09 maggio 2020 · 5 min read

Pioggia, governo e tori BTC aiuteranno i miners cinesi dopo l'halving di bitcoin

Il dimezzamento di Bitcoin potrebbe portare "almeno una diminuzione temporanea" nella concentrazione di mining. La stagione delle inondazioni, il governo e il rally di BTC avrebbero giocato a favore dei minatori cinesi.

Fonte: Adobe/Vlad

Il terzo halving di Bitcoin (BTC) cambierà l'industria mineraria. Con la ricompensa di estrazione ridotta del 50%, molti minatori e società di mining saranno costretti ad andare offline.

Solo i più efficienti ed economicamente validi sopravviveranno. La domanda è: i minatori sopravvissuti si concentreranno principalmente in Cina, come lo sono oggi?

All'interno dell'industria mineraria Bitcoin, ci sono due risposte comuni a questa domanda: "no" e "sì, ma non nella stessa misura". Molti minatori con sede in Cina andranno offline e al loro posto i minatori di altre nazioni - come gli Stati Uniti e la Russia - acquisiranno un ruolo di primo piano nell'ecosistema di mining di Bitcoin. E questo sta già accadendo.

L'economia della concentrazione

C'è una ragione ben nota per cui il 65% dell'hashate di Bitcoin sia attualmente controllato da pool minerari situati in Cina. Come ricorda Alysa Xu, Chief Strategy Officer di OKEx , tutto ha a che fare con l'economia.

"L'industria mineraria è fortemente concentrata in Cina per due motivi principali", afferma. "Uno è che i principali produttori di macchine per mining si trovano in Cina, e l'altro è che le tariffe elettriche sono relativamente più economiche in alcune aree della Cina rispetto al resto del mondo."

Quota mensile di hasrate totale in aprile

Fonte: The Bitcoin Mining Map

Il capo del Binance Pool , Lisa He, nota anche che altri fattori economici pesano a favore della Cina.

"Tre elementi chiave determinano la redditività e il successo di ogni operazione di mining Bitcoin, non importa quanto piccola o grande", dice a Cryptonews.com . “Devi avere accesso a elettricità a basso costo, connessione a Internet economica e stabile, e forza lavoro. Personalmente credo che il motivo per cui la Cina attualmente contribuisca per il 65% del tasso di hash Bitcoin totale risieda esattamente in questi tre elementi."

Fondamentalmente, l'opinione di He e Xu è che il dimezzamento di Bitcoin farà ben poco per rimuovere questi vantaggi.

"Credo che il dimezzamento non avrà molto impatto su questo", afferma Alysa Xu. "Sebbene il dimezzamento riduca le ricompense dei blocchi, con l'arrivo della stagione delle inondazioni, le tasse sull'elettricità saranno più economiche in Cina - anche i costi di estrazione saranno inferiori."

Detto questo, c'è ancora spazio per ridurre l'attuale concentrazione del 65% dopo il dimezzamento di Bitcoin. Questo è particolarmente vero se il prezzo di Bitcoin ristagna o diminuisce subito dopo il dimezzamento.

"Se il prezzo del bitcoin rimane invariato, prevediamo un calo dell'hashate di Bitcoin poiché l'hardware di mining di vecchia generazione diventa non redditizio e diventa offline nelle mining farm che sono più focalizzate sui guadagni a breve termine rispetto a un'operazione commerciale sostenibile o di più lungo termine" dice BitRiver CEO Igor Runets.

Runets osserva che, poiché la maggior parte delle aziende minerarie si trova in Cina, vedremmo più hashrate andare offline dalla Cina che da qualsiasi altra parte. In altre parole, il dimezzamento di Bitcoin porterebbe "almeno una diminuzione temporanea" nella concentrazione del mining di Bitcoin.

Allo stesso modo, Lisa He spiega che il prezzo del bitcoin è il principale fattore nel decidere se il dimezzamento del Bitcoin possa ridurre il dominio cinese sul settore minerario.

"Se il prezzo continuasse a salire, allora potremmo aspettarci una maggiore centralizzazione delle attività minerarie in Cina", afferma. "Tuttavia, se il prezzo scendesse e rendesse l'estrazione meno redditizia, potremmo vedere più minatori apparire nelle diverse regioni."

Nuovi giocatori

Ma se la distribuzione di hashrate di Bitcoin si allontana dalla Cina, dove andrebbe esattamente? Bene, forse non sorprende per il CEO di un fornitore di co-locazione di mining con sede in Russia, Igor Runets prevede che la Russia diventerà una parte più importante dell'ecosistema dopo il dimezzamento di Bitcoin.

"Prevediamo che la Russia diventi più importante nel settore minerario dei Bitcoin", afferma. "La regione produce energia verde, rinnovabile e in eccesso durante tutto l'anno e i governi sostengono i benefici economici e sociali che le grandi operazioni minerarie come la nostra apportano alla regione".

Runets prevede che la Russia continuerà ad attrarre minatori da tutto il mondo. Tuttavia, mentre Lisa He e Alysa Xu riconoscono che altri paesi potrebbero crescere in posizioni di rilievo, non sono sicure fino a che punto ciò accadrà dopo il dimezzamento di Bitcoin.

E mentre altri paesi stanno sperimentando fonti di energia elettrica rinnovabili ed economiche, "tuttavia, spesso si trovano ad affrontare problemi relativi ad infrastrutture incomplete", secondo Lisa He.

Alysa Xu ha opinioni simili. "Per quanto ho capito, paesi come Stati Uniti, Russia, Turchia e Ucraina stanno gradualmente aumentando gli interessi nel mining di Bitcoin, ma non credo che assumeranno la posizione della Cina come il più grande paese minatore del mondo.”

Come riportato questa settimana, il piano ucraino di compensare il caos finanziario dovuto alla pandemia coronavirus potrebbe comportare il mining di criptovaluta a propulsione nucleare.

Supporto del governo cinese

E mentre i minatori cinesi saranno probabilmente i più colpiti dal dimezzamento di Bitcoin, il governo cinese ha sempre più preso provvedimenti per sostenere il settore minerario nazionale.

"La politica del governo cinese sull'estrazione di bitcoin è gradualmente cambiata da negativa a positiva", spiega Alysa Xu.

"L'anno scorso, il governo voleva eliminare il mining di Bitcoin, ma recentemente alcuni governi locali, come il Sichuan, hanno già indicato che supporteranno l'industria mineraria durante la stagione delle inondazioni".

Tutti i più grandi pool di mining Bitcoin provengono dalla Cina

Una stima della distribuzione dell'hashate tra i più grandi pool di mining negli ultimi quattro giorni. Fonte: Blockchain.com

Dato l'impegno crescente da parte delle autorità cinesi, è improbabile che il dimezzamento dei Bitcoin avrà un grande impatto sulla concentrazione del mining in Cina. Potrebbe ridurlo, ma la Cina continuerà ad essere il principale attore nel mining di Bitcoin ancora per qualche tempo.

Si stima che il terzo dimezzamento della ricompensa di mining Bitcoin accadrà l'11-12 maggio. Scopri di più qui.