Home In EsclusivaIn Primo Piano

Il Lato Positivo delle Truffe Cripto

Di Simon Chandler
  • "L'attività fraudolenta non può mai essere vista come positiva, ma aiuta a mettere la regolamentazione di questi asset più in alto nell'agenda".
  • Inoltre, i progetti cripto stanno attribuendo molta più importanza ai protocolli di sicurezza.
Il Lato Positivo delle Truffe Cripto 101
Source: iStock/trait2lumiere

Le truffe sono la rovina del mondo Crypto. Ogni volta che una ICO diventa una truffa or la truffa dei bitcoin regalati è in prima pagina, generalmente serve a sottolineare la natura rischiosa del settore delle criptovalute, almeno per i media mainstream.

Tuttavia, mentre le truffe inducono indubbiamente a rubare denaro a persone innocenti e spesso indeboliscono la fiducia nelle cripto, hanno probabilmente una serie di effetti collaterali positivi per l'industria.

Dal creare più pressione per una regolamentazione efficace a forzare gli exchange e gli operatori a prendere maggiori misure di sicurezza, sono un passaggio vitale per le cripto, senza il quale non si svilupperebbero così rapidamente.

Truffe = Regolamentazioni

Secondo il CipherTrace report pubblicato a Gennaio, truffe e furti di criptovalute hanno privato la comunità cripto mondiale di 1,7 miliardi di dollari nel 2018.

Nonostante questa sia una notizia decisamente negativa, questa perdita dovrebbe anche essere riconosciuta come una preziosa opportunità per l'industria di crescere. E forse la ragione principale è che, come la breve storia delle cripto ha già dimostrato, truffe e furti sono stati il motore della importante spinta verso una robusta regolamentazione delle criptovalute.

"L'attività fraudolenta non può mai essere considerata positiva, ma aiuta a mettere la regolamentazione di queste risorse più in alto nell'agenda," ha detto a noi di Cryptonews.com Iqbal Gandham, Amministratore Delegato di eToro per il Regno Unito. "Il rilievo di attività illecite nelle cripto sarà guidato dalla tecnologia e l'industria dovrà anche collaborare con le forze dell'ordine per garantire una soluzione coordinata a livello globale."

Questo sospetto che le truffe generino più slancio per la regolamentazione è confermato nell'esperienza della maggior parte delle nazioni in cui le criptovalute sono popolari. Ad esempio, il Giappone.

A gennaio 2018, l'exchange giapponese Coincheck è stato hackerato, con i responsabili che hanno sottratto 526 milioni di XEM (all'epoca per un controvalore di 400 milioni di USD). Durante lo stesso periodo, circolava voce che la Yakuza stesse riciclando denaro usando le cripto, mentre la Japanese Financial Services Agency (FSA) stava avvertendo della natura fuoviante e fraudolentadi molte ICO.

Come conseguenza di questi eventi, l'industria cripto giapponese si è accordata per formare la Virtual Currency Exchange Association, il 23 aprile 2018. La JVCEA, formata anche da 16 exchange giapponesi, mirava a stabilire regole di autoregolamentazione per la tutela dei clienti e la condotta interna, e in ottobre ha ricevutoil riconoscimento ufficiale da parte della FSA.

Qualcosa di simile è stato osservato in altri paesi dove l'industria cripto è grande, come Corea del Sud, Russia, America, Regno Unito, Svizzera o l'intera Europa. Indipendentemente dal paese, standard e regolamentazione delle cripto sono stati proposti in gran parte per proteggere i consumatori dalla minaccia di truffe e attività illecite.

Il CEO di Blockbid, David Sapper ha riferito a Cryptonews.com:

"L'effetto collaterale delle frodi nell'industria cripto ha portato molti progetti ad attribuire maggiore importanza e priorità ai loro protocolli di sicurezza, per comprendere in che modo possono proteggere meglio la loro società e le risorse degli utenti.”

Ma mentre le frodi hanno indubbiamente contribuito a mettere in evidenza la necessità di una regolamentazione, bisogna sottolineare che altri fattori hanno ovviamente avuto un ruolo importante.

"Non sono solamente il comportamento fraudolento e le attività legate all'andamento dei prezzi ad incoraggiare e rendere possibili sviluppi normativi", afferma Iqbal Gandham. "Adesso che stiamo vedendo un maggior numero di attori istituzionali entrare nel mercato e sviluppare i loro prodotti per la tecnologia blockchain, l'attenzione dei regolatori sull'industria cripto è aumentata".

Truffa e Adozione

Dato che la vastità dell'attività illecita sta spingendo l'industria cripto ad auto regolamentarsi e a sviluppare se stessa, le truffe potrebbero anche portare ad una maggiore adozione a lungo termine.

Inoltre, le truffe hanno avuto anche l'effetto controintuitivo di aumentare l'adozione delle criptovalute nei primi tempi. Potrebbe sembrare una cosa strana da dire, ma uno dei fattori che aiutato le cripto a mantenere il tasso di crescita di utenti nel 2018 è stato probabilmente la possibilità che offriva di realizzare un profitto disonesto a spese di altre persone.

Certo, questa visione è controversa, e non tutti all'interno dell'industria cripto sarebbero d'accordo.

"Penso che sia più probabile che gli utenti siano attratti dall'industria cripto a causa della sua innovazione e status di industria emergente", afferma David Sapper." Tuttavia, credo che all'inizio potrebbero esserci stati utenti che siano stati attratti dalle cripto a causa dell'opportunità di fare un guadagno rapido ma non etico."

E con l'afflusso di truffatori, il più ampio mercato delle criptovalute si espande, con l'aggiunta di persone attirate dalle seducenti promesse fatte da ICO ingannevoli.

Detto questo, niente di tutto ciò significa che le truffe siano buone di per sé. In effetti, il Bitcoin è emerso principalmente come un mezzo per fornire trasparenza e sicurezza finanziaria, quindi è chiaro che l'industria cripto, se mai raggiungerà il suo pieno potenziale, dovrà lavorare sodo per eliminare le frodi.

Più Articoli