22 agosto 2021 · 8 min read

DeFi: la regolamentazione è in arrivo

La sopravvivenza della DeFi è "garantita" dal fatto che è troppo redditizio per i governi bloccarla completamente nonostante il fatto che ormai la sua regolamentazione è in arrivo.

Defi

Fonte: AdobeStock / Rob Byron

La regolamentazione delle criptovalute sta diventando un argomento molto caldo nel settore, poiché i governi cercano di capire come dovrebbero rispondere a questo fenomeno ancora relativamente nuovo. Con le società di criptovalute con sede negli Stati Uniti che ora combattono la battaglia del disegno di legge sulle infrastrutture alla Camera, dopo una sconfitta al Senato, il settore potrebbe potenzialmente apparire molto diverso in pochi anni, dopo che le modifiche alle regole proposte di recente sono state implementate.

Vari sottosettori all'interno delle criptovalute saranno probabilmente interessati in modi diversi dalla regolamentazione in arrivo, ma un'area che potrebbe essere interessata da più della maggior parte è la finanza decentralizzata (DeFi). Ciò è in gran parte dovuto al fatto che, a causa della sua natura presumibilmente decentralizzata, sarebbe potenzialmente molto difficile eseguire controlli know-your-customer (KYC) e antiriciclaggio (AML) sugli utenti, se diventasse veramente decentralizzata.

Secondo gli operatori del settore che hanno parlato con Cryptonews.com, la DeFi è attualmente perseguitata da incertezza, ambiguità e incoerenza nell'applicazione delle regole esistenti, nonché delle nuove proposte di legge. Tuttavia, mentre la maggior parte degli osservatori concorda sul fatto che la DeFi probabilmente soffrirà della continua incertezza normativa nel breve-medio termine, affermano anche che i regolatori alla fine sceglieranno di adottare linee guida che alimentino, piuttosto che nuclearizzare, il settore nascente.

Ambiguità nel settore DeFi

Il suddetto disegno di legge sulle infrastrutture fornisce un buon esempio del tipo di campo minato che le normative attuali e in arrivo presentano al mondo DeFi.

La bozza originale del disegno di legge includeva exchange decentralizzati e mercati peer-to-peer nella sua definizione di "broker", comprendendo così gran parte della DeFi con la sua proposta di sottoporre tutti i "broker" all'obbligo di segnalare grandi transazioni all'Internal Revenue Service (IRS).

Il direttore esecutivo del Coin Center Jerry Brito ha celebrato un emendamento che cercava di rimuovere sia gli exchange decentralizzati che i mercati peer-to-peer dall'ambito del disegno di legge. Tuttavia, un successivo emendamento ha proposto di modificare ancora una volta il linguaggio, in modo che solo il mining proof-of-work sembrava essere escluso dalla nuova definizione di "broker".

Questo esempio isolato illustra quanto sarà difficile per gli operatori della DeFi navigare tra i regolamenti futuri.

Ci sono molti altri esempi di questo tipo di mancanza di chiarezza e certezza. È una caratteristica comune a quasi tutte le leggi e i regolamenti che influenzeranno il settore DeFi, dalle recenti proposte antiriciclaggio della Commissione europea alle linee guida di prossima revisione della Financial Action Task Force (FATF).

Ci sono due grandi fonti di ambiguità: una è concettuale e linguistica, e l'altra è relativa alla coerenza internazionale.

Andy Lian, presidente dell'exchange di criptovalute BigONE e Chief Digital Advisor dell'Organizzazione per la produttività mongola, ha dichiarato:

“In occasione della recente riunione plenaria del GAFI nel giugno di quest'anno, un elemento chiave è stata la preoccupazione per l'apparente mancanza di consenso tra le diverse giurisdizioni e tra gli attori del settore, per quanto riguarda il modo migliore per conformarsi alla Travel Rule. E mentre il settore privato ha aperto la strada allo sviluppo di soluzioni per consentire l'implementazione della Travel Rule, "la maggior parte delle giurisdizioni non ha ancora implementato i requisiti del GAFI"."

Per Lian, il vero problema e la vera sfida per il settore DeFi è la non uniforme conformità con la Travel Rule tra le giurisdizioni, che "pone dei veri grattacapi sia per le aziende DeFi che per i loro clienti".

Ma in termini di regolamentazione in entrata e futura, c'è anche un grosso problema legato alla semantica e alla chiarezza concettuale. Secondo PaperImperium, membro della comunità MakerDAO (MKR), i termini tecnici non vengono utilizzati in modo coerente dai regolatori e dall'industria delle criptovalute, il che rende poco chiaro cosa vogliono esattamente i responsabili delle politiche.

PaperImperium ha dichiarato a Cryptonews.com:

“Un ottimo esempio di ciò è il dibattito sulle stablecoin. Come chiarisce il giornale Gorton-Zhang di poche settimane fa, poi confermato da discussioni private, anche un termine semplice come "stablecoin" ha un significato diverso nei circoli politici rispetto l'universo cripto".

La maggior parte delle persone che lavorano all'interno delle criptovalute userebbe il termine "stablecoin" per indicare qualsiasi token che sta intenzionalmente cercando di rimanere in una fascia di prezzo attorno a un determinato benchmark. Tuttavia, ha affermato PaperImperium, "i responsabili politici e i regolatori generalmente parlano di token rimborsabili su richiesta per fiat ad esclusione dei token gestiti algoritmicamente".

Questo crea un grosso problema per le stablecoin come DAI, che è generato da MakerDAO. In effetti, prima del recente disegno di legge sulle infrastrutture, il rappresentante democratico Don Beyer ha presentato un progetto di legge che metterebbe effettivamente al bando tutte le stablecoin che non soddisfano determinati criteri normativi e non sono registrate dal loro emittente. Quest'ultima condizione è qualcosa che DAI, ad esempio, non potrebbe mai soddisfare.

La regolamentazione della DeFi è positiva

Tuttavia, la maggior parte delle persone che lavorano all'interno della DeFi afferma che la regolamentazione non solo è inevitabile, ma è positiva per il settore a lungo termine.

Layerzero, membro del Sustainable Ecosystem Scaling Core Unit Team di MakerDAO, ha spiegato:

“Credo che la regolamentazione sia necessaria e un segno che il settore sta maturando. Non avere la certezza del diritto è un rischio che ostacola la crescita futura”.

Inoltre Layerzero ha aggiunto,

“Apprezzo una buona regolamentazione che offra certezza giuridica ai partecipanti al mercato e che non ostacoli l'innovazione, ma ovviamente è difficile da raggiungere. Il problema è che l'attuale quadro normativo è obsoleto e non è stato progettato per la tecnologia di contabilità decentralizzata".

Le uova d'oro della finanza decentralizzata

Al momento stanno arrivando nuove proposte ed è incerto quali ostacoli normativi l'ecosistema DeFi dovrà eliminare nei mesi e negli anni a venire. È anche incerto se tutti gli ostacoli che verranno presto imposti saranno effettivamente superabili e se un'ulteriore crescita nel settore DeFi potrebbe essere in qualche modo limitata di conseguenza.

Tuttavia, gli operatori del settore DeFi stimano che il settore durerà per molto tempo a venire, anche se la sua forma matura potrebbe essere leggermente diversa da come è ora.

Per Skirmantas Januškas, CEO e co-fondatore di DappRadar, la sopravvivenza della DeFi sarà garantita dal fatto che è troppo redditizio per i regolatori e i governi da cancellare completamente.

Ha detto a Cryptonews.com:

"L'enorme quantità di ricchezza generata e bloccata nel nostro settore, specialmente ora, in un momento in cui i governi iniettano miliardi di miliardi nell'economia attraverso pacchetti di salvataggio a scapito, ad esempio, delle infrastrutture e di altre esigenze a lungo termine che devono essere soddisfatte – ci rende la proverbiale gallina dalle uova d'oro. E l'atto di deporre le uova d'oro è un evento potenzialmente tassabile”.

Dato che la DeFi è passata da 1 miliardo di dollari di valore totale bloccato a circa 90 miliardi di dollari in poco meno di un anno (secondo DeFi Pulse), la maggior parte dei governi vorrà estrarre una parte del valore che ha generato per le tasse e la spesa pubblica. In altre parole, cercheranno di evitare di imporre una regolamentazione troppo severa.

Januskas ha aggiunto:

“Probabilmente i regolatori di tutto il mondo cercheranno di capitalizzare il nostro settore, proprio come abbiamo fatto noi cripto nativi, e questo ci pone in una posizione molto forte in un dialogo che è appena all'inizio. E mentre potrebbero volerci anni di regolamenti proposti, attuati, abrogati, prima di arrivare a una soluzione che salvaguardi gli interessi dei consumatori e dei governi e che ancora porti innovazione, i regolamenti che entreranno in vigore probabilmente funzioneranno a vantaggio della DeFi nel tempo."

Anddy Lian ha convenuto che la DeFi sarà troppo redditizia per essere semplicemente eliminata con la regolamentazione, indipendentemente da come tale regolamento finirà per apparire tra qualche anno. Dal suo punto di vista (come qualcuno che effettivamente consiglia i governi), la DeFi pone sia opportunità che sfide per i governi e le autorità di regolamentazione che emergono dalla pandemia di coronavirus.

Lian ha detto,

"Il compito per il settore della DeFi è quello di continuare a educare i governi e le autorità di regolamentazione sui vantaggi della DeFi, specialmente in parti del mondo in cui è difficile accedere al settore bancario e nel promuovere l'imprenditoria cripto per il futuro. Tuttavia, i governi stanno cercando di saperne di più per adattarsi alle nuove tendenze della DeFi”.

La domanda è: quanto tempo dovrà aspettare la DeFi prima che le autorità producano le regole chiare di cui il settore ha bisogno per crescere in modo sostenibile?

Jacek Czarnecki, Global Legal Counsel di MakerDAO, ha affermato che “in alcune aree, come le tasse o l'antiriciclaggio, è questione di mesi. In altri, non è realistico aspettarsi una piena chiarezza normativa anche nel giro di anni". 

Data la probabile durata del tempo, Czarnecki ha suggerito che i nuovi progetti DeFi dovrebbero assolutamente impegnarsi nel dialogo con i regolatori e i responsabili politici.

Czarnecki ha detto a Cryptonews.com,

“Siamo stati i pionieri di tali attività in Maker e dal 2018 ci siamo incontrati sia con più regolatori nazionali (incluse le banche centrali) che con organizzazioni internazionali (ad esempio l'OCSE, il GAFI, il Financial Stability Board). consapevolezza tra la comunità normativa”.
____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_____

Per saperne di più:
- Pro e contro della DeFi - la Banca del Giappone menziona Uniswap e Yield Farming

- I rendimenti spettacolari della DeFi sono insostenibili nel lungo termine

- La DeFi ha avuto un 2021 notevole, guidato da nuovi trend e paradigmi

- Perchè Bitcoin e DeFi sono fenomeni completamente diversi
- Il volume di trading su DEX e CEX è esploso a maggio superando i 2 trilioni di dollari