23 gennaio 2021 · 6 min read

I regolatori pensano alla strategia: Bitcoin & Co sono troppo grandi per essere ignorati

Man mano che l'industria delle criptovalute cresce, "è naturale" che le autorità di regolamentazione aumentino il loro controllo. Alcuni sostengono che l'intenzione dei regolatori sia quella di soffocare le criptovalute e far posto delle CBDC. Nessun cambiamento importante previsto negli Stati Uniti almeno nei prossimi mesi.

Fonte: Adobe/Jon Le-Bon

Ormai si legge pure sui muri: sta arrivando la regolamentazione per le criptovalute. Mentre una piccola manciata di nazioni ha già introdotto una legislazione specifica sulle criptovalute negli ultimi anni, sembra che le maggiori potenze mondiali si stiano preparando per introdurre nuove normative e leggi sostanziali.

Questo punto è stato portato alla luce con forza dalle osservazioni fatte a metà gennaio dal presidente della Banca centrale europea (BCE) Christine Lagarde. Parlando con Reuters, ha affermato che "deve esserci una regolamentazione" della crittografia a livello globale, principalmente a causa del fatto che bitcoin e altre monete vengono utilizzate per "attività di riciclaggio di denaro totalmente riprovevole".

Tuttavia, secondo Chainalysis, la quota criminale di tutte le attività di criptovaluta è scesa dal 2,1% (21,4 miliardi di dollari) nel 2019 allo 0,34%, o 10 miliardi di dollari in volume di transazioni nel 2020.

In entrambi i casi, insieme alle recenti azioni del Treasury and Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) degli Stati Uniti, tali aperture suggeriscono che la criptovaluta è destinata ad una resa dei conti legislativa prima o poi, con le nazioni che usano la scusa del riciclaggio di denaro per portarla più pienamente sotto la loro supervisione.

Obiettivi e motivazioni

"Dato che la criptovaluta ha guadagnato la mente e la quota di mercato tra gli investitori istituzionali e individuali nell'ultimo anno, è naturale che gli organismi di regolamentazione internazionali aumentino il loro controllo e la potenziale supervisione", ha affermato Kristin Smith, direttore esecutivo della Blockchain Association.

Per Smith, non esiste un unico motivo per spiegare perché i regolatori stiano ora iniziando a spingere con più forza per la regolamentazione. Piuttosto, "una confluenza di fattori" si è riunita per spingerli a portare la criptovaluta nell'ambito del più ampio sistema finanziario.

“E la reazione a quella legittimità e crescita può manifestarsi in mosse difensive per proteggere le istituzioni finanziarie sovrane, o nella volontà di aumentare il potere finanziario internazionale sviluppando sistemi blockchain nazionali, come nel caso della Cina. Il punto fondamentale è che la crittografia è diventata una forza troppo grande per essere ignorata ", ha aggiunto.

Altre cifre sono meno ottimistiche. Per Bambos Tsiattalou, avvocato e socio fondatore dello Stokoe Partnership Solicitors con sede a Londra, l'intenzione generale dei regolatori non è quella di rendere le criptovalute "rispettabili", ma di soffocarle.

"La BCE sta ora esaminando la possibilità di creare il proprio euro digitale ...tutte le maggiori potenze mondiali stanno facendo mosse simili. La loro intenzione generale sembra essere quella di regolare le criptovalute private esistenti per estromettere mentre fanno posto alle loro valute digitali ufficiali ", ha detto a Cryptonews.com.

Tsiattalou riconosce che l'attenzione della BCE in particolare sul riciclaggio di denaro è alquanto ipocrita, dato che le banconote di grosso taglio come la banconota da 500 euro sono note come strumenti di riciclaggio di denaro. Tuttavia, sospetta che i regolatori siano determinati a ostacolare il più possibile le criptovalute.

"Le valute digitali proposte dallo stato saranno supportate e gestite dalle principali banche centrali e dalle risorse dei principali stati", ha affermato, suggerendo che le imprese e i consumatori preferiranno di gran lunga queste alle criptovalute decentralizzate. "Un'ulteriore regolamentazione minerà anche il valore speculativo che alcuni hanno imprudentemente posto nelle criptovalute."

A quando la regolamentazione?

Mentre le autorità di regolamentazione, le banche e i governi mireranno senza dubbio a ridurre l'uso illegale di criptovalute (per lo meno), non è del tutto chiaro quando possiamo aspettarci che arrivino nuovi regolamenti.

"Negli Stati Uniti, come in molti altri paesi, è probabile che qualsiasi legislazione importante si concentri sul controllo della pandemia e della conseguente crisi finanziaria, quindi non ci aspettiamo alcuna legislazione importante che si occupi specificamente delle criptovalute nei prossimi mesi. Tuttavia, se e quando la pandemia inizierà a diminuire, pensiamo che saranno introdotte nuove fatture negli ultimi mesi dell'anno ", ha affermato Kristin Smith.

Nel caso dell'UE, Bambos Tsiattalou si aspetta anche che i movimenti siano lenti, con il regime normativo proposto per le criptovalute che probabilmente non entrerà in vigore fino al 2024.

“L'eventuale regime dell'UE sembra destinato a richiedere alle società che offrono una criptovaluta nell'UE di avere una presenza fisica nell'UE, mentre vengono proposti anche requisiti di governance e di capitale significativi. Sembra improbabile che qualsiasi aspetto del regime proposto entrerà in vigore quest'anno, a meno che non inizino a emergere gravi rischi per la stabilità finanziaria o per i consumatori ", ha affermato.

Altrove, Tsiattalou ha aggiunto che altre nazioni potrebbero copiare la regola di segnalazione FinCEN/US Treasury per le transazioni verso/da portafogli personali:

“Quel regolamento potrebbe entrare in vigore quest'anno. La spaventosa reazione dei sostenitori delle criptovalute mostra il grave impatto che questo regolamento potrebbe avere sull'industria nel suo complesso ".

Tuttavia, come riportato, i sostenitori americani delle criptovalute stanno tirando un sospiro di sollievo collettivo dopo che il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato, tramite una comunicazione ufficiale, che avrebbe congelato tutte le proposte dell'agenzia attiva - una mossa che includerà una proposta sui dei molto diffamati portafogli “non ospitati”  avanzata dall'ex segretario al Tesoro Steven Mnuchin.

Impatto sulle criptovalute

Guardando al quadro più ampio, l'opinione è divisa sul fatto che l'inevitabile deriva verso una maggiore regolamentazione avvantaggerà o danneggerà le cripto.

"A lungo termine, questa è probabilmente una buona cosa per le criptovalute, perché una maggiore regolamentazione significa un posto nel mainstream e offre agli investitori maggiore fiducia nell'acquisto dell'asset. Tuttavia, poiché questo è un mercato nascente, possiamo aspettarci che qualsiasi intervento normativo aumenti la volatilità dei prezzi a breve termine ", ha affermato Laith Khalaf, analista finanziario presso il broker con sede nel Regno Unito AJ Bell.

D'altra parte, Bambos Tsiattalou ha affermato che regolamenti sostanzialmente restrittivi saranno la morte per le criptovalute.

"L'ondata di regolamentazione che ora si sta dirigendo verso le criptovalute rivelerà alla fine che le criptovalute non hanno un valore intrinseco reale e sono fondamentalmente prive di sostanza. Una regolamentazione più rigorosa causerà quindi il crollo del mercato speculativo delle criptovalute ", ha affermato.

Tuttavia, quando si pone questo argomento "le criptovalute non hanno valore intrinseco", i sostenitori di BTC hanno sottolineato che l'utilità di Bitcoin risiede nel fatto che consente alle persone di immagazzinare valore al di fuori di qualsiasi sistema valutario in qualcosa con un'offerta chiaramente limitata, che è più facilmente verificabile dell'oro, e quindi per trasportare facilmente quel valore in tutto il mondo. "Bitcoin è il migliore in quello che fa. E in un mondo di tassi reali negativi all'interno dei mercati sviluppati e una serie di fallimenti valutari nei mercati emergenti, quello che fa ha utilità", secondo un popolare investitore generalista e Swan Bitcoin, un BTC app di investimento, consulente, Lyn Alden.

In entrambi i casi, con il prezzo del bitcoin apparentemente in calo in risposta alle osservazioni inizialmente sfavorevoli del segretario al Tesoro statunitense entrante Janet Yellen, è chiaro che il mercato continuerà a reagire alle notizie relative alla regolamentazione. (P.s. Più tardi, la posizione di Yellen sulle criptovalute è stata chiarita: "Penso che sia importante considerare i vantaggi delle criptovalute e di altre risorse digitali, e il potenziale che hanno per migliorare l'efficienza del sistema finanziario.")
___
Learn more:
Crypto Regulation in 2021: The Piecemeal Approach & New Winds
Regulatory Kaleidoscope Challenges Crypto Industry - Crypto.com CCO
More Crypto Regulation Coming in Russia and Beyond, Warns Key Lawmaker
Lack of Crypto Regulations a Turnoff for Japanese Investors – Coincheck
‘Over-Regulation’ May Scupper South Korea’s Fledgling Crypto Sector
New Regulatory Lemons Await Somewhere Between DeFi & CeFi
Challenges Remain for VASPs as Regulators Ready New Round of Policing