26 dicembre 2020 · 6 min read

Satoshi Nakamoto della NSA, anticristo e altre teorie del complotto su Bitcoin

La criptovaluta più popolare, Bitcoin (BTC) , è piena di teorie del complotto, che vanno dal plausibile all'assurdo.

Fonte: Adobe/afxhome

Diamo una rapida occhiata alle teorie del complotto su Bitcoin più comuni per una bella risata o, se scegli di crederci, una sbirciatina nella tana del Bianconiglio.

21e8

Mercoledì 20 giugno 2018 è stato estratto un nuovo blocco sulla blockchain di Bitcoin. Era un blocco tipico, tranne per il fatto che il suo hash era 00000000000000000021e800c1e8df51b22c1588e5a624bea17e9faa34b2dc4a.

Ha causato un enorme clamore nella comunità, conTwitter e Reddit invasi da speculazioni riguardanti le origini e il significato del numero.

La ragione dell'entusiasmo per questo particolare hash del blocco, qualcosa con cui molti all'interno della comunità hanno già familiarità, è un numero. Innanzitutto, a una rapida occhiata, il numero di zeri all'inizio dell'hash del blocco era simile a quelli dell'hash del blocco del Genesis Block, ovvero il primo blocco di Bitcoin mai estratto.

Considerate lelunghezze presumibilmente intraprese dal creatore pseudonimo di BTC, Satoshi Nakamoto , per ottenere quell'hash nel Genesis Block, alcuni credono che sia significativo. Inoltre, è stato sottolineato che è altamente improbabile che l'hash di giugno 2018 venga generato in modo casuale.

In secondo luogo, il numero che veniva dopo i primi zeri era 21e8. Questo numero è importante in fisica perché si riferisce alla Teoria E8 , che è un tentativo di descrivere tutte le interazioni fondamentali conosciute in fisica e di rappresentare una possibile teoria del tutto.

Le possibili spiegazioni dell'evento andavano da una semplice possibilità all'intelligenza artificiale o alla rinascita di Nakamoto e persino al viaggio nel tempo.

Satoshi Nakamoto?

Forse, il più grande mistero (insieme a "when moon?") nel mondo Bitcoin è il suo creatore Satoshi Nakamoto. Si presume che si trattasse di una persona o di un gruppo di persone che lavorava in concerto per creare la prima valuta digitale decentralizzata al mondo. Tra le persone candidate come possibili Nakamoto si trovano quelle del movimento cypherpunk, come Hal Finney, Adam Back e Nick Szabo, scienziato informatico, studioso di diritto e crittografo noto per le sue ricerche sulla criptovaluta.

Nel frattempo, Finey, morto nel 2014, è stata il primo in assoluto a ricevere una transazione BTC inviata da Satoshi. Inoltre, è stato identificato come un possibile ghostwriter di Nakamoto da parte di Newsweek e dal New Yorker. Infatti, poco prima della sua morte, Forbes aveva scritto sul fatto che Finney, un pioniere della crittografia, aveva un vicino di nome Nakamoto.

Inoltre, Adam Back, CEO della grande azienda di tecnologia blockchain Blockstream , è stata una delle prime due persone ad aver ricevuto un'e-mail da Satoshi ed è stato anche citato nel white paper Bitcoin .

Un altro scienziato informatico, Craig S. Wright ha famigeratamente affermato di essere Nakamoto ma non è mai stato in grado di dimostrarlo.

Data la complessità di Bitcoin e la profonda comprensione dell'economia mostrata da Nakamoto, molti sono dell'opinione che Nakamoto fosse in realtà un gruppo di persone. Molti sostengono che è improbabile che una persona possa essere così esperta in molte diverse aree di studio tanto da creare uno strumento tecnologico così robusto da continuare a resistere alla prova del tempo oggi.

L'etimologia di "Satoshi Nakamoto" corrisponde alla conoscenza o all'illuminazione e la metà o al centro. La natura vaga delle parole può significare una delle due cose, o "risvegliato essendo alla fonte" o "intelligenza centrale". Quest'ultima è una teoria molto speculata, secondo la quale la US National Security Agency (NSA) (o qualche altra operazione di intelligence governativa) ha creato la criptovaluta.

La prova più citata a sostegno di questa teoria è il fatto che Bitcoin utilizza uno strumento di crittografia comune per creare le sue chiavi pubbliche e private. La teoria è che questo di per sé potrebbe fornire alla NSA una backdoor per la blockchain di Bitcoin.

Un altro motivo citato dagli esperti di questa teoria è il fatto che i thread dei social media, su siti come Reddit, che mettono in dubbio la connessione NSA/Bitcoin vengono eliminati. Infine, anche il co-fondatore di Ethereum (ETH) Vitalik Buterin (prima ancora che iniziasse la sua carriera con ETH) avrebbe detto che "non sarebbe sorpreso se [Nakamoto] fosse effettivamente un americano che lavora per la NSA specializzato in crittografia, che poi si è stancato delle politiche monetarie del governo e ha deciso di creare Bitcoin". Ha anche aggiunto: "Oppure la stessa NSA ha deciso di creare Bitcoin".

Tuttavia, diversi anni dopo, Buterin ha chiarito che le sue opinioni sono cambiate molto dalle sue dichiarazioni relative alla NSA nel 2011.

Blockstream vs. Bitcoin

Blockstream è una società di tecnologia blockchain composta da sviluppatori noti e apprezzati. È guidata dal già citato Adam Back, un crittografo allineato con il movimento cypherpunk. È attraverso questa sua impresa che ha interagito con Satoshi Nakamoto, è stato in corrispondenza con lui, e che lo ha portato a essere citato nel white paper di Bitcoin.

Blockstream si descrive come "il leader globale nella tecnologia Bitcoin e blockchain". Fondata nel 2014, la società mira a creare una gamma di prodotti e servizi che dovrebbero facilitare l'uso e l'adozione di bitcoin e altre valute digitali basate su blockchain. Blockstream ha raccolto ingenti importi nei suoi round di finanziamento sin dal suo inizio.

Per lo spettatore, Blockstream dovrebbe essere un'istituzione ben considerata nell'ambiente. Nel frattempo, per qualcuno all'interno dello spazio cripto, Blockstream sembra essere determinato a distruggere l'intento originale di Bitcoin con le sue motivazioni trainanti che sono il profitto.

Tuttavia, queste accuse provengono principalmente da Bitcoin Cash (BCH) , che è un hard fork di Bitcoin. Loro affermano che Blockstream è contro eventuali modifiche che potrebbero spingere Bitcoin perché desiderano che gli utenti utilizzino le loro sidechains , come ad esempioLiquid Network .

Dato che molti degli sviluppatori di Bitcoin Core lavorano anche a Blockstream, questa è un'accusa "interessante", per non dire altro. Sebbene sia una vecchia teoria del complotto, continua a trasformarsi nel tempo.

L'Anticristo e il Nuovo Ordine Mondiale

Nel 2018, un'azienda danese chiamata BiChip (che, ironicamente, sembra diffondere teorie del complotto relative ai vaccini) ha rilasciato un aggiornamento sul proprio chip sottocutaneo, che consente alle persone di memorizzare il token XRP al proprio interno. Scrivendo il chip, gli utenti possono effettuare transazioni con le loro partecipazioni XRP. Da allora il chip ha ampliato le sue capacità e ora può essere utilizzato anche dagli utenti BTC.

I circoli conservatori e religiosi si sono affrettati a sottolineare le somiglianze tra la tecnologia emergente e il "marchio della bestia".

Il marchio della bestia fa riferimento a un tema del Libro delle rivelazioni in cui le persone alla fine dei tempi non saranno in grado di fare trading senza avere il marchio della bestia, sulla mano o sulla fronte. Data la natura subdermica del chip, la speculazione era diffusa e la teoria prese piede rapidamente.

Quella speculazione ha ispirato ancora più teorie relative alla fine del mondo, con persone che sostenevano che Bitcoin fosse destinato a inaugurare il Nuovo Ordine Mondiale dove l'intelligenza artificiale sarebbe il signore di tutti. La teoria è che l'IA abbia creato Bitcoin, usando la prospettiva del profitto come esca per intrappolare l'umanità.

___

In entrambi i casi, nonostante tutti questi cospirazionisti, Bitcoin sta per compiere 12 anni il 3 gennaio, giorno dell'anniversario del primo blocco estratto nella blockchain di Bitcoin, e sembra pronto a ignorare ancora di più le sempre più folli teorie del complotto.
___

Maggiori informazioni:
Bitcoin Wheel Cannot Be Stopped
Cripto nel 2021: Bitcoin cavalca l'onda dei problemi macroeconomici
Crypto Adoption in 2021: Bitcoin Rules, Ethereum Grows & Faces Rivals
Crypto in 2021: Institutions Prefer Bitcoin, Retail Open to Altcoins