04 apr 2021 · 5 min read

Proof of work di Bitcoin VS staking pianificato di Ethereum

La PoW (proof-of-work) è il modello più collaudato nel tempo per proteggere e coniare Bitcoin. La PoS (proof-of-stake) è "teoricamente più incline alla centralizzazione e presenta un problema di sicurezza intrinseco". Con l'evoluzione delle applicazioni decentralizzate "la rete sottostante richiede un'architettura più moderna".

proof-of-work bitcoin proof-of-stake ethereum

Fonte: Adobe/greenbelka

Nella battaglia senza fine tra Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH), una delle più grandi controversie è quale sia il meccanismo di consenso migliore: proof-of-work (PoW) o proof-of-stake (PoS). Questa particolare lotta è emersa durante la transizione pianificata di Ethereum alla PoS, e ha acquisito un nuovo impulso alla luce dei recenti sforzi per accelerare il trasferimento.

Mentre gli sviluppatori di Ethereum hanno deciso che la PoS è la via migliore per Ethereum, resta la questione se possa offrire vantaggi a Bitcoin, che, come riserva di valore, ha obiettivi diversi.

L'opinione è molto divisa su questo all'interno della più ampia comunità di criptovalute, con alcuni che ritengono che la proof-of-work sia l'ideale per Bitcoin, aiutandolo a raggiungere una maggiore stabilità e sicurezza. D'altra parte, altri sostengono che il proof-of-stake offra livelli di sicurezza simili fornendo allo stesso tempo più semplicità e scalabilità, per non parlare di un minore impatto ambientale.

Scopi diversi

Per alcuni irriducibili Bitcoiners, il dibattito PoW vs PoS non vale nemmeno la pena di essere affrontato. Uno sviluppatore di BTC ha detto a Cryptonews.com che non è la persona giusta per commentare ai fini di questo articolo, aggiungendo: "Non uso shitcoin".

Tuttavia, i commentatori meno partigiani sono disposti a riconoscere che proof-of-work e proof-of-stake hanno ciascuno i propri punti di forza e di debolezza, sebbene molti aggiungano che PoW è generalmente migliore per Bitcoin rispetto alla PoS.

"Sebbene la PoW sia certamente un modello più collaudato nel tempo per proteggere e coniare nuove monete su blockchain come Bitcoin, richiede enormi quantità di energia, che alcuni considererebbero addirittura una caratteristica. La PoS, d'altra parte, non è "così ad alta intensità energetica ed è migliore nel ridimensionare le blockchain", ha affermato Mike Colyer, CEO della società finanziaria di mining di criptovaluta Foundry.

Sul rovescio della medaglia, Colyer ha aggiunto che la PoS è "teoricamente più incline alla centralizzazione e ha il problema di sicurezza intrinseco all'utilizzo di token nativi di una blockchain per decidere il futuro di quei token o della blockchain".

Anche le persone dal lato di Ethereum nel dibattito riconoscono che la proof-of-work ha i suoi punti di forza e ha sicuramente fornito all'industria delle criptovalute una solida base.

"Uno dei maggiori vantaggi della proof-of-work è che ha funzionato come telaio per la sicurezza cripto per oltre 10 anni e ora assicura un trilione in valore. È tecnicamente ed economicamente complessa, il che svolge un ruolo nell'attrarre società minerarie specializzate al lavoro di mantenimento della rete ", ha affermato Lex Sokolin, co-responsabile fintech globale presso ConsenSys, la grande società blockchain focalizzata su Ethereum.

A parte questa diplomazia, Sokolin afferma anche che la PoS offre vari vantaggi, pur fornendo molte delle proprietà chiave della PoW.

“La Proof of stake è un sistema di più facile comprensione, che consente una partecipazione più facile attraverso lo staking di capitale. È anche in grado di ottenere risultati di sicurezza simili senza il consumo di elettricità del meccanismo della Proof of work, ed è stato dimostrato che funziona attraverso una serie di reti criptoeconomiche più piccole ma funzionali ", ha detto a Cryptonews.com.

Sokolin ha continuato spiegando che la PoS è l'ideale per una rete come Ethereum, che mira a fornire l'infrastruttura digitale per un futuro sistema finanziario decentralizzato / basato su criptovalute.

"L'attività economica basata su blockchain che vediamo ora è molto al di sopra e al di là del trasferimento di un tipo di valore su un unico protocollo. Piuttosto, vediamo software eseguito da una rete globale attraverso pagamenti, prestiti, operazioni bancarie, investimenti e sostituti assicurativi ", ha affermato.

Secondo Sokolin, questo è il motivo principale per cui Ethereum ha bisogno della PoS.

"Man mano che le applicazioni decentralizzate diventano più complesse, performanti e fondamentali per la vita delle persone, la rete sottostante richiede analogamente un'architettura più moderna", ha aggiunto.

Proof-of-work + Bitcoin = Un incontro fatto in paradiso?

Tuttavia, anche supponendo che laproof-of-stake possa essere superiore alla proof-of-work, ciò non significa necessariamente che Bitcoin abbia bisogno o trarrebbe vantaggio da una transizione alla PoS.

“Per Bitcoin, che è pensato per essere un deposito di valore affidabile e a lungo termine, la PoW fornisce un modello unico in cui i minatori sono incentivati a competere tra loro per proteggere la rete. Di conseguenza, i minatori pongono una quota irrevocabile in bitcoin costruendo infrastrutture minerarie specializzate e acquistando costantemente energia ", ha affermato Mike Colyer.

Ha aggiunto che, personalmente, "non pensa che potrebbe esserci un modello migliore per Bitcoin" rispetto alla proof-of-work, una visione condivisa da altri membri del settore.

“Una volta che queste due materie prime [energia e capitale/hardware specializzato] sono state messe in staking, non c'è modo di smantellare quell'energia o utilizzare l'attrezzatura mineraria per qualcos'altro. Ciò è in netto contrasto con le reti della PoS, dove la quota stessa è la valuta della rete - di conseguenza, può essere svalutata se il valore della sua valuta sottostante scende ", ha affermato Nishant Sharma, il fondatore della società di consulenza per il mining di criptovalute BlocksBridge.

È anche probabile che, anche con il suo vasto consumo di energia, è difficile che Bitcoin si sposti dalla PoW.

“I minatori di Bitcoin sono economicamente incentivati a fare mining in regioni con elettricità più economica. Normalmente, quelle sono regioni con una sovraccapacità di generazione di elettricità o un'abbondanza di energia rinnovabile ", ha detto Colyer, aggiungendo che Bitcoin potrebbe avere "un impatto ambientale vicino allo zero" anche senza lasciare la PoW.

Come riportato, la principale società di investimenti industriali norvegesi Aker ASA mira a stabilire operazioni minerarie che trasferiscono elettricità bloccata o intermittente senza una domanda stabile a livello locale - eolica, solare, idroelettrica - "a risorse economiche che possono essere utilizzate ovunque".

Ad ogni modo, Lex Sokolin ha affermato che Bitcoin è attualmente troppo legato alla PoW per lasciarla, in particolare dato che la sua priorità è la sicurezza rispetto alla grande scalabilità.

“Petrolio e gas alimentano ancora gran parte del consumo mondiale di elettricità, comprese le operazioni umane e meccaniche dell'industria finanziaria tradizionale. È difficile immaginare che la comunità Bitcoin scelga di cambiare qualcosa di fondamentale per la propria rete come proof of work, e penso che ciò sia in gran parte dovuto alla progettazione di ciò che Bitcoin è destinato a fare - che è essere denaro digitale che è molto difficile da rompere ", ha detto.

___

Altre discussioni recenti su PoW e PoS:

____
Per saperne di più:
- Bitcoin vs. Ethereum Fight Escalates amid Fresh Capital Entering the Space
- Ripple Bosses Break from Legal Battle to Bash Bitcoin
- This Is How Satoshi Nakamoto Defended Bitcoin Mining & Converted A Skeptic
- Ethereum Moves Ahead With Plans for Earlier Transition to Proof-of-Stake
- Bitcoin Mining in 2021: Growth, Consolidation, Renewables, and Regulation
- Bitcoin Miners Buy Oversupplied Energy, Turn To Renewables - Nic Carter
- Bitcoiners May Change Their Mind on PoS, 'Who Knows,' Says Buterin
- Bitcoin Is Better Than Ethereum At These Four Things