitcoinVN, era il tipo di spirito che i primi giocatori di BTC stavano discutendo nel 2010 sui vecchi forum di Bitcointalk.

Thomas Kuhn, uno scrittore di Bitcoin, ha affermato che il biglietto verde "è diventato uno strumento di potere centralizzato in condizioni socio-culturali stagnanti e degenerative" e ha suggerito che i valori occidentali hanno a lungo spinto nella direzione di "evitare la concentrazione naturale del potere".

Gli avvertimenti di Thiel, ironici o meno, non sono affatto i primi in questo senso. E oso dire che probabilmente non saranno gli ultimi. L'anno scorso la Banca centrale europea ha accennato alla possibilità di "guerre valutarie" nell'era finanziaria digitale.

E la Cina è stata molto aperta sulle proprie intenzioni di spezzare il dominio del dollaro, come ha fatto la Russia nelle ultime settimane.

E mentre alcuni sono scettici sulle possibilità di successo della Cina, altri non sono così sicuri che il presunto dilettarsi americano darà i suoi frutti.

Alcuni hanno affermato che un mondo post-dollaro potrebbe essere dominato dal CNY digitale, con esperti che affermano che anche un dollaro digitale potrebbe non fornire una soluzione adeguata.

E altri affermano ancora che saranno le criptovalute - non le iniziative digitali gestite dalle banche centrali - a decidere alla fine il destino del dollaro.
___
Per saperne di più:
- Bitcoin Faces Hedge Test Amid Rising Inflation Concerns
- The Case Of a Plunging Fiat Currency: Turkey's Struggling Lira
- Post-COVID-19, Bitcoin & Co May Help UK Escape from Economic Funk
- A Debt-Fuelled Economic Crisis & Bitcoin: What to Expect?
- Public and Private Money Can Coexist in the Digital Age
- Davos 2021 & A ‘Great Reset’: We Can't Count On the Same Old Globalists
- Regulators Ponder Strategy As Bitcoin & Co Are Too Large to Ignore
- Bitcoin Mass Adoption Would Benefit and Harm Current Economy