La Russia sta davvero per isolarsi da Internet?

Fonte: Adobe/Yury e Tanya

______

L'invasione dell'Ucraina ha innescato un significativo cambiamento digitale per la Russia. Le sanzioni imposte dai governi di tutto il mondo, insieme alla chiusura di aziende o alla messa fuori servizio, hanno avuto un impatto significativo sul Paese.

Una pletora di eventi ha intensificato l'invasione nel mondo digitale, con attacchi informatici, criminali informatici che si schierano e persino un esercito IT di civili mobilitato dall'Ucraina.

Le sanzioni imposte alla Russia non solo hanno colpito direttamente la sua economia (e per estensione l'economia globale), ma ora stanno anche minacciando l'accesso dei cittadini russi a Internet.

Si prevede che la nazione limiterà molto presto la sua dipendenza da Internet globale. Sebbene una disconnessione completa non sia ancora confermata, anche una disconnessione parziale sarebbe un compito difficile. Le ripercussioni del crescente isolamento digitale della Russia per i suoi cittadini saranno immense.

Il crescente isolamento digitale della Russia

Più dell'85% dei russi usa Internet. Da quando è iniziata l'invasione dell'Ucraina, le persone in Russia si sono trovate sempre più private di servizi online come Facebook, Twitter e persino Netflix, con la Russia che limitava l'accesso ai siti o i fornitori ritiravano i servizi.

russia
Non c'è Facebook in Russia in questo momento. Pixabay

 

Gli importanti operatori finanziari si sono ritirati, inclusi Apple Pay, Google Pay e la maggior parte dei principali fornitori di carte di credito, con un impatto significativo sull'e-commerce.

La stessa Russia ha anche introdotto un divario digitale con il resto del mondo, nonostante ciò possa paralizzare ulteriormente la sua economia. Secondo i documenti del Cremlino, dovrebbe iniziare a ritirarsi da Internet globale entro l'11 marzo.

La Russia ha a lungo imposto il controllo sui media statali, ma ha tollerato un livello di libero accesso a contenuti e servizi attraverso Internet. Sebbene tali libertà siano state progressivamente ridotte, i cittadini sono stati comunque in grado di rimanere in contatto con il web più ampio.

Questo accesso aperto è stato revocato. La Russia affermerà il dominio sui servizi Internet e imporrà una severa censura alle organizzazioni dei media locali nel tentativo di controllare le informazioni e rafforzare la propaganda del Cremlino.

Ordini del governo russo 
 

Nell'ambito di questo piano, il governo russo ha ordinato alle aziende di trasferire i propri servizi di web hosting e business su server russi.

Sebbene si possa presumere che un sito Web ".ru" si trovi in ​​Russia, non è sempre così. Le grandi organizzazioni spesso ospitano i propri servizi nei server di regioni remote. Questo può succedere per ottenere l'accesso a tecnologie avanzate, aumentare la resilienza del servizio o beneficiare di costi di servizio ridotti.

russia
Tra le richieste del Cremlino c'è la richiesta che tutti i servizi russi ospitati all'estero siano trasferiti all'interno della Russia. Shutterstock

 

Un buon esempio potrebbe essere una rete di distribuzione di contenuti, in cui il contenuto è ospitato su più server in tutto il mondo. Ciò garantisce un accesso rapido per gli utenti e la resilienza alle interruzioni e agli attacchi dannosi.

Il trasferimento di un singolo sito Web su un nuovo server è relativamente facile, ma farlo su scala nazionale rappresenta un'enorme sfida logistica. Non è noto se la Russia abbia la capacità di fornire le risorse necessarie.

Non è il primo tentativo di disconnessione da Internet
 

Con la crescente pressione da parte dell'Occidente, la Russia potrebbe creare la propria versione del "grande firewall cinese". Con questo, il governo cinese ha implementato una serie di misure che gli hanno consentito di regolamentare e censurare Internet nazionale come meglio crede.

Sebbene le attuali richieste del Cremlino riguardino la disponibilità dei servizi e la migrazione di siti Web e servizi nei territori russi, questa potrebbe essere la prima fase di una disconnessione nazionale da Internet globale.

Vale la pena notare, tuttavia, anche se la Russia adotta una Internet domestica, dovrà comunque mantenere alcuni ponti con Internet globale per comunicare con altri paesi.

Nel 2019, la Russia ha testato la disconnessione del Paese da Internet. Ci sono pochi dettagli relativi alla durata di questo test.

Secondo quanto riferito, il test ha avuto successo, ma non è stato adottato. Potrebbe essere che il Cremlino si sia fermato prima di una disconnessione completa a causa della dipendenza della Russia dai servizi globali, come i social media e i gateway finanziari.

Con la Russia che ora sta diventando sempre più isolata dalle reti globali, è potenzialmente più facile implementare cambiamenti di rete che garantiscano al Cremlino il pieno controllo di Internet della Russia.

Le ripercussioni dalla disconnessione da Internet
 

La disconnessione da Internet globale e l'imposizione della censura rallenteranno inevitabilmente il progresso democratico in Russia.

Influirà anche sullo sviluppo tecnologico del paese. La Russia sta già affrontando una significativa carenza di chip e una perdita di accesso alle tecnologie di telecomunicazione avanzate, comprese le consegne di Ericsson e Nokia.

Inoltre se la Russia creasse con successo la propria Internet separata, sarebbe difficile da accettare per i cittadini.

Fino a poco tempo, i cittadini russi hanno goduto dei vantaggi di Internet globale e probabilmente saranno preoccupati per la sua scomparsa. L'impatto sociale sarebbe incredibilmente difficile da gestire.

Le reti private virtuali sono state precedentemente utilizzate in Russia per mantenere l'anonimato o accedere a fonti censurate, ma una serie di controlli adeguatamente implementati potrebbe bloccare efficacemente l'uso di tali tecniche.

Internet è più sicuro senza la Russia?
 

Data la quantità di criminalità informatica regolarmente attribuita a fonti russe, potresti immaginare che il ritiro della Russia da Internet globale lo renderebbe uno spazio più sicuro per tutti gli altri.

Sebbene isolare la Russia avrà un impatto iniziale, le bande di criminali informatici e gli attacchi sponsorizzati dallo stato torneranno rapidamente mentre gli autori troveranno il modo di sfuggire ai controlli interni.

In effetti, gli attacchi sponsorizzati dallo stato aumenteranno probabilmente nei prossimi mesi, mentre la Russia cerca vendetta contro i paesi (e le organizzazioni) che hanno imposto sanzioni alla Russia.

Se la guerra informatica raggiunge livelli elevati, le altre nazioni dovranno concentrarsi maggiormente sulle proprie capacità di difesa per proteggere le proprie infrastrutture. Potremmo vedere l'economia digitale rimodellare se stessa, mentre cerca di far fronte alle crescenti minacce russe.

_____

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.

______

_____

Mohiuddin Ahmed, docente di Informatica e sicurezza, Edith Cowan University, Paul Haskell-Dowland, professore di Cyber Security Practice, Edith Cowan University.

_____
Per saperne di più:
- EU Clarifies Crypto-Related Sanctions on Russia & Belarus, But Questions Remain
- Il viceministro Ucraino elogia l'efficienza delle crypto
- Crypto Trading in Russia Rises Again as Price Discounts Emerge
- Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin

- Ukraine War Raises Questions About the 'End of Monetary Regime' and Role of Bitcoin
- Donazioni di BTC e ETH per i russi che sostengono l'Ucraina